[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Un simulatore che calcola la tua cifra

Assegno unico per i figli: sai quanto ti spetta? Quando e come fare la domanda

Dal 1° gennaio 2022 è possibile presentare la domanda per l’Assegno unico e universale tramite il servizio online. La prestazione sarà pagata a partire da marzo e andrà a sostituire le altre prestazioni e detrazioni.

L’Assegno unico e universale è un sostegno economico alle famiglie attribuito per ogni figlio minorenne a carico e fino alla maggiore età e, al ricorrere di determinate condizioni, fino al compimento dei 21 anni di età. L’Assegno unico è riconosciuto anche per ogni figlio a carico con disabilità senza limiti di età.

È “unico” perché mira a semplificare e potenziare gli interventi in favore della genitorialità e della natalità, è “universale” perché è garantito a tutte le famiglie con figli a carico residenti e domiciliate in Italia.

COS’È L’ASSEGNO UNICO UNIVERSALE

L’AUU è una prestazione erogata mensilmente dall’INPS a tutti i nuclei famigliari con figli di età inferiore a 21 anni che ne faranno richiesta; l’erogazione avviene tramite bonifico sul conto corrente dei genitori.
Spetta a tutti i nuclei famigliari indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori (non occupati, disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi e pensionati) e senza limiti di reddito.
Ha un importo commisurato all’ISEE; tuttavia nel caso in cui non si volesse presentare un ISEE, è comunque possibile fare domanda e ottenere l’importo minimo per ciascun figlio.

Dal mese di marzo 2022 non verranno più erogati in busta paga gli assegni per il nucleo famigliare e gli assegni famigliari; inoltre, non saranno più riconosciute le detrazioni per figli a carico sotto i 21 anni. Questi strumenti verranno sostituiti dall’AUU, per il quale è necessario presentare domanda all’INPS, anche tramite Patronati. Fino alla fine di febbraio del primo anno di applicazione (2022) saranno prorogate le misure in essere, cioè assegno temporaneo, assegno ai nuclei famigliari, assegni famigliari e detrazioni fiscali per i figli minori di 21 anni.

QUANDO PRESENTARE LA DOMANDA

Già dal 1° gennaio 2022 è possibile presentare la domanda. Chi presenta la domanda entro il 30 giugno 2022 avrà comunque gli arretrati da marzo. Per le domande presentate dal 1° gennaio al 28 febbraio 2022 il pagamento è previsto a marzo, per le domande presentate successivamente il pagamento sarà effettuato il mese successivo alla presentazione delle stesse. Per i nuovi nati l’Assegno unico decorre dal settimo mese di gravidanza.

COME PRESENTARE LA DOMANDA

La domanda può essere presentata:
– tramite il servizio online con SPID almeno di livello 2, Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
– contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile, con la tariffa applicata dal gestore telefonico);
– tramite enti di patronato, attraverso i servizi telematici offerti gratuitamente dagli stessi.

Bisognerà compilare la domanda autocertificando alcuni dati:

  • composizione del nucleo famigliare e numero di figli;
  • luogo di residenza dei membri del nucleo famigliare;
  • IBAN di uno o di entrambi i genitori

La domanda può essere o meno accompagnata da ISEE aggiornato: la presentazione dell’ISEE è necessaria per ottenere un assegno pieno commisurato alla situazione economica della famiglia.
Nel caso di presentazione dell’ISEE, la richiesta di ISEE aggiornato sarà possibile dal 1° gennaio 2022.
In mancanza di ISEE, la domanda per l’AUU può essere presentata dal 1° gennaio 2022 e ciascun avente diritto riceverà l’importo minimo previsto. 

L’Inps ha inserito su Youtube anche un video tutorial che spiega come presentare la domanda di Assegno unico.

QUANTO SPETTA AD OGNI FAMIGLIA

Ai nuclei famigliari con ISEE inferiore a 15.000 euro, spetta per ogni figlio minore un assegno base di 175 euro. Questo valore decresce al crescere dell’ISEE, fino a stabilizzarsi a 50 euro mensili a figlio per ISEE pari o superiori a 40.000 euro.
A questa base si sommano varie maggiorazioni per:
1) ogni figlio successivo al secondo;
2) famiglie numerose;
3) figli con disabilità;
4) madri di età inferiore ai 21 anni;
5) nuclei familiari con due percettori di reddito.
Una maggiorazione temporanea è, inoltre, prevista per i nuclei famigliari con ISEE inferiore a 25.000 euro.
A chi non presenta l’ISEE verra corrisposto l’importo minimo spettante, ovvero quello dello scaglione sopra i 40.000 euro.

L’INPS ha messo a disposizione online un SIMULATORE che calcola la cifra spettante.
Per accedere al simulatore clicca qui.

 A CHI SPETTA L’ASSEGNO

L’assegno spetta per i figli rientranti nel nucleo famigliare indicato a fini ISEE dal richiedente. Per le domande non corredate da ISEE, che danno diritto all’assegno minimo, spetta per i figli che rientrerebbero nell’ISEE sulla base di una autocertificazione.

L’assegno spetta anche per i figli maggiorenni fino al compimento dei 21 anni di età, se seguono un corso di formazione scolastica, professionale o di laurea, se hanno un reddito da lavoro inferiore agli 8.000 euro o se sono registrati come disoccupati presso i servizi pubblici per l’impiego. Per i figli con disabilità, spetta senza limiti di età.
L’assegno è riconosciuto a condizione che al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio il richiedente sia in possesso congiuntamente dei seguenti requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno:
a) sia cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo famigliare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero sia cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o sia titolare di permesso unico di lavoro autorizzato a svolgere un’attività lavorativa per un periodo superiore a sei mesi o sia titolare di permesso di soggiorno per motivi di ricerca autorizzato a soggiornare in Italia per un periodo superiore a sei mesi;
b) sia soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;
c) sia residente e domiciliato in Italia;
d) sia o sia stato residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero sia titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale.
Per i percettori di reddito di cittadinanza, l’assegno è corrisposto d’ufficio.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
09:20 1642494000 Pavona, Regione Lazio dice “no” alle 3 ville in via l’Aquila in variante al PRG
09:00 1642492800 Bando periferie, ecco i i lavori da 8 milioni che partono a Pomezia
08:37 1642491420 Commissioni, c'è il parere dell'avvocatura. Attesa per le composizioni
08:35 1642491300 Botte all'anziana madre. Lei non denuncia ma le telecamere lo incastrano
08:23 1642490580 Caro bollette: in provincia di Latina a rischio il florovivaismo
08:16 1642490160 I volontari di 'Amore per la nostra terra' ripuliscono la spiaggia di Latina
08:00 1642489200 Teatro, il Comune spende altri 54mila euro: «Data riapertura tra 2 settimane»
17/01 1642440960 Incidente sulla 148 Pontina. Strada chiusa e traffico deviato. Coda chilometrica
17/01 1642436520 Rocca di Papa, la sindaca Cimino: "No a raduno no vax ai Pratoni del Vivaro"
17/01 1642435920 Ospedale di Marino, al centro pediatrico gli operatori intrattengono i bimbi
17/01 1642433520 Lanuvio, nuovi alberi anche nel parchetto di via Enrico Berlinguer
17/01 1642432380 Pomezia, parte il cantiere per la riqualificazione integrale di Santa Palomba
17/01 1642432020 Genzano, i cittadini possono chiedere al comune contributo per l'affitto di casa
17/01 1642429320 Apre a Cisterna il centro antiviolenza: ecco i servizi gratuiti offerti
17/01 1642428060 Vaccini adolescenti: successo per l'open day. Si replica, ma con prenotazione
17/01 1642426800 Potenziato l'ufficio Tari. La prossima bolletta sarà rateizzabile in 4 rate
17/01 1642425900 Rapina dell'incasso il titolare di un bar del centro di Pomezia: arrestato
17/01 1642424400 Latina, beccato in flagranza con 100 grammi di marijuana: arrestato
17/01 1642417440 Lariano, grave incidente tra due auto: quattro ragazzi feriti
17/01 1642415880 Latina, lunghissime file al Drive In località Piccarello (ex fabbrica Rossi sud)
17/01 1642415700 Castelli romani-sud pontino: agricoltori e produttori diretti in ginocchio
17/01 1642415160 Gestione casi Covid a scuola e lunghe file al drive-in: il racconto di una mamma
17/01 1642414680 Anzio, Lucia Bronzetti si qualifica per il torneo di tennis di Melbourne
17/01 1642413420 Castel Gandolfo, via Garibaldi semi/interdetta al traffico: nuova fogna in vista
17/01 1642412580 Ospedale di Marino: in Comune l'incontro tra Giunta Cecchi e operatori sanitari

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli