[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

“Attacca i cittadini, plaude i Borghese”

Pomezia-Borgo di Pratica di Mare: associazione Latium Vetus risponde al sindaco

Si è infiammata a Pomezia la contesa per la riapertura del Borgo di Pratica di Mare che contrappone, in un botta e risposta sempre più duro, l’associazione Latium Vetus, presieduta da Giacomo Castro, e il primo cittadino pometino, Adriano Zuccalà. Ma facciamo un passo indietro per ricapitolare lo stato dell’arte: l’affascinante Borgo di Pratica è chiuso da quattro anni, ma il 20 luglio una ordinanza del Tar del Lazio ha imposto la riapertura delle strade: “rimozione – così riporta nero su bianco il documento giudiziario - del cancello posto a chiusura del varco di ingresso al Borgo”. Punto? Nemmeno per sogno. La famiglia Borghese, proprietaria di gran parte degli immobili interni al Borgo, si è opposta all’esecuzione dell’ordinanza e minacciato a mezzo stampa querela penale (“denuncia per chi proverà a entrare”) - per il tramite dei Carabinieri pometini – nei confronti di chiunque avesse provato a dare seguito alle disposizioni dei magistrati e quindi, in sostanza, a rendere di nuovo pubblico l’accesso al Borgo: la decisione di riaprire il Borgo – giova ricordarlo – è stata richiesta dai magistrati del Tar del Lazio, in ossequio ai principi dell’ordinamento giudiziario su cui si fonda la Repubblica Italiana. La stessa famiglia ha anche preannunciato, sempre a mezzo stampa, anche la volontà di installare tra l’ingresso del borgo e subito dopo il primo cancello, un secondo cancello, così da impedire ad ogni costo l’accesso anche solo alle autorità pubbliche chiamate ad eseguire subito e senza indugio l’ordinanza giudiziaria, come la Legge impone: secondo cancello che è stato poi effettivamente installato all’ingresso del Borgo, tra molte e accese polemiche. Il Comune ha alzato le braccia di fronte al secondo cancello dei Borghese ed ha emesso una nuova ordinanza scaduta il 31 agosto, quindi 4 giorni fa, di rimozione del secondo cancello che – ad oggi – non ha raggiunto il proprio compimento giudiziario. Le critiche dell’associazione Latium Vetus su una presunta lentezza dell’Amministrazione comunale nell’eseguire quanto richiesto dai magistrati, non sono piaciute per niente al primo cittadino Zuccalà, che ha rilasciato una intervista a il Caffè in cui esprime parole molto forti e in cui difende, tra gli altri, anche la stampa locale. Qui di seguito le dichiarazioni dell’associazione Latium Vetus di risposta a Adriano Zuccalà.

“Abbiamo appreso le sorprendenti parole del Sindaco di Pomezia, Adriano Zuccalà, il quale intervistato questa mattina (mercoledì 02 settembre 2020) dal settimanale "Il Caffè" in merito alla persistente chiusura delle strade del Borgo di Pratica di Mare, inveisce non contro la società Nova Lavinium, come si potrebbe immaginare, bensì contro #AssociazioneLatiumVetus!

Mentre il cancello continua tuttora ad impedire alla collettività l'accesso alle strade del Borgo di Pratica di Mare, il Sindaco prima plaude "alla buona volontà da parte di tutti di arrivare ad una soluzione" - quindi anche in capo alla società che da quattro anni continua tuttora a sottrarre ai cittadini le strade pubbliche del Borgo - per attaccare infine l'associazione che da anni sta operando con l'unico fine di restituire quelle aree alla comunità, ovvero ripristinare la legalità e l'interesse collettivo. Poco importa che il nuovo cancello, apposto senza alcun titolo edilizio, rimanga tuttora dov'è sebbene sia scaduto il termine stabilito dalla stessa amministrazione comunale con l'ordinanza dello scorso 21 agosto 2020; ordinanza emessa ben due settimane dopo l'apposizione dello stesso cancello, tanto da rendersi necessaria - per la seconda volta - una diffida indirizzata al Comune proprio da parte di Associazione Latium Vetus. Contrariamente a quanto affermato nell'articolo de "Il Caffè", la questione è in realtà molto semplice. Infatti, nonostante il riconoscimento ad opera del catasto della proprietà pubblica sulle strade di pratica di mare, ed il pronunciamento del tar del lazio che ha riconosciuto la necessità di ripristinare il pubblico transito sulle stesse aree viarie, il comune di pomezia non ha proceduto, a tutt'oggi, né a ripristinare l'uso pubblico delle strade del borgo, né a richiedere alla società nova lavinium il pagamento della tassa di occupazione di suolo pubblico, che dev'essere necessariamente corrisposta per i lavori dei privati su qualsiasi strada gravata da uso pubblico. Il cancello è tuttora lì ed anche il termine fissato dall'ordinanza comunale (la sesta in sei mesi!) è per ora rimasto lettera morta. Il Sindaco di Pomezia, insomma, dovrebbe assicurare senza ulteriore indugio il tempestivo ripristino della legalità facendo rimuovere il cancello di Pratica di Mare anziché scagliarsi contro l'Associazione che si è addirittura costituita in tribunale per perorare l'interesse pubblico.

Il primo cittadino renda piuttosto noto il contenuto del suo incontro personale avvenuto a porte chiuse con i membri della Famiglia Borghese il 06 agosto scorso, giorno della rimozione forzata del primo cancello, allorquando è arrivato ad accedere da solo nel Borgo nonostante il nuovo cancello appena apposto illecitamente. Perché questa disponibilità al dialogo, più volte dichiarata, dell'amministrazione comunale con la società Nova Lavinium? Su cosa verterebbe questa ipotetica trattativa? L'applicazione della legge, infatti, non può essere condizionata, o peggio inibita, da alcuna trattativa o accordo fra l'ente pubblico ed il privato, peraltro in totale assenza di trasparenza, lontano dagli occhi e dalle orecchie dei cittadini.

Sono questi gli aspetti che dovrebbero essere chiariti dai membri dell'amministrazione, i quali - cosi ci si aspetterebbe - dovrebbero prendersela con chi da quattro anni sta arrecando un danno alla collettività. 𝗔 𝗣𝗼𝗺𝗲𝘇𝗶𝗮 𝗶𝗻𝘃𝗲𝗰𝗲 𝗶 𝗰𝗮𝘁𝘁𝗶𝘃𝗶 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗰𝗼𝗹𝗼𝗿𝗼 𝗶 𝗾𝘂𝗮𝗹𝗶 𝗰𝗼𝗺𝗯𝗮𝘁𝘁𝗼𝗻𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝗽𝗲𝗿𝘀𝗲𝗴𝘂𝗶𝗿𝗲 𝗹'𝗶𝗻𝘁𝗲𝗿𝗲𝘀𝘀𝗲 𝗽𝘂𝗯𝗯𝗹𝗶𝗰𝗼?

Questo modo di procedere, lontano dall'apparire inflessibile, ci sembra invece condizionato da pesanti dubbi relativi a omissioni, inerzia e mancanza di trasparenza. Associazione Latium Vetus continuerà ad impegnarsi per il ripristino della legalità e non si farà certo intimidire, ma anzi coglierà ogni opportunità per fare chiarezza sulla vicenda e per perseguire ogni eventuale responsabilità”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:54 1611766440 Pomezia lancia il progetto di murales ispirati alla street art
17:22 1611764520 Chiuse tutte le scuole pubbliche di Sabaudia fino al 3 febbraio
17:01 1611763260 In aumento i positivi e i decessi nel Lazio. Ecco i casi città per città
16:54 1611762840 Non si fermano all’alt e si schiantano contro un cancello, poi fuggono a piedi
15:13 1611756780 Scuola in presenza, incontro tra dirigenti e rappresentanti di istituto
14:17 1611753420 Smaltivano in un pozzo sangue di animali macellati, arresti anche a Latina
13:46 1611751560 Ariccia, oratorio parrocchiale: montata la tensostruttura per tamponi e vaccini
12:05 1611745500 Discarica di Albano: tre Comuni, comitati e Asl contro gli affittuari di Cerroni
11:05 1611741900 Pazienti di Anzio in emodialisi al freddo, Aurigemma interroga la Regione
10:57 1611741420 Lettera per annunciare "consiglieri incompatibili ad Anzio", ma è un falso
10:55 1611741300 Focolaio covid tra gli operai della Camassa di Anzio, 4 positivi uno ricoverato
10:53 1611741180 "La memoria va difesa con le nostre azioni": le parole dell'assessore ai ragazzi
10:50 1611741000 Vanno avanti i lavori di ripristino del selciato in centro a Marino
10:47 1611740820 La Protezione Civile di Lanuvio in trasferta per i soccorsi nel reatino
10:37 1611740220 Ardea, stoccaggio illecito di rifiuti: sequestrata area industriale di 11.500 mq
09:23 1611735780 Grande lavoro per le guardie zoofile dei Castelli, aumentano le adozioni di cani
08:29 1611732540 Cerimonia per i cittadini di Pomezia vittime del Covid: due cipressi in memoria
08:20 1611732000 Chiusura al traffico del tratto sinistro del lungomare una domenica al mese
08:08 1611731280 Malore in auto per il comandante della PolStrada di Aprilia: è grave in ospedale
07:54 1611730440 Riapertura della discarica di Borgo Montello, i No di Provincia, Comune e Arpa
07:42 1611729720 L'auto prende improvvisamente fuoco all'alba a Latina: cause non accertate
26/01 1611680460 Covid, tra i Castelli e il litorale i nuovi casi di oggi sono 93. Sei decessi
26/01 1611680100 Coronavirus, calano ancora i nuovi casi a Latina e provincia: oggi sono 49
26/01 1611678900 I giardini di viale Marconi intitolati a Matteo Demenego: i lavori a Velletri
26/01 1611675120 Grottaferrata: arrivano i Nas e gli Ispettori della Asl alla casa di riposo

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli