[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Mengozzi (Pd) alza la voce: “Davvero no”

Roma-Santa Palomba, Raggi 'scarica' rifiuti e case popolari su Albano e Pomezia FOTO

<
>
Un classico TMB
Un classico TMB
Il post del consigliere Pd di Pomezia, Stefano Mengozzi
Il post del consigliere Pd di Pomezia, Stefano Mengozzi
Giacomo Castro, presidente ass. Latium, Vetus
Giacomo Castro, presidente ass. Latium, Vetus
L'area di Roma-Santa Palomba, a ridosso di Pomezia, Albano e Castel Gandolfo
L'area di Roma-Santa Palomba, a ridosso di Pomezia, Albano e Castel Gandolfo

Ama, la municipalizzata dei rifiuti della Capitale, sarebbe intenzionata a costruire a Roma-Santa Palomba, nel IX Municipio - proprio al confine coi due comuni di Pomezia e Albano e nei pressi anche di Castel Gandolfo (la città dei Papi e del lago) - il suo nuovo Tmb da 540mila tonnellate di rifiuti all’anno per dribblare l’ennesima crisi dei sacchetti in strada, che sembra sempre più imminente, e l’ombra del Commissariamento regionale, ormai già in corso, per di più in piena emergenza sanitaria e con l’estate alle porte. Un’area, quella si Santa Palomba, su cui lo stesso Campidoglio a 5 Stelle sta già realizzando una grossa lottizzazione immobiliare, il cosiddetto housing-sociale (edilizia sociale) di Santa Palomba, fortemente avversato da larga parte della cittadinanza dei Castelli Romani, in corso di realizzazione nei pressi di un’importante area archeologica.

Il Tmb costituisce, tecnicamente, un impianto di Trattamento Meccanico Biologico, una sorta di frullatore per rifiuti indifferenziati, dentro cui viene triturato il pattume urbano prima che venga sepolto in discarica o bruciato in un inceneritore. Si tratta di un sistema di gestione dei rifiuti, quello basato su TMB, discariche e inceneritori, che era molto diffuso negli anni ‘80, ma che non ha davvero niente a che vedere, ovviamente, con il Porta a porta, la modalità di raccolta domiciliare della spazzatura domestica, con il riciclo e la riduzione dei rifiuti, ossia con sistemi di gestione del patume urbano decisamente più evoluti e soprattutto più sostenibili a livello igienico-sanitario e ambientale. Sistemi più evoluti di gestione dei rifiuti che il 5 Stelle, almeno a livello nazionale, ha trasformato in passato in una vera e propria bandiera politica e che ora sembra aver dimenticato.

STEFANO MENGOZZI

Non si sono fatte attendere, di fronte a questa decisione, le reazioni della politica, primo tra tutti quelle di Stefano Mengozzi, consigliere di opposizione del Pd di Pomezia, visto che la Giunta pometina è al momento nelle mani del sindaco Adriano Zuccalà (M5S). “La giunta Raggi – scrive Mengozzi sui suoi canali social - starebbe pensando ad un centro di trattamento rifiuti a Santa Palomba, al confine tra Roma e Pomezia. Avrebbe incaricato Ama di redarre un progetto, così come ammesso candidamente dall'assessora ai Rifiuti di Roma Capitale, Katia Ziantoni. No, davvero no! Non abbiamo bisogno di altri impianti che Roma dovrebbe localizzare dentro i suoi confini, senza scaricarli sui comuni di confine. Il comune di Albano già sta affrontando il problema: questa mattina in consiglio comunale sono intervenuto per chiedere un coordinamento tra i due enti che impedisca alla Raggi di risolvere i suoi problemi scaricandoli sul nostro territorio”.

LUCA ANDREASSI, VICESINDACO DI ALBANO

Su tale vicenda, abbiamo posto varie domande a Luca Andreassi, vicesindaco di Albano, coordinatore di Italia Viva di Roma e provincia di professione docente universitario all'Università di Tor Vergata.

L'area di Roma-Santa Palomba, al confine con Albano e Pomezia, potrebbe ospitare presto un TMB dell'Ama da 540 mila tonnellate di rifiuti l'anno: cosa ne pensa?

"Tutto il male possibile - risponde Andreassi - Intanto la tipologia di impianto. Un impianto TMB. Un anacronistico, inutile (se si fa la differenziata), inquinante, pericoloso (ne vanno a fuoco un numero significativo ogni anno) frullatore dei rifiuti indifferenziati che produce balle di rifiuto che vanno o negli inceneritori o in discarica. Inutile dire che dalle direttive dell’Unione Europea fino al Piano Regionale dei Rifiuti del Lazio tali impianti siano stati cassati. Significa, tra le righe, che la Città di Roma sta abdicando a tentare, almeno tentare, di attuare una dignitosa gestione dei rifiuti basata sul recupero di materia.

E poi il sito. Scegliere quel sito è un’offesa a tutto il territorio che va da Albano Laziale a Pomezia. Un territorio profondamente segnato da una impiantistica pesante nel trattamento dei rifiuti. Basti pensare agli incendi dell’impianto TMB a Roncigliano o di ECOX a Pomezia. Un territorio che vede già un impianto TMB ad Aprilia. Ma poi lo stesso sito in cui la sindaca Raggi ha già previsto 950 appartamenti di social housing, edilizia sociale, che subiranno un drammatico impatto da questo impianto. Ma in fondo che importa. La logica dell’impianto è la stessa degli appartamenti. Più lontano possibile dal centro di Roma".

Su cosa si dovrebbero puntare per bloccare l'iniziativa della Giunta Raggi? 

"La gestione dei rifiuti non è qualcosa lasciata all’estro del decisore. È una scienza e prevede passaggi progettuali certi. Credo che tale scienza e tale logica debbano essere usati impedendo che un territorio che si trova al 70% di differenziata sia costretto a subire l’incapacità e i fallimenti della Giunta Raggi. Perché, anche se formalmente è Comune di Roma, l’impatto è chiaramente di area ampia. Si pensi solo alla viabilità ed all’invasione di mezzi pesanti. Ed è chiaramente un impatto non sostenibile. Quantificare tale impatto nelle sue accezioni ambientali, energetiche, infrastrutturali e dimostrarlo in tutte le sedi. Dalla Conferenza dei Servizi a cui verranno invitate le Città limitrofe al TAR, se necessario. Questa la strada".

La situazione ad Albano e, più in generale ai Castelli, qual è?

"Una situazione in cui il livello della raccolta differenziata è molto alto, superiore al 70%. Una situazione cioè, che ha reso i Castelli Romani indipendenti o quasi da impiantistiche come TMB ed inceneritori, contribuendo a minimizzare anche il ricorso alle discariche, avendo di molto ridotto la produzione di rifiuto indifferenziato. Non abbiamo certo bisogno di Roma e della Raggi che scarichino i loro problemi su di noi. Più di quanto abbiano già fatto in questi anni. Anche se, eravamo stati facili profeti a prevedere, da parecchio tempo ormai,  che sarebbe andata a finire così".

LATIUM VETUS

Sulla vicenda, interviene anche Giacomo Castro, presidente dell'associazione Latium Vetus di Pomezia, associazione nota per la sua battaglia contro il biogas di Pomezia-Tor Maggiore che per il vincolo di 2mila ettari che dal 2017 abbraccia una ampia area tra Pomezia ed Ardea. "Questa - secondo Giacomo Castro - è solo l'ultima di una serie di azioni - tese a deportare tutti i problemi sociali, ambientali, legati al ciclo dei rifiuti e a scaricarli sulle periferie - prodotte da una politica sorda, cieca e priva di idee. Una politica che anziché essere una risorsa è al contrario un peso, un problema per il territorio e per i cittadini. Una politica che esula dal perimetro di questo o quel partito, una politica di cui dovremmo seriamente sbarazzarci. Associazione Latium Vetus ha sempre difeso questo territorio, dalle mille potenzialità, ma purtroppo per lui martoriato negli anni da criminali al potere. Anche in questo caso difenderemo il territorio...sappia perciò il Campidoglio che a Santa Palomba troveranno tutta una schiera di comitati ed Associazioni, tra cui la nostra, che non daranno loro tregua e che non permetteranno questo ennesimo scempio".

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
13:40 1627299600 Tenta di adescare e molestare due bambine in spiaggia: denunciato
13:34 1627299240 Discarica Albano, Moresco: Sindaco chieda a Asl e Arpa analisi recenti e urgenti
13:01 1627297260 Pomezia, acqua e fogne per Monachelle: entro agosto l'affidamento dell'appalto
11:18 1627291080 Ardea, altre 3 date per vaccinarsi con Johnson senza prenotazione: il calendario
11:03 1627290180 Ardea: lavori in corso sul lungomare per riasfaltare circa 5 km di strada
10:45 1627289100 Lavori al centro idrico Ponte Gregoriano, stop all'acqua per 6 ore a Marino
10:05 1627286700 Discarica Albano, anche senza camion Ama via al presidio spontaneo dei residenti
09:45 1627285500 Tiro a volo, Diana Bacosi di Pomezia vince l'argento alle Olimpiadi di Tokyo
08:43 1627281780 Marchio turistico della Provincia di Latina e un concorso per scegliere il nome
08:33 1627281180 Zuliani candidata Sindaco: cosa l'ha fatta scappare da Pd-Lbc
08:32 1627281120 Discarica Albano, in piazza il no di cittadini, senatori e consiglieri regionali
25/07 1627228980 Aggredita vigilessa ad Anzio, denunciato l’autista di un camion di mozzarelle
25/07 1627224600 84 casi Covid nella Asl pontina. Impennata di positivi a Latina e Sezze
25/07 1627224180 Covid, 86 casi nella Asl Rm6. Va avanti la campagna vaccinale itinerante
25/07 1627221300 Giuseppe Conte a pranzo ad Aprilia: l'ex premier in vacanza sul litorale laziale
25/07 1627220760 Voli Covid-tested, cosa sono e cosa si deve fare per salire a bordo
25/07 1627213920 Suoni Divini: una domenica di degustazioni, concerti e visite museali a Lanuvio
25/07 1627210920 Ruba borse e portafogli dal centro commerciale di Latina, 23enne colta sul fatto
25/07 1627207200 Incendio doloso nei cantieri Rizzaro a Nettuno, due auto distrutte
25/07 1627206900 Il Sindaco di Nettuno: “Stima alla Polizia locale, Ranucci sporga denuncia”
25/07 1627200420 Discarica di Albano, don Antonio: Decisione scellerata. Andiamo uniti in piazza
25/07 1627199760 Maturità 2022: già annunciate le date dell'orale e della prova scritta
25/07 1627198260 Prove di carico sul ponte di Ariccia: ecco cosa cambia per auto e pedoni
24/07 1627151760 Il consigliere Ranucci non vota il Bilancio a Nettuno: niente soldi alla cultura
24/07 1627151580 Uomo accoltellato a Viale Antium ad Anzio grave in ospedale, indaga la Polizia

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli