[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Campagna sociale del settimanale IlCaffè

Stop ai 70.000 morti d’ignoranza

<
>
Simona Buono - Pioniera italiana della diffusione dei defibrillatori semi-automatici
Simona Buono - Pioniera italiana della diffusione dei defibrillatori semi-automatici

200 persone al giorno colpite da arresto cardiaco muoiono perché non arriva in tempo il giusto soccorso 

Ogni 9 minuti in Italia una persona è colta da arresto cardiaco improvviso: 70.000 morti ogni anno, compresi giovani e ragazzini. Le chiamano anche morti improvvise. 
Molte potevano e possono essere evitate con ogni probabilità, se solo ci fosse stato nei paraggi un defibrillatore esterno. Basterebbero davvero pochi euro. Si muore perché i soccorsi non arrivano in tempo. Sono infatti 5 i minuti cruciali per rianimare; in questi casi: si produce ipossia generale, mancanza di ossigeno nell'intero organismo, ogni minuto che passa il 12% delle cellule cerebrali smettono di funzionare. 
Basterebbe avere invece nelle vicinanze un DEA, defibrillatore automatico esterno. Che non va mai messo sotto chiave né in posti nascosti. Dev’essere facilmente accessibile. Più piccolo di una valigetta, rileva subito la situazione della vittima d'arresto cardiaco e fornisce le istruzioni per rianimarla. Con una semplice scossa elettrica, azzera il battito cardiaco e ne ristabilisce il giusto ritmo. La diffusissima assenza di questi dispositivi salva-vita, peraltro poco costosi, è una delle più inspiegabili e drammatiche carenze che affliggono silenti i luoghi dove viviamo, lavoriamo, passeggiamo. 

LA TEMPESTIVITÀ È TUTTO
Perciò è importante, vitale nel vero senso della parola, avere a portata di mano un buon defibrillatore. Una cultura necessaria tra la popolazione che non riguarda solo medici e operatori sanitari. Intanto che arriva l'ambulanza, chi non è del settore può salvare una vita grazie a questo apparecchio, che è uno strumento di salute pubblica. 
Laddove c'è un defibrillatore pubblico chiunque può rianimare una persona colpita da arresto cardiaco: un defibrillatore di qualità non dà possibilità di errore al soccorritore, perché analizza le condizioni della vittima e detta con un altoparlante tutte le istruzioni a chi presta soccorso, fino a erogare la giusta scarica elettrica che riavvia il cuore. Nasce proprio per i soccorritori meno esperti, è uno strumento pensato per le realtà extraospedaliere. 

STRUMENTO DI SALUTE PUBBLICA
Nel Belpaese il numero di slot machine è 4 volte quello dei defibrillatori… Sì, c'è la rianimazione cardiopolmonare, comunemente detta massaggio cardiaco, serve a far sì che il sangue defluisca al cervello, ma la vera terapia è quella elettrica, cioè la defibrillazione. Le statistiche ci dicono che il solo massaggio cardiaco riesce a salvare il 2% delle vittime, mentre unito al defibrillatore se ne salvano 79 su 100. 
Ecco perché è divenuto obbligatorio il defibrillatore anche per le società sportive dilettantistiche, dopo quelle professionistiche. Siccome il 72% degli arresti cardiaci avviene tra le mura domestiche, è stato presentato un disegno di legge per dotarne i condomìni.

AZIENDE; SI RIPAGA DA SÉ CON GLI SCONTI INAIL
I benefici si estendono anche alle casse pubbliche, abbattendo fino a sette volte i costi sanitari per intervento e terapia. Mentre per le tasche private, ci sono ottime agevolazioni. Un defibrillatore installato in uffici, negozi, aziende private si ripaga da sé. Infatti, per i datori di lavoro ci sono gli sconti sui contributi Inail per i sistemi di sicurezza aggiuntivi (modello OT24). 
Ogni settimana nelle aziende italiane muoiono 70 persone non cardioprotette, ossia perché in ufficio, in fabbrica, nel luogo di lavoro non c'era un defibrillatore. Questo apparecchio può farlo funzionare anche un bambino. Per questo la legge non impone alcun obbligo di corsi formativi per l’utilizzo del DAE. Esattamente come per gli estintori: se scoppia un incendio, chiunque può prenderli e domare le fiamme. 

ATTENZIONE ALLA QUALITÀ
Con la Distribuzione Defibrillatori si può anche noleggiare un DAE per pochi euro al mese. «Se si decide di acquistarlo, la scelta non può dipendere dal prezzo, va detto che certi apparecchi possono non salvare chi è colpito da arresto cardiaco, proprio perché hanno prestazioni minori», avverte Simona Buono, fondatrice della Distribuzione Defibrillatori. 

È la pioniera italiana di questi apparecchi salva-vita, laddove quasi nessuno ancora ci pensa. Sta portando nel nostro Paese quella consapevolezza necessaria a salvare vite umane con i DAE nei luoghi pubblici, nelle aziende, nei condomini e ovunque passino persone. 
Ma solo con i migliori dispositivi in circolazione. I suoi apparecchi sono presenti nelle più sofisticate sale di rianimazione e di cardiologia in tutto il mondo. Come riconoscere se le prestazioni e l’efficienza di un defibrillatore sono ottimali? Semplice: basta guardare le caratteristiche indicate nel riquadro qui a lato (“Come scegliere un defibrillatore”). 

METTERSI IN REGOLA
L’Europa nel 2017 aveva dato tre anni all’Italia per mettersi in regola sulla seria tracciabilità dei defibrillatori. Entro maggio 2020 anche da noi tutti i DAE dovranno adeguarsi alla nuova normativa europea del Regolamento Dispositivi Medici  2017/745 (MDR).
Già alcune aziende hanno smesso di produrre defibrillatori, perché facevano apparecchi low cost non in linea con le nuove e più severe regole UE. «Noi forniamo solo apparecchi che già rispettano il nuovo MDR 2017/745», spiega Simona Buono. La Distribuzione Defibrillatori è l’unica nel settore e opera sotto la supervisione di una Direzione scientifica, quella del dottor Maurizio Cecchini, cardiologo esperto rianimatore e docente universitario.  Se sei per strada, anche tu puoi salvare una vita. O se capita a te di schiantare al suolo per un colpo al cuore da arresto cardiaco improvviso, il fornaio, un passante, un collega, chicchessia, ti può rianimare. Bastano mille euro e spicci: il costo di un buon defibrillatore esterno.

POCHI EURO AL MESE
Dirigenti di società sportive, imprenditori, amministratori di condominio possono accedere all’eccellenza della cardio protezione pubblica e la consulenza con pochi euro al mese grazie alla locazione operativa.
Contattaci per info e preventivi:
06.92.85.90.20
[email protected]

 

Come riconoscere un buon defibrillatore

Occorre guardare le seguenti caratteristiche tecniche: 
• velocità nella erogazione della scarica;
• velocità dell'analisi sulla vittima; 
• IMPEDENZA: che range d’impedenza sia alto, perché consente di far arrivare la scarica anche se il torace è possente: ci sono defibrillatori che ad esempio fanno flop se la persona è obesa, perché lo strato di grasso fa da barriera alla scarica elettrica;
• IP, indice protezione industriale contro gli agenti atmosferici (acqua, salsedine e polveri sottili) non deve essere sotto 54; 
• l'affidabilità del produttore;
• la garanzia estesa.

 

 

[ SFOGLIA IL GIORNALE >>> ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/11 1574272380 Il 15, 21 e 22 dicembre il cuore di cioccolato di Telethon nelle piazze italiane
20/11 1574271120 Tre anni di minacce e soprusi alla moglie: 40enne allontanato dall'abitazione
20/11 1574267160 Giochi Scolastici Opes: proseguono gli appuntamenti del calendario provinciale
20/11 1574266500 Il 1° dicembre all'ospedale Goretti "Hiv Latina Challenge 2019"
20/11 1574266140 Colletta Alimentare ad Anzio e Nettuno: aderiscono 23 supermercati
20/11 1574266140 Dalle buone idee alle azioni: le attività virtuose del territorio si presentano
20/11 1574266020 Il Comune di Latina premiato dall'Anci per il progetto Eco-scuole certificate
20/11 1574266020 Pericolo e divieti ignorati, si scavalcano le transenne sul Cavalcavia a Nettuno
20/11 1574265780 Ricorso a Mattarella per i cattivi odori alla ex Kyklos: la battaglia va avanti
20/11 1574263980 Anzio, Pino Ranucci torna alla guida dell’assessorato ai Lavori Pubblici
20/11 1574263860 Bimbo investito mentre va a scuola in via Visca a Nettuno, soccorso in Ospedale
20/11 1574263860 61enne si suicida nella sua villetta sul lago di Nemi
20/11 1574262480 Consiglio Regionale, le associazioni:“stop al riavvio della discarica di Albano”
20/11 1574260200 Anzio, 25 furti alle mense scolastiche: «Non escludiamo si tratti di sabotaggio»
20/11 1574257140 Lavori in ritardo al pronto soccorso del Goretti: la Asl si riprende il cantiere
20/11 1574255640 Comitato dona al Comune di Aprilia 4 fototrappole contro le discariche abusive
20/11 1574255040 Tassa sui rifiuti: in provincia di Latina costa in media 335 euro l'anno
20/11 1574252160 All'IC Cecchina parte il progetto "Legalità e cittadinanza responsabile"
20/11 1574251200 Appuntamenti con l'ensemble MediterrAnima a Latina, Sezze e a "Osmosi" (Aprilia)
20/11 1574250780 Genzano, i residenti di via Terracini e quartiere Palmetane: sistemate la strada
20/11 1574248920 Maxi controlli antidroga tra Roma e Ciampino: due persone arrestate
20/11 1574248680 Due casi di scabbia in una scuola a Pomezia. «Nessuna emergenza, no allarmismo»
20/11 1574248140 Successo per "Il tessuto bianco", partecipazione e Vita al lancio del romanzo
20/11 1574247720 Pomezia dice No alla violenza contro le donne: iniziative per il 25 novembre
20/11 1574247480 Furti nelle aziende di Cisterna: incontro tra imprenditori e Prefetto