[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Il sindacato: «Noi, strozzati dal Covid»

«Movida, sostegno per le riaperture». Parlano i protagonisti delle notti romane

Antonio Flamini - Presidente del sindacato dei locali di intrattenimento di Roma
Antonio Flamini - Presidente del sindacato dei locali di intrattenimento di Roma

Sono stati i primi a chiudere e saranno gli ultimi a poter riaprire. Ma non hanno nessuna intenzione di piegarsi di fronte al vortice del Covid. I protagonisti della nightlife romana abbandonano la rivalità e compatti chiedono la possibilità di tornare al piu presto in pista. Garantendo sicurezza, ovviamente.
Cento locali, duemila dipendenti escluso l'indotto, almeno 15 milioni di fatturato. Tutti chiusi, tutto fermo. 
Antonio Flamini presidente del Silb Roma, ossia il sindacato che rappresenta i locali dell’intrattenimento notturno da ballo e di spettacolo della capitale, e vicepresidente nazionale del settore, sta spingendo col Campidoglio, con la Pisana e col Governo.
“Cara sindaca, cara Virginia, Roma è una città troppo importante per tenere spente le luci che illuminano la notte”, ha scritto alla Raggi. 

Chiedete aiuti concreti?
«Chiediamo aiuti sì, ma soprattutto di poter tornare a lavorare».

Garantire il distaccamento sociale nei locali a grande afflusso sembra impossibile?
«Si può fare. Siamo gli unici professionisti capaci di monitorare e convogliare i giovani in totale sicurezza. Siamo stati e saremo responsabili. Da parte di tutti c'è stato un grande senso di accortezza. Ricordiamo che siamo stati i primi a chiudere a fine febbraio, ancor prima del lockdown. Puntavamo a riaprire solo quando c'erano le condizioni. E ora ci sono». 

E come?
«A livello nazionale è stato stilato un protocollo di sicurezza. Basterà rispettarlo. Aperture con partecipazioni calcolate, controllo della temperatura, tamponi per il personale, ingressi e uscite contingentate, igienizzazione degli spazi». 

Movida sotto controllo?
«Siamo l'alternativa alla movida disordinata, confusa e pericolosa». 

Per il 15 giugno è prevista la riapertura per i cinema, i teatri, non si parla però di locali della nightlife...
«In Veneto e Puglia sono pronti per le riaperture del 15 giugno, in Sicilia si parla dell'8. Noi speriamo di tornare a lavorare entro giugno, così salviamo almeno questa stagione». 

Nel frattempo?
«Gli imprenditori stanno stringendo i denti per non dichiarare fallimenti. Incombono le spese degli affitti, delle tasse e delle utenze. Ci sono migliaia di posti di lavoro in ballo e tutto l'indotto, a partire dalla sicurezza. Abbiamo chiesto al Comune di Roma l’annullamento dei tributi locali. Anche perché, faccio un esempio, con mesi di chiusura quali sono i rifiuti prodotti? Finanziamenti a fondo perduto, abbattimento dei costi delle utenze possono al massimo però mettere un freno alla chiusura. Ecco perché abbiamo chiesto e ottenuto  incontro con gli assessori capitolini al Commercio Cafarotti e alla Cultura Bergamo, ma anche regionali e con rappresentanti del governo. Alla Regione Lazio in particolare abbiamo chiesto un ulteriore finanziamento a fondo perduto, per diecimila euro ad azienda».

Anche perché il vostro poteva già considerarsi un settore in crisi?
«Non direi. Siamo solo un settore in evoluzione, e sempre al passo. Sono cambiate solo le formule dell'intrattenimento notturno». 

È ottimista?
«Sono realista. Vedo il bicchiere a metà. Ossia una riapertura non troppo in là».


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
24/02 1614190260 Il 25 febbraio si riunisce il Consiglio comunale di Sermoneta in videoconferenza
24/02 1614189720 Record italiano nel 200 dorso per Daniele Del Signore (Rari Nantes Aprilia)
24/02 1614188760 Silvia Cavalli nuovo direttore generale della Asl di Latina
24/02 1614187560 “Chiamo dal Comune di Nettuno”: tentata truffa per cambiare Gestore elettrico
24/02 1614186660 Agente fuori servizio sorprende due baby topi d’appartamento e li fa arrestare
24/02 1614186180 Il consigliere di Aprilia Domenico Vulcano neo vice presidente della Provincia
24/02 1614185940 Torna il commissario prefettizio a Cisterna: è la seconda volta in tre settimane
24/02 1614185220 Ciampino, ok dall'Anas e prefettura al raddoppio dell'autovelox di via Appia
24/02 1614180000 Acea inizia i lavori a Lanuvio, via Gramsci chiusa a senso unico alternato
24/02 1614179760 Porta a porta a Latina, kit consegnati a oltre il 50% delle famiglie dei borghi
24/02 1614179220 125 nuovi casi e due vittime in provincia di Latina. La mappa dei contagi
24/02 1614175620 Muore di Coronavirus dipendente della Camassa, cordoglio del Sindaco di Anzio
24/02 1614175500 Risse al mare a Nettuno anche con martelli e spranghe, ragazzine scatenate
24/02 1614173580 Dopo il coprifuoco girano in auto con una mazza da baseball: scoperti
24/02 1614169860 Compostiere di comunità, si parte dal quartiere Querceto
24/02 1614166740 Ad Anzio 5 milioni di euro per i lavori sulle condotte tra Lavinio e Cincinnato
24/02 1614163500 Covid, morta un'altra pometina. I dati aggiornati dei contagi a Pomezia e Ardea
24/02 1614162960 Lavori in corso su viale Mazzini a Genzano: strada chiusa per due giorni
24/02 1614162600 Fiammante Ferrari rossa senza revisione: proprietario della fuoriserie multato
24/02 1614162240 Investito da auto pirata e lasciato in strada a morire: Velletri piange "Bocco"
24/02 1614161100 Rischio idrogeologico, ad Aprilia 5 milioni dal Ministero per opere pubbliche
24/02 1614160980 Ponti e ponticelli della provincia, verifica sullo stato manutentivo in corso
24/02 1614158640 Grosso incendio in un'azienda a Sabaudia: distrutti mezzi agricoli e un fienile
24/02 1614158400 Discarica di Albano, i cittadini: “Giudici, serve un nuovo processo Cerroni”
24/02 1614153780 La scomparsa dell'artista Anna Gana: Pomezia la ricorda

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli