[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina, insieme a 3 esponenti Di Silvio

A processo l'ex consigliera regionale e l'ex marito accusati di estorsione

Al via il processo per l’ex consigliera regionale di centrodestra Gina Cetrone, l’ex marito Umperto Pagliaroli, e tre esponenti del clan Di Silvio, Armando Lallà, ritenuto dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma a capo di un’associazione per delinquere di stampo mafioso, e i figli Gianluca e Samuele. Il Tribunale di Latina ha ammesso le prove e le liste dei testimoni del pm Luigia Spinelli e delle difese. I giudici hanno inoltre accolto la costituzione di parte civile dell'associazione antimafia Caponnetto e rinviato poi l'udienza al prossimo 2 ottobre per conferire a un perito l'incarico di trascrivere le intercettazioni telefoniche. Gli imputati erano stati arrestati a gennaio dalla Mobile. Secondo l'Antimafia, l’imprenditrice di Sonnino ed ex consigliera regionale e l’ex marito avrebbero ingaggiato i Di Silvio per compiere estorsioni nei confronti di imprenditori da cui dovevano riscuotere del denaro o per farsi largo nel mercato e per gestire la campagna elettorale del 2016 per il rinnovo del consiglio comunale a Terracina, in cui era candidata anche la Cetrone. Il collaboratore di giustizia Agostino Riccardo ha sostenuto che l’esponente del centrodestra arrestata, da cui i Di Silvio avevano “preso l’appalto” per la campagna elettorale a Terracina, già conosceva il clan “anche in relazione alle precedenti campagne elettorali di Maietta e Di Giorgi” nel capoluogo pontino. Dichiarazioni che, anche secondo il Tribunale del Riesame, avrebbero trovato “diversi riscontri”. A pesare inoltre le dichiarazioni di un altro collaboratore di giustizia, Renato Pugliese, figlio del boss Costantino Cha Cha Di Silvio, a sua volta ritenuto attendibile, il quale ha riferito ai magistrati: “Gestire la campagna della Cetrone significava avere soldi sia per i manifesti sia per acquistare i voti”. Ancora: “Gina era pressante e anche il marito Umberto, quindi dovevamo renderla visibile e se vedeva i manifesti di Procaccini da qualche parte si innervosiva”. Altre conferme alle ipotesi investigative, secondo la Dda di Roma, sono poi arrivate da una serie di intercettazioni, che smentirebbero le giustificazioni fornite dalla ex consigliera regionale nell’interrogatorio a cui è stata sottoposta dal gip dopo il suo arresto. Tra l’esponente del centrodestra e il clan vi sarebbe una “vecchia amicizia”, tanto che l’Antimafia ha recuperato messaggi Facebook tra la Cetrone e Riccardo risalenti al dicembre 2014. E la Cetrone sembra si stesse preparando anche per le regionali del 2018, dicendo a Riccardo: “Ci sono anche le regionali in vista Agostino”. A 24 ore dall'inizio del processo, in un post su Facebook, la Cetrone ha però scritto: “Dannosissima è l'ingiustizia, che ha mezzi per nuocere.” (Aristotele). Falcone e Borsellino sono nel mito perché hanno vinto i processi contro la Mafia ... Io e chissà quante altre persone innocenti in Italia, ci troviamo di fronte ad indagini di ordine terzo che usurpano il lemma "Mafia". Noi qui, invece, ci troviamo di fronte a soggetti che su tale usurpazione vogliono fare carriera passando sui corpi di persone innocenti! Noi qui, invece, ci troviamo di fronte a persone che ritengono di aver fatto un buon lavoro soltanto perché hanno concluso le indagini. È ora di dire basta! I cittadini hanno bisogno di essere informati principalmente sulle topiche di taluni Magistrati e di taluni investigatori: troppo spesso si incensano tali Magistrati e tali investigatori, ma soltanto alla fine delle indagini. È sbagliato. Occorre attendere la fine del processo". 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
29/09 1601409720 Caso covid all’Innocenzo XXII, nessuno avverte gli insegnanti: la denuncia
29/09 1601395080 Question time sulle scuole, l’assessore Ludovisi: “Oltre 200 interventi”
29/09 1601395020 Via dello Scopone a Nettuno dissestata, un cittadino: “Si rischia di morire”
29/09 1601394900 Forte inquinamento ai Marinaretti, prorogato il divieto di balneazione
29/09 1601392080 Covid, 19 nuovi casi a Latina e provincia. Deceduto un paziente di Cori
29/09 1601391180 37 casi positivi nella Asl Rm6: due casi di rientro da Sardegna e Toscana
29/09 1601390580 La Sagra dell'Uva di Marino quest'anno non si fa, ma gli eventi non mancheranno
29/09 1601390100 Controlli serrati durante la movida di Frascati: verificate oltre 20 attività
29/09 1601385900 Cisterna, due casi Covid: in quarantena classe della primaria e parte del nido
29/09 1601385840 39 casi positivi a Rocca di Papa: presidio di Polizia alla casa di riposo
29/09 1601385540 Giovane imprenditore dei Castelli vince l'Oscar Green per il vino biologico
29/09 1601384820 Cava dei Selci avrà una nuova scuola: il video del progetto da 1.600.000 €
29/09 1601384400 Chiude tratto di strada della via Appia Nord per abbattimento alberi
29/09 1601377200 Furto di una bici elettrica da 650 euro: denunciato per ricettazione un 38enne
29/09 1601377140 Forza il blocca sterzo di scooter per rubarlo, colto sul fatto dai Carabinieri
29/09 1601374380 A Velletri attivato lo Sportello del lavoro: presentato il nuovo progetto
29/09 1601373360 Quadro ispirato al lavoro di medici e infermieri donato all'ospedale di Velletri
29/09 1601372880 Genzano, partecipazione all'incontro sulla preservazione del territorio
29/09 1601372460 Genzano: maestre positive al covid19, chiuso l'asilo nido comunale
29/09 1601372460 Tor San Lorenzo, nell'istituto Ardea 2 lezioni sospese fino a data da destinarsi
29/09 1601371680 Omicidio sul lungomare di Ardea: imputato condannato a 16 anni di carcere
29/09 1601368980 Infermiere di farmacia a Sezze: ecco come funziona il progetto
29/09 1601368800 Albano: in classe col progetto "Entrata Veloce e Sicura" ideato dai genitori
29/09 1601367660 Ariccia: da giorni una perdita idrica su via Perlatura, ma nessuno interviene
29/09 1601366880 Sermoneta, i consiglieri rinunciano al gettone di presenza: andrà al sociale

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli