[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Marasca, la coltura delle cose buone

Il pomodoro come una volta

Marasca, pelati e ciliegini dell’Agro pontino raccolti a mano

Il pomodoro è un gioiello della dieta mediterranea e del Made in Italy. Ma basta che sia italiano per essere davvero un prodotto d'eccellenza? No. 
Conosci i pomodori Marasca? Ciliegini e pelati rigorosamente raccolti a mano, uno per uno. Oppure la polpa in pezzi e la passata. Già dal colore, ti accorgi che sono diversi. Non è questione estetica: più sono rossi e più fanno bene alla salute, grazie ai potenti antiossidanti. 

«SEGUIAMO OGNI FASE DELLA LAVORAZIONE»
Una volta la passata si faceva in casa, con i pomodori coltivati in proprio o presi dal contadino. «Io voglio che questo non sia solo un ricordo. Posso garantire che i nostri prodotti hanno genuinità e qualità, come scoprono i clienti che vengono a trovarci. La nostra è un'azienda che come una famiglia affronta insieme le nuove sfide del futuro, facendo tesoro della sapienza contadina». Parola di Armando Marasca, titolare dell'azienda agricola, giunta coi figli Dalila e Matteo Yuri alla terza generazione. «La coltivazione del pomodoro viene seguita con cura in ogni fase, dal trapianto alla raccolta. Ogni passaggio lo seguo insieme alla mia squadra, perché crediamo in un’agricoltura bella da fare e buona da offrire». 

4 ANNI DI ATTESA PRIMA DI RIPIANTARE
Tradizione sì, ma con tecnologie all'avanguardia per tirare fuori il meglio dalla terra, rispettandone i processi naturali, e abbattere l'uso della chimica. «La nostra filosofia è fare bene il prodotto sul campo: la qualità parte dalla campagna. La nostra produzione, sebbene in crescita, non è mai industriale. Come faceva mio padre, coltiviamo a rotazione e senza forzare: aspettiamo quattro anni prima di ripiantare il pomodoro sullo stesso terreno, così si rigenera anche la flora batterica, utilissima contro le malattie. Lasciamo sul campo il 30% di scarto, che va a nutrire i microrganismi che a loro volta raffrozano le nuove piantagioni». 

CON VERO SUCCO SPREMUTO
Denso, polposo e profumato: un pomodoro che sa di pomodoro. Infatti l'acidità è minima: è quello che ti fa dire “questi pomodori sono dolci”.  Inoltre, il succo della polpa a pezzi, dei pelati e del ciliegino è una vera passata: per farne un chilo ci mettiamo 2 chili e 100 di pomodoro. Lasciamo il 30% della produzione sul campo perché non è perfetta e questo si ritrova nella qualità del prodotto finito». 

IL “SEGRETO” NON È IN FABBRICA, MA NEI TERRENI
«I nostri terreni sono vicino al mare, con microclima mite,  condizioni ottimali per la coltivazione, e sono di tutte e tre le tipologie – prosegue Armando -: sabbioso, medio impasto e argilloso, ognuno con tempi di maturazione diversi». Significa anche questo lavorare nei giusti tempi, senza stressare i terreni, in modo artigianale, mandando al confezionamento materia prima più fresca possibile nel corso dell'intera stagione. Qui, a 5 km dal Parco del Circeo, i romani fanno tappa per prendere i ciliegini e i pelati raccolti a mano.

La testimonianza:
«Esalta la mia pizza»

«Da pizzaiolo ho testato bontà e genuinità del pomodoro Marasca. Da quando lo uso, i clienti apprezzano di più la mia pizza. Ho notato una bella differenza rispetto a quelli di prima: è più denso e più saporito e in più il pomodoro Marasca ha una resa maggiore: riesco a fare il 20% in più di pizza»  (Giovan Battista Silvaggi della Pizzeria Capocavallo - Pontinia).

VENDITA ANCHE AL DETTAGLIO
I pomodori Marasca li trovi nella sede aziendale, dove si può vedere e toccare con mano come vengono coltivati e curati, e nei 70 punti vendita selezionati di Latina e provincia, fra cui i Conad.

Marasca Società Agricola
via Migliara 53, 1/2 - PONTINIA 
Tel. 339.57.05.859 
[email protected] 
www.marascagricola.it

[ SFOGLIA IL GIORNALE >>> ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:26 1575563160 A Pomezia arriva l'assegno di cura per le persone con disabilità grave
16:36 1575560160 "Germogli dell'arte": mostra collettiva al Laboratorio di via Spoleto a Pomezia
16:04 1575558240 Sermoneta "palestra" per l'addestramento dell'Esercito nelle missioni di pace
15:48 1575557280 Malati oncologici: «Nel Lazio 19 giorni in meno per le pratiche di invalidità»
15:32 1575556320 Gli studenti del liceo Picasso al trentennale della Fondazione Eni Enrico Mattei
15:28 1575556080 Detenute attrici: in carcere va in scena lo spettacolo teatrale 'Il figlio mio'
15:12 1575555120 Bandito solitario armato di fucile rapina il supermercato del centro commerciale
14:27 1575552420 Presepi e musica nel borgo: la magia del Natale a Sermoneta dall'8 dicembre
14:03 1575550980 Lettera d'encomio all'agente Ramaglia: contribuì a salvare una vita
13:45 1575549900 Un chilo di fiori di marijuana nascosti nel ripostiglio: arrestato 22enne
11:58 1575543480 Giornata da incubo per i pendolari: topo nel treno e stazione dimenticata
10:59 1575539940 Il caso della sala di aspetto della stazione di Sezze con orari "di ufficio"
10:38 1575538680 Oggi si accende l'albero di Natale e le luminarie di festa in centro a Genzano
10:35 1575538500 Al mercato contadino di San Cesareo il 22 dicembre arriva Babbo Natale
09:47 1575535620 Maratona letteraria con Paolo Mieli, Donato Carrisi e Ezio Mauro a Velletri
09:47 1575535620 Tre cani investiti sulla Pontina da auto che non si sono fermate: uno è morto
09:45 1575535500 Ercole il cavaliere di Cisterna: il nuovo libro di Salvatore D'Incertopadre
09:44 1575535440 Enrico Deaglio a Genzano con “La bomba”, cinquant’anni dopo Piazza Fontana
09:43 1575535380 Ad Albano il mondo del volontariato in un libro "C'era una volta...Amore"
09:41 1575535260 Chi mi manca sei tu! Spettacolo omaggio a Rino Gaetano a Rocca di Papa
09:13 1575533580 Zona pub: i versi di Calcutta diventano luminarie natalizie
08:38 1575531480 Desirée: via al processo. L'imputato ghanese chiede scusa e ritira la denuncia
08:30 1575531000 Consegnati 8 elmi rossi ai nuovi Capi Squadra dei vigili del fuoco: grande Festa
08:16 1575530160 Decreto ingiuntivo da 4mila euro di Acqualatina, ma la richiesta era illegittima
07:18 1575526680 Italiani in via d’estinzione: vogliamo rinascere?