[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Il Comune chiede chiarezza all'Inapp

Albano, villa Doria: la Soprintendenza Archeologica 'blinda' l’ex Isfol

Uno scorcio interno dell'ex Isfol di Albano
Uno scorcio interno dell'ex Isfol di Albano

L’area di Albano situata a ridosso di villa Doria su cui sorge l’ex Isfol è particolarmente importante dal punto di vista paesaggistico ed archeologico, per questo l’immobile e il terreno circostante sono tutelati con quello che in gergo tecnico viene chiamato ‘vincolo d’ambito’ archeologico-paesaggistico previsto dal Piano edilizio regionale del 2007, oltreché da un ulteriore vincolo ministeriale risalente agli anni ‘50. Per tale ragione, qualsiasi nuovo e futuro progetto che riguarderà l’immobile dovrà essere approvato con un parere preventivo ed esplicito dalla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma. In buona sostanza, è quanto hanno sostenuto le due funzionarie della stessa Soprintendenza, la dottoressa Simona Carosi e l’architetta Claudia Castagnoli, nel corso della seduta della Commissione Urbanistica comunale urgente che si è tenuta in modalità telematica causa Covid nella giornata di ieri, giovedì 10 dicembre, interamente dedicata all’ex Isfol. La Commissione è in carica dallo scorso 23 novembre ed è composta dai consiglieri: Marco Alteri (presidente), Nicola Marini (ex sindaco per 10 anni, attuale presidente del consiglio), Salvatore Tedone, Simone Fazio, Matteo Santilli, Romeo Giorgi (vice presidente), Massimo Ferrarini e Giovambattista Cascella. Ma erano presenti alla seduta anche numerosi altri consiglieri, a dimostrazione che la vicenda, almeno da un punto di vista politico, sta tenendo banco nell’area vasta dei Castelli Romani e non solo ad Albano.

“SOLO MANUTENZIONE, NO AMPLIAMENTI”

Parliamo del grosso complesso immobiliare situato all’interno della villa comunale, a due passi dalla centralissima piazza Mazzini, che negli anni ‘70 costituiva un centro di avviamento al lavoro, una sorta di scuola di formazione pubblica di proprietà ministeriale, e da un vasto appezzamento di terreno circostante. Immobile e terreno sono attualmente di proprietà dell’Inapp (l’Istituto Nazionale per le Analisi delle Politiche Pubbliche), una costola del Ministero del Lavoro, nelle mani della ministra grillina Nunzia Catalfo. Le funzionarie pubbliche, Carosi e Castagnoli, nel corso della seduta della Commissione Urbanistica - durata circa due ore - hanno sostenuto, in soldoni, che i vincoli esistenti su immobile e terreno permettono di eseguire sull’ex Isfol solo la manutenzione ordinaria e straordinaria, o il suo il restauro e/o risanamento conservativo, ma nessun ampliamento. Parole, le loro, che hanno messo una sorta di pietra tombale sugli interessi cementizi di più di qualche imprenditore privato del settore. Difatti, all’Inapp e al comune di Albano, da mesi si vocifera che vi sarebbe un imprenditore edilizio, legato a politici e amministratori in carica ed ex, interessato ad abbattere l’immobile e a costruire al suo posto villette di lusso, visto che in quella stessa zona ve ne sono già diverse, alcune delle quali tra l’altro mai ultimate per motivi ignoti.

"INAPP SIA TRASPARENTE"

Più voci - tra tutte quella del presidente Marco Alteri - hanno stigmatizzato l’assoluta mancanza di trasparenza e chiarezza da parte di Inapp. L’immobile e l’area circostante sono ricompresi in un vincolo particolarmente forte che non permette ampliamenti, cambi di destinazione d’uso a residenziale od altro. Inoltre l’Inapp, nei suoi due velocissimi bandi di s-vendita dell’immobile che si concluderanno in via definitiva il prossimo 16 dicembre, non avrebbe sottolineato compiutamente l’esistenza di tale vincolistica e soprattutto l’impossibilità di strani ampliamenti. Tra l’altro, l’ex Isfol verrebbe ceduto a meno della metà del prezzo di mercato, l’Inapp nel 2017, valutava l’immobile una cifra decisamente più alta, così riportano documenti ufficiali della stessa Inapp.

CRITICI NARDI E CASCELLA

Critici, in Commissione, anche due consiglieri comunali di minoranza. Giovambattista Cascella (Lega), che ha attaccato l’Inapp sostenendo, in sostanza, che l’Ente pubblico avrebbe dovuto, prima di mettere in s-vendita l’immobile, chiedere conto dei vincoli esistenti sull’area al Comune di Albano, alla Regione e alla stessa Soprintendenza Archeologica. Nardi (M5S) ha puntato il dito sul rischio che i vincoli vengano aggirati. Le funzionarie della Soprintendenza sono state chiare e gli hanno risposto aprendo un interrogativo: “Oggi no ma è successo già varie volte che i vincoli siano stati aggirati.....”. Nardi ha aggiunto inoltre che "la mancanza di una interlocuzione auspicabile tra INAPP, Ministero del Lavoro ed Ente Locale, alla quale si aggiunge la nebulosità di una procedura frettolosa e non vincolata da un indirizzo progettuale strategico, espone il nostro territorio al rischio di possibili ulteriori speculazioni. Un’occasione persa inoltre, anche in virtù delle opportunità  future, connesse al piano di investimenti Next Generation EU, che avrebbero potuto rappresentare un possibile inquadramento dell’immobile quale centro formativo multidisciplinare per il turismo e l’accoglienza, così necessari per il rilancio dei Castelli Romani". La seduta della Commissione è stata segnata anche dal confronto aperto, senza peli sulla lingua, tra Nicola Marini, sindaco di Albano dal 2010 al 2020 ed oggi presidente del Consiglio, e le due funzionarie della Soprintendenza, Castagnoli e Carosi. Secondo l’attuale presidente del Consiglio Marini difatti “in quella zona (riferendosi all’area circostante villa Doria), di costruzioni ne sono state fatte diverse, in diversi momenti”.

LA NOTA DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE URBANISTICA

“Per Benedetto Croce – scrive sui social il presidente della Commissione Urbanistica comunale, Marco Alteri, in una nota concertata con il sindaco, Massimiliano Borelli - il paesaggio era l’identità spirituale di una comunità, e distruggerlo o degradarlo significava distruggere lo stesso spirito di quella comunità, perdendone il rapporto con i propri luoghi, sradicandone le radici storiche e culturali. Il paesaggio agricolo e naturalistico dei Castelli Romani rappresenta il patrimonio che caratterizza e rende unico il nostro territorio, e se opportunamente tutelato e valorizzato può fornire lavoro e opportunità. I vincoli sono uno degli strumenti previsti dalla Costituzione per tutelare la principale ricchezza della Nazione: il nostro Paesaggio rende il brand Italia appetibile nel mondo. Il 10 dicembre la Commissione Urbanistica del Comune di Albano Laziale ha avuto l’opportunità di approfondire il tema con le referenti della Soprintendenza, per conoscere i vincoli di Villa Doria e dell’area circostante, principale area verde del centro storico. Il parco Comunale è infatti tutelato da un vincolo monumentale e paesaggistico, mentre tutta l’area verde che si estende fino a via Vascarelle è interessata da un vincolo paesaggistico, che limita dal 2007 ogni eventuale utilizzazione residenziale. Una discussione utile a comprendere come mettere l’ex Isfol definitivamente al riparo da eventuali speculazioni, sulle quali abbiamo già espresso la nostra contrarietà. Sarebbe opportuno quindi che l’ente proprietario chiarisca preventivamente con le istituzioni preposte la destinazione urbanistica, fornendo certezze ai potenziali acquirenti che potrebbero quindi partecipare con progetti sostenibili e realizzabili, avendo chiari i limiti dei vincoli previsti sull’area. In questo modo Albano recupererebbe un’area di grandissimo pregio, abbandonata da oltre 30 anni”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
04/03 1614877200 Sabaudia: ignoti appiccano il fuoco alla terrazza dell'ex stabilimento militare
04/03 1614874620 Covid: Castelli, Pomezia, Ardea, Anzio e Nettuno di nuovo sopra i 200 casi
04/03 1614874260 Impennata di casi Covid a Latina e provincia: dati a due cifre in 7 città
04/03 1614871260 Lo stilista di Nettuno Piccioli disegna outfit esclusivi dei cantanti a Sanremo
04/03 1614871200 Vandali nella notte sfondano i vetri delle auto in sosta a Nettuno per rubare
04/03 1614871020 Kit da scasso nell’auto, i carabinieri di Roma denunciano una 32enne di Anzio
04/03 1614866820 125 mln da Anas alla provincia di Latina: lavori al manto stradale della Pontina
04/03 1614866760 Assunzioni nell'ufficio Tributi di Pomezia: ecco come candidarsi alla prova
04/03 1614863520 Il parco del Circeo 'cede' i daini, più tempo per chi vuole presentare domanda
04/03 1614862620 A bordo dell'auto di lusso, col coltello nascosto nella giacca: scoperto
04/03 1614860820 Genzano: nuove panchine all’Olmata per una passeggiata sempre più fruibile
04/03 1614860580 Il surf migliore si fa sul litorale romano: il Financial Times incorona il Lazio
04/03 1614855900 Terza Ondata Covid-19: convenzione tamponi per tutta la cittadinanza di Nemi
04/03 1614855900 Controlli dei Nas in provincia di Roma: multati per 4.000 € i titolari di 2 bar
04/03 1614855120 La denuncia: gli operatori sanitari psichiatrici non sono stati vaccinati
04/03 1614852960 La senatrice Fattori: "Sistema sanitario come contenitore di nomine e clientele"
04/03 1614852540 In fuga dai Carabinieri, causa grave incidente sulla via Nettunense: arrestato
04/03 1614849720 Gionchetto, scuola chiusa da gennaio. Il Comune: indagine lunga e complessa
04/03 1614847020 Indagine al Comune di Ardea, sequestrati atti sulla famiglia di un consigliere
04/03 1614845040 Omicidio Willy, giudizio immediato (con sconto di pena) per i quattro imputati
04/03 1614844680 Il tar "indaga" sul progetto immobiliare alla ex fabbrica di laterizi a Pomezia
04/03 1614844080 Discarica di Albano, cittadini in flash-mob sotto la Regione contro il riavvio
04/03 1614842700 Elezioni verso il rinvio per Covid: ecco le nuove date in cui si andrà a votare
03/03 1614804780 Anzio, Capolei: “Presto i lavori di per gli alloggi in Piazza della Pace”
03/03 1614793740 Chiude in casa i genitori anziani e si scaglia contro i poliziotti. Arrestato

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli