[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Arpa Lazio: diossine nell'aria più basse

Aprilia, rogo al centro-rifiuti Loas Italia srl: chi controlla i controllori?

Se il rogo che ha devastato il centro-rifiuti Loas Italia srl di Aprilia è stato appiccato da malintenzionati per condizionare amministratori e politici (esploso proprio mentre il Consiglio regionale votava il nuovo Piano rifiuti) o se è divampato per 'sola' negligenza o disattenzione sarà la magistratura a stabilirlo. Ma la Giustizia ha di solito tempi biblici. Senza considerare poi che spesso le inchieste e i processi si concludono con un nulla di fatto, come nei casi recenti della discarica di Albano-Roncigliano, del centro di stoccaggio di Pomezia-Eco X, degli stabilimenti Ama Salario e poi Rocca Cencia, etc. Talvolta, infine, ad essere chiamati sul banco degli imputati sono solo dei prestanomi, le cosiddette 'teste di legno': persone che risultano formalmente proprietari o affittuari degli impianti che finiscono in fumo, ma che nei fatti servono solo da foglia di fico per nascondere i nomi dei grandi signori dei rifiuti che vi si nascondo dietro. Evidentemente ai cittadini serve altro, visto che nessuno riesce a fermare questa strana e straordinaria escalation di impianti a rifiuti che finiscono in fumo e che colpisce in particolare l'area ricompresa tra Roma, Latina e rispettive province.

STRAORDINARIA SEQUENZA DI INCENDI TRA ROMA E LATINA

Di sicuro, nei casi fin quì esaminati – Albano, Pomezia, Roma e Aprilia - i sistemi antincendio dei capannoni andati in fiamme non hanno funzionato. Eppure, la legge impone sistemi particolarmente sofisticati ed efficienti in grado di spegnere sul nascere le fiamme. Sistemi antincendio che devono essere modulati e dimensionati sia alla quantità che alla tipologia di rifiuti trattati e che devono essere controllati e certificati ogni anno dalle autorità pubbliche. Prima di entrare in funzione, il sistema antincendio di un centro a rifiuti deve essere approvato dalla Regione Lazio, nel corso di un apposito tavolo inter-istituzionale; una volta che l'impianto antincendio è stato installato all'interno del capannone, deve essere sottoposto ad un controllo dei Vigili del Fuoco che serve ad attribuirgli il Certificato di Prevenzione Antincendi, rilasciato dal Comando Provinciale dei V.V.F. per proteggere i lavoratori che lavorano al suo interno ed i cittadini che vivono nei paraggi. Certificato che deve essere rinnovato ogni anno proprio per evitare eventi drammatici come quelli accaduti ad Albano, Pomezia, Roma ed Aprilia. Le società che gestiscono gli impianti a rifiuti, devono inoltre formare e nominare addetti all'emergenza, avere appositi mezzi di spegnimento delle fiamme, etc. E garantire che tutti gli impianti tecnologici del servizio antincendio siano mantenuti in perfetta efficienza oltre a prevedere programmi di sostituzione ed ammodernamento, h-24. La domanda sorge spontanea, soprattutto alla luce dell'escalation di incendi che ha falcidiato gli impianti a rifiuti del Lazio-sud: ma perché nessun Ente pubblico ha svolto o sta svolgendo controlli a tappeto su tutte le società pubbliche e private e i siti in cui si gestisce spazzatura per verificare che le norme antincendio vengano rispettate alla lettera?

ISTITUZIONI SOTTO SCACCO, MA DIFENDERSI SI PUÒ (E SI DEVE)

Inoltre, sarebbe possibile mettere in campo forme di controllo più incisive sui siti di gestione della spazzatura urbana, con l'installazione di presidi fissi delle forze dell'ordine e/o dell'esercito. Resta solo da capire se gli amministratori e politici, regionali e comunali - e forse, arrivati a questo punto, anche nazionali - avranno intenzione di avviare controlli più stringenti sui tanti impianti di gestione dei rifiuti di Roma, Latina e dintorni.

LA RICHIESTA DI BRUNO ASTORRE

Del resto, è quanto ha chiesto nei giorni scorsi Bruno Astorre, senatore e plenipotenziario segretario regionale del PD del Lazio che sul tragico rogo di Aprilia  ha chiamato in causa con una interrogazione parlamentare a risposta scritta niente meno che Sergio Costa, Ministro dell'Ambiente e generale dei Carabinieri di origine campana che ben conosce il settore rifiuti, e Luciana Lamorgese, Ministro dell'Interno. Qualcuno gli risponderà? Presto lo sapremo. Tra l'altro, come rivelato da il Caffè di recente (http://archivio.ilcaffe.tv/leggi/?n=roma533#8), durante il lockdown il ministro Sergio Costa ha concesso ai gestori dei centri dei rifiuti la possibilità di raddoppiare la quantità di rifiuti abbancata, ma senza adeguamento dei sistemi antincendio. La circolare ministeriale di Costa è stata subito recepita dalla Regione Lazio.

L'ARPA LAZIO PARLA SOLO DI ARIA

Nel frattempo, l'Arpa Lazio – Agenzia Regionale di Protezione Ambientale – ha annunciato che i livelli di inquinamento dell'aria si starebbero abbassando.

E quelli della terra su cui sono ricadute gran parte delle sostanze tossiche?

Frutta e verdura, chi controlla che venga distrutta per davvero tuta quella coltivata nell'area circostante la Loas Italia srl e non immessa sul mercato magari 'sottobanco'? Qualcuno sta controllando o tutto verrà lasciato alla coscienza dei singoli rivenditori/produttori?

E per il bestiame - ce n'è molto nell'area di Aprilia e comuni limitrofi - c'è pericolo? Nessuno lo spiega ai cittadini.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:55 1604166900 L’opposizione di Nettuno: “Ecco l’emendamento per creare il fondo Covid”
18:53 1604166780 Anzio, il Comune sostiene le famiglie: riduzione del 20% delle utenze Tari
18:51 1604166660 Altri dieci casi di coronavirus a Nettuno, uno ricoverato in ospedale
16:48 1604159280 L'associazione "Alessia e i suoi angeli" ristruttura il centro vaccini di Latina
16:09 1604156940 205 nuovi casi positivi in provincia di Latina. Morto anche un paziente
15:49 1604155740 Perseguitato dalla ex, ottiene dal giudice un decreto di non avvicinamento
15:32 1604154720 L'app per tracciare gli ingressi a scuola: la tecnologia sbarca al Giulio Cesare
15:28 1604154480 Altro spacciatore arrestato al Nicolosi: beccato mentre cedeva eroina
13:12 1604146320 Coletta dice sì al secondo mandato da sindaco di Latina (e apre ai partiti)
10:16 1604135760 Accordo Latina-Sabaudia per mettere in sicurezza il Porto canale di Rio Martino
10:07 1604135220 Al Parco Romano Biodistretto arriva Eco Day ogni prima domenica del mese
10:00 1604134800 «Ristoratori del litorale romano rischiano di non poter riaprire, servono aiuti»
09:54 1604134440 Scontro sulla Nettunense a Pavona, grave centauro: l'ambulanza arriva da Roma
30/10 1604079840 Pesca a strascico illegale a largo di Anzio, multe dalla Guardia costiera
30/10 1604079480 Ariccia, consiglio comunale da rifare: un errore nell'elezione del Presidente
30/10 1604076360 Coronavirus, la Asl Roma 6 oggi sfiora i 300 nuovi contagi. Lazio sopra i 2mila
30/10 1604074680 A Latina e provincia altri 154 positivi al Covid. Morto paziente di Aprilia
30/10 1604074200 Pomezia Calcio, firmano i difensori Montella e Scardola
30/10 1604072700 Dal Tar via libera all'appalto da 2,3 milioni per rifare le strade di Latina
30/10 1604069820 Il sindaco arrestato era stato direttore della RSA Covid di Genzano
30/10 1604068200 La Polizia locale allontana 25 nomadi: stavano creando un accampamento ad Ardea
30/10 1604065080 Assembramenti davanti alle Poste nei giorni delle pensioni: la soluzione
30/10 1604064900 Aprilia, Paguro ci riprova: presentato un nuovo progetto di discarica a La Gogna
30/10 1604064360 Furti e rapine nella periferia di Aprilia: intensificati i servizi di vigilanza
30/10 1604054940 Presidente del consiglio positivo: in isolamento chi ha avuto contatti con lui

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli