[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Municipio dovrà pagare ‘multa’ di 1000 €

Vincolo dei Castelli: il Tar lo promuove, per ora. Battaglia legale ancora lunga

<
>
Milvia Monachesi, sindaca di Castel Gandolfo
Milvia Monachesi, sindaca di Castel Gandolfo
Enrico Del Vescovo, presidente Italia Nostra, sezione Castelli Romani
Enrico Del Vescovo, presidente Italia Nostra, sezione Castelli Romani
Paolo Gasperini, ex consigliere comunale di Castel Gandolfo
Paolo Gasperini, ex consigliere comunale di Castel Gandolfo
L'area vincolata dal Mibact: 1400 ettari tra Castel Gandolfo, Marino e Albano
L'area vincolata dal Mibact: 1400 ettari tra Castel Gandolfo, Marino e Albano
120 ettari 'incriminati' a Pavona di Castel Gandolfo
120 ettari 'incriminati' a Pavona di Castel Gandolfo

È salvo il vincolo dei Castelli Romani, almeno per il momento, anche se la battaglia legale è ancora molto lunga e complessa, come vedremo tra poco. Parliamo delle tutele paesaggistiche istituite dal Ministero dei Beni Culturali e Turismo su 1400 ettari di campagna ricompresa tra i comuni di Castel Gandolfo, Marino e Albano: un’area ampia quanto 2800 campi da calcio di serie A. Così ha deciso il Tar del Lazio, sezione seconda quater, composta dal trio di giudici: Elena Stanizzi, Marco Bignami e Ofelia Fratamico, almeno dopo una prima valutazione sommaria che tecnicamente prende il nome di ‘domanda cautelare’. Se il vincolo resterà in vigore così com’è, su questi 1400 ettari non sarà possibile costruire edifici ad uso civile/industriale ma solo avviare strutture e attività di carattere ricettivo (bed and breakfast, agriturismo, etc), enogastronomico (ristoranti, etc) e agricolo: una pratica molto diffusa, quella della valorizzazione territoriale, in tanti altri comuni d’Italia e del mondo. Basti pensare al famoso cammino di Santiago, in Spagna, attorno a cui ruota un indotto economico-occupazionale di tutto rispetto, o alla più vicina via Francigena o alla via Appia antica.

12 RICORSI ANTI-VINCOLO

Ma facciamo un passo indietro: i ricorsi anti-vincolo dei Castelli sono 12, un numero davvero notevole. 11 ricorsi promossi da associazioni di costruttori, ma uno – forse il principale - dal comune di Castel Gandolfo, guidato dalla sindaca Milvia Monachesi Pd, che vuole svincolare un’area di 120 ettari – ossia ampia quanto 240 campi da calcio di serie A – oggi sottoposta alle tutele ministeriali, per fini in parte ignoti, ma in parte ben conosciuti, ovvero edificatori, come ha spiegato in passato in aula consiliare lo stesso Cristiano Bavaro, vicesindaco e assessore all’Urbanistica. Il primo ricorso, quello per l’appunto del Municipio, è stato discusso dai giudici l’8 settembre; la prima ordinanza urgente del Tar porta la data del 9 settembre.

IL VINCOLO LEGGE DELLO STATO

A dire il vero, era molto difficile che i giudici amministrativi si prendessero la responsabilità di sospendere, in attesa della sentenza di primo grado, la validità del vincolo dei Castelli, che – è giusto sottolinearlo - costituisce una legge dello Stato a tutti gli effetti, ossia già pubblicata in Gazzetta Ufficiale, l’albo che raccoglie tutte le leggi dello Stato Italiano. 

IL DIETROFRONT E LA ‘MULTA’ DA 1000 EURO

Nel dettaglio, il Comune di Castel Gandolfo ha prima chiesto ai magistrati la “sospensione” del vincolo dei Castelli Romani - così riporta nero su bianco il ricorso amministrativo del Municipio che porta la data del 1 luglio 2020 – poi, nel corso dell’udienza dell’8 settembre, ha battuto la ritirata “rinunciando” alla stessa richiesta, in attesa delle prossime udienze di merito, nel corso delle quali il tema del vincolo verrà dibattuto più a fondo.

Non si sa, certo, se questo singolare ripensamento dell’ultima ora del Comune di Castel Gandolfo sia dovuto magari anche a valutazioni di carattere politico, oltreché giudiziarie, visto che in molti comuni dei Castelli si andrà al voto (Albano, Ariccia, Genzano e Rocca di Papa) e quella contro il vincolo del Mibact non è proprio una battaglia da sventolare durante la campagna elettorale, specie per una forza di sinistra come il Pd, che si reputa fortemente ambientalista ed a sostegno del verde.

Ma di sicuro, questo dietrofront deve aver fatto arrabbiare i magistrati che hanno “condannato” il comune di Castel Gandolfo - così scrivono i magistrati nella loro ordinanza - a pagare una ‘multa’, ossia le spese legali alle controparti, pari a 1000 euro, 500 a favore del Ministero del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo che ha istituito il vincolo dei Castelli Romani, e 500 a favore dell’associazione Italia Nostra onlus, sezione Castelli Romani, presieduta da Enrico Del Vescovo, che si è costituita in giudizio a sostengo del Ministero e del vincolo. Non è noto se tale somma di danaro, ulteriore rispetto alle spese legali vive necessarie per pagare l’avvocato e per le spese di presentazione del ricorso, verrà sborsata dalla sindaca Milvia Monachesi che ha sottoscritto il ricorso, dalla Giunta comunale, dal Consiglio o pagate direttamente dai cittadini.

ASSOCIAZIONI DIFENDONO IL VINCOLO

“Siamo soddisfatti di questa prima vittoria – annuncia Enrico Del Vescovo, presidente di Italia Nostra, sezione Castelli Romani – anche se la battaglia sarà ancora molto lunga e molto complessa. Ma noi ci saremo, fino alla fine. Questo vincolo dei Castelli è un polmone verde irrinunciabile per tutta l’area sud di Roma”. Gli fa eco Giacomo Castro, presidente dell’associazione Latium Vetus. L’associazione Latium Vetus è anche la promotrice di un vincolo che tutela 2000 ettari di campagna tra Ardea e Pomezia, vincolo fortemente osteggiato in passato da politici e imprenditori ma la cui validità è stata confermata orami qualche anno fa prima dal Tar e poi dal Consiglio di Stato, secondo grado della Giustizia Amministrativa: “La strada intrapresa dal Comune di Gandolfo contro la tutela – attacca Castro - in un territorio già martoriato e che presenta ancora elementi di pregio da salvaguardare, è da condannare. La "qualità" delle azioni del comune da inoltre adito a molte perplessità: come qualificare la richiesta comunale presentata al Tribunale amministrativo di sospensiva del provvedimento di tutela, ritirata dallo stesso Comune il giorno dell'udienza, tanto da essere poi condannato dal giudice amministrativo a rifondere parte delle spese agli altri intervenienti nella causa? Ci si chiede se non sia evidentemente un caso di malagestio e se non ricorrano gli estremi per lamentare il danno erariale”. 

Nei prossimi mesi, dopo una analisi decisamente più approfondita, il Tar del Lazio sarà chiamato invece a emettere una sentenza di primo grado sulla validità o meno dell'intero vincolo: la strada per la conferma del vincolo dei Castelli - in sostanza - è ancora lunga, visto che in molti stanno cercando di affossare le tutele paessagistiche imposte dal Mibact.

LA POSIZIONE DI GASPERINI

Sulla vicenda del vincolo è intervenuto anche Paolo Gasperini, ex consigliere comunale di Castel Gandolfo: "La posizione dell'Amministrazione di Castel Gandolfo - sostiene Gasperini -  è incomprensibile considerando che ha prima sparato a zero sul vincolo imposto dal Mibact e contro quelle iniziative a tutela dello stesso (come la raccolta firme da noi promossa o l’iniziativa pubblica dove hanno partecipato anche le associazioni ambientaliste) mentre adesso si mette alla finestra. Faccio presente che fino all'atro ieri (consiglio comunale del 8/09), l'amministrazione legittimava la Sua posizione come una tutela delle aspettative dei cittadini che sono state rese vane dal vincolo. La realtà è che l’Amministrazione Monachesi si regge grazie al supporto di consiglieri di estrazione di centro-destra e per i quali il principio di tutela dell’iniziativa privata ha, probabilmente, un peso diverso rispetto a quello della tutela paesaggistica. Però ciò che è incomprensibile è la posizione dei tre membri del PD (Sindaco, Vicesindaco e Capogruppo) che pur di mantenere le proprie posizioni calpestano lo stesso partito che rappresentano. E’ infatti anomalo che vadano contro il vincolo posto dal Ministro Franceschini mentre negli altri Comuni coinvolti (Marino e Albano Laziale) il PD ha, da quanto mi risulta, ha preso delle posizioni di supporto al vincolo, come è normale che sia. E’ questa - conclude l'ex consigliere Gasperini - l’ennesima dimostrazione della incapacità amministrativa di cui da prova l’Amministrazione Monachesi da ben otto anni determinando altri costi sulle nostre spalle e navigando a vista".

LE SOCIETÀ COSTRUTTRICI

La situazione oira è questa: 3 dei 12 ricorsi al Tar riguardano in particolare il territorio della città delle pesche: uno, come appena accennato, è del municipio, gli altri due delle società Trasolini srl e Frank Immobiliare. 9 ricorsi al Tar riguardano invece l’area di Marino e sono riconducibili a: Dea Capital, Consorzio Ecovillage, Romana Costruzioni 2004, Selva srl, Cristina arl - Le Mole Due arl, Mourglia srl, Tor Pagnotta Immobiliare ar.l Unip, e i privati Moretti e Ruscio. 

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:46 1614969960 Il Lazio resta in zona gialla. Ecco le regole da sapere
19:17 1614968220 A fuoco il tetto di una abitazione alla periferia di Aprilia: pesanti danni
17:51 1614963060 Ariccia verso la chiusura del ponte monumentale. In arrivo navette sostitutive
16:34 1614958440 Un etto di marijuana sotto la felpa: un altro arresto in centro a Pomezia
16:24 1614957840 Coronavirus, 147 nuovi contagi in provincia di Latina e 3 morti. Ecco i casi
16:24 1614957840 Coronavirus, altri 134 positivi in 24 ore nella Asl Roma 6. Due decessi
16:10 1614957000 Intitolazioni per i parchi di Aprilia, da Nilde Iotti ai Martiri delle Foibe
16:04 1614956640 Controlli di polizia allo Zodiaco, identificazioni tra puzza e degrado assoluto
16:01 1614956460 La Bcc dona apparecchi medici all’Ospedale di Anzio e Nettuno, oggi la consegna
15:58 1614956280 Corso Italia ad Anzio, la Polizia sfratta gli occupanti abusivi in subaffitto
15:16 1614953760 Fondi per la pista ciclabile di Grottaferrata: in arrivo 25mila euro
15:16 1614953760 Maxi frode fiscale scoperta a Pomezia: 30 denunce. Gestiva tutto un avvocato
14:10 1614949800 Parco senza direttore e ora anche senza presidente: si dimette Ricciardi
13:25 1614947100 Continuano i lavori per l'installazione del semaforo pedonale su via Garibaldi
13:20 1614946800 Iniziata a Rocca di Papa la consegna dei buoni spesa ai cittadini in difficoltà
13:10 1614946200 Via l'anidride carbonica dai pozzi, partiti lavori Acea all'impianto definitivo
13:02 1614945720 L'Ass. Frascati Scienza aderisce all'iniziativa per rilanciare i prodotti tipici
13:01 1614945660 Premio internazionale di poesia Masio Lauretti, ecco il bando della VI edizione
12:25 1614943500 In consiglio comunale botta e risposta sulle linee programmatiche della giunta
11:53 1614941580 Anche ad Ariccia iniziative per la festa della donna: in campo le consigliere
11:02 1614938520 Violenze su bimba di 22 mesi: arriva la condanna a 7 anni anche per la madre
10:59 1614938340 Raggiunte le 34mila vaccinazioni anticovid19 tra Castelli Romani e litorale
10:28 1614936480 A spasso tra i resti del Tempio di Giunone Sospita: sport e cultura si uniscono
08:43 1614930180 Attestato di Lode per i soci Anc di Cisterna: salvarono una giovane dal suicidio
08:38 1614929880 Grottaferrata, isola ecologica bloccata: il sindaco diffida la soprintendenza

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli