[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Costi raddoppiati e incertezza

Pomezia, rifiuti: emergenza in vista? L'appalto per l'umido copre pochi giorni

Non solo cifre da capogiro per smaltire l'umido. Gli ultimi sviluppi sul fronte rifiuti a Pomezia fanno emergere altri due importanti aspetti, ignoti ai più, con tratti davvero drammatici. È presumibile, anzi probabile, che la città nel giro di pochi giorni piombi nell'emergenza per l'organico (scarti di cucina, sfalci e simili). Lo si evince dalla determina 2020/839 che il 10 luglio ha affidato il ritiro di questa immondizia. Non sappiamo se la Refecta Srl, la ditta prescelta, ha già iniziato a svolgere il servizio. Ma di sicuro è questione di giorni se non di ore. Ecco perché.

POCHI GIORNI E POI?

La necessità di smaltimento dell’organico a Pomezia è di circa 170 tonnellate alla settimana. La determina indica un impegno di spesa stanziato di 48.678 euro Iva esclusa, come tetto non superabile. E a conti fatti, tale somma basta al massimo per una decina di giorni. È ipotizzabile, dunque, ancora una volta la classica emergenza, che puntualmente arriva in estate in molti Comuni che non sanno come togliere di mezzo i rifiuti organici del porta a porta. A meno che non si finisca per mischiarli con l'indifferenziato, facendo contento qualche altro imprenditore privato del settore. L’affidamento dell'appaltino è stato effettuato ricorrendo alla procedura “sotto soglia” del Codice dei Contratti (articolo 37, comma 1, del Decreto legislativo 50/2016). Una procedura che permette all’Ente di affidare direttamente e senza gara l’aggiudicazione di forniture e servizi di importo inferiore a 40.000 euro. Un sistema veloce, ma “ad orologeria” e che non entra in certi dettagli. In pratica, l'Ente deve accontentarsi di quello che gli offrono, senza appurare per filo e per segno costi e ricavi. Ma c'è di più.

COSTI SEMPRE PIU' ALTI

La determina dirigenziale n. 2020/839, con la quale il Comune di Pomezia ha affidato alla società Refecta il conferimento della frazione umida presso il suo impianto di Cisterna di Latina al costo di euro 195 a tonnellata (Iva esclusa), non solo conferma la nostra previsione che i costi sarebbero lievitati. Ma per certi aspetti la rende ancora più intrigante e drammatica: non si sa dove finirà in pratica l'immondizia organica e smaltirla costerà ancora di più dei 214,5 euro a tonnellata, indicati ieri un altro nostro articolo (LEGGI QUI). Il prezzo finale sarà di almeno 224 euro a tonnellata. Questo perché oltre all'Iva del 10%, il Comune deve pagare anche il 4% di benefit ambientale previsto dalla normativa regionale a favore del Comune dove si trova l'impianto di conferimento, cioè Cisterna. Ma siccome quell'impianto è solo di passaggio, se la destinazione ultima sarà nel Lazio, il prezzo salirà ulteriormente visto che Pomezia deve pagare un secondo benefit tra il 2 e il 4% al Comune che ospita l'impianto di destinazione finale. Ciò non accadrà se l'organico viene portato fuori regione, dove non vige la normativa del Lazio che impone questi benefit sul proprio territorio.

PUNTI OSCURI: DOVE AVVERRA' LO SMALTIMENTO DEFINITIVO?

Ma gli impianti di trattamento finale dell’organico, essendo tutti saturi quelli presenti nella Regione Lazio, sono per la maggior parte collocati nel nord d’Italia e pertanto bisogna metterci anche i soldi del trasporto. Vale a dire circa 60 euro in più di quanto costa quest’anno smaltire i rifiuti indifferenziati presso la RIDA Ambiente di Aprilia e gli altri TMB del Lazio. C'è inoltre questa coincidenza: lo scorso 13 luglio la Procura di Roma ha sequestrato l'impianto TMB (trattamento meccanico cosiddetto biologico) pubblico dell'AMA a Rocca Cencia (Roma), mentre qualche giorno prima è stato dissequestrato quello provato “cerroniano” di Guidonia Montecelio. Perché l'impianto Refecta a Cisterna è solo di passaggio? Perché a quanto ci risulta, questa società è autorizzata allo stoccaggio e trattamento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, ma non per il trattamento diretto della frazione organica. La determina 839 infatti specifica che: “… nonostante la Refecta Srl sia stata aggiudicataria del servizio di messa in riserva, recupero e smaltimento rifiuti pericolosi e non, giusto contratto Rep. 9317, ad oggi non aveva mai precedentemente comunicato la disponibilità al conferimento del rifiuto C.E.R. 20.01.08”, ovvero la frazione organica/umida proveniente da raccolta differenziata. La messa in riserva è di fatto un’operazione di stoccaggio provvisorio dei rifiuti in ambienti e contenitori specifici (punto R13 dell'Allegato C alla Parte Quarta del Codice Ambientale). Vista la natura del rifiuto, lo stoccaggio della sostanza organica deve avvenire per un tempo molto limitato prima di essere trasportato negli impianti di trattamento e smaltimento finale: nel caso specifico si tratta di pochissimi giorni che variano a seconda delle caratteristiche della struttura di stoccaggio e della temperatura atmosferica del periodo. Ecco perché la questione si fa sempre più drammatica e sarebbe il caso di far sapere ai cittadini cosa sta avvenendo rispetto alla gara per il ritiro e trattamento dell'umido a Pomezia, andata due volte deserta. Visto anche che è una situazione che si ripete uguale ogni estate, con lo stesso copione e la stessa tempistica, mentre la Regione Lazio, a cui competono le scelte sull’impiantistica, resta ancora una volta a guardare.

Roberto Lessio e Francesco Buda

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:00 1601568000 Illuminazione artistica per valorizzare le Grotte di Nerone ad Anzio
17:59 1601567940 Nettuno, ecco la domanda per chiedere il risarcimento dei danni dal maltempo
16:20 1601562000 Incendi e criminalità: a Pomezia il nuovo prefetto e il procuratore capo di Roma
15:37 1601559420 Fibra ottica in via Campobello per 20mila abitazioni e 1100 attività commerciali
14:58 1601557080 10 aule nuove per il liceo Cicerone di Frascati. 5 al Pantaleone a dicembre
14:54 1601556840 Fortitudo Pomezia, en plein alle finali AICS. Silveri: "stiamo lavorando bene"
14:38 1601555880 24 nuovi casi positivi in provincia di Latina: in totale sono 551
14:17 1601554620 A Latina arriva il riconoscimento De.Co. per le eccellenze del territorio
14:00 1601553600 Michela Califano commissario del Pd di Pomezia, verso il nuovo congresso
12:51 1601549460 Via libera alla realizzazione dei marciapiedi su via dell'Irto a Sermoneta
12:50 1601549400 Camion ribaltato in mezzo alla strada sulla Pontina, traffico in tilt per ore
12:34 1601548440 Da oggi Grottaferrata è ufficialmente città: il Prefetto consegna il titolo
12:13 1601547180 Pensione abusiva per cani in campagna a Pomezia: sigilli della Polizia Locale
12:02 1601546520 Albano-Castel Gandolfo: in servizio da oggi 2 nuovi agenti della Polizia Locale
12:00 1601546400 Degrado e voragini in via Grandi a Genzano: strada impercorribile
11:39 1601545140 Frank Onorati e I Giardini di Marzo in concerto al Chaos Food & Drink di Latina
11:36 1601544960 Angelica Massera, da Rocca di Papa su Canale 5 per imitare il Ministro Azzolina
11:33 1601544780 Partono un serie di lavori stradali ad Albano: ecco le zone interessate
09:39 1601537940 'Sei bella anche se hai il cancro': seminario il 4 ottobre ad Aprilia
09:38 1601537880 Chiude l'esposizione di sculture di Francesca Tulli nel giardino del Comune
08:39 1601534340 Boom di contagi in provincia di Latina: nuovo vertice in Prefettura
08:27 1601533620 Dirty Glass, il Riesame rimette in libertà uno degli imprenditori arrestati
08:26 1601533560 Latina, in arrivo gli orti urbani: frutta e verdura a disposizione della città
08:21 1601533260 Sequestrato un tratto di via dell'Idrovora ad Ardea: era diventata una discarica
30/09 1601488560 La scuola di Latina Scalo può finalmente aprire: finiti in anticipo i lavori

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli