[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Segnalato dall'Archeoclub Colli Albani

Spunta la pergola abusiva nel Barco Colonna a Marino: rimossa dopo la denuncia

Lo scorso 28 agosto è stata installata all’interno del Barco Colonna a Marino, a qualche decina di metri dal portale d’ingresso commissionato da Ascanio Colonna a fine ‘500, una massiccia pergola in legno. Il Barco Colonna oltre a essere un luogo ad alto interesse artistico e naturalistico, è un’area naturale protetta di competenza del Parco Regionale dei Castelli Romani.

«Per eventuali interventi è necessario richiedere regolare nulla osta come previsto dell’art.12 delle Norme Tecniche di Attuazione dell’Ente Parco – spiega l’Archeoclub Colli Albani –. Dopo aver verificato che all’interno dell’Albo pretorio del Parco Regionale dei Castelli Romani non fosse stato rilasciato alcun nulla osta al Comune di Marino, abbiamo prontamente segnalato l’abuso e oggi, fortunatamente, questa discutibile copertura in legno è stata rimossa».

IL BARCO COLONNA

Il Barco Colonna è un luogo sacro e molto caro ai marinesi. Luogo mitico dei popoli latini, dove 3.000 anni fa i capi delle città latine si riunivano in assemblea per festeggiare le feriae latinae , tra il 1599 e il 1606 il cardinale Ascanio Colonna commissionò all’architetto Girolamo Rainaldi la sistemazione del Barco come riserva naturale e di caccia. Furono introdotti nella forra selvaggia alcuni manufatti artistici e architettonici rispondenti a un linguaggio colto e raffinato di indirizzo manieristico e barocco, di cui oggi restano soltanto opere sparse. Raro esempio di bosco misto nell’area dei Castelli Romani, nel 1927 venne rinominato Parco della Rimembranza. A 100 metri dopo il portale d’ingresso fu apposta una lapide commemorativa con su inciso “Dulce et decorum est/ pro patria mori”, in memoria dei 120 caduti marinesi durante la Prima guerra mondiale, in ricordo dei quali furono piantati 120 alberi di cui oggi non rimane traccia.

Nella sua lunga vita il Barco, conosciuto dai marinesi come “barcone”, ne ha viste e vissute tante. Nel 1944 il Commissario prefettizio puntò alla vendita di legname per rimpinguare le casse comunali, ma Zaccaria Negroni riuscì a salvare il Barco dal disboscamento. Nonostante gli sforzi, negli anni ’80, per far passare i mezzi pesanti necessari alla costruzione della cabina idrica, la cui mole di cemento campeggia all’interno, furono buttati giù 120 alberi piantati in memoria dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Nel corso dei secoli molte delle statue cinquecentesche andarono perse o furono trafugate. Spesso lasciato in stato di abbandono, è stato utilizzato come discarica e come fognatura a cielo aperto dalle costruzioni abusive che lo circondano. Nonostante ciò, a oggi il Barco sopravvive grazie al lavoro del Parco Regionale dei Castelli Romani e soprattutto alla buona volontà di cittadini virtuosi che se ne prendono cura.

IL COMMENTO

«Consapevoli che è dalla storia che dobbiamo imparare per non commettere gli stessi errori, è nostro dovere ribadire che la valorizzazione dei luoghi passa attraverso la conoscenza degli stessi», spiega la presidente dell’Archeoclub Colli Albani Fabiana Giansanti. «Preservare un sito non vuol dire realizzare ex novo manufatti e fabbricati, ma piuttosto esaltare e mettere al centro dell’attenzione le qualità e la bellezza che già esiste ed è alla portata di tutti. Non tutte le aree verdi sono destinate a diventare aree giochi o aree picnic, ci sono posti, e il Barco è uno di questi».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
07/03 1615134360 Covid, a Latina e provincia altri 151 contagi. Due morti, tra cui un 31enne
07/03 1615131780 Lanuvio, alunno positivo al Covid: sospeso scuolabus del centro urbano
07/03 1615126260 Covid 19, nella Asl Roma 6 altri 122 contagi. Il bollettino di oggi
07/03 1615124580 8 marzo, le iniziative del Comune di Lanuvio per la festa della donna
07/03 1615124340 Vaccino anti Covid: nel Lazio stop alle prenotazioni per i nati nel 1956-1957
07/03 1615112940 Genzano, il percorso dell'imbrattamento: cittadina deturpata dalla volgarità
07/03 1615112040 L’attore di Baby Riccardo Mandolini a spasso per Anzio, le foto con i fans
07/03 1615111920 Raccolti rifiuti di ogni genere a Lido dei Pini, assurda inciviltà delle persone
07/03 1615109700 Covid, nel Lazio da metà marzo il certificato per i cittadini vaccinati
06/03 1615056900 Genzano, inaugurata stamattina nuova sede del centro servizi e caf della Confael
06/03 1615049880 Coronavirus, anche oggi 148 nuovi casi e due decessi in provincia di Latina
06/03 1615048920 Castelli-Litorale: via ai vaccini in studi medici di base, tante le difficoltà
06/03 1615047240 Nuove rassicurazioni sul sottopasso di Casello 45: «Manca poco all'apertura»
06/03 1615044900 Bibite e caffè servite al banco dopo le 18, carabinieri chiudono bar di Ariccia
06/03 1615030140 Tamponamento sulla Pontina all'altezza di Pomezia, traffico verso la Capitale
06/03 1615027680 Andrea Agresti delle Iene a Corso Italia per aiutare le famiglie sfrattate
06/03 1615027560 Al via i lavori al parcheggione di Nettuno, variante da un milione di euro
06/03 1615027440 Edoardo Leo gira un film ad Anzio e Nettuno, riprese anche di notte dal 9 marzo
06/03 1615023120 Sanremo, doppio premio per Wrongonyou: l'artista ringrazia la sua Grottaferrata
06/03 1615021020 Coronavirus: Aprilia sorvegliata speciale, ma per ora i parchi restano aperti
06/03 1615019460 Carabinieri, 11° corso triennale Allievi Marescialli: domande entro il 15 marzo
06/03 1615019160 Il teatro Europa di Aprilia per ora non riapre: «Non ci sono le condizioni»
06/03 1615018800 Il carcere non piega il clan Di Silvio: in un pizzino i progetti criminali
05/03 1614969960 Il Lazio resta in zona gialla. Ecco le regole da sapere
05/03 1614968220 A fuoco il tetto di una abitazione alla periferia di Aprilia: pesanti danni

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli