[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Parla il vicesindaco di Albano

Rifiuti, Andreassi (Italia Viva): "Pd e M5S gettano la spugna sul Porta a porta"

Luca Andreassi, vicesindaco di Albano e Coordinatore Italia Viva di Roma e provincia
Luca Andreassi, vicesindaco di Albano e Coordinatore Italia Viva di Roma e provincia

“Relativamente alla situazione della gestione dei rifiuti a Roma – spiega a il Caffè di Roma, Luca Andreassi, vicesindaco di Albano, coordinatore di Italia Viva di Roma e provincia nonché Professore presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma Tor Vergata ed uno dei principali esperti del settore -  nella quasi totale indifferenza, le ultime due settimane hanno segnato, temo in maniera drammatica, il futuro della gestione dei rifiuti nella Città di Roma. Prima l’arresto della dirigente ai rifiuti della Regione Lazio, Flaminia Tosini insieme all’imprenditore Valter Lozza con l’ipotesi di reato secondo il quale i due indagati intendevano trasformare la discarica di Monte Carnevale da sito autorizzato per il conferimento di inerti in impianto per lo smaltimento dei rifiuti derivanti dal trattamento dei rifiuti solidi urbani della Capitale. Bizzarro, probabilmente solo una coincidenza, che la Giunta capitolina, il 31 dicembre 2019, indicasse come sito prescelto per la discarica di Roma proprio la cava di Monte Carnevale.

Poi la “scoperta” che la discarica di Roccasecca sia piena e quindi non più atta a ricevere i rifiuti della Capitale. Discarica di Roccasecca di proprietà della società MAD di quel Valter Lozza finito agli arresti per la vicenda di Monte Carnevale. Certamente un’altra coincidenza che, però, lascia aperta la domanda di come sia possibile che un impianto strategico come quello di Roccasecca stia per esaurirsi, al punto da non accettare più i rifiuti di Roma dall’oggi al domani, senza che chi governa la Città di Roma ne abbia percezione.

E da qui riparte la solita triste messinscena tra Regione e Comune di Roma sulla necessità di una discarica per Roma da individuarsi, nella Capitale secondo Zingaretti, nell’area vasta secondo la Raggi. Una polemica annosa e noiosa, a voler nascondere con una foglia di fico le grandissime responsabilità di questi anni che stanno rendendo Roma una Città ingestibile in materia rifiuti. Quasi che la discarica possa risolvere i problemi, certamente non emergenziali ma totalmente strutturali, della Capitale.

Una vergognosa battaglia di retroguardia, che oggi non ha più neanche l’alibi di diverse posizioni politiche tra Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle. Tanto che, ed è l’ultimo tassello di questo tristissimo puzzle, la scorsa settimana con soli 20 voti favorevoli, un numero ben inferiore alla maggioranza dell’Assemblea Capitolina, vengono approvati tre anni di bilanci AMA e, con essi, il piano di risanamento ed il nuovo piano industriale. Approvazione resa possibile dall’uscita dall’aula dei consiglieri del Partito Democratico, con la sola eccezione del consigliere Orlando Corsetti. Scelta condivisa anche da altri esponenti di sinistra, come Stefano Fassina.

Un voto che improvvisamente passa un colpo di spugna su tre anni di discussione tra AMA e Amministrazione di Roma su faccende di crediti e debiti mai chiarita. Una querelle che ha visto sette consigli di amministrazione susseguirsi assieme ad un imprecisato numero di assessori. E poi, all’improvviso, tutto a posto. E lo devono sperare quei venti consiglieri che hanno alzato la mano su questa delibera milionaria che sia tutto a posto. Perché se così non fosse verrebbero chiamati a risponderne a titolo personale.

Un atto, quello della delibera, che porta in sé un disegno chiaro. O meglio chiaro nella confusione. Perché quei venti consiglieri favorevoli, assieme a tutti quelli che sono usciti dall’aula, hanno, di fatto, approvato la nuova visione della gestione dei rifiuti romana, il futuro dei rifiuti romani. Futuro chiaramente scritto dentro il piano industriale di AMA. La cosa più senza senso che mi sia capitato di leggere nella mia vita ma che ha un punto fermo. La realizzazione di un enorme e costosissimo impianto di Trattamento Meccanico e Biologico dei rifiuti. Un enorme frullatore di rifiuti, di fatto bandito dall’Unione Europea, perché anacronistico, pericoloso, inquinante e soprattutto assolutamente non funzionale alla raccolta differenziata porta a porta.

Fa male sapere che il Partito Democratico abbia, implicitamente, scelto una linea di gestione dei rifiuti che non punti alla differenziazione dei rifiuti ed alla valorizzazione della materia, una linea che nulla ha a che vedere con il Piano Regionale dei rifiuti che i TMB li bandisce, un piano che, di fatto riporta in tutte le strade della Capitale i cassonetti.

E nessuno si azzardi a dire che è stato fatto per evitare il fallimento di AMA. È vero AMA ha rischiato grosso. Ma con quel piano di risanamento appena approvato, anche grazie all’uscita dell’aula dei consiglieri di sinistra, pare piuttosto un prolungamento di un’agonia.

E fa male pensare che l’agonia di AMA si poteva evitare semplicemente mettendola al centro di una seria politica di differenziazione dei rifiuti, conferendole la gestione degli impianti di valorizzazione delle frazioni merceologiche differenziate. Come succede - conclude Andreassi - in tutte le realtà in cui la raccolta differenziata funziona ed un soggetto pubblico fa, in maniera efficace ed efficiente, il servizio.”

 

 


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:49 1621352940 Spazi pubblici in più per i commercianti di Pomezia: gratis fino a fine 2021
17:14 1621350840 Vaccini Lazio under 50: da venerdì possono prenotare i nati nel 1974-1977
17:09 1621350540 Casi Covid, 33 positivi in più rispetto a ieri nella Asl Roma 6. Il bollettino
15:07 1621343220 15 nuovi contagi e nessun decesso: i numeri del Covid in provincia di Latina
14:40 1621341600 Albano, 9 associazioni e comitati chiedono l’ampliamento del Parco dei Castelli
13:45 1621338300 Lariano, insediato il nuovo comandante della Polizia Locale Di Bartolomeo
13:43 1621338180 A gennaio hanno rubato denaro in un negozio di animali, denunciata una coppia
12:28 1621333680 Il Sindaco di Anzio ricorda Battiato, l’applauso del consiglio neroniano
12:26 1621333560 Impianto rifiuti ad Anzio, Gruppo Misto – Europa Verde interrogano la Regione
12:24 1621333440 Il Sindaco di Anzio: “Le minacce alla Giannino a orologeria, colpiscono me”
12:23 1621333380 Il consigliere di Anzio Russo lascia i 5 stelle: “Grazie per questi 10 anni”
12:17 1621333020 Antenna 5G in via delle Molette a Marino: protestano i residenti e le famiglie
09:30 1621323000 Genzano: spunta antenna di 20 m. a Monte Cagnolo, i residenti scendono in strada
09:03 1621321380 Ripartono da oggi i concorsi al Comune di Ardea
08:20 1621318800 Rilancio del centro storico: nuova circolazione intorno alle mura di Lanuvio
08:18 1621318680 In provincia di Latina +8% di aziende nel 2021, mai così alto in 10 anni
08:15 1621318500 Sabaudia inaugura una sala lettura per bambini 0-6 anni in biblioteca
08:06 1621317960 Lancia un bicchiere addosso alla vigilessa che gli impone di rispettare le norme
17/05 1621273620 Cadavere nel container pieno di cocomeri: macabra scoperta a Pontinia
17/05 1621269900 Alicandri: “Le Vele ad Anzio sul ddl Zan violente e ignoranti, esterrefatto”
17/05 1621266840 Vaccino ai maturandi nel Lazio: ci sono le date. E nel week end Open day over 40
17/05 1621265820 Sorvegliato speciale al bar con un coltello a serramanico in tasca: arrestato
17/05 1621264560 Asl Roma 6: 32 casi Covid e un decesso tra Castelli e litorale nelle ultime 24h
17/05 1621263840 A Nettuno i positivi scendono sotto 200, sono due 2 i ricoverati in ospedale
17/05 1621259340 Ardea, gruppi di nomadi alle Salzare: la polizia locale allontana le roulotte

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli