[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina, riduzione dell'impianto

Centrale nucleare, ok alla Fase1 dello smantellamento. E poi? FOTO

<
>
Borgo sabotino, l'edificio del reattore Magnox che sarà abbassato
Borgo sabotino, l'edificio del reattore Magnox che sarà abbassato

Il Ministero dello sviluppo economico ha finalmente autorizzato la Fase 1 della disattivazione della vecchia centrale nucleare di Latina, a Borogo Sabotino, confine con Nettuno. Non si tratta dell'intero smantellamento, ma della “Riduzione dell'impianto”. L'ISIN, l'Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, spiega che l'operazione è “finalizzata alla messa in sicurezza di tutti i rifiuti radioattivi pregressi o prodotti dallo smantellamento di strutture, sistemi e componenti dell’impianto nonché la riduzione nella dimensione esterna dell’edificio reattore nel quale, a sua volta, rimane confinata all’interno del nocciolo la grafite radioattiva”. 

L’ABBASSAMENTO DELL’EDIFICIO REATTORE
Due le principali attività previste: lo smantellamento dei sei boiler – gli scambiatori di calore che producevano il vapore per far girare le turbine che generavano elettricità - e l’abbassamento di 15 metri dell’edificio reattore: l'altezza scenderà da 53 a 38 metri. Questa seconda operazione è quella più delicata perché riguarda la struttura dove vi è tuttora la temutissima grafite, impregnata di radioattività, che serviva per creare stabilità nel processo di fissione. Come a Chernobyl. 2.090 tonnellate di grafite lì nel nocciolo a Borgo Sabotino, a forma di prisma retto, alto 9,3 metri. 
L'autorizzazione del Ministero è contenuta in un decreto firmato dal dirigente della Direzione generale per l'approvvigionamento, l'efficienza e la competitività energetica, Mariano G. Cordone. I lavori autorizzati sono previsti dal “Piano Globale di Disattivazione Accelerata” presentato il 19 settembre 2018 da Sogin Spa, la società pubblica incaricata di gestire e smantellare i vecchi siti nucleari italiani. Accelerato?

RITARDI E COSTI A CATENA
L'ok è arrivato lo scorso 20 maggio all'esito di un tortuoso iter e giusto 2 anni dopo l'avvio della procedura di infrazione europea contro l'Italia perché non recepiva la nuova direttiva 2013/59/Euratom del 2013 con le norme fondamentali di sicurezza per le radiazioni ionizzanti. Andava recepita entro il 6 febbraio 2018. 
Solo dopo che la Commissione europea – a luglio dell'anno passato - ha messo in mora e deferito il nostro Paese davanti alla Corte di giustizia europea, il 4 ottobre scorso è arrivata la legge 117 che recepisce la Direttiva… ma delega il governo ad attuare le nuove regole. 
Una cronica lentezza lamentata nel 2018 anche dalla Corte dei Conti nella relazione sulla gestione finanziaria di Sogin Spa, individuando le cause dei ritardi “soprattutto in fattori endogeni riconducibili alla programmazione ed alla gestione dei grandi progetti”. 
«A Latina completeremo nel 2021 le attività di smantellamento di tutte le infrastrutture»,  annunciò ad agosto 2011 Giuseppe Nucci, allora amministratore delegato di Sogin. La cifra indicata da per il completo smantellamento e bonifica del sito (il cosiddetto ritorno al “prato verde”) allora era 704 milioni di euro. 

CHI FARÀ I LAVORI? E COME LI AFFIDERANNO?
Oggi, per la sola Fase 1 appena autorizzata, la società fa sapere che “la conclusione è prevista nel 2027, per un valore complessivo delle attività di 270 milioni di euro”. Un bel gruzzolo. Per «privilegiare l'imprenditoria locale» il 22 giugno 2011 l'ex capo di Sogin firmò coi presidenti pontini di Confindustria, Ance (costruttori) e Federlazio, «un protocollo d’intesa che mira proprio a coinvolgere le aziende pontine nelle attività di decommissioning e messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi della centrale». 
Vedremo se ci saranno aziende locali e sane oppure ditte come quelle coinvolte nella costruzione (fatta male con tanto di fessure nel cemento) del deposito “temporaneo” nucleare di Borgo Sabotino. Un bunker costruito con affidamento diretto, senza gara aperta, da soggetti in odore di mafia e camorra collegati al Consorzio Aedars di quel Pietro Tindaro Mollica al quale il Gruppo investigazione criminalità organizzata della Finanza ha confiscato 171 milioni di euro… 
Di sicuro, a Latina resteranno le scorie presenti (vedi riquadro sopra). In attesa della Fase 2, quando arriverà l'ormai mitologico deposito unico nazionale. La liberazione del sito senza più radiazioni è previsto nel 2042. Trasferimento dei rifiuti al Deposito nazionale e inizio delle attività di smantellamento dell’isola nucleare. Rilascio del sito privo di vincoli di natura radiologica nel 2042. Per ora è previsto l’ulteriore rilascio di radioattività a dosi controllate e a norma di legge.


QUANTE SCORIE RESTERANNO?
Si stimano 125.444 metri cubi di materiali residui, quando sarà ultimata anche la Fase2. Di questi rifiuti, 9.624 mc saranno “non rilasciabili”, cioè radioattivi: un volume pari a circa due palazzi da 6 piani con 40 appartamenti di 80 mq. Il loro trasferimento al Deposito unico nazionale (che non esiste) è previsto a partire dal 2027. 


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:50 1603907400 139 contagi in provincia di Latina. La cappella del Goretti dedicata al Covid
17:10 1603901400 A gennaio chiude il ponte di Ariccia: consegnati i lavori ad Anas
16:42 1603899720 Solo un farmaco americano può salvare Alessandro, ma serve l'aiuto di tutti
16:13 1603897980 L’Istituto Comprensivo Anzio 3 festeggia il centesimo compleanno di Rodari
16:11 1603897860 Ubriaco picchiava la compagna incinta e la filmava, arrestato ad Anzio
16:10 1603897800 Insegnamento di alta qualità, il Cappell College premiato dall’Unione Europea
16:08 1603897680 Al via i lavori sulla Riviera Mallozzi ad Anzio, tutto nuovo prima dell’Estate
15:09 1603894140 Via dei pub, i locali chiedono la chiusura al traffico a ora di pranzo
15:02 1603893720 Il mondo dello sport in piazza: trombettista suona il silenzio in segno di lutto
14:56 1603893360 Il sindacato balneari chiede la proroga delle concessioni balneari al 2033
14:34 1603892040 Verde a Pomezia, la Polizia locale dona 6 nuovi alberi e arbusti alla città
14:07 1603890420 Minacce agli avvocati che non comprano cicoria: cosa ha deciso la commissione
13:53 1603889580 Dopo Locanda Martorelli, anche Parco Chigi nella Mappa delle Meraviglie
13:25 1603887900 A Cisterna volani gli stracci in Fratelli d'Italia. E Carturan cambia il vice
13:07 1603886820 Ariccia: ancora ambulanze con pazienti a bordo ferme al PS dell'ospedale
12:35 1603884900 La Asl di Latina chiede rispetto e invita a fare una visita al reparto Covid
11:50 1603882200 L'ospedale di Latina torna dedicato al Covid, ad eccezione di pochi reparti
11:44 1603881840 Ex Tacconi, ok a edilizia e opere pubbliche. Latium Vetus: «Maxi-edificazione»
11:39 1603881540 Positiva al Covid-19 una agente della Polizia Locale di Latina
11:06 1603879560 Pomezia: smantellata autofficina abusiva e discarica aperte da 7 anni
10:13 1603876380 Marino: alcuni volontari ripuliscono dai rifiuti il parcheggio di via Frassati
10:11 1603876260 Voragine sulla strada: cedimento legato alla rottura di una tubazione
10:10 1603876200 I lavoratori dello sport in piazza: i nostri impianti sono sicuri, fateci aprire
10:02 1603875720 Sit in delle società sportive dilettantistiche: chiedono più spazi e strutture
09:48 1603874880 Acqua alta a Campo Ascolano: ogni acquazzone sommerge il quartiere

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli