[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Dura analisi dei cittadini

Rifiuti, la Regione Lazio approva il ‘nuovo’ Piano per coprire il sistema

L'ipoteca sul cambiamento - L'inceneritore di Acea a San Vittore (FR), alimentato con le balle prodotte dai TMB derivate dall'indifferenziato: se tutti facessero la raccolta porta a porta spinta, non servirebbe più
L'ipoteca sul cambiamento - L'inceneritore di Acea a San Vittore (FR), alimentato con le balle prodotte dai TMB derivate dall'indifferenziato: se tutti facessero la raccolta porta a porta spinta, non servirebbe più

«Un Piano regionale di gestione dei rifiuti che nasce già obsoleto e  contraddittorio nei fatti». È la dura sentenza del Movimento Legge Rifiuti Zero per l’economia circolare. Gli attivisti che da anni si battono per una sana e previdente gestione dell'immondizia, hanno analizzato la “nuova” strategia approvata dal Consiglio regionale il 5 agosto. L'analisi arriva nei giorni in cui intere popolazioni sono state ammorbate da diossine e altri veleni sprigionati da impianti di rifiuti andati a fuoco: lo stabilimento Loas Italia, che dal 9 agosto ha intossicato l'area tra Latina e Roma sud per giorni e giorni con una impressionante nube tossica, e il rogo del sito di pneumatici usati ad Ardea nella notte del 19 agosto. Rifiuti Zero è la stessa strategia sposata inizialmente dalla Sindaca di Roma per dire addio a discariche e inceneritori. Ma solo sulla carta. 

ECONOMIA CIRCOLARE... PER FINTA
Tornando al parlamentino regionale, gli attivisti contestano nel merito il “nuovo” Piano, che declama nobili intenzioni e solenni princìpi. Dichiarazioni smontate dal movimento: «Si dichiara di prendere ispirazione dal nuovo paradigma dell’economia circolare che valorizzi il riciclo ed il recupero di materiali differenziati, escludendo il ricorso a nuovi impianti di incenerimento, poi di fatto fa il contrario!». Ecco i punti critici contestati: per raggiungere il dichiarato obiettivo del 70% di raccolta differenziata nel Lazio nei prossimi 6 anni, «sono stanziati appena 57 milioni di euro, a fronte di centinaia di milioni di euro stanziati per l'inutile “compound” (il mega-impianto di trattamento) previsto a Colleferro per il recupero “di scarti indifferenziati dai TMB del Lazio” in improbabili materie prime-secondarie... o meglio “rifiuti speciali” senza alcun valore di mercato». 
I TMB sono gli impianti di trattamento meccanico cosiddetto “biologico”. In soldoni, fabbriche che lavorano grazie al porta a porta che non decolla, soprattutto a Roma: sminuzzano i materiali indifferenziati per farne balle da bruciare negli inceneritori e cementifici. Il Piano prevede la discarica per una quota di rifiuti urbani tra il 35,3 e il 39,9 percento. Zingaretti & co. – bacchettano i cittadini – in teoria dicono di seguire la Direttiva europea 850/2018, che però impone di smaltire in discarica entro il 2035 massimo il 10% dei rifiuti urbani.

ORGANICO, NODO AGGIRATO
Anche sull'organico (scarti di cucina, sfalci, potature ecc.), il movimento rileva una «altra enorme omissione rispetto alle norme vigenti». Questa parte dei rifiuti urbani costituisce il 39,4% di tutta la raccolta differenziata della regione Lazio per un totale di 532.591,6 tonnellate in un anno. Le previsioni del “nuovo” Piano non superano la carenza di impianti. «Negli impianti del Lazio quelli trattati nel 2018 sono stati circa 230.000 tonnellate: se ne deduce un fabbisogno impiantistico attuale di circa 300.000 tonnellate l'anno, totalmente assente nella programmazione impiantistica e nel relativo stanziamento fondi». 
Il punto cruciale rimane Roma Capitale, che produce circa il 60% dei rifiuti dell’intero Lazio e che dovrà – almeno nelle previsioni - raggiungere una “gestione autosufficiente del trattamento e dello smaltimento finale”. «Riteniamo che il principio sia ovviamente sacrosanto. Ma questo comporterà la necessità di ripensare del tutto il ciclo dei rifiuti a Roma, basato sull’esportazione quasi totale del trattamento in impianti in tutta Italia». Così scrivono i cittadini che chiedono «una previsione urgentissima» di 10 impianti aerobici per trasformare l'umido differenziato in compost (terriccio), ciascuno da 30mila tonnellate l'anno. 8 li vorrebbero sul suolo romano.   

LA RIVOLUZIONE ROMANA IMPOSSIBILE?
Il Movimento Legge Rifiuti Zero critica anche la «visione superata di una gestione accentrata nei confini geografici». La vera svolta può arrivare se […] nell'Ambito territoriale di gestione di Roma Capitale e nei 4 Ambiti provinciali faranno gestire i rifiuti anche ad appositi “Bacini Territoriali Ottimali” entro i 200-250.000 abitanti «limitando le capacità impiantistiche e le distanze chilometriche per il conferimento dei materiali differenziati o da smaltire raccolti nelle città». Questo per evitare altri mega-impianti e far sì che i rifiuti siano trattati vicino a dove sono prodotti, come prevede la legge. Ma invece il Piano zingarettiano «punta soprattutto al ritrattamento degli scarti di rifiuti indifferenziati» dei TMB. Cioè di quegli stabilimenti funzionali agli inceneritori. Nel Lazio c'è ancora in funzione quello ciociaro a San Vittore, targato Acea. Cosa che condiziona tutto. Ci hanno spesso  un mucchio di soldi e non ci pensano affatto a spegnerlo rinunciando ai flussi di cassa che produce. Il Campidoglio, presunto controllore pubblico, è allineato. Tra le misure da adottare con urgenza, ribadisce l'analisi dei Legge Rifiuti Zero, la raccolta porta a porta in tutta Roma. Mentre l'Ama ha annunciato che rimetterò i cassonetti in diverse zone...

RIFIUTI ZERO O PROPAGANDA?
Infine, sottolinea Massimo Piras, presidente del movimento Legge Rifiuti Zero, nel “nuovo” Piano «viene citata a sproposito la “Strategia Rifiuti Zero” che da sempre di fatto esclude in linea di principio il “recupero di energia” dai propri obiettivi, essendo mirata di fatto al solo “recupero di materia” delle frazioni organiche attraverso il compostaggio aerobico ed il riciclaggio meccanico delle frazioni inorganiche». Cioè: Rifiuti Zero non prevede inceneritori (truffaldinamente chiamati termovalorizzatori, tanto cari ai partiti politici). Né tantomeno “bio”gas anaerobici. Impianti che non ricevono solo organico, ma roba che Dio solo sa. Persino ceneri e scorie di caldaie e inceneritori, fanghi di depuratori industriali e civili, solventi e vernici. Questo si legge in vari progetti presentati a Roma e provincia, tipo quello gigantesco che Cerroni voleva realizzare a Roma sud, confine con Pomezia. 

Il “bio”gas più grande d'Europa, da 240mila tonnellate l'anno, nel totale silenzio del Campidoglio e dintorni. «L’elencazione di attività come la “massimizzazione del recupero di energia” - affonda Piras - serve solo a dare copertura alla costruzione di un mega bio-digestore anaerobico con la combustione del biogas ed all’invio del CSS (balle di rifiuti da bruciare, ndr) per la combustione a inceneritori e cementifici, impianti totalmente esclusi dalla suddetta Strategia Rifiuti Zero».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
09:53 1611564780 Scioperano anche oggi gli studenti di Genzano e Velletri: "Andremo al Ministero"
09:45 1611564300 Guasto alla condotta idrica: disagi per la fornitura d'acqua anche nelle scuole
09:27 1611563220 Buone notizie per gli studenti: Ardea aumenta corse e orari dei bus urbani
09:16 1611562560 Si trova una lingua di animale nella cassetta della posta: quattro arresti
09:00 1611561600 Nuova discarica, insorgono gli abitanti che risiedono a meno di 500 m dalla zona
08:33 1611559980 Rotonda sbagliata e pericolosa su via dei Rutuli: Sos del comitato di quartiere
08:20 1611559200 Scambiava sui social video porno con bambini: arrestato operaio insospettabile
08:17 1611559020 Incidente mortale a Latina: auto investe e uccide un ciclista
24/01 1611511860 Marino: appello in Regione per rilanciare il cammino dell'Appia Antica
24/01 1611506280 6 alunni e un insegnante positivi al Covid: chiusa una scuola di Sabaudia
24/01 1611502320 Contributi per attività e associazioni: distribuiti 265mila euro a 179 realtà
24/01 1611501300 Travolto dal crollo di una tettoia: muore dopo due mesi di ricovero in ospedale
24/01 1611501180 Elezioni: il candidato sindaco Fabio Martella si presenta ai cittadini
24/01 1611500640 Ai Castelli vaccinate 7.500 persone, priorità ad anziani e operatori sanitari
24/01 1611500220 Video espliciti con bambini, materiale pedopornografico nel pc di un 24enne
24/01 1611499080 Salgono i contagi nella Asl di Latina: 181 casi Covid nelle ultime 24 ore
24/01 1611498960 Contagi da Covid19 nella Asl Rm6: 134 casi positivi e 3 anziani deceduti
24/01 1611488820 Giovane ferito per difendere una ragazza, 4 giovanissimi denunciati a Latina
24/01 1611488340 Tenta di rapinare la ex moglie per strada: la Polizia arresta il 48enne
24/01 1611488160 Auguri per i 70 anni di Vittorio Nocenzi dall'attore regista Fernando Mariani
24/01 1611486660 Voragine aperta su via Tenutella: una ragazza finisce impantanata con l'auto
24/01 1611486060 Controlli al mercato settimanale, trovate bilance irregolari sui banchi
24/01 1611485340 Velletri: arrestato pusher 30enne, in casa aveva un supermarket di droga
24/01 1611484440 Incendio in un'abitazione a Cisterna: ragazzo intossicato dal fumo
24/01 1611484200 Ariccia: scontro tra un bus navetta e un'auto, 3 persone ferite sulla Nettunense

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli