[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La pandemia 'dimenticata'

"A Pasqua state a casa", appello di medici e infermieri allo stremo delle forze

File di ambulanze al pronto soccorso del Santa Maria Goretti di Latina
File di ambulanze al pronto soccorso del Santa Maria Goretti di Latina

“A Pasqua state a casa”. L’appello risuona in tutta Italia, non solo dalle istituzioni, a lanciarlo in forma di supplica sono proprio le persone impegnate in prima fila negli ospedali che cercano di riportare l’attenzione su quello che realmente sta accadendo nei pronto soccorso dedicati ai malati di Covid19. Dottori, infermieri e addetti alle ambulanze hanno davvero gravi difficoltà ad assistere il numero purtroppo crescente di richieste di aiuto. 

LA TERZA ONDATA È PIÙ DURA
Questa terza ondata è più dura delle precedenti, perché le varianti hanno reso più subdolo il virus e anche perché la società intorno a noi sembra quasi non voler più interessarsene. Si pensa più ai soldi che alla vita delle persone, ai propri interessi più che alla propria sicurezza. Il risultato è che nemmeno più i periodi di zona rossa e l’avanzamento del numero dei vaccinati bastano a frenare il virus.
Sarà perché ormai è più di un anno che siamo invischiati in questa pandemia, sarà perché l’inizio delle vaccinazioni ci ha fatto sentire un po’ fuori dal tunnel del Covid, ma una grossa fetta di popolazione non sembra essere cosciente di cosa si sta vivendo oggi negli ospedali. Chi si ammala di Covid e non può restare a casa, perché magari la saturazione è calata troppo o la febbre non accenna a scendere o ci sono altre gravi complicazioni, viene catapultato in una realtà che nemmeno immaginava. Lunghe code delle ambulanza davanti agli ospedali, con ore di attesa su una barella, giorni e giorni su un letto del pronto soccorso in attesa che se ne liberi uno in qualche reparto di qualche ospedale nel Lazio e, per i più gravi, la difficoltà ora anche di trovare un posto in terapia intensiva. Un vero incubo, purtroppo molto reale.

LA PANDEMIA 'DIMENTICATA'
Che senso ha allora riaprire per soli 2 giorni le scuole prima delle vacanza di Pasqua, oppure sbrigarsi a passare da rosso ad arancione, appena un indice cala sotto il limite anche di un solo centesimo di punto? Gli ospedali che traboccano di malati e i numeri quotidiani di nuovi casi non dipingono certo un quadro “arancione”.
Chi si appella poi all’enorme danno economico che sta subendo, dovrebbe riflettere sul fatto che per fare oggi una settimana in più in arancione (con comunque scarsissimi guadagni), allunghiamo l’uscita dalla pandemia di due settimane; il vero guadagno lo avremmo avuto tutti a stare chiusi in “super-rosso”, abbattere totalmente la diffusione del virus e a quel punto tornare alla vita ‘normale’. E non è un’utopia: diverse nazioni nel mondo hanno già raggiunto questo risultato, altre, come noi, sono ancora in piena pandemia. Troppi nostri politici sembrano guardare più agli indici di popolarità che alla soluzione giusta. 
“A Pasqua stiamo a casa” è l’appello che ognuno di noi dovrebbe fare a se stesso, per preservare la propria salute e quella dei propri cari e anche per non allungare di mesi e mesi questa agonia fatta di troppi morti e di enormi perdite economiche.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:06 1627308360 Ariccia, successo per la Festa di Santa Apollonia patrona della Città
13:40 1627299600 Tenta di adescare e molestare due bambine in spiaggia: denunciato
13:34 1627299240 Discarica Albano, Moresco: Sindaco chieda a Asl e Arpa analisi recenti e urgenti
13:01 1627297260 Pomezia, acqua e fogne per Monachelle: entro agosto l'affidamento dell'appalto
11:18 1627291080 Ardea, altre 3 date per vaccinarsi con Johnson senza prenotazione: il calendario
11:03 1627290180 Ardea: lavori in corso sul lungomare per riasfaltare circa 5 km di strada
10:45 1627289100 Lavori al centro idrico Ponte Gregoriano, stop all'acqua per 6 ore a Marino
10:05 1627286700 Discarica Albano, anche senza camion Ama via al presidio spontaneo dei residenti
09:45 1627285500 Tiro a volo, Diana Bacosi di Pomezia vince l'argento alle Olimpiadi di Tokyo
08:43 1627281780 Marchio turistico della Provincia di Latina e un concorso per scegliere il nome
08:33 1627281180 Zuliani candidata Sindaco: cosa l'ha fatta scappare da Pd-Lbc
08:32 1627281120 Discarica Albano, in piazza il no di cittadini, senatori e consiglieri regionali
25/07 1627228980 Aggredita vigilessa ad Anzio, denunciato l’autista di un camion di mozzarelle
25/07 1627224600 84 casi Covid nella Asl pontina. Impennata di positivi a Latina e Sezze
25/07 1627224180 Covid, 86 casi nella Asl Rm6. Va avanti la campagna vaccinale itinerante
25/07 1627221300 Giuseppe Conte a pranzo ad Aprilia: l'ex premier in vacanza sul litorale laziale
25/07 1627220760 Voli Covid-tested, cosa sono e cosa si deve fare per salire a bordo
25/07 1627213920 Suoni Divini: una domenica di degustazioni, concerti e visite museali a Lanuvio
25/07 1627210920 Ruba borse e portafogli dal centro commerciale di Latina, 23enne colta sul fatto
25/07 1627207200 Incendio doloso nei cantieri Rizzaro a Nettuno, due auto distrutte
25/07 1627206900 Il Sindaco di Nettuno: “Stima alla Polizia locale, Ranucci sporga denuncia”
25/07 1627200420 Discarica di Albano, don Antonio: Decisione scellerata. Andiamo uniti in piazza
25/07 1627199760 Maturità 2022: già annunciate le date dell'orale e della prova scritta
25/07 1627198260 Prove di carico sul ponte di Ariccia: ecco cosa cambia per auto e pedoni
24/07 1627151760 Il consigliere Ranucci non vota il Bilancio a Nettuno: niente soldi alla cultura

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli