[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

L'ordinanza del giudice

Usura Ardea: tra gli arrestati noti pasticceri del litorale. Le intercettazioni

Ardea scossa da arresti per usura ed estorsione. Dalle 7 di martedì mattina i carabinieri della Compagnia di Anzio, al termine di indagini iniziate nel 2016 su coordinamento della Procura di Velletri, hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale veliterno nei confronti di sei soggetti italiani, tutti residenti ad Ardea, indagati a vario titolo per estorsione e usura in concorso. Una settima persona, un donna di 29 anni, Sabrina S., è indagata per usura nell’ambito dell’inchiesta ma non è destinataria di misure cautelari.

I fatti contestati risalgono al periodo che va dal 2015 al 2019. Tra gli indagati ci sono anche altre tre persone ma con l’ipotesi di favoreggiamento: secondo gli inquirenti, infatti, sarebbero stati vittime degli usurai ma davanti ai carabinieri avrebbero negato di aver ricevuto prestiti e di avere pagato interessi di natura usuraria, aiutando così alcuni degli indagati – si legge nell’ordinanza del Gip –  “a eludere le investigazioni della pubblica autorità”; nei loro confronti non sono state applicate misure cautelari.

PRESTAVANO A PERSONE E COMMERCIANTI IN DIFFICOLTÀ

A finire in manette il 29 giugno sono stati sei uomini di età compresa tra i 53 e i 39 anni, alcuni dei quali, pur essendo di Ardea, sono stati raggiunti in varie località italiane. La misura della custodia in carcere è stata disposta per Leonardo Guiderdone, Vincenzo Guiderdone e Roberto Matta, mentre ai domiciliari sono stati posti Giuliano Scarcella, Daniele De Stefanis e Gerardo Guiderdone.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il gruppo prestava somme modeste - in media poche migliaia di euro - a piccoli commercianti in difficoltà del territorio e anche a comuni cittadini che avevano bisogno urgente di liquidità – molti dei quali “in stato di bisogno”, scrivono gli investigatori – per poi richiedere insistentemente la restituzione di una cifra maggiorata, facendo ricorso a minacce di ritorsioni fisiche o persino di morte. In alcuni casi non ne erano risparmiati neanche i familiari. A volte le vittime si vedevano costrette a contrarre ulteriori debiti per "coprire" i precedenti, rischiando di finire in una spirale senza fine.

Nell’ambito della ricostruzione dei fatti contestata dalla Procura agli indagati, viene riportato che ad alcune vittime veniva dato appuntamento presso alcuni noti bar e pasticcerie di Ardea, i cui nomi spesso ricorrono nella lunga ordinanza del Gip.

ALMENO 10 VITTIME

Secondo quanto emerso dalle indagini le vittime sarebbero almeno una decina, tra cui persone con problemi di gioco d’azzardo patologico o tossicodipendenza, ma anche e soprattutto piccoli commercianti e ristoratori di Ardea, Anzio e Nettuno, con strascichi fino a Pomezia. Proprio da un bar della città del tridente è partita la denuncia in caserma che ha fatto scattare le indagini.

Al ristoratore di Nettuno, riporta sempre l’ordinanza, uno degli indagati richiedeva “interessi mensili pari al 15% della somma prestata, facendosi consegnare assegni in pagamento per un ammontare complessivo, dal marzo 2015 al settembre 2016 di € 74.430 di cui € 24.728 effettivamente versati”. La posizione di tutti gli indagati sarà ora valutata dalla magistratura.

LE INDAGINI DELLA FINANZA

Nell’ambito della stessa indagine, sempre su delega del tribunale di Velletri, il 29 giugno gli uomini della Guardia di Finanza della Compagnia di Pomezia hanno dapprima affiancato i militari dell’Arma nell’esecuzione di alcune perquisizioni domiciliari, presso le abitazioni degli indagati, e successivamente hanno proceduto all’esecuzione di ulteriori 13 perquisizioni presso le residenze e le sedi delle società riconducibili ad alcuni dei soggetti destinatari delle misure cautelari, per approfondire alcune verifiche in corso dal punto di vista tributario e patrimoniale.            

M.Z.

LE INTERCETTAZIONI

L’ordinanza con cui il giudice per le indagini preliminari ha disposto le misure cautelari è piena zeppa di intercettazioni che, per gli inquirenti, chiariscono gli intenti degli indagati e il tono di minaccia che assumevano nei confronti delle loro vittime. Le intercettazioni, telefoniche ma anche ambientali, registrano ore di conversazioni tra i presunti usurai e le persone che dovevano loro dei soldi: toni alterati, richieste pressanti, minacce più o meno velate. Alcuni si ponevano come semplici “intermediari”, altri invece non si preoccupavano minimamente di alleggerire la propria posizione. Qualcuno, però, il sospetto di essere intercettato a un certo punto ha iniziato ad averlo.

Per tutti i soggetti per cui sono state richieste le misure cautelari – tranne per la 29enne Sabrina S., “per la quale non si ritengono sussistere gravi indizi di colpevolezza” - il giudice ritiene “concreto ed attuale il pericolo che essi, se messi in condizione di circolare liberamente, commettano altri gravi delitti della stessa specie”. Di seguito trascriviamo alcuni stralci significativi delle intercettazioni riportate nell’ordinanza del Gip.


GUIDERDONE Leonardo a una vittima: “Giusè” 

(6 gennaio 2017)
“Non hai le palle dammi un indirizzo veniamo a prenderti dove ti pare”;

“Non farmi incazzare sennò ti faccio vedere io …. Vengo a casa tua e ti squaglio, ti faccio sparire”

 

GUIDERDONE Leonardo a un’altra vittima: “Gianni”

(15 settembre 2017)
Dialogo tra Guiderdone Leonardo e “Gianni”:

“Io mi pare che te li ho dati sti soldi no Leonà… ehh mo addirittura adesso addirittura da 2000 euro te ne sto a dà 4500 a Leonà ehh è ovvio che a mente mo non ce l’ho i soldi (...)”

“.. no no aspetta un attimo Gianni aspetta un attimo che ora tu stai dicendo certe cose al telefono allora sai che facciamo ora vengo lì dove abiti aspetta che prendo le chiavi della macchina… senti un po’… senti un po’ scemo di m**** tu stai parlando al telefono e io c’ho i telefoni sotto controllo pezzo di m**** tu mi devi pagare tre tre assegni che ti ho cambiato e tu mi accusi a me o pezzo di merda ma che cazzo stai dicendo”

(4 novembre 2017)
Un altro dialogo tra Guiderdone Leonardo e “Gianni”:

“(…) Gianni sai che facciamo adesso io chiamo a Michele e sta situazione se la vede lui, prima che io e te litighiamo di brutto”

“… guarda se posso mi vado a vendere un rene, che ti devo fa… ehm Leonà ma io non so che fà”

(5 gennaio 2018)
Guiderdone Leonardo a “Gianni”:

“eh che (parola incomprensibile)… è morta tua nipote no!?… speriamo che non muore… Già… ti do tempo entro le due ciao Già, ciao ciao”

(25 gennaio 2018)
Ancora Guiderdone Leonardo a “Gianni”:

“Gianni a me non interessa che parliamo per telefono a me non me ne frega un cazzo Gianni perché io ad ammazzare una persona ci metto 30 secondi vengo e ti scanno (…) a me Gianni se mi arrestano mi fanno due favori perché poi quando esco ti riscanno di nuovo (…)” ;

“… eh dammi l’indirizzo del lavoro per cortesia… e che mi dai però la macchina… e che mi dai però… le chiavi… ?… ”
 

GUIDERDONE Leonardo e Vincenzo a una vittima: “Giulio”

(17 agosto 2017) 
“vedi che il forno con mio fratello mo piglio io e mio fratello… ti accoltello davvero… ti hanno bruciato il forno per quanto si infame m****… portami i soldi perché ti piggiu a cutiddati… ti faccio fare la fine del commercialista”

(18 settembre 2017):
“Giulio ti dico e che l’importante che non passa molto tempo perché io devo fare dei pagamenti ci mettiamo d’accordo facciamo un pagamento mensile… sono contento che al forno non ti è successo più niente… vediamo come risolvere questa situazione”


MATTA Roberto a una vittima: “Fabio”: 

(13 dicembre 2017) 
“… Non di cazzate… me so preso sto c**** de impegno tuo… che sembra che è il mio…. E to salvato mille volte… e nn capisci dove sta il limite… se nn paghi te… lo devo fare io… perché ho dato la parola… vorrei vede chi se la prende sto impegno con quelli che conosci te...”
 

MATTA Roberto a un’altra vittima: “Robè”:

(2 dicembre 2017) 
“… non li ho mai persi non li perderò proprio cò te non li perdo proprio… capito che ti voglio dì...”

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:44 1638632640 Al via la stagione di spettacoli al teatro Europa di Aprilia
16:42 1638632520 A Cisterna seconda edizione XMAS Dance Festival e premio Desirée Mariottini
16:23 1638631380 Velletri, l'incontro tra l'Avis e i medici di famiglia
16:12 1638630720 Il Natale a Sermoneta tra presepi, luci e appuntamenti per bambini e famiglie
15:22 1638627720 Inaugurata la nuova area verde di Campo Jemini a Pomezia
12:55 1638618900 Non mandavano il figlio a scuola: i carabinieri denunciano i due genitori
12:43 1638618180 198 contagi in provincia di Latina, oltre la metà tra Latina, Aprilia e Cisterna
12:21 1638616860 In Italia calano le nascite, ma non ad Aprilia: 7 nuovi nati in meno di 24 ore
12:10 1638616200 Anche a Marino la messa per Santa Barbara patrona dei Vigili del Fuoco
12:01 1638615660 Elezioni comunali a Castel Gandolfo, Marta Toti è la prima candidata sindaco
11:15 1638612900 Botte tra rivali in amore, i carabinieri scongiurano una tragedia
10:10 1638609000 Il 4 e l'8 dicembre ad Anzio tutti invitanti ad: "Accendiamo il Natale"
10:07 1638608820 Balordi distruggono l'orso polare al Villaggio di Babbo Natale a Nettuno
09:58 1638608280 Open day all'istituto Gramsci di Aprilia l'11 dicembre
09:49 1638607740 Costrinse con minacce un giovane ad attraversare nudo il porto: resta in carcere
09:45 1638607500 Una piazza a Grottaferrata per il primo medico condotto della città
09:42 1638607320 Cerimonia di giuramento in streaming per i neo-commercialisti di Latina
09:36 1638606960 Era ai domiciliari ma usciva per rubare nelle ferramenta: 49enne in carcere
03/12 1638555780 Genzano, controlli della Polizia locale alle auto senza assicurazione
03/12 1638552540 Paolo Masciarelli confermato alla guida della Filca Cisl in provincia di Latina
03/12 1638552240 Ardea-Albano, il 6 gennaio arriva la Festa della Befana Ardeatina
03/12 1638551880 Si lancia dal terzo piano per motivi sentimentali: la Polizia evita la tragedia
03/12 1638551520 Accoltella un uomo dopo la lite per un debito. Arrestato per tentato omicidio
03/12 1638544920 Fa avance sessuali all'amica, lei lo allontana e lui la stalkerizza: arrestato
03/12 1638544260 Postano il video dei loro atti vandalici a scuola: lo vedono anche i carabinieri

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli