[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Fondi editoria locale

L’informazione indipendente sul serio tagliata fuori dai fondi per l’editoria

Invece di promuovere la pluralità, la mortificano. Il caso del giornale Il Caffè, sempre escluso da ogni forma di sostegno e non per caso.

Sono ben 18 anni che il giornale Il Caffè viene escluso, e non per caso, da ogni forma di sostegno pubblico all’editoria. Non solo dai contributi a fondo perduto, ma anche da ogni tipo di budget pubblicitario di enti pubblici di qualsiasi tipo e società partecipate. 

Una sorta di boicottaggio sistematico che oggi ormai costituisce la prova inconfutabile che il settimanale che hai sotto gli occhi è indpendente sul serio. 

Un giornale dal basso, senza costo e senza casta, non manipolabile. Realizzato da cittadini al servizio dei cittadini e non delle lobby politico affaristiche.

L'intervento pubblico nel settore dell'Editoria deve promuovere la libera informazione, invece negli ultimi 20 anni ha fatto tutto il contrario. 

La prova inconfutabile che il giornale che hai sotto gli occhi è indipendente sul serio

Ha mortificato l’informazione libera perché nemica, per proteggere amici e compagni vari, campioni dell'informazione addomesticata.

Adesso noi però, come editori indipendenti sul serio, chiediamo la FINE di ogni intervento economico nei confronti dell'Editoria e dell'informazione che premi solo gli editori amici. 

Sono 18 anni che un giornale come Il Caffè continua a produrre informazione locale indipendente, reggendosi eroicamente sulle entrate pubblicitarie, in un mercato distorto proprio dall'intervento pubblico. Distorto doppiamente, sia sul piano dei contributi a fondo perduto sia a livello pubblicitario. Una pioggia di liquidità per tutti, o quasi, da cui siamo sempre stati esclusi, ma gurda un po' il caso. Eppure pubblichiamo il settimanale più letto in tutto il Lazio e da 18 anni continuiamo a crescere dal basso, dalla periferia, arrivando fino ad avere un successo immenso a Roma. Successo di lettori che vogliono la loro copia da leggere, perché qualcosa di interessante ci trovano sempre. Anche quello che non si trova sugli altri giornali. Quello che non si deve sapere.

La democrazia può esistere solo se c’è informazione libera e indipendente 

Le provvidenze per l'editoria hanno falsato completamente il libero mercato, tenendo in piedi alcuni dei nostri diretti concorrenti, realtà completamente superate a livello di modello imprenditoriale, elargendo milioni di euro a ciascuno, ogni anno. 

Spesso finanziando finte cooperative di giornalisti, come evidenziato da molte sentenze giudiziarie, le solite realtà che cambiavano nome e continuavano a 'rubare milioni'.

Basta con le discriminazioni a favore della Casta delle lobby-politico affaristiche che detiene la maggior parte dei mezzi di informazione, con lo scopo non di informare, ma di manipolare l'informazione a fini propri, contro la Verità e l'interesse collettivo.   

Testate giornalistiche capaci di influenzare pesantemente l'opinione pubblica e le decisioni politiche, nate e tenute in vita con l'unico obiettivo di favorire e difendere gli affari di gruppi economici privati con interessi in tanti settori economici, specialmente quelli meno concorrenziali e più fortemente influenzati dalle decisioni politiche.

Budget pubblicitari milionari degli enti pubblici di ogni livello e di aziende partecipate, gestiti con criteri che nulla hanno a che vedere con le esigenze della pubblicità, ma per finanziare e influenzare la linea editoriale dei soliti editori più amici. 

Anche in questo caso milioni e milioni dei cittadini, spalmati con criteri a dir poco opachi, di cui noi come Medium non abbiamo mai beneficiato in questi 18 anni, se non a livello di micro-briciole. 

Come testimoniano i nostri documenti contabili, a fronte di cifre astronomiche incassate dai nostri diretti concorrenti, quelle tanto autorevoli testate giornalistiche che si ergono a difensori della Verità, ma sempre attaccate alla mammella dello Stato a ciucciare i soldi di chi paga le tasse.

Falsare la concorrenza nel settore della pubblicità equivale a falsare l'informazione. E significa anche danneggiare gli editori indipendenti come noi, i nostri dipendenti e le loro famiglie.

La democrazia può esistere solo se c'è informazione libera e indipendente. Chi fa informazione non dovrebbe avere conflitti d'interesse sugli argomenti che tratta. Come può altrimenti dirsi indipendente?

Se questi giornali privati fanno interessi solo privati, perché devono pure essere finanziati con contributi dei cittadini? E se il settore è in crisi e si vuole intervenire per sostenerlo e per garantire la pluralità dell'informazione davvero, non si può premiare qualcuno a scapito di qualcun altro.

Solo un'editoria pura può garantire informazione davvero indipendente. Noi de il Caffè siamo editori puri e gli altri?

Noi possiamo fare informazione indipendente e la facciamo davvero perché il nostro sostentamento deriva dalla pubblicità. Non abbiamo alcun interesse a schierarci con nessuna area politica, perché perderemmo la maggior parte dei lettori, quindi pubblicità e gran parte del fatturato.

Da 18 anni subiamo danni enormi a causa soprattutto degli interventi pubblici di cui godono i nostri concorrenti diretti come spugne, che bruciano soldi senza produrre lavoro, tasse, né tantomeno informazione libera.

Noi mai e poi mai abbiamo ricevuto questo tipo di sovvenzioni per l'editoria e sempre, sempre siamo stati boicottati a livello di raccolta pubblicitaria da tutti gli Enti in cui c'è la mano pubblica.

Pertanto chiediamo un atto riparativo, che vada non dico a compensare tutta questa discriminazione di tanti anni, che non basterebbero alcuni milioni; quanto piuttosto un atto forte e concreto che costituisca un risarcimento parziale della discriminazione da noi ingiustamente subita ed esprima un cambio netto anche per il futuro. 

È arrivato il momento in cui siamo costretti ad alzare la voce per dire: Editoria? Adesso basta soldi solo agli amici!

Non solo chiediamo che vengano inseriti criteri per non escluderci più dalla ripartizione dei fondi regionali per l'editoria, ma anche che tengano conto del numero dei dipendenti, delle prospettive di sviluppo occupazionale e dei benefici già ricevuti negli ultimi anni dagli editori in termini di sovvenzioni per l'editoria della PDCM, di tutti gli altri benefici ricevuti e delle pianificazioni pubblicitarie incassate dagli enti pubblici del Lazio, partendo proprio dalla Regione Lazio. 

Chiediamo giustizia e, se non ci verrà riconosciuta sappiamo come combattere per ottenerla.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
24/02 1614190260 Il 25 febbraio si riunisce il Consiglio comunale di Sermoneta in videoconferenza
24/02 1614189720 Record italiano nel 200 dorso per Daniele Del Signore (Rari Nantes Aprilia)
24/02 1614188760 Silvia Cavalli nuovo direttore generale della Asl di Latina
24/02 1614187560 “Chiamo dal Comune di Nettuno”: tentata truffa per cambiare Gestore elettrico
24/02 1614186660 Agente fuori servizio sorprende due baby topi d’appartamento e li fa arrestare
24/02 1614186180 Il consigliere di Aprilia Domenico Vulcano neo vice presidente della Provincia
24/02 1614185940 Torna il commissario prefettizio a Cisterna: è la seconda volta in tre settimane
24/02 1614185220 Ciampino, ok dall'Anas e prefettura al raddoppio dell'autovelox di via Appia
24/02 1614180000 Acea inizia i lavori a Lanuvio, via Gramsci chiusa a senso unico alternato
24/02 1614179760 Porta a porta a Latina, kit consegnati a oltre il 50% delle famiglie dei borghi
24/02 1614179220 125 nuovi casi e due vittime in provincia di Latina. La mappa dei contagi
24/02 1614175620 Muore di Coronavirus dipendente della Camassa, cordoglio del Sindaco di Anzio
24/02 1614175500 Risse al mare a Nettuno anche con martelli e spranghe, ragazzine scatenate
24/02 1614173580 Dopo il coprifuoco girano in auto con una mazza da baseball: scoperti
24/02 1614169860 Compostiere di comunità, si parte dal quartiere Querceto
24/02 1614166740 Ad Anzio 5 milioni di euro per i lavori sulle condotte tra Lavinio e Cincinnato
24/02 1614163500 Covid, morta un'altra pometina. I dati aggiornati dei contagi a Pomezia e Ardea
24/02 1614162960 Lavori in corso su viale Mazzini a Genzano: strada chiusa per due giorni
24/02 1614162600 Fiammante Ferrari rossa senza revisione: proprietario della fuoriserie multato
24/02 1614162240 Investito da auto pirata e lasciato in strada a morire: Velletri piange "Bocco"
24/02 1614161100 Rischio idrogeologico, ad Aprilia 5 milioni dal Ministero per opere pubbliche
24/02 1614160980 Ponti e ponticelli della provincia, verifica sullo stato manutentivo in corso
24/02 1614158640 Grosso incendio in un'azienda a Sabaudia: distrutti mezzi agricoli e un fienile
24/02 1614158400 Discarica di Albano, i cittadini: “Giudici, serve un nuovo processo Cerroni”
24/02 1614153780 La scomparsa dell'artista Anna Gana: Pomezia la ricorda

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli