[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Difesa della costa Stop scogli e cemento

Ripascimento, arrivano i primi fondi a Latina, chiesti nel 2016...

È stata erogata nei giorni scorsi dalla Regione Lazio la prima tranche del finanziamento da 5,5 milioni di euro chiesto dal Comune di Latina lo scorso anno (dopo la prima richiesta nel 2016) per gli interventi di ripascimento definitivo e difesa della costa nel tratto tra Foce Verde e Capoportiere. Ossia per riallargare di almeno 30 metri la spiaggia mangiata dal mare, portandovi e stendendoci sopra una montagna di sabbia. L'allargamento partirà dall'ultima linea di scogli a Foce Verde, i “pennelli” perpendicolari alla costa messi dalla Regione Lazio davanti al lido della Polizia statale e che hanno semplicemente spostato il problema più giù. Quegli scogli, infatti, fermano la sabbia in direzione nord ma fanno 'mangiare' dalle correnti la sabbia sottoflutto, cioè quelle verso sud. I soldi arrivati per ora al capoluogo ammontano a 550mila euro: un anticipo del 10% dell’importo complessivo. L'intervento si fermerà all'altezza di piazzale Loffredo. Questa prima somma consentirà all’Assessorato all’Ambiente del capoluogo di avviare le procedure di intervento. In particolare, il Comune potrà finalmente elaborare lo studio di fattibilità delle opere da realizzare. Seguirà a ruota la progettazione preliminare, che dovrà ottenere prima la Valutazione di Impatto Ambientale dalla stessa Regione Lazio (ma da un altro ufficio), alla quale poi seguiranno la progettazione definitiva e quella esecutiva, per avviare infine ai lavori veri e propri. Il resto dei soldi già stanziati verranno erogati mano a mano che saranno fatti i lavori, con i SAL (Stato Avanzamento Lavori), e a seguito della rendicontazione finale. Questi primi 550mila euro dalla Regione sono pervenuti al Comune di Latina circa 2 settimane fa. Si tratta di una corsa contro il tempo perché il Comune dovrà stipulare il contratto per la realizzazione degli interventi entro il 31 dicembre 2021, mentre la conclusione delle opere con il relativo collaudo dovrà essere realizzata entro il 2025.

Come ancora troppo spesso accade in Italia, la fretta non è dettata da ritardi dell’Amministrazione comunale ma dalla farraginosità delle procedure nazionali e regionali che rendono disponibili dei finanziamenti comunitari sempre all’ultimo momento e proprio quando stanno per essere persi. L'Unione Europea aveva infatti stanziato i soldi nel 2014. L'Amministrazione guidata dal Sindaco Coletta aveva inoltrato una prima richiesta di finanziamento a novembre 2016, all'allora dirigente del Dipartimento risorse idriche e difesa del suolo della Regione Lazio, ing. Mauro Lasagna. Lo stesso scelto dagli Zingaretti boys e finito più volte nel mirino della Procura della Repubblica di Roma e poi dell'Anticorruzione del magistrato Raffaele Cantone. Ma anche lo stesso che guidava l'ARDIS, l'Agenzia regionale per la difesa del suolo che ebbe la disastrosa idea di mettere i “pennelli” e poi la barriera soffolta: cioè scogli sopra e e sotto l'acqua, che aggravano l'erosione e la spostano da nord verso sud. È per questo, ad esempio, che è sparita la spiaggia davanti allo stabilimento balneare della Polizia di Stato. La cosa ha iniziato sbloccarsi per Latina con la seconda richiesta, inviata a settembre 2019 alla nuova Dirigente regionale, ing. Wanda D'Ercole.

Il contributo a fondo perduto in questione fa parte della quota del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione dell’Unione Europea per il periodo 2014-2020. Ma tra vari rimpalli ministeriali e regionali, è stato messo definitivamente a disposizione del Ministero dell’Ambiente solo nel dicembre 2019 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale a gennaio di quest’anno. I soldi sono quindi stati trasferiti alla Regione Lazio, che ora li sta trasferendo ai Comuni beneficiari.

La normativa prevede che siano proprio le Amministrazioni comunali interessate a doversi occupare e ad essere responsabili di tutte le procedure che vanno dallo studio di fattibilità al collaudo delle opere, passando per la progettazione definitiva e l’attuazione dei lavori: l’unica variante riguarda il fatto che poteva essere la Regione (o altra stazione appaltante) a svolgere le gare e quindi a decidere l’affidamento degli interventi. Ma il Comune di Latina, essendo stazione appaltante autonoma, nel sottoscrive il relativo Atto d’Impegno ha deciso di tenere per se anche questa specifica e particolare responsabilità.

L’ipotesi progettuale messa in campo per il ripascimento definitivo prevede la movimentazione di 197.000 metri cubi di sabbia accumulatasi sotto i “pennelli” e all'occorrenza altra verrà presa da cave marine a largo della costa di Latina. Le sabbie da utilizzare sono già reperibili all’interno delle quattro celle in opere rigide poste a levante della foce del Mascarello ed a difesa di Foce Verde, ormai quasi completamente sature con un esubero stimato di oltre 250.000 metri cubi. rispetto agli obbiettivi posti alla base degli interventi effettuati dalla Regione Lazio negli anni 2004-2006. Altra ipotesi per i sedimenti da movimentare è quella di ricorrere alle “cave di sabbia” collocate in mare aperto e già individuate da tempo dalla stessa Regione Lazio.

Per quanto riguarda la difesa della costa, invece, è stato ipotizzato genericamente di piazzare ulteriori barriere soffolte, cioè subacquee, per attenuare la violenza delle mareggiate ma che allo stesso tempo possa consentire il naturale trasporto di sedimenti realizzato dalle correnti marine. Infine, non si è escluso di accorciare gli ultimi pennelli di scogli realizzati in passato. La tipologia e i dettagli precisi degli interventi di difesa saranno l’oggetto della progettazione definitiva da realizzare nei prossimi mesi. Comunque sia, tale progettazione dovrà tenere bene in considerazione le ultime linee guida dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) che esclude definitivamente la realizzazione di ulteriori opere rigide e aggettanti in calcestruzzo, sia sulla sulla spiaggia che dentro il mare. Ovvio aspettarsi un acceso dibattito sul tema.

Dopo tanti scogli burocratici e scogli antimereggiate inutili e dannosi, tutta Latina spera in un progetto che guardi alle reali esigenze dell'ambiente e della Città, che arrivino presto gli interventi e che siano fatti a regola d'arte.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:17 1597393020 Truffa dello specchietto: individuati (nonostante la mascherina) e denunciati
09:57 1597391820 Si rinnova anche quest'anno la tradizione della transumanza Falasche-Jenne
09:46 1597391160 Incendio tossico alla Loas di Aprilia: la Regione dichiari lo stato di emergenza
09:39 1597390740 Aprilia prega per il piccolo Leo, 5 anni: genitori morti in una frana
13/08 1597350480 Coronavirus, a Nettuno risulta una persona positiva di rientro dalla Bulgaria
13/08 1597350300 Il consigliere Federici: “Niente sicurezza, annullata la Notte Bianca a Nettuno”
13/08 1597332300 Shopping a San Felice Circeo con banconote false da 50 euro. Due arresti
13/08 1597330260 Studenti nei container, Lega: «Gli alunni di Torvaianica non siano di serie B»
13/08 1597329120 L'incendio di Aprilia è una bomba ecologica, nel silenzio dei Tg e di Zingaretti
13/08 1597328760 Scontro tra due auto al "solito" incrocio di Aprilia: due feriti
13/08 1597324500 Anzio, Ferragosto bilanciato: spiagge chiuse e rinforzi di polizia al Porto
13/08 1597324380 Turni serali della polizia locale di Nettuno, i sindacati: Colpa della politica
12/08 1597261080 La puzza dell’incendio di Aprilia sveglia all’alba sia Anzio che Nettuno
12/08 1597261020 La polizia arresta pregiudicato di Nettuno evaso dagli arresti domiciliari
12/08 1597260960 Incendio in appartamento a Cretarossa a Nettuno, salvi tutti i residenti
12/08 1597243140 Incendio Loas: schizzano i valori della diossina nell'aria. Arpa pubblica i dati
12/08 1597241760 Tensione ai Castelli: nigeriani positivi al Covid in fuga dal centro accoglienza
12/08 1597226880 Loas, Asl: il vento ha spinto la nube tossica verso il mare, forse salva Aprilia
12/08 1597221180 Covid, 21 positivi nel centro accoglienza: chiesto trasferimento dei contagiati
12/08 1597219020 Incendio Loas Aprilia: Arpa mostra le foto del filtro dell'aria dopo il rogo
11/08 1597171680 Punto di svolta per il porta a porta a Latina: arriva il bando da 16 milioni
11/08 1597169760 Incendio Loas: ecco i primi risultati sul livello di inquinanti nell'aria
11/08 1597160820 Asl Rm6: 7 nuovi casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore
11/08 1597160700 2 casi di Covid19 nella Asl di Latina: uno dalla Svizzera e un paziente indiano
11/08 1597153860 Rocca di Papa: "Situazione sotto controllo. I contagiati sono stati isolati"

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli