[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Parla il vicesindaco di Albano

Rifiuti, Andreassi (Italia Viva): "Pd e M5S gettano la spugna sul Porta a porta"

Luca Andreassi, vicesindaco di Albano e Coordinatore Italia Viva di Roma e provincia
Luca Andreassi, vicesindaco di Albano e Coordinatore Italia Viva di Roma e provincia

“Relativamente alla situazione della gestione dei rifiuti a Roma – spiega a il Caffè di Roma, Luca Andreassi, vicesindaco di Albano, coordinatore di Italia Viva di Roma e provincia nonché Professore presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma Tor Vergata ed uno dei principali esperti del settore -  nella quasi totale indifferenza, le ultime due settimane hanno segnato, temo in maniera drammatica, il futuro della gestione dei rifiuti nella Città di Roma. Prima l’arresto della dirigente ai rifiuti della Regione Lazio, Flaminia Tosini insieme all’imprenditore Valter Lozza con l’ipotesi di reato secondo il quale i due indagati intendevano trasformare la discarica di Monte Carnevale da sito autorizzato per il conferimento di inerti in impianto per lo smaltimento dei rifiuti derivanti dal trattamento dei rifiuti solidi urbani della Capitale. Bizzarro, probabilmente solo una coincidenza, che la Giunta capitolina, il 31 dicembre 2019, indicasse come sito prescelto per la discarica di Roma proprio la cava di Monte Carnevale.

Poi la “scoperta” che la discarica di Roccasecca sia piena e quindi non più atta a ricevere i rifiuti della Capitale. Discarica di Roccasecca di proprietà della società MAD di quel Valter Lozza finito agli arresti per la vicenda di Monte Carnevale. Certamente un’altra coincidenza che, però, lascia aperta la domanda di come sia possibile che un impianto strategico come quello di Roccasecca stia per esaurirsi, al punto da non accettare più i rifiuti di Roma dall’oggi al domani, senza che chi governa la Città di Roma ne abbia percezione.

E da qui riparte la solita triste messinscena tra Regione e Comune di Roma sulla necessità di una discarica per Roma da individuarsi, nella Capitale secondo Zingaretti, nell’area vasta secondo la Raggi. Una polemica annosa e noiosa, a voler nascondere con una foglia di fico le grandissime responsabilità di questi anni che stanno rendendo Roma una Città ingestibile in materia rifiuti. Quasi che la discarica possa risolvere i problemi, certamente non emergenziali ma totalmente strutturali, della Capitale.

Una vergognosa battaglia di retroguardia, che oggi non ha più neanche l’alibi di diverse posizioni politiche tra Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle. Tanto che, ed è l’ultimo tassello di questo tristissimo puzzle, la scorsa settimana con soli 20 voti favorevoli, un numero ben inferiore alla maggioranza dell’Assemblea Capitolina, vengono approvati tre anni di bilanci AMA e, con essi, il piano di risanamento ed il nuovo piano industriale. Approvazione resa possibile dall’uscita dall’aula dei consiglieri del Partito Democratico, con la sola eccezione del consigliere Orlando Corsetti. Scelta condivisa anche da altri esponenti di sinistra, come Stefano Fassina.

Un voto che improvvisamente passa un colpo di spugna su tre anni di discussione tra AMA e Amministrazione di Roma su faccende di crediti e debiti mai chiarita. Una querelle che ha visto sette consigli di amministrazione susseguirsi assieme ad un imprecisato numero di assessori. E poi, all’improvviso, tutto a posto. E lo devono sperare quei venti consiglieri che hanno alzato la mano su questa delibera milionaria che sia tutto a posto. Perché se così non fosse verrebbero chiamati a risponderne a titolo personale.

Un atto, quello della delibera, che porta in sé un disegno chiaro. O meglio chiaro nella confusione. Perché quei venti consiglieri favorevoli, assieme a tutti quelli che sono usciti dall’aula, hanno, di fatto, approvato la nuova visione della gestione dei rifiuti romana, il futuro dei rifiuti romani. Futuro chiaramente scritto dentro il piano industriale di AMA. La cosa più senza senso che mi sia capitato di leggere nella mia vita ma che ha un punto fermo. La realizzazione di un enorme e costosissimo impianto di Trattamento Meccanico e Biologico dei rifiuti. Un enorme frullatore di rifiuti, di fatto bandito dall’Unione Europea, perché anacronistico, pericoloso, inquinante e soprattutto assolutamente non funzionale alla raccolta differenziata porta a porta.

Fa male sapere che il Partito Democratico abbia, implicitamente, scelto una linea di gestione dei rifiuti che non punti alla differenziazione dei rifiuti ed alla valorizzazione della materia, una linea che nulla ha a che vedere con il Piano Regionale dei rifiuti che i TMB li bandisce, un piano che, di fatto riporta in tutte le strade della Capitale i cassonetti.

E nessuno si azzardi a dire che è stato fatto per evitare il fallimento di AMA. È vero AMA ha rischiato grosso. Ma con quel piano di risanamento appena approvato, anche grazie all’uscita dell’aula dei consiglieri di sinistra, pare piuttosto un prolungamento di un’agonia.

E fa male pensare che l’agonia di AMA si poteva evitare semplicemente mettendola al centro di una seria politica di differenziazione dei rifiuti, conferendole la gestione degli impianti di valorizzazione delle frazioni merceologiche differenziate. Come succede - conclude Andreassi - in tutte le realtà in cui la raccolta differenziata funziona ed un soggetto pubblico fa, in maniera efficace ed efficiente, il servizio.”

 

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:35 1627547700 Lavinio, fugge all'alt della Stradale e finisce con lo scooter contro un muro
10:03 1627545780 Marino, Fabrizio De Santis sarà il candidato sindaco di Fratelli d'Italia
09:49 1627544940 Doppio incidente a Velletri: in ospedale un 14enne investito mentre era in bici
08:55 1627541700 Sconti Tari, l’amministrazione di Sermoneta tende la mano a famiglie e imprese
08:38 1627540680 Verso i lavori per la riqualificazione dell’isola ecologica di Latina Scalo
08:31 1627540260 Intesa Prefettura-Comune di Latina: controlli antimafia su tutte le imprese
08:07 1627538820 Lavori sulla Pontina solo di notte? Le segnalazioni dei pendolari mostrano altro
08:00 1627538400 Centro commerciale Morbella, riaprono 8 negozi 'chiusi per errore'
28/07 1627484160 "Dal 3 agosto sarò davanti i cancelli della discarica per fermare i camion Ama"
28/07 1627483980 Quattro serre di marijuana sequestrate tra Aprilia e Lanuvio: dentro 1800 piante
28/07 1627482480 95 positivi in provincia di Latina. Sotto accusa alcune feste di compleanno
28/07 1627481700 Corte dei Conti: Frascati in dissesto finanziario. Le tasse saliranno al massimo
28/07 1627480620 Perché il nostro tempo ha tanto potuto prevalere un’antropologia slegata da Dio?
28/07 1627477920 Col progetto sociale Aula 162 di Next e P&G Italia 13 persone avranno un lavoro
28/07 1627476540 Salta il Consiglio comunale. L'opposizione: “La Ballico si deve dimettere"
28/07 1627474740 C'è un modo (gratuito) per avere il green pass senza Spid
28/07 1627473000 Cisterna-Valmontone: partono i lavori da 6,5 mln. Cantieri aperti per 70 notti
28/07 1627470660 Volley, Claudia Consoli e Martina Armini campionesse mondiali premiate a Marino
28/07 1627467540 Bufera a Ciampino: non c'è il numero legale, salta il consiglio comunale
28/07 1627465980 Ciampino piange il gelataio Gennaro Pizzonia, morto per un malore improvviso
28/07 1627463880 Vasto incendio sulla collina del monte Artemisio: vigili del fuoco ora sul posto
28/07 1627463100 Bonus facciate, ecco chi potrà richiedere la detrazione d’imposta ad Aprilia
28/07 1627459140 Aperitivo d'autore, rassegna letteraria al Parco Romano del Biodistretto
28/07 1627458720 Albano, rifiuti in discarica dal 2 agosto. Lettera del comune contro il Prefetto
28/07 1627457280 Cura dell'ambiente: spighe verdi a tre Comuni della provincia di Latina

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli