[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La storia di Pierina Lovisa

«Vittorio De Sica venne ad Aprilia e scelse mia nonna per il suo film» FOTO

<
>
Silvana Basso - Tiene in mano una foto della nonna Pierina Lovisa (1904-1998) e la videocassetta del film "Il tetto"
Silvana Basso - Tiene in mano una foto della nonna Pierina Lovisa (1904-1998) e la videocassetta del film "Il tetto"
Una scena del film "il tetto" del 1956 - A sin. Pierina Lovisa insieme alla protagonista Gabriella Pellotta e a una comparsa
Una scena del film "il tetto" del 1956 - A sin. Pierina Lovisa insieme alla protagonista Gabriella Pellotta e a una comparsa

Quel macchinone non era stato mai visto passare per le campagne di Carano. Viaggiava a passo d’uomo, col finestrino posteriore abbassato che permetteva di scorgere la persona che era all’interno: Vittorio De Sica. Era il 1955 e il grande regista stava cercando proprio ad Aprilia i protagonisti del suo nuovo film “Il tetto”. Non uno dei più fortunati, ma comunque un capolavoro del neorealismo. De Sica sapeva che la campagna apriliana era popolata di famiglie friulane e venete arrivate in quelle zone con la bonifica fascista. A lui serviva una donnona, una madre di famiglia con valori e ideali, con la forza fisica e morale di chi ne aveva passate tante ma non si era lasciata fiaccare. Quella donna l’ha trovata proprio in via Carano. Era Pierina Lovisa, classe 1904, che quel giorno d’estate era alla fontana del podere a prendere l’acqua. Fu così che quella donna diventò attrice quasi per caso.

ATTRICE PER CASO
«Mia nonna ci raccontava spesso di quell’incontro – spiega Silvana Basso, 69 anni, nipote di Pierina – inizialmente rifiutò la parte, poi si lasciò convincere, forse per il compenso che De Sica le avrebbe riconosciuto. Così iniziò quell’avventura, con il benestare di mio nonno».
Sono pochi a conoscere questa storia. Silvana, che da decenni gestisce il ristorante Da Elena sulla Nettunense col marito Silvano Favero e i figli Valerio e Laura, ha tanti aneddoti di famiglia da raccontare. Come quando nel 1937 nonna Pierina ricevette dalle mani di Benito Mussolini 100 lire per la stalla più ordinata dell’Agro pontino, o quando portava sulla schiena mezzo quintale di grano fino al mulino Pazienti, a piedi, per farlo macinare. 

LO SCHIAFFO DI DE SICA
E poi c’è la parentesi del film. Cinque mesi di riprese. Faticosi, perché Pierina non era un’attrice, ma De Sica cercava proprio persone semplici, senza esperienza sul set ma con alle spalle storie di vita vissuta, i cui segni erano ben visibili sul loro corpo. Questo d’altronde è il neorealismo, il genere cinematografico per cui Vittorio De Sica vinse anche due premi Oscar.
«Lei interpretava la mamma del protagonista, nel cast c’era anche Gabriella Pellotta, che poi lavorò anche con Nino Manfredi e Mario Monicelli – aggiunge Silvana –. L’hotel costava troppo, così nonna Pierina fu ospitata a Roma presso due amiche, per non fare avanti e indietro tutti i giorni da Aprilia. Ci raccontava di quando De Sica le diede un sonoro ceffone perché lei non riusciva a fare una scena, mia nonna si arrabbiò e rimproverò il regista, che alla fine fu costretto a chiedere scusa. Coi soldi ricevuti per il film la mia famiglia ci ristrutturò la stalla». 

SOLDI DEL FILM INVESTITI NELLA STALLA
E per festeggiare la fine delle riprese, Pierina comprò un maialino da mangiare con la famiglia. «Vittorio De Sica le fece la corte per altri film, ma lei ha sempre rifiutato. Diceva che il suo posto era Aprilia, in campagna, ad allevare i figli e i nipoti». Una parentesi, quella cinematografica, che Pierina raccontava con orgoglio. Scomparsa nel 1998 a 94 anni, la sua storia ora viene tramandata dai nipoti.


Una storia di rivalsa sociale
“Il tetto”, scritto da Cesare Zavattini, è uscito nel 1956 e fu presentato alla mostra del cinema di cannes. La trama è semplice, ma rispecchia i problemi dell’epoca, un’Italia che faceva ancora fatica a risollevarsi dopo la devastazione della guerra. Qui si inserisce, a Roma, la storia di Luisa (gabriella Pallotti) e Natale (Giorgio Listuzzi) novelli sposi; essendo poverissimi (lui fa il muratore, lei presta servizio come domestica), non sono in grado di risolvere per proprio conto il problema della casa e vanno ad abitare provvisoriamente in quella superaffollata dei parenti di lui (tra cui la mamma di Natale, interpretata da Pierina Lovisa). Ma tale coabitazione non lascia ai due sposi neppure quel minimo di libertà e di autonomia, che sono indispensabili alla vita coniugale, mentre provoca continui attriti coi parenti. Dopo un ennesimo litigio, i due sposi lasciano quella casa: Luisa trova ospitalità presso la sua padrona, Natale dorme in una baracca del cantiere. Luisa, che aspetta un bambino, apprende per caso che in certe zone periferiche c'è la possibilità di costruire abusivamente, su terreni comunali, una minuscola casetta. È però necessario edificare la casa e coprirla col tetto durante una nottata. Se c'è il tetto, la casa si considera finita e le guardie, sopraggiungendo, non hanno più il diritto di mandar via chi vi abita. Cedendo alle insistenze di Luisa, Natale fa un debito per poter acquistare il materiale necessario e una notte inizia la costruzione. Il primo tentativo non riesce, ma i due si trasferiscono in un'altra zona, dove, trovato un punto adatto, Natale e i suoi amici si mettono a lavorare febbrilmente. Col valido aiuto del cognato la costruzione procede rapidamente e quando arrivano le guardie, il tetto è quasi ultimato. Le guardie fingono di non vedere che nel tetto c'è un buco: Natale e Luisa hanno ormai la loro casa.


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20:08 1611256080 Castello Pratica di Mare: Latium Vetus chiede al Catasto di fare una "rettifica"
17:36 1611246960 Covid 19, Asl Roma 6: altri 138 casi nelle ultime 24 ore. Deceduti tre anziani
16:38 1611243480 Coronavirus, Latina e provincia altri 167 contagi e 5 morti. I dati delle città
15:23 1611238980 Abbandoni abusivi di rifiuti: trovati elementi per risalire all'autore del reato
14:59 1611237540 Asfaltate le strade di Viceré. I cittadini mettono i soldi per la parte privata
14:34 1611236040 Si cappotta con l’auto a Cretarossa a Nettuno, ferito un operaio di 65 anni
14:23 1611235380 Aprilia, Anzio, Nettuno e Lanuvio celebrano i 77 anni dello Sbarco degli Alleati
14:16 1611234960 Cori proclama lutto cittadino per la morte di Don Ottaviano Maurizi
13:19 1611231540 Rocca di Papa: conclusi i lavori di messa in sicurezza della scuola centrale
12:57 1611230220 Pazienti dell’emodialisi di Anzio al freddo, la segnalazione di una cittadina
12:54 1611230040 Impianto di riscaldamento rotto, la scuola di via Cavour chiusa oggi e domani
12:52 1611229920 Stradale denuncia 26enne di Anzio: coca e sconfinamento in cerca di prostitute
12:34 1611228840 Continua la protesta davanti alle scuole, in pochi sono rientrati in classe
12:08 1611227280 Col fucile in auto beccato a perlustrare ville: inseguito sulla 148 e arrestato
11:05 1611223500 Albano, affittuari della discarica: "Condivisibile preoccupazione sulla salute"
10:47 1611222420 Laboratorio di 'ingegneria fiscale' a servizio di evasori: 47 mln di Iva evasa
09:50 1611219000 Nella lista delle opere da commissariare c'è anche la Cisterna-Valmontone
09:37 1611218220 Incendio in un edificio a Velletri: intervento notturno dei vigili del fuoco
09:15 1611216900 Al Tar per avere la cartella clinica della mamma morta in ospedale: la Asl perde
08:50 1611215400 Ritardi Pfizer, la vaccinazione agli over 80 dal 1° febbraio rischia di saltare
08:39 1611214740 Il Tar annulla la gara per i servizi cimiteriali. Ma l'appalto è già concluso
08:25 1611213900 Latina, indagine di gradimento sul cibo servito a mensa nelle scuole
08:12 1611213120 Nuova discarica tra Latina e Sabaudia, un'altra a Fondi: i sindaci hanno scelto
01:02 1611187320 E-distribuzione: avviso di interruzione energia elettrica il giorno 26 gennaio
20/01 1611157620 Zaccheo: «Un uomo ferito gravemente e non ucciso, ha voglia di riscatto»

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli