[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina, nei guai il figlio

Beni intestati a una società di comodo, sequestrati i 5 immobili di un 75enne

Confermato dalla Corte di Cassazione il sequestro disposto a carico di un 75enne di Latina, Lino C., legale rappresentante della Andale srl, terzo estraneo in un'indagine a carico, tra gli altri, del figlio Gianluca, un professionista del capoluogo pontino, accusato di omesso versamento di ritenute dovute o certificate e di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

L'anziano, che invece non è indagato, si è visto mettere i sigilli a un appartamento in via Vincenzo Monti, al altri quattro immobili di proprietà della Andale e a un conto corrente. Un sequestro finalizzato alla confisca, già avallato dal Tribunale del Riesame di Latina. Per il 75enne, i giudici hanno ritenuto che gli immobili sequestrati appartenessero al figlio senza dimostrare che la società Andale, che ne è titolare, sia uno schermo fittizio attraverso cui l'indagato ha cercato di occultare i beni a lui riferibili. L'anziano imprenditore ha inoltre specificato di aver già provato, con la documentazione depositata, che gli acquisti sarebbero stati regolari e dunque che la srl di cui è legale rappresentante non è una "mera società immobiliare di comodo" utile per delle intestazioni fittizie di immobili. Il ricorso è stato però dichiarato inammissibile dalla Cassazione. Per la Suprema Corte, il Riesame, alla luce delle indagini svolte dalla Guardia di finanza, ha "logicamente spiegato" le ragioni per cui ha ritenuto la disponibilità in capo al figlio del ricorrente dei beni immobili in questione. Le Fiamme gialle avrebbero infatti accertato il coinvolgimento del professionista all'interno della società Andale, proprietaria degli immobili, considerando che la sede legale della srl è in via Monti, nell'appartamento sul quale il figlio del ricorrente vanta il diritto di abitazione, che la pec riportata sulla visura della società corrisponde all'indirizzo riferibile allo studio del quale l'imputato è legale rappresentante, che sul conto corrente bancario intestato al ricorrente è stata accreditata la somma di 100.500 euro da una provvista "riconducibile all'imputato e al suocero del medesimo", somma poi girata proprio alla Andale, e che sul conto corrente intestato alla Andale è stata accreditata la somma di 20.000 euro proveniente da un conto corrente cointestato a Lino e a Gianluca C.. I giudici hanno poi specificato che la Andale, "società dotata di notevole capitale e proprietaria di diversi immobili acquistati con risorse finanziarie di cui non è certa né nota la provenienza", a far data dalla sua costituzione ha presentato dichiarazioni annuali in perdita, né risulta che abbia mai prodotto reddito, "da ciò desumendo che trattasi di una società immobiliare di comodo". E a tal fine è stato evidenziato che dalle ricevute di bonifico attestanti il versamento dei canoni di locazione degli immobili in via Doria, a Nettuno, emerge come il corrispettivo della locazione sia stato versato non sul conto corrente della Andale ma su quello che risulta intestato a Gianluca C., "da ciò traendo conferma del carattere simulato dei contratti e dell'intestazione solo fittizia dei beni, in quanto, nella sostanza, il versamento del canone è avvenuto da C. in favore di se stesso". Una situazione analoga, sempre per i giudici, è stata poi riscontrata con riguardo "all'asserito versamento dei canoni relativi all'immobile sito in via Nervi", a Latina. Sigilli dunque confermati e Lino C. condannato anche a pagare le spese processuali e e a versare tremila euro alla Cassa delle Ammende.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:14 1597076040 Installati i primi velobox ad Aprilia: ecco dove verranno posizionati
17:47 1597074420 Incendio Loas di Aprilia. Il Sindaco: "Con Arpa e Asl valuteremo prossime mosse"
17:35 1597073700 Maxi incidente sulla Pontina: coinvolte 4 auto. Traffico verso Roma deviato
17:09 1597072140 Covid19: "Facciamo test obbligatori su chi rientra da Paesi con alta incidenza"
17:06 1597071960 Coronavirus: allarme rientrato presso la clinica Villa Carla di Aprilia
16:41 1597070460 Flash mob ispirato ai 4 stili del nuoto: il video di Aprilia diventa virale
16:28 1597069680 Finestre chiuse e mascherine per proteggersi dall'aria irrespirabile di Aprilia
16:20 1597069200 Trionfa la cultura marinese nel nuovo logo di Marino Short Film Festival 2020
16:06 1597068360 Le fiamme divorano completamente un autobus del Cotral a Priverno
16:00 1597068000 Sterpaglie e alberi a fuoco ad Ardea: pompieri e protezione civile al lavoro
15:56 1597067760 Auto contro autocarro su in via Nemorense: anziano soccorso dall'eliambulanza
15:33 1597066380 Scuole superiori, il Sindaco di Anzio scrive alla Raggi: “Servono interventi”
15:32 1597066320 Telecamere nascoste contro gli zozzoni ad Anzio, partono le prime multe
15:30 1597066200 Incendio ad Aprilia, Anzio e Nettuno ‘si salvano’ dall'arrivo del fumo tossico
15:16 1597065360 Nuova vita per l’area parcheggio in Piazza San Benedetto da Norcia a Pomezia
15:10 1597065000 Infrange i vetri di un'auto per rubare i bagagli, arrestato 29enne del campo rom
14:23 1597062180 Coronavirus: oggi si registrano due nuovi casi in provincia di Latina
14:09 1597061340 Incendio ad Aprilia: l'Arpa verificherà il livello di inquinamento dell'aria
13:49 1597060140 Al via la demolizione del distributore di benzina in piazza: ecco cosa diventerà
13:31 1597059060 Ha un mandato di cattura per tratta di esseri umani dalla Romania, arrestato
13:13 1597057980 All'ospedale Colombo di Velletri nasce la prima bambina dopo lo stop del Covid19
13:10 1597057800 Giovedì sera da Leolo Beach arriva la musica anni '80 di Viola Valentino
09:06 1597043160 Inferno di fuoco e rifiuti in fiamme ad Aprilia: le immagini esclusive del Caffè
08:58 1597042680 Cadavere in un giardino di una casa a Ponza: è un ex campione di kick boxing
08:54 1597042440 Focolaio di covid19 al centro di accoglienza Mondo Migliore, primi 9 casi

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli