[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

"Discarica non è di nostra competenza"

Albano, la società Colle Verde: "Sostenibilità e dialogo i nostri riferimenti"

Cristiano Cesaro, Amministratore società Colle Verde srl
Cristiano Cesaro, Amministratore società Colle Verde srl

È giunta in redazione una nota della società Colle Verde srl che a novembre scorso ha presentato in Regione un progetto di riattivazione dell'ex impianto di trattamento dei rifiuti indifferenziati situato all'interno della discarica di Albano, che dovrebbe sorgere proprio accanto al VII invaso, nota che pubblichiamo per intero. 

"Vorrei fornire alcune necessarie precisazioni al vs. articolo del 29 gennaio 2021 innanzitutto sul titolo. Procediamo per ordine: Inappropriato il termine “discarica”. Colle Verde non ha alcuna attività in corso sulla discarica che è e rimane esclusa dal proprio perimetro di competenza. L’attività di Colle Verde è unicamente la riconversione dell’Impianto di Albano alle nuove tecnologie sull’Economia Circolare, sulla decarbonizzazione e sulla transizione energetica in ottemperanza alle recenti normative Europee che prevedono ambiziosi e precisi impegni a carico degli stati membri da raggiungersi in un arco temporale relativamente breve. Il progetto di riconversione che Colle Verde sta portando avanti, nel pieno rispetto ed in conformità della definizione delle nuove norme sull’economia circolare non prevede la lavorazione di rifiuto indifferenziato e supera il concetto di discarica.

Titolarità del progetto

Colle Verde è una società a socio unico Cesaro Mac Import di Eraclea (VE), azienda che dal 1985 opera nel settore degli impianti di trattamento e recupero dei rifiuti. Cesaro Mac Import è un’azienda che nel corso degli anni si è distinta e si è fatta conoscere per la propria serietà e correttezza per la validità dei propri prodotti e servizi. Tutte le realizzazioni eseguite nel corso degli anni hanno dimostrato la perfetta integrazione nel territorio ospitante. L’evoluzione tecnologica nel corso degli anni ha reso via via più sicuri e “friendly” questi impianti risolvendo i temuti impatti e superando in questo modo le barriere di diffidenza che come da consuetudine si creano ad ogni nuova iniziativa. Il progetto di riconversione dell’impianto di Albano nasce in totale ed assoluta autonomia da idee, su iniziativa e progetto di Colle Verde. Lo sviluppo del progetto è avvenuto dopo una attenta fase di analisi dei risultati di Raccolta Differenziata ottenuti nell’area dei Castelli Romani, proponendo soluzioni impiantistiche utili alle reali necessità del territorio, saltando a piè pari la ricostruzione del vecchio TMB che se pur possibile, non avrebbe dato la giusta risposta tecnologica alle attuali necessità del territorio. Credo che puntare sulla riconversione dell’impianto di Albano anziché alla ricostruzione nella precedente configurazione (TMB), sia una concreta e tangibile dimostrazione di attenzione e di sensibilità nei confronti del territorio dei Castelli Romani che merita un servizio moderno affidabile ed efficiente. Credo inoltre che questo possa essere concreta dimostrazione che non interessano logiche speculative ma l’obiettivo è quello di lavorare nel rispetto delle norme per il territorio in modo leale serio e corretto e costruttivo.

Biogas o Bio Metano con recupero del CO2 ?

Nell’articolo si parla solo di biogas ma in realtà…..: Il Biogas è composto da 55% di Metano e 45 % di CO2. Nel progetto abbiamo previsto un sistema di filtrazione del Biogas (upgrading) che separerà queste 2 componenti ottenendo Biometano in purezza per autotrazione e CO2 (anidride carbonica) che non sarà disperso in atmosfera ma sarà recuperato ed utilizzato per usi industriali. Non ci sarà combustione di biogas o di biometano. Sulla validità del biometano come valida fonte alternativa su cui puntare in ottica di decarbonizzazione e transizione energetica ed economia circolare, rimando alle indicazioni dell’Unione Europea ed alle sempre più frequenti prese di posizioni di accreditati professionisti di settore e del mondo dell’informazione, tutti responsabilmente impegnati a partecipare all’enorme sforzo che dobbiamo compirete per assicurare un futuro green al nostro Paese !!!

Sul progetto presentato e sulle integrazioni:

come detto nei precedenti articoli, prediligiamo la linea del dialogo, del confronto e dell’ascolto. I pareri ricevuti dagli Enti riportavano alcune riserve sulla realizzazione del nuovo edificio destinato alla linea di selezione e valorizzazione delle frazioni secche provenienti dalla Raccolta Differenziata cioè imballaggi quali ad es. bottiglie di vetro, plastica e lattine e destinate al recupero di materiale. Vorrei qui ribadire che non si trattava di rifiuti indifferenziati e non si sarebbero prodotte “ecoballe”!!!!!

Abbiamo valutato di soprassedere a questa sezione d’impianto. La rinuncia a questa parte di impianto è per noi un grande sacrificio. Questa sezione avrebbe completato un quadro tecnologico di assoluto livello dato risposta a 360° alle frazioni raccolte in modo differenziato nell’Area dei Castelli Romani.

Antiincendio

La pratica dei vigili del fuoco prevede una doppia verifica: preventiva in fase progettuale e successiva di verifica della conformità del progetto e di eventuali prescrizioni. Recentemente la normativa di riferimento applicabile agli impianti di trattamento dei rifiuti è stata aggiornata e resa ancora più stringente. Posso dunque rassicurare che al di la di meri errori di battitura, la sostanza fa riferimento a normative e procedure precise e ben definite.

I benefici e le iniziative di Colle Verde.

Si parla troppo poco o nulla dei benefici e degli aspetti positivi di questo impianto. Provo a citarne solo alcuni: tecnologia moderna ed efficiente, elevati presidi ambientali a tutela della salute pubblica e dell’ambiente, produzione di Biometano, recupero del CO2, nuova occupazione, produzione di compost e di fertilizzante di elevata qualità.

Vorrei qui oggi soffermarmi a parlare di agricoltura. Con il compost ed il fertilizzante prodotto dall’impianto, siamo in grado di restituire sostanza organica ai terreni (la stessa che preleviamo da anni attraverso i raccolti tentando di rimediare con i concimi chimici), e di elevare così la lo stato di salute dei suoli e la resilienza delle piante. Seguendo l’esperienza di quanto già avviene presso l’impianto di Trento, attiveremo delle collaborazioni con le Università e gli Istituti Agrari affinché l’impiego agronomico del Compost e dei Fertilizzanti prodotti dall’impianto, sia monitorato assicurando in questo modo il controllo dello stato di salute dei terreni e delle piante. Si tratta di un modo totalmente nuovo di pensare, immaginare, progettare e realizzare gli impianti di Recupero dei nostri scarti in ottica moderna, green, e sostenibile. Con la consapevolezza e la responsabilità che i risultati intendiamo raggiungere valgono sicuramente gli enormi sforzi che stiamo compiendo, vorrei ricordare alla popolazione che questo è un percorso che si può fare assieme in modo inclusivo attraverso il costruttivo confronto. Rinnovo la mia disponibilità in questa direzione".

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15/04 1618503300 Reti di Giustizia: “Sentenza Appia, ecco le motivazioni della condanna”
15/04 1618503180 All’ex comando dei Vigili sorgerà il nuovissimo Museo dello Sbarco di Anzio
15/04 1618502940 1000 firme per chiedere al Comune di Anzio di occuparsi delle strade vicinali
15/04 1618499280 Da carrozzeria a fabbrica di ogive per proiettili: la scoperta ai Castelli
15/04 1618497360 Covid, Latina e provincia: altri 161 casi, due decessi. I dati di tutte le città
15/04 1618496940 Coronavirus, nella Asl Roma 6 altri 184 contagi. Quattro persone decedute
15/04 1618493520 «La città non può subire un'altra stagione di incampacità amministrativa»
15/04 1618490700 Vaccino Astrazeneca sospeso nel Lazio? È una fake news
15/04 1618489680 La Virtus Pomezia Basket vuol tornare a stupire
15/04 1618489500 Elezioni a Latina, il giallo delle due liste con lo stesso nome
15/04 1618487160 Più dosi Astrazeneca negli hub vaccinali della provincia di Latina
15/04 1618475700 Anzio, il consigliere Gatti: “Onorato di rappresentare i Consiglieri di FdI”
15/04 1618475580 Alicandri, Pd Nettuno: “Basta discriminazioni, subito si alla legge Zan”
15/04 1618474500 La Polizia Locale revoca 35 autorizzazioni per posto disabili irregolari
15/04 1618474140 1.300 mascherine anti-Covid irregolari sequestrate dai banchi del mercato
15/04 1618473780 3kg di droga spediti per posta: pacco intercettato all’aeroporto di Ciampino
15/04 1618473420 Fermata auto sportiva con documenti irregolari: a bordo c'era anche uno scooter
15/04 1618471020 Genzano, auto prende fuoco in strada. Donna di Aprilia salvata dai Carabinieri
15/04 1618470180 Allieva pilota "discriminata e umiliata": il caso all'attenzione del parlamento
15/04 1618470180 Castel Gandolfo: “Giunta rinunci a ricorso contro le tutele paesaggistiche”
15/04 1618468980 Arrestato il ladro intenditore di cibo: rubava salmone e formaggi costosi
15/04 1618468680 Latina, sfratto dalla casa del combattente: anche Medici si mobilita
15/04 1618468680 I cittadini di Aprilia potranno chiedere i certificati anagrafici in tabaccheria
15/04 1618468140 Il 'nudino' torna a Latina: il dipinto fu rubato dopo l'armistizio del 1943
15/04 1618467180 Non fu un incidente ma un tentato omicidio: chiesta la condanna a 10 anni

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli