[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Sciolte le riserve. Ma niente primarie

Coletta dice sì al secondo mandato da sindaco di Latina (e apre ai partiti)

Il primo ottobre Latina Bene Comune, il movimento politico che amministra Latina dal 2016, aveva votato all'unanimità la proposta di candidare Damiano Coletta per un secondo mandato da sindaco. Coletta ora ha sciolto le riserve. «Mi sono riservato di fare una serie di valutazioni, sia personali e professionali che politiche – spiega – sono stato in aspettativa dal mio lavoro, il Comune di Latina richiede una disponibilità h24. So che devo valutare la mia capacità di dare il cento per cento. Ho ritenuto a questo punto di esserci e do la possibilità di ricandidarmi per un secondo mandato».

«DELINEATO UN CAMPO DI VALORI»

«Credo che nella nostra esperienza politica sia stato delineato un campo di valori quali la partecipazione, la trasparenza, la legalità – aggiunge –. Tutti valori che sono stati sdoganati nella nostra città. Arrivare a sviluppare un senso di comunità coesa e partecipe ci ha fatto uscire da un sistema clientelare. Ma non si governa solo con la legalità. In un momento come questo, c'è bisogno di fatti concreti».

 

APERTO IL DIALOGO CON I PARTITI

Coletta è stato contestato da una frangia di manifestanti durante un sit in in piazza del Popolo organizzato dai ristoratori danneggiati dall'ultimo Dpcm. «Quell'infiltrazione di piazza va in qualche modo presa in considerazione, ma credo che si debba rispondere con valori solidi di democrazia, in un momento di grande tensione sociale che stiamo vivendo. Nel 2016 Lbc è sembrata quasi un'aliena, ha fatto un percorso autonomo che ci ha consentito di presentarci senza accordi di partito. Era ciò che la gente si aspettava che accadesse. Questa esperienza sta arrivando al compimento del mandato mantenendo fede ai valori del civismo. Ora è arrivato il momento di aprirsi ad altri partiti. Ci deve essere dialogo con quei partiti che hanno preso le distanze da coloro che hanno amministrato precedentemente. Il dialogo coi M5S e Pd e tutte le forze moderate rappresenta una sfida che va vinta con tutte le energie responsabili della nostra città, per sconfiggere strumentalizzazioni, irresponsabilità, ignoranza».

«FATTI ERRORI, MA ANCHE TANTE COSE»

«Con umiltà vanno anche ammessi gli errori, ma sono errori fatti non con dolo e la comunità lo capirà – ammette Coletta – Ho cercato di essere sempre raggiungibile dai cittadini. Forse è mancata la capacità di spiegare certe scelte o spingere su certe scelte. Abbiamo raggiunto l'accordo quadro per la gestione del verde, questo ci consentirà di avere uno sfalcio puntuale grazie allo stanziamento di 1,7 milioni in due anni. Ci abbiamo messo un po' troppo tempo, una responsabilità sia amministrativa che politica. Le scelte pesanti che abbiamo fatto con l'azienda Abc, che ci ha consentito di salvare circa 200 posti di lavoro, e l'imminente avvio del porta a porta, la definizione sul porto canale di Rio Martino, la gestione del cimitero, la piscina comunale, sono tutte azioni importanti che stanno arrivando a compimento, ma sono passati quattro anni. Alla gente interessa forse poco, gli interessano le cose realizzate ma va ricordato che abbiamo pagato 18 milioni di euro di debiti fuori bilancio come eredità di mala amministrazioni. Avrei dovuto anticipare qualche scelta, vedi strade, sulle quali abbiamo investito complessivamente 6,6 milioni di euro, e pubblica illuminazione, che è stata rivoluzionata con la sostituzione finora di 8.500 punti luce, mentre altri 5.500 saranno sostituiti entro fine mandato. Ma ce ne sono tante altre di operazioni concrete da raccontare: un nuovo modo di concepire la mobilità urbana con il rinnovato servizio di trasporto pubblico locale, il car sharing elettrico e la micromobilità in sharing; 27 patti di collaborazione firmati con cittadini e associazione per la cura condivisa di spazi e beni comuni; la riqualificazione, tra parchi e scuole, di 25 aree giochi. E poi l’alta diagnostica al Goretti di cui stiamo enormemente beneficiando in questa pandemia e l’istituzione del corso di laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche della Sapienza, un’operazione per la quale mi sono speso in prima persona ritenendola cruciale per i nostri giovani e per lo sviluppo del territorio, che è il secondo polo chimico-farmaceutico italiano. È questa la rivoluzione della normalità che ha determinato il vero cambio del libro».».

«NO ALLE PRIMARIE»

Oggi Damiano Coletta si definisce «un sindaco diverso» da quello del 2016: «Ho acquisito esperienza e ho studiato, così come c'è una classe dirigente nuova. Abbiamo messo le fondamenta di un metodo che garantisse parità di trattamento per i cittadini, adesso si può iniziare a costruire».

Un percorso politico che nel corso degli anni ha avuto defezioni o avvicinamenti di consiglieri ad altri partiti. «Latina Bene Comune è un movimento – spiega il sindaco – e ognuno ha libertà di scelta. Va riconosciuta la coerenza di essere arrivati alla fine così come si era partiti. Ma la politica non è un monolite e ci si deve adattare all'evoluzione e alla storia di questa città. Il libro è stato cambiato in maniera netta, abbiamo spalato tanto fango, ma il dialogo sarà con coloro che sono all'interno di un campo di valori ben delineato. Chi pensa alla politica delle poltrone è distante da noi». Un punto resta fermo: «Dico no alle primarie», conclude il sindaco di Latina. «Sono convinto che il sindaco uscente debba amministrare per un secondo mandato, per portare a compimento quanto iniziato».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
09:49 1606207740 Covid: Rocca di Papa piange la scomparsa della maestra d'infanzia Anna Conelli
09:33 1606206780 Banda di usurai attiva ai Castelli: in arresto 3 persone. Sequestrati 85mila €
09:25 1606206300 Lavori sulla torre civica di Latina: la messa in sicurezza è completata
08:51 1606204260 3 vaccini contro il Covid19, ma bisogna attendere l'autorizzazione definitiva
08:26 1606202760 Dopo l'incidente fuggono lasciando in strada l'auto (rubata) e la refurtiva
08:24 1606202640 Abc, cambia il Cda: Giorgi diventa presidente al posto di De Stefano
08:11 1606201860 25 novembre, Cisterna ricorda le sue vittime sulla scalinata degli angeli
23/11 1606152360 Il Consiglio di Anzio solidale con la Giannino prende le distanze dalla ‘mafia’
23/11 1606150680 Kart: Valerio Rinicella punta a un nuovo obiettivo: la WSK OPEN CUP
23/11 1606148640 Parte da oggi il servizio "Cartella clinica online" della Asl Rm6
23/11 1606148400 Asl Rm6: 245 casi positivi di Covid19 nelle ultime 24h, 8 i decessi
23/11 1606148220 Castel Gandolfo: segnalati disservizi per i visitatori del lago nel weekend
23/11 1606147680 Scippa un'anziana e ruba il monopattino a un bambino: arrestato dalla Polizia
23/11 1606147500 Lettera dell'Associazione "Ponte Donna" sul sostegno alle donne in difficoltà
23/11 1606146480 Covid, Asl Latina ancora sopra i 250 nuovi casi. Decessi a Latina e Terracina
23/11 1606145880 Ardea, il centrodestra unito: «Il Pd è uscito allo scoperto, sta in maggioranza»
23/11 1606144020 Torvaianica nord «drammaticamente trascurata», Mengozzi (Pd) sollecita la giunta
23/11 1606143660 Marino: da oggi ritorna la sosta a pagamento in centro e nelle frazioni
23/11 1606140360 Il Consiglio di Stato accoglie le istanze del sindaco: riapre il S. Raffaele
23/11 1606140120 1820- 2020: Castel Gandolfo celebra i 200 anni della prima cassetta postale
23/11 1606140120 Dimessa dal reparto Covid, regala panettoni agli infermieri: «Grazie ragazzi»
23/11 1606138560 Vaccino anti-Covid, il ministro della Salute: «Notizie incoraggianti da Oxford»
23/11 1606137900 Latina XMas Competition: c'è tempo fino al primo dicembre per aderire
23/11 1606137840 Rifiuti in provincia di Latina, Pernarella (M5S) attacca su La Cogna e Montello
23/11 1606136940 Dichiarano di fare i tamponi a 22 euro, ma chiedono di più: scoperti dai Nas

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli