[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Dura analisi dei cittadini

Rifiuti, la Regione Lazio approva il ‘nuovo’ Piano per coprire il sistema

L'ipoteca sul cambiamento - L'inceneritore di Acea a San Vittore (FR), alimentato con le balle prodotte dai TMB derivate dall'indifferenziato: se tutti facessero la raccolta porta a porta spinta, non servirebbe più
L'ipoteca sul cambiamento - L'inceneritore di Acea a San Vittore (FR), alimentato con le balle prodotte dai TMB derivate dall'indifferenziato: se tutti facessero la raccolta porta a porta spinta, non servirebbe più

«Un Piano regionale di gestione dei rifiuti che nasce già obsoleto e  contraddittorio nei fatti». È la dura sentenza del Movimento Legge Rifiuti Zero per l’economia circolare. Gli attivisti che da anni si battono per una sana e previdente gestione dell'immondizia, hanno analizzato la “nuova” strategia approvata dal Consiglio regionale il 5 agosto. L'analisi arriva nei giorni in cui intere popolazioni sono state ammorbate da diossine e altri veleni sprigionati da impianti di rifiuti andati a fuoco: lo stabilimento Loas Italia, che dal 9 agosto ha intossicato l'area tra Latina e Roma sud per giorni e giorni con una impressionante nube tossica, e il rogo del sito di pneumatici usati ad Ardea nella notte del 19 agosto. Rifiuti Zero è la stessa strategia sposata inizialmente dalla Sindaca di Roma per dire addio a discariche e inceneritori. Ma solo sulla carta. 

ECONOMIA CIRCOLARE... PER FINTA
Tornando al parlamentino regionale, gli attivisti contestano nel merito il “nuovo” Piano, che declama nobili intenzioni e solenni princìpi. Dichiarazioni smontate dal movimento: «Si dichiara di prendere ispirazione dal nuovo paradigma dell’economia circolare che valorizzi il riciclo ed il recupero di materiali differenziati, escludendo il ricorso a nuovi impianti di incenerimento, poi di fatto fa il contrario!». Ecco i punti critici contestati: per raggiungere il dichiarato obiettivo del 70% di raccolta differenziata nel Lazio nei prossimi 6 anni, «sono stanziati appena 57 milioni di euro, a fronte di centinaia di milioni di euro stanziati per l'inutile “compound” (il mega-impianto di trattamento) previsto a Colleferro per il recupero “di scarti indifferenziati dai TMB del Lazio” in improbabili materie prime-secondarie... o meglio “rifiuti speciali” senza alcun valore di mercato». 
I TMB sono gli impianti di trattamento meccanico cosiddetto “biologico”. In soldoni, fabbriche che lavorano grazie al porta a porta che non decolla, soprattutto a Roma: sminuzzano i materiali indifferenziati per farne balle da bruciare negli inceneritori e cementifici. Il Piano prevede la discarica per una quota di rifiuti urbani tra il 35,3 e il 39,9 percento. Zingaretti & co. – bacchettano i cittadini – in teoria dicono di seguire la Direttiva europea 850/2018, che però impone di smaltire in discarica entro il 2035 massimo il 10% dei rifiuti urbani.

ORGANICO, NODO AGGIRATO
Anche sull'organico (scarti di cucina, sfalci, potature ecc.), il movimento rileva una «altra enorme omissione rispetto alle norme vigenti». Questa parte dei rifiuti urbani costituisce il 39,4% di tutta la raccolta differenziata della regione Lazio per un totale di 532.591,6 tonnellate in un anno. Le previsioni del “nuovo” Piano non superano la carenza di impianti. «Negli impianti del Lazio quelli trattati nel 2018 sono stati circa 230.000 tonnellate: se ne deduce un fabbisogno impiantistico attuale di circa 300.000 tonnellate l'anno, totalmente assente nella programmazione impiantistica e nel relativo stanziamento fondi». 
Il punto cruciale rimane Roma Capitale, che produce circa il 60% dei rifiuti dell’intero Lazio e che dovrà – almeno nelle previsioni - raggiungere una “gestione autosufficiente del trattamento e dello smaltimento finale”. «Riteniamo che il principio sia ovviamente sacrosanto. Ma questo comporterà la necessità di ripensare del tutto il ciclo dei rifiuti a Roma, basato sull’esportazione quasi totale del trattamento in impianti in tutta Italia». Così scrivono i cittadini che chiedono «una previsione urgentissima» di 10 impianti aerobici per trasformare l'umido differenziato in compost (terriccio), ciascuno da 30mila tonnellate l'anno. 8 li vorrebbero sul suolo romano.   

LA RIVOLUZIONE ROMANA IMPOSSIBILE?
Il Movimento Legge Rifiuti Zero critica anche la «visione superata di una gestione accentrata nei confini geografici». La vera svolta può arrivare se […] nell'Ambito territoriale di gestione di Roma Capitale e nei 4 Ambiti provinciali faranno gestire i rifiuti anche ad appositi “Bacini Territoriali Ottimali” entro i 200-250.000 abitanti «limitando le capacità impiantistiche e le distanze chilometriche per il conferimento dei materiali differenziati o da smaltire raccolti nelle città». Questo per evitare altri mega-impianti e far sì che i rifiuti siano trattati vicino a dove sono prodotti, come prevede la legge. Ma invece il Piano zingarettiano «punta soprattutto al ritrattamento degli scarti di rifiuti indifferenziati» dei TMB. Cioè di quegli stabilimenti funzionali agli inceneritori. Nel Lazio c'è ancora in funzione quello ciociaro a San Vittore, targato Acea. Cosa che condiziona tutto. Ci hanno spesso  un mucchio di soldi e non ci pensano affatto a spegnerlo rinunciando ai flussi di cassa che produce. Il Campidoglio, presunto controllore pubblico, è allineato. Tra le misure da adottare con urgenza, ribadisce l'analisi dei Legge Rifiuti Zero, la raccolta porta a porta in tutta Roma. Mentre l'Ama ha annunciato che rimetterò i cassonetti in diverse zone...

RIFIUTI ZERO O PROPAGANDA?
Infine, sottolinea Massimo Piras, presidente del movimento Legge Rifiuti Zero, nel “nuovo” Piano «viene citata a sproposito la “Strategia Rifiuti Zero” che da sempre di fatto esclude in linea di principio il “recupero di energia” dai propri obiettivi, essendo mirata di fatto al solo “recupero di materia” delle frazioni organiche attraverso il compostaggio aerobico ed il riciclaggio meccanico delle frazioni inorganiche». Cioè: Rifiuti Zero non prevede inceneritori (truffaldinamente chiamati termovalorizzatori, tanto cari ai partiti politici). Né tantomeno “bio”gas anaerobici. Impianti che non ricevono solo organico, ma roba che Dio solo sa. Persino ceneri e scorie di caldaie e inceneritori, fanghi di depuratori industriali e civili, solventi e vernici. Questo si legge in vari progetti presentati a Roma e provincia, tipo quello gigantesco che Cerroni voleva realizzare a Roma sud, confine con Pomezia. 

Il “bio”gas più grande d'Europa, da 240mila tonnellate l'anno, nel totale silenzio del Campidoglio e dintorni. «L’elencazione di attività come la “massimizzazione del recupero di energia” - affonda Piras - serve solo a dare copertura alla costruzione di un mega bio-digestore anaerobico con la combustione del biogas ed all’invio del CSS (balle di rifiuti da bruciare, ndr) per la combustione a inceneritori e cementifici, impianti totalmente esclusi dalla suddetta Strategia Rifiuti Zero».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:40 1603989600 Incidente sulla Pontina a Castel Romano: code in entrambe le direzioni
17:32 1603989120 Covid, Asl Roma 6: altri 206 casi. In campo anche medici e infermieri militari
16:53 1603986780 Pomezia, il Comune vuole realizzare una nuova palestra alla Castagnetta
16:40 1603986000 Ciampino, approvato il progetto da 700mila euro per il parco della Folgarella
15:05 1603980300 81 anni di Pomezia, una corona d'alloro per i Coloni fondatori della città
14:53 1603979580 Sabato a la Piccola la manifestazione dei commercianti di Anzio e Nettuno
14:50 1603979400 Aiutiamo Remo a camminare di nuovo, servono 1600 euro per l’operazione
14:37 1603978620 Entra in un bar armato di coltello e si impossessa di alcune birre: arrestato
14:36 1603978560 Coronavirus, altri 136 casi a Latina e provincia. C'è un decesso
14:14 1603977240 Nuove riprese a San Felice Circeo: sul set Scamarcio e Golino
13:28 1603974480 Aprilia: via libera ai contributi per il 2019 ad associazioni, comitati e sport
12:42 1603971720 Albano: albero ostacola passaggio di bus e auto su via Casette, urge potarlo
12:30 1603971000 Chiusura del ponte di Ariccia: chiesto un incontro tra amministrazioni comunali
11:54 1603968840 Donate alla Protezione civile 3 cisterne e 100mila litri di gasolio sequestrati
11:51 1603968660 Celebrazioni del 2 novembre: niente messa al cimitero di Ciampino
11:29 1603967340 Anziché ricevere soldi per l'affitto di una casa, li versa: truffa scoperta
11:00 1603965600 Chef in piazza contro la chiusura alle 18 dei ristoranti
10:45 1603964700 Due incidenti tra auto e moto in mattinata: traffico congestionato a Velletri
10:37 1603964220 Serre, crack e cocaina a Corso Italia la polizia distrugge la piazza della droga
10:25 1603963500 Operazione antidroga ad Anzio, Polizia al quartiere Europa e a Corso Italia
10:20 1603963200 Incidente all'incrocio tra Appia e Migliara: un'auto finisce nel canale
10:11 1603962660 Orario continuato al cimitero di Sermoneta fino al 2 novembre
09:36 1603960560 Velletri: lancia pietre e oggetti contro le auto su viale Oberdan, fermato
09:03 1603958580 La Asl: la cappella del Goretti è pronta, ma non ancora trasformata in reparto
08:58 1603958280 Tamponi rapidi a più di 22 euro? Ecco i numeri di telefono a cui segnalare

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli