[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Successo per la video-assemblea pubblica

Discarica di Albano, 5 comuni pensano ad una Conferenza dei 10 Sindaci di bacino FOTO

<
>
Massimiliano Borelli, sindaco di Albano
Massimiliano Borelli, sindaco di Albano
Mario Savarese, sindaco di Ardea
Mario Savarese, sindaco di Ardea

Presto i 10 comuni ex storici clienti ed utenti della discarica di Albano-Roncigliano (Albano, Ariccia, Genzano, Marino, Castel Gandolfo, Lanuvio, Nemi, Rocca di Papa, Ardea e Pomezia) torneranno a riunirsi attorno ad uno stesso tavolo, probabilmente virtuale vista l'emergenza pandemica in atto, per dare corso ad una nuova 'Conferenza dei Sindaci' interamente dedicata al tema rifiuti, come già avvenuto tante altre volte in passato, per confrontarsi e risolvere insieme un tema tornato decisamente incandescente negli ultimi mesi. Per la precisione dal 27 novembre 2020, ossia dal giorno in cui gli affittuari del monopolista del settore Manlio Cerroni stanno cercando di riavviare l'immondezzaio classe 1979 per costruire al suo interno - tra la buca Zero e il VII invaso, due enormi cloache mai tombate in via definitiva né tanto meno mai bonificate - un 'bio'gas da 120mila tonnellate all'anno di pattume, il 400% in più di quello prodotto ogni anno dallo stesso bacino di municipi, oltreché uno dei più grandi d'Europa. 

Una nuova Conferenza dei 10 sindaci di bacino sul tema rifiuti. È questo l'auspicio lanciato dai 5 comuni (Albano, Ardea, Pomezia, Lanuvio e Nemi) che ieri pomeriggio sabato 13 febbraio hanno presenziato alla video-assemblea pubblica organizzata da varie associazioni e comitati territoriali, tra le quali principalmente 'Salute Ambiente di Albano-Cancelliera', 'Latium Vetus' di Pomezia, 'Italia Nostra sezione Castelli Romani', 'Associazione Italiana Compostaggio-sezione Lazio'. 'Coordinamento dei Comitati di Quartieri di Albano', 'Pontinia Ecologia e Territorio' di Latina, etc.

ALBANO ED ARDEA: "CONFERENZA DEI SINDACI DI BACINO"

Questa strada è stata indicata, senza mezzi termini, da Massimiliano Borelli, nuovo primo cittadino di Albano, che ha innanzitutto dichiarato la sua ferma, totale e assoluta opposizione al riavvio del sito industriale; ma ha anche giustamente parlato di “distretto di Comuni” che si faccia carico della “ricerca collegiale” di una soluzione salubre e sostenibile della gestione del ciclo dei rifiuti. Un discorso, quello di Borelli, sostenuto con forza anche dal collega e sindaco di Ardea, Mario Savarese. Entrambi i sindaci hanno dichiarato di essere pronti ad opporsi con tutte le loro forze al riavvio della discarica, ma hanno anche chiesto che tutti i 10 comuni del bacino si facciano carico della responsabilità di scelte che sono e restano collegiali.

POMEZIA, LANUVIO E NEMI

Stessa indicazione dal comune di Pomezia, intervenuta con Giovanni Mattias, assessore all'Ambiente della Giunta Zuccalà, che ha dichiarato la disponibilità dell'Amministrazione pometina alla partecipazione ad una prossima Conferenza dei Sindaci. L'assessore Mattias ha anche pre-annunciato che gli Uffici tecnici comunali sono sul punto di presentare in Regione le osservazioni tecniche contro il progetto di riavvio del sito di Roncigliano e contro uno dei 'bio'gas più grandi d'Europa. Presente alla video-assemblea pubblica anche il comune di Lanuvio, con l'assessore ai Rifiuti Mario Di Pietro, il quale ha indicato il piccolo-medio compostaggio come soluzione del 'problema umido': anche lui si è dichiarato pronto con il comune di sua competenza a partecipare a una prossima Conferenza di bacino. Infine era presente anche il Municipio di Nemi, con il consigliere delegato Carlo Massa, che ha avviato il Porta a porta con ottimi risultati ed è pronto ad un confronto sul tema.

I CITTADINI SE LA PRENDONO CON L'INGEGNER FLAMINIA TOSINI

I cittadini promotori dell'evento hanno invece sollevato due questioni. Prima: il piccolo-medio compostaggio può e deve essere una soluzione salubre e sostenibile per trattare la maggior parte dei rifiuti umidi che sono e restano composti prevalentemente di acqua che si riduce notevolmente in poche settimane. Seconda: puntato il dito su certe 'strane' autorizzazioni regionali firmate dall'ingegner Flaminia Tosini, responsabile dell'Area Rifiuti del Lazio, e in particolare sull'Autorizzazione n.B3695 del 13 agosto 2009 utilizzata dagli “affittuari di Cerroni”, così definiscono la società Colle Verde, per tentare il riavvio della discarica di Albano-Roncigliano. “L'area vasta limitrofa alla discarica di Roncigliano – ha dichiarato al nostro giornale Amadio Malizia, presidente dell'Associazione Salute e Ambiente - negli ultimi 4 decenni ha già pagato un prezzo igienico-sanitario ed ambientale decisamente troppo alto. È ora di dire basta”. Secondo i cittadini “dal 2 febbraio 2015 fino ad oggi la dottoressa Flaminia Tosini ha ritoccato per 12 volte - così sostengono – l'Autorizzazione Integrata Ambientale n-B-3695 del 13 agosto 2009. Una autorizzazione emessa originariamente dalla Regione per garantire il funzionamento del VII invaso e annesso TMB e ora 'piegata', sempre dalla Regione, ad uso e consumo degli affittuari di Cerroni per garantire il funzionamento di un maxi 'bio'gas da 120mila tonnellate. Per di più - così aggiungono - senza mai confrontarsi con i Comuni del bacino, con la Asl, l'Arpa, la Città Metropolitana, con le associazioni e comitati territoriali che da 13 anni si battono contro il 'sistema Cerroni' e per una gestione sana, salubre e sostenibile del ciclo dei rifiuti”.

Le associazioni e comitati hanno preannunciato una querela penale su tali vicende che verrà resa pubblica nel corso di una nuova video-assemblea pubblica e poi trasmessa, oltreché a tutte le Procure competenti, anche agli Enti: comuni, Asl, Arpa, Città Metropolitana, etc.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15/04 1618503300 Reti di Giustizia: “Sentenza Appia, ecco le motivazioni della condanna”
15/04 1618503180 All’ex comando dei Vigili sorgerà il nuovissimo Museo dello Sbarco di Anzio
15/04 1618502940 1000 firme per chiedere al Comune di Anzio di occuparsi delle strade vicinali
15/04 1618499280 Da carrozzeria a fabbrica di ogive per proiettili: la scoperta ai Castelli
15/04 1618497360 Covid, Latina e provincia: altri 161 casi, due decessi. I dati di tutte le città
15/04 1618496940 Coronavirus, nella Asl Roma 6 altri 184 contagi. Quattro persone decedute
15/04 1618493520 «La città non può subire un'altra stagione di incampacità amministrativa»
15/04 1618490700 Vaccino Astrazeneca sospeso nel Lazio? È una fake news
15/04 1618489680 La Virtus Pomezia Basket vuol tornare a stupire
15/04 1618489500 Elezioni a Latina, il giallo delle due liste con lo stesso nome
15/04 1618487160 Più dosi Astrazeneca negli hub vaccinali della provincia di Latina
15/04 1618475700 Anzio, il consigliere Gatti: “Onorato di rappresentare i Consiglieri di FdI”
15/04 1618475580 Alicandri, Pd Nettuno: “Basta discriminazioni, subito si alla legge Zan”
15/04 1618474500 La Polizia Locale revoca 35 autorizzazioni per posto disabili irregolari
15/04 1618474140 1.300 mascherine anti-Covid irregolari sequestrate dai banchi del mercato
15/04 1618473780 3kg di droga spediti per posta: pacco intercettato all’aeroporto di Ciampino
15/04 1618473420 Fermata auto sportiva con documenti irregolari: a bordo c'era anche uno scooter
15/04 1618471020 Genzano, auto prende fuoco in strada. Donna di Aprilia salvata dai Carabinieri
15/04 1618470180 Allieva pilota "discriminata e umiliata": il caso all'attenzione del parlamento
15/04 1618470180 Castel Gandolfo: “Giunta rinunci a ricorso contro le tutele paesaggistiche”
15/04 1618468980 Arrestato il ladro intenditore di cibo: rubava salmone e formaggi costosi
15/04 1618468680 Latina, sfratto dalla casa del combattente: anche Medici si mobilita
15/04 1618468680 I cittadini di Aprilia potranno chiedere i certificati anagrafici in tabaccheria
15/04 1618468140 Il 'nudino' torna a Latina: il dipinto fu rubato dopo l'armistizio del 1943
15/04 1618467180 Non fu un incidente ma un tentato omicidio: chiesta la condanna a 10 anni

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli