[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Chiamata in causa l'Autorità di Bacino

Discarica la Cogna: "giallo" Bonifica non invitata e nuovi timori idrogeologici

<
>
L'ex cava di pozzolana dove Paguro Srl vuol fare una grande discarica tra Aprilia, Ardea e Anzio
L'ex cava di pozzolana dove Paguro Srl vuol fare una grande discarica tra Aprilia, Ardea e Anzio
3 corsi d'acqua toccano il sito scelto per la discarica. Le curve alberate li indicano chiaramente
3 corsi d'acqua toccano il sito scelto per la discarica. Le curve alberate li indicano chiaramente
Molte case presso l'ex cava prescelta per farci la discarica
Molte case presso l'ex cava prescelta per farci la discarica

Piccolo “incidente” burocratico nel complicato iter per la discarica proposta ad Aprilia, in zona la Cogna, al confine con Ardea e vicino ad Anzio - Lido dei Pini. Alla seconda e determinante seduta del tavolo tecnico tra istituzioni non era stato invitato il Consorzio di Bonifica Litorale Nord, ente di rilevo in merito alla questioni idrauliche, in particolare competente su scarichi e fossi interessati dal progetto della società Paguro Srl. Ma c'è di più, come vedremo: emerge anche il necessario coinvolgimento di un'altra autorità. Al centro ci sono le preoccupazioni idrogeologiche, peraltro sottolineate con forza dall'Agenzia regionale per la protezione ambientale ARPA Lazio. L'ex cava che Paguro vuol trasformare in discarica con un volume totale apri a 120 palazzi di 10 piani, è infatti interessata da 3 corsi d'acqua.

LA SVISTA REGIONALE: MANCATA CONVOCAZIONE

A far emergere la mancata convocazione della Bonifica romana è stata la Provincia di Latina che gli aveva chiesto l'obbligatorio parere idraulico. I tecnici provinciali, lo scorso 28 maggio, avevano sollevato il caso davanti alla Regione Lazio. Gli ingegneri della Provincia di Latina, Gianfranco Crippa e Paolo Rossi, hanno scritto: “Non si ravvisa la convocazione del Consorzio di Bonifica Litorale Nord, Amministrazione peraltro convocata in prima seduta” della Conferenza dei servizi. Cioè il tavolo tecnico dove i vari enti, con la partecipazione di cittadini, comitati e associazioni, devono analizzare il progetto ed esprimersi ufficialmente su di esso. Il Servizio Opere Idrauliche della Provincia di Latina sottolinea pure che “i pronunciamenti” del Consorzio di Bonifica “risultano correlati e presupposti a valutazioni di competenza di questa Amministrazione, in relazione al Piano Stralcio per l'al'Assetto Idrogeologica (PAI) ed ai titoli idraulici”.

Il parere del Consorzio di Bonifica è infatti previsto dalla legge regionale del Lazio n. 39 del 1996, che contiene il PAI, Piano Stralcio per l'Assetto Idrogeologico dell'Autorità dei bacini del Lazio. Tuttavia, nonostante e dopo la lettera della Provincia alla Regione, lo stesso Consorzio di Bonifica scriveva ai tecnici provinciali di non essere stato ancora convocato dalla Regione.

LA BONIFICA RILANCIA: ESONDAZIONI E DOCUMENTI CARENTI?

Il 15 giugno lo stesso Consorzio non si era limitato a far presente la sua mancata convocazione alla seduta stabilita per giovedì prossimo 8 luglio. Il direttore generale della Bonifica Litorale Nord, il dottor Andrea Renna, sollevava una serie di osservazioni sul progetto di discarica nell'ex cava alla Cogna. Il Consorzio di Bonifica nella lettera “evidenzia che la documentazione tecnica inviata risulta carente in quanto non ha completamente ottemperato a quanto richiesto con nota n. 3068 del 01/03/2021”. Non solo. Il Consorzio chiamato ad esprimersi in materia idrogeologica, teme anche un aumento dei rischi: “Le arginature previste possono portare ad un incremento locale dei tiranti e quindi un incremento del livello di rischio delle aree limitrofe, soprattutto per quanto riguarda i punti sensibili dell'eventuale esondazione, come il depuratore presente vicino alla confluenza Fosso della Ciocca e Fosso di Buon Riposo”. Il Consorzio di Bonifica romano contesta varie presunte incongruenze nella Relazione idrogeologico-idraulica presentata dalla Paguro Srl. “Non sono indicati i valori di portata nella tabella n. 23 che erroneamente venivano riportati nella tabella 27” di un altro elaborato tecnico. “Mentre i valori di portata inseriti nella tabella 27 presenti nell'elaborato 395-PAM 65-01 (la Relazione idrogeologico-idraulica, ndr) sono discordi da quanto indicato negli elaborati e grafici in relazione all'elaborato 395 PM 65-00 tabella n. 13”.

 

LE RICHIESTE DEL CONSORZIO DI BONIFICA

E così i tecnici della Bonifica chiedono, tra l'altro, “di attestare e dimostrare, nella relazione idrologico-idraulica redatta da ingegnere abilitato, che l'intervento proposto e le eventuali opere di messa in sicurezza delle aree […] non aumentino le attuali condizioni di rischio e pericolo delle aree limitrofe, corredando lo studio con mappe delle aree inondabili per il Fosso della Ciocca, Fosso di Buon Riposo e Fosso della Moletta”. Insieme ad altri ulteriori accorgimenti di sicurezza sugli scarichi, il Direttore generale del Consorzio di Bonifica Litorale Nord scrive che “in corrispondenza dell'opera di scarica (delle acque, ndr) deve essere realizzata la protezione delle sponde e del fondo del fosso interessato con scogliera in pietra e/o materassi tipo Reno”. Questo per “evitare fenomeni erosivi”. Attraverso l'ing. Franco Passeri, la società che vuol fare la discarica ha risposto alle osservazioni dei tecnici della Bonifica. Sul rischio esondazioni, in particolare, replica che lo studio idraulico per conto della Paguro “ha permesso di valutare che non si verificano per l’area di intervento fenomeni di esondazione per eventi di piena, nemmeno con il tempo di ritorno di 200 anni”.

 

ARGINATURE: SERVE L'OK DELL'AUTORITÀ DI BACINO?

Alla fine della fiera, mercoledì scorso 30 giugno l'Area VIA della Direzione rifiuti regionale ha invitato il Consorzio di Bonifica Litorale Nord alla seconda seduta della Conferenza dei servizi sul progetto Paguro per la discarica alla Cogna.

Ma non finisce qui. La Provincia di Latina ha fatto presente un ulteriore aspetto: dovrà esprimersi anche un altro importante Ente: l'Autorità di Bacino distrettuale dell'Appennino centrale. Questo Ente è deputato alla tutela di acque, fossi e altri corsi d'acqua superficiali, alla prevenzione di alluvioni, alla difesa del suolo e alla prevenzione di rischi idraulici e al risanamento idrogeologico. In particolare – afferma la Provincia di Latina – l'Autorità di bacino entra in gioco riguardo alle “arginature dei corsi d'acqua” richieste dal Consorzio di bonifica. Tali arginature “dovranno essere approvati dall'Autorità di Bacino distrettuale dell'Appennino centrale” precisa la Provincia di Latina, visto che si stratta di aree di attenzione idraulica.

La sospirata convocazione del Consorzio di Bonifica Litorale Nord è arrivata mercoledì 30 giugno. L'appuntamento per la seconda seduta della Conferenza dei servizi sulla discarica Paguro è per giovedì 8 luglio, alle 10,30

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
22/09 1632341640 Elezioni rinviate, ecco tutte le iniziative del Centro anziani di Nettuno
22/09 1632341520 Due camper e tre auto a fuoco in poche ore, si teme un piromane razzista
22/09 1632329220 Acqua non potabile, i cittadini di Villaggio Ardeatino incontrano il sindaco
22/09 1632328620 Papa incontra operatori di Rocca di Papa "sfrattati" dal centro di accoglienza
22/09 1632328200 Furti alle auto in sosta, Carabinieri fino a Napoli per arrestare i responsabili
22/09 1632327840 Smaltisce calcinacci in strada a Cori, denunciato un 60enne di Velletri
22/09 1632322380 Incidente su via Appia a Velletri, grave un motociclista: caccia all'auto pirata
22/09 1632322020 Scarseggiano medici di base a Rocca Massima e Giulianello, i sindaci si muovono
22/09 1632320460 Genzano, parco Sforza: sbarca il progetto Splastica, sabato 25 settembre ore 17
22/09 1632320220 Non è la persona che fa la verità, ma la verità che fa la persona
22/09 1632313080 Trattore con rimorchio si ribalta in strada: tragedia sfiorata
22/09 1632310680 La Fotomaratona dei Castelli, terza edizione con tante associazioni locali
22/09 1632310260 Aree a rischio crisi ambientale: Italia Nostra chiede l'applicazione della legge
22/09 1632310140 A Grottaferrata il primo concerto del Coro di San Basilio il Grande
22/09 1632309900 Maxi incendio tra via Isonzo e via dell'Agora: fiamme vicine alle abitazioni
22/09 1632304140 Anche l'Archeoclub Aricino Nemorense partecipa all'iniziativa "Frascati Scienza"
22/09 1632303960 Si è insediato il nuovo comandante del Gruppo Carabinieri "Frascati"
22/09 1632303660 Rocca di Papa: centro accoglienza Mondo Migliore a rischio, convenzione revocata
22/09 1632303540 Camper in fiamme al parcheggio La Piccola ad Anzio: accorrono i pompieri
22/09 1632303060 Felpa di beneficenza: Valentino sostiene l’Unicef e la campagna vaccinale
22/09 1632297480 Lanuvio, al via da lunedì 27 settembre la mensa scolastica nelle scuole comunali
22/09 1632294780 Doppio incidente sulla Pontina, sia verso Roma che verso sud. Traffico bloccato
22/09 1632293700 Via Pratica di Mare: corsia riasfaltata da Torvaianica Alta a Nuova Florida
22/09 1632293580 Riaperto il Mitreo nel centro di Marino, l'area archeologica torna visitabile
22/09 1632293100 Reithera, mistero esonero del green pass: volontari scrivono al Ministro

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli