[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Commissione Rifiuti dà esito positivo

Discarica Albano, Regione pronta a bloccare riavvio con archiviazione o revoca FOTO

<
>
Vito Consoli, nuovo responsabile Ufficio Rifiuti Lazio
Vito Consoli, nuovo responsabile Ufficio Rifiuti Lazio
Marco Cacciatore, presidente Commissione Rifiuti Lazio
Marco Cacciatore, presidente Commissione Rifiuti Lazio
Danilo Ballanti
Danilo Ballanti
Francesca Gnani
Francesca Gnani
Piero Petrassi, delegato Massimiliano Valeriani, assessore ai Rifiuti del Lazio
Piero Petrassi, delegato Massimiliano Valeriani, assessore ai Rifiuti del Lazio

La Regione Lazio sta valutando di archiviare o in alternativa revocare (in autotutela, così si usa dire in gergo tecnico) l'autorizzazione che permette il riavvio della discarica di Albano scritta e sottoscritta nel 2019 da Flaminia Tosini, ex responsabile dell'Ufficio Rifiuti Lazio, arrestata lo scorso 16 marzo insieme all'imprenditore dei settori rifiuti e stampa, Valter Lozza. In sostanza, è quanto affermato da Vito Consoli (che lo scorso 19 marzo è stato delegato dalla Giunta Zingaretti a sostituire l'ingegner Tosini) nel corso della Commissione Rifiuti Lazio che si è svolta in modalità on line causa Covid giovedì pomeriggio 8 aprile, convocata su richiesta dell'associazione Salute e Ambiente Albano. La Commissione è presieduta da Marco Cacciatore e le sedute non sono pubbliche, pertanto hanno potuto partecipare solo i convocati.

LA SEDUTA IN PILLOLE

Erano presenti: Marco Cacciatore, presidente della Commissione; Vito Consoli, neo responsabile dell'Ufficio Rifiuti Lazio; Piero Petrassi, in rappresentanza di Massimiliano Valeriani, assessore ai Rifiuti del Lazio, impegnato in un incontro in Prefettura; Amadio Malizia e Francesca Gnani, presidente e vicepresidente dell'associazione Salute Ambiente Albano; Danilo Ballanti, membro del Partito Comunista dei Castelli Romani; Enrico Del Vescovo, presidente di Italia Nostra sezione Castelli Romani, e alcuni giornalisti.

GLI INTERVENTI DEI CITTADINI

La seduta della Commissione si è aperta con un intervento deciso e puntuale di Francesca Gnani, vicepresidente dell'associazione Salute e Ambiente, la quale ha sostenuto – senza mezzi termini - che il “tentativo di riavvio della discarica è totalmente illegittimo a livello burocratico, visto che si basa su una vecchia autorizzazione risalente ad agosto 2009, scaduta nel 2016, archiviata ad agosto 2019, poi riesumata ad ottobre 2019 dall'ingegner Tosini, poi prolungata per altri 5 anni ad ottobre 2020, poi ancora spacchettata in due sotto-volture, una di ottobre 2019 e un'altra di ottobre 2020. Una sequela impressionante di atti e contratti – ha affermato la Gnani - degni del peggior azzeccagarbugli della storia della Regione Lazio. Atti scritti e sottoscritti, in totale solitudine, dall'ingegner Flaminia Tosini che non ha mai coinvolto, al contrario di quanto imposto dalla legge, i comuni di Albano ed Ardea, la Asl Roma 6, l'Arpa Lazio, la Città Metropolitana né, tanto meno, i cittadini-residenti, le associazioni ed i comitati territoriali che da anni si battono a favore di una gestione salubre e legale del ciclo dei rifiuti”. Danilo Ballanti, dei Comunisti dei Castelli, ha spiegato di come “i dati epidemiologici della Asl Roma 6 dimostrino in modo inequivocabile che nel raggio di 5 km dalla discarica di Albano si muore e ci si ammala di più che nel resto della Regione Lazio”. Un concetto, quello di Ballanti, ribadito poco dopo anche da Amadio Malizia, presidente dell'associazione Salute e Ambiente Albano, il quale ha chiesto senza se e senza ma la revoca immediata ed urgente delle autorizzazioni. Sia Ballanti sia Malizia hanno poi puntato sull'inquinamento delle falde acquifere, certificato dalle analisi dell'Arpa Lazio e dagli innumerevoli allarmi lanciati anche dalla Città Metropolitana di Roma. Enrico Del Vescovo, Italia Nostra Castelli Romani, ha chiesto che i siti di interesse paesaggistico e naturalistico, qual è l'area in cui si trova la discarica di Albano che sorge su un'area agricola, non possano divenire oggetto di speculazioni promosse dai signori dei rifiuti, come accade fin troppo spesso, ad Albano ma anche nei comuni limitrofi, come Velletri, su cui pende la vicenda del biogas di Colle San Clemente.

L'INTERVENTO DI VITO CONSOLI

E' stato molto apprezzato anche dai cittadini l'intervento, poco dopo, di Vito Consoli, da pochi giorni responsabile dell'Ufficio Rifiuti Lazio, che ha indicato due strade per uscire dal ginepraio di Albano. La prima tanto semplice quanto diretta: la società Colle Verde, che ha affittato tempo fa dal Gruppo Cerroni parte dell'ex immondezzaio, avrebbe avuto, a partire dal 18 febbraio scorso, soli 30 giorni di tempo (un periodo inderogabile) per rispondere alle osservazioni promosse a gennaio e febbraio scorsi da associazioni, comitati, cittadini-residenti e dai due comuni di Albano e Ardea, ma ancora non l'ha fatto. Il termine perentorio fissato dalla legge è scaduto. Quindi l'intero iter burocratico di riavvio della discarica, a norma di legge, può essere archiviato.

In alternativa - è questa la seconda possibilità ventilata dal dottor Consoli, relativa in particolare alla richiesta di revoca in autotutela dell'autorizzazione di riavvio della discarica richiesta dai cittadini - si è dimostrato 'possibilista' anche da questo punto di vista, chiedendo però che per valutare a pieno tale possibilità sarà necessario che l'associazione depositi in Regione una istanza con richiesta formale di revoca dell'autorizzazione con tanto di documenti allegati, cosa che l'associazione si è impegnata a fare a breve termine. L'audizione in Commissione ha offerto ai cittadini una tanto agognata occasione di confronto diretto e democratico come raramente negli ultimi anni era accaduto, specie nel campo dei rifiuti. 

IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE

"Atmosfera molto incoraggiante in Commissione e confronto da diverse posizioni - ci racconta Marco Cacciatore, presidente della Commissione Rifiuti Lazio - pacato ma non per questo meno deciso, tra le Strutture regionali e i Comitati. Ottimi segnali da parte della Regione, che fanno ben sperare per un quadrante già vessato per anni. Resto convinto che i principi di legge recepiti nel Piano Rifiuti siano da concretizzare. E un biogas da 120.000 T/a mi sembra andare nel senso contrario rispetto al Piano Rifiuti e alla Gerarchia dei trattamenti stabilità dal quadro normativo. Servono impianti diffusi, di piccole dimensioni, che minimizzino l'impatto e a gestione preferibilmente pubblica, superando la centralità di discariche e incenerimento fino a oggi imperante. Questa la mia lettura del Piano regionale, che mi sembra emergere abbastanza oggettivamente. È importante che le decisioni tecnico-amministrative si attengano agli indirizzi del consigli regionale per quanto di competenza. In tal senso i segnali ricevuti lasciano davvero ben sperare".

 

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15/04 1618503300 Reti di Giustizia: “Sentenza Appia, ecco le motivazioni della condanna”
15/04 1618503180 All’ex comando dei Vigili sorgerà il nuovissimo Museo dello Sbarco di Anzio
15/04 1618502940 1000 firme per chiedere al Comune di Anzio di occuparsi delle strade vicinali
15/04 1618499280 Da carrozzeria a fabbrica di ogive per proiettili: la scoperta ai Castelli
15/04 1618497360 Covid, Latina e provincia: altri 161 casi, due decessi. I dati di tutte le città
15/04 1618496940 Coronavirus, nella Asl Roma 6 altri 184 contagi. Quattro persone decedute
15/04 1618493520 «La città non può subire un'altra stagione di incampacità amministrativa»
15/04 1618490700 Vaccino Astrazeneca sospeso nel Lazio? È una fake news
15/04 1618489680 La Virtus Pomezia Basket vuol tornare a stupire
15/04 1618489500 Elezioni a Latina, il giallo delle due liste con lo stesso nome
15/04 1618487160 Più dosi Astrazeneca negli hub vaccinali della provincia di Latina
15/04 1618475700 Anzio, il consigliere Gatti: “Onorato di rappresentare i Consiglieri di FdI”
15/04 1618475580 Alicandri, Pd Nettuno: “Basta discriminazioni, subito si alla legge Zan”
15/04 1618474500 La Polizia Locale revoca 35 autorizzazioni per posto disabili irregolari
15/04 1618474140 1.300 mascherine anti-Covid irregolari sequestrate dai banchi del mercato
15/04 1618473780 3kg di droga spediti per posta: pacco intercettato all’aeroporto di Ciampino
15/04 1618473420 Fermata auto sportiva con documenti irregolari: a bordo c'era anche uno scooter
15/04 1618471020 Genzano, auto prende fuoco in strada. Donna di Aprilia salvata dai Carabinieri
15/04 1618470180 Allieva pilota "discriminata e umiliata": il caso all'attenzione del parlamento
15/04 1618470180 Castel Gandolfo: “Giunta rinunci a ricorso contro le tutele paesaggistiche”
15/04 1618468980 Arrestato il ladro intenditore di cibo: rubava salmone e formaggi costosi
15/04 1618468680 Latina, sfratto dalla casa del combattente: anche Medici si mobilita
15/04 1618468680 I cittadini di Aprilia potranno chiedere i certificati anagrafici in tabaccheria
15/04 1618468140 Il 'nudino' torna a Latina: il dipinto fu rubato dopo l'armistizio del 1943
15/04 1618467180 Non fu un incidente ma un tentato omicidio: chiesta la condanna a 10 anni

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli