[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ricorso al Tar del Lazio in vista

Velletri, impianto a biogas di Colle san Clemente non piace a cittadini e comune

Nella periferia agricola di Velletri, località Colle San Clemente, a due passi da Cisterna ed Aprilia, potrebbe presto sorgere un impianto biometano per il trattamento dei rifiuti umidi. È stato autorizzato di recente dalla Città Metropolitana di Roma, ma il municipio veliterno ha già preannunciato un ricorso al Tar del Lazio. L'iniziativa industriale è capitanata dalla società Latina Biometano srl che di recente ha polemizzato pubblicamente con quanti, tra cittadini, associazioni e comitati territoriali, si stanno opponendo a tale soluzione, primo tra tutti per l'appunto il municipio guidato dal sindaco, Orlando Pocci. Alla lettera pubblica e aperta della società rispondono ora con una controreplica comitati e le associazioni.

LA RISPOSTA ALLA LETTERA DELLA LATINA BIOMETANO

“Agli agricoltori locali e agli enti interessati non è stata prospettata l’alternativa realmente virtuosa al progetto, ovvero quella del compostaggio solo aerobico che utilizzando le più recenti tecnologie compatibili e avvalendosi di moduli di dimensioni ridotte, si fonda sul recupero integrale di materia anzichè di energia ed esclude qualsiasi emissione da combustione.

-Contestazioni sui punti- 

E’ falso che la digestione anaerobica sia un processo inodore. Se è vero che il digestore è sigillato, è anche vero che Il digestato in uscita non è un prodotto inodore e stabile, lo diventa solo dopo un efficiente compostaggio aerobico. Al contrario è in grado di diffondere in abbondanza sostanze maleodoranti e/o nocive tra cui molecole solforate, ammoniaca, acidi inorganici etc.

Per giunta la società prevede che il digestato liquido (oltre 17mila metri cubi) sarà stoccato in una laguna aperta e il digestato semi solido palabile (quasi 6.000 mc) sarà posto su una superficie pavimentata anch’essa aperta. In queste condizioni è impossibile che non ci siano emissioni maleodoranti. Confermate anche nel parere espresso dalla Asl Roma 6 che cita dati di letteratura. E’ pure dimostrato che diffusioni esterne, benché più contenute, si verificano anche in ambienti condizionati, in particolare all’uscita dei biofiltri dell’aria esausta. Basta poi ascoltare le voci di chi vive o lavora nei dintorni di impianti analoghi.

E’ singolare che Latina Biometano srl. produca “bio”metano da fonte rinnovabile e poi consumi in loco gas fossile non rinnovabile per coprire l’80% degli autoconsumi interni. E’ la dimostrazione di una stortura legale che permette di acquistare il metano a prezzo di mercato e vendere il “bio”metano prodotto a costi superiori perché incentivato. A totale discapito anche del bilancio energetico dell’impianto.

E’ falso che il digestato prodotto sia esente da metalli o elementi potenzialmente nocivi o agenti patogeni. La tecnologia anaerobica comporta sempre la liberazione in fase liquida di metalli altrimenti legati alle macromolecole organiche, riduce gran parte dell’azoto organico in ammoniaca e comporta l’aumento di sali e metalli totali. Questo stravolgimento compositivo, in particolare nel digestato liquido, ha effetti di lungo termine sulle colture dei campi irrorati e sulle falde dove finiscono parte dei nitrati in eccesso prodotti dall’ossidazione dell’azoto ammoniacale.

E’ certo poi che la temperatura di 40°C non garantisca l’assenza di agenti e batteri patogeni. La ricerca ha ben descritto la potenziale, accertata presenza nei digestati, di spore di batteri patogeni tra cui i clostridium, resistenti a condizioni estreme e capaci in forma attiva di produrre neurotossine.

E’ certamente falso che l’impianto si inserisca “in modo virtuoso” nel contesto agricolo locale e non sia fonte di problemi per il territorio. La combustione sul posto di circa 600mila metri cubi di gas metano fossile della Snam per l’autoconsumo, non può essere ritenuta trascurabile dal momento che comporta la diffusione nell’aria di notevoli quantità di sostanze climalteranti e/o nocive, tra cui i famigerati ossidi di azoto.

E’ invece vero che la complessa tecnologia anaerobica e il processo chimico-fisico di purificazione del biogas generano necessariamente molti punti di emissione e nuovi rifiuti.

Il semplice fatto che il biogas grezzo contiene, oltre a metano, varie impurezze, molte delle quali altamente nocive (H2S), comporta che le stesse debbano essere eliminate mediante espulsione diretta in atmosfera, oppure dopo essere state assorbite su carboni attivi che a loro volta diventeranno rifiuti pericolosi.

E’ certo infine che il traffico veicolare di mezzi pesanti in entrata e uscita dal complesso, valutato per difetto in 8.000 l’anno, comporterà un forte e aggiuntivo impatto sulla qualità dell’aria di quella stupenda zona ricca di colture agricole di pregio.

Questa parte della campagna veliterna fornisce svariate produzioni biologiche, DOC, IGT, DOGC che sarebbero inesorabilmente penalizzate e danneggiate dalla presenza di un impianto che, lungi dall’integrarsi nel contesto agricolo, è un vero e proprio complesso chimico industriale. Un pugno nell’occhio. Firmato: Comitato Alternativa Sostenibile, Associazione contro le Nocività, La Spinosa per l'Ambiente, Cittadini residenti Velletri sud”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/04 1618937220 La Corte di Appello di Roma ordina il sequestro delle azioni della Capo d’Anzio
20/04 1618937100 Nettuno, il consigliere Lucia De Zuani annuncia il suo ingresso in Forza Italia
20/04 1618933800 Coronavirus, nella Asl Roma 6 altri 53 positivi e tre decessi. I dati di oggi
20/04 1618929900 Scuola Primaria di borgo San Donato, sopralluogo in cantiere per il sindaco
20/04 1618927560 La grandine imbianca la periferia di Terracina, disagi anche sull'Appia
20/04 1618926900 Inps Pomezia, la medicina legale è salva. Interviene il presidente Tridico
20/04 1618925220 La Virtus Basket Pomezia stende Veroli, Pancrazi: "stiamo diventando gruppo"
20/04 1618922700 50 nuovi contagi e 3 decessi nelle ultime 24 ore in provincia di Latina
20/04 1618922280 Centro vaccinale della Asl di Latina ristrutturato, oggi l'inaugurazione
20/04 1618917840 La balena che si fa accarezzare: avvistata a Ponza e a Sorrento
20/04 1618909680 Undici confezioni di pesce scaduto da oltre un anno: chiuso minimarket ad Albano
20/04 1618907100 Covid 19: a Pomezia +39 casi positivi in una settimana e raggiunge Ardea a 420
20/04 1618906140 Investito un uomo a Lavinio Stazione ad Anzio, accorre l’eliambulanza
20/04 1618905840 Discarica di Albano, i cittadini si appellano al Presidente Sergio Mattarella
20/04 1618902960 Rocca di Papa, nessuna perimetrazione per le sanatorie: l'ira di Equi Diritti
20/04 1618902240 Sale mensa rinnovate e coloratissime per i 110 bambini della scuola Trilussa
20/04 1618899600 Castel Gandolfo, il sindaco Monachesi diventa cittadina onoraria di Crognaleto
20/04 1618899180 Nuovi parcheggi e navette che portano in spiaggia: Latina progetta l'estate
19/04 1618846920 Dirigenti di Meucci e Rosselli: 2 istituti superiori non bastano più ad Aprilia
19/04 1618843140 Carcere, brusca frenata per la vaccinazione di Polizia Penitenziaria e detenuti
19/04 1618842300 Ad Ardea il primo istituto agrario di tutto l'Agro romano? Ora la città ci spera
19/04 1618841880 Coronavirus, altri 116 positivi nella Asl Roma 6. Quattro persone decedute
19/04 1618841460 Asl Latina: 112 casi Covid positivi nelle ultime 24 ore e nessun decesso
19/04 1618835820 Inps Pomezia: medicina legale verso la chiusura. Il caso in Regione e in Senato
19/04 1618835520 Giornata di pulizia Plastic free alle Grotte di Nerone, tanti i rifiuti a riva

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli