[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Il settore edile del Lazio nel caos

Edilizia, il Lazio straccia l’accordo col Ministero FOTO

<
>
Valeriani e Zingaretti
L'assessore all'Urbanistica del Lazio con il Governatore
Valeriani e Zingaretti L'assessore all'Urbanistica del Lazio con il Governatore
Dario Franceschini
Ministro ai Beni Culturali e Turismo
Dario Franceschini Ministro ai Beni Culturali e Turismo

“Voltafaccia”. Così, a microfoni spenti, il mondo dell’associazionismo romano definisce la volontà della Regione Lazio di non voler accettare le modifiche proposte dal Ministero dei Beni Culturali e al Piano Territoriale Paesistico del Lazio, più conosciuto anche come PTPR. Il documento che stabilisce dove, come e a quale condizioni è possibili costruire un nuovo immobile o ampliarne uno preesistente. Un Piano di straordinaria importanza visto che le disposizioni che contiene prevalgono sui Piani Regolatori Generali comunali (PRG) e sulla programmazione edilizia provinciale e delle aree metropolitane. Ma facciamo un passo indietro per capire insieme di cosa stiamo parlando. Dopo 12 anni di attesa, il 2 agosto 2019 il Consiglio del Lazio ha approvato il nuovo Piano edilizio regionale. Dopo 6 mesi, il 13 febbraio 2020 questo nuovo Piano edilizio è stato pubblicato sul Bollettino regionale. Un ritardo che, sin da subito, ha destato perplessità tra gli Enti pubblici comunali e provinciali, ma anche tra gli operatori edili che attendevano con ansia di conoscere le nuove disposizioni di legge, a maggior ragione visto che sull’intero settore incombe da più di 10 anni una pesante crisi economica. A metà aprile, quando ogni problema sembrava risolto, il nuovo stop: il Ministero ha annunciato di aver impugnato il nuovo Piano edilizio con un ricorso straordinario alla Corte Costituzionale. 

I 9 INCONTRI MIBACT-REGIONE
Nessun amministratore o politico ha avuto il coraggio di spiegare apertamente i motivi che hanno costretto la Regione a pubblicare il Piano edilizio regionale con 6 mesi di ritardo. Lo stesso assessore all’Urbanistica regionale, Massimiliano Valeriani, a fine ottobre 2019, a domanda diretta de il Caffè di Roma, ha risposto che tale ritardo era dovuto alla necessità, da parte degli uffici regionali, di “completare tutte le procedure amministrative richieste dal Consiglio”. A chiarire quanto davvero accaduto in quei fatidici 6 mesi ci ha pensato un comunicato stampa sottoscritto di recente da varie associazioni ambientaliste, tra le quali figurano: Italia Nostra, Verdi Ambiente e Società, Carte in Regola, Forum salviamo il paesaggio di Roma e del Lazio, etc. 

L’ACCORDO DIVENTA CARTA STRACCIA
I ‘famosi’ 6 mesi di buco tra l’approvazione del Piano edilizio del Lazio e la sua pubblicazione sono stati costellati da 9 incontri tra gli ‘ambasciatori’ di Dario Franceschini, Ministro dei Beni Culturali e del Turismo, e Massimiliano Valeriani, Assessore all’Urbanistica regionale. Lo scopo di questi ripetuti faccia a faccia è stato quello di cercare di raggiungere un accordo sulla gestione del territorio regionale, visto che il Piano approvato dal mini-parlamento del Lazio, che ricomprende anche la città di Roma, era giudicato dal Ministero troppo permissivo dal punto di vista edificatorio. Dopo 9 incontri, il Ministero dei Beni Culturali e la Regione Lazio hanno raggiunto un accordo che è stato addirittura scritto e sottoscritto dai entrambi gli Enti pubblici il 18 dicembre 2019. 

LA DELIBERA A SORPRESA
Accordo, infine, inserito dalla Giunta Zingaretti nella Delibera di Giunta n.50 del 13 febbraio 2020, votata dagli assessori, ma mai portata in Consiglio e quindi rimasta inattuata. Lo stesso giorno, il 13 febbraio, sul sito regionale, alla faccia degli accordi col Ministero, è comparso invece il Piano edilizio votato dal Consiglio il 2 agosto precedente e contenete le norme e le tavole bocciate appena poche settimane prima nell’accordo con Franceschini. La situazione quindi è paradossale: Regione contro Ministero, sarà la Corte Costituzionale a decidere chi ha ragione. E intanto gli operatori dell’edilizia non sanno quali sono le norme da rispettare.


“SOSPENDETE LA VALIDITÀ DEL PIANO”
“In attesa della conclusione del contenzioso alla Corte Costituzionale, la Regione – scrivono le associazioni in un agguerrito comunicato stampa – dovrebbe ragionevolmente applicare il principio di precauzione, provvedendo alla immediata sospensione dell’efficacia tanto della deliberazione di approvazione del Piano regionale incautamente pubblicato, quanto della successiva direttiva del 20 febbraio (…) invece a giudicare dall’intervento dell’Assessore all’Urbanistica Valeriani in Commissione del 12 maggio scorso, la Giunta sembra intenzionata a lasciare in vigore il Piano regionale approvato e pubblicato fino alla sentenza della Corte Costituzionale, permettendo così che nel presumibile lungo intervallo da ora alle decisioni della Consulta possa essere rilasciata una consistente mole di permessi di costruire”.


Vittorio Coccoletti


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11/08 1597171680 Punto di svolta per il porta a porta a Latina: arriva il bando da 16 milioni
11/08 1597169760 Incendio Loas: ecco i primi risultati sul livello di inquinanti nell'aria
11/08 1597160820 Asl Rm6: 7 nuovi casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore
11/08 1597160700 2 casi di Covid19 nella Asl di Latina: uno dalla Svizzera e un paziente indiano
11/08 1597153860 Rocca di Papa: "Situazione sotto controllo. I contagiati sono stati isolati"
11/08 1597152300 Ferragosto di Festa a Nettuno, il 14 la Notte Bianca in spiaggia e al centro
11/08 1597152240 La Polizia controlla la movida ad Anzio e Nettuno, sanzionati tre locali
11/08 1597152060 Anzio, divieto di accesso in spiaggia a Ferragosto: sanzioni da 1000 a 3000 euro
11/08 1597151880 Non vengono rispettate le norme covid: sequestrato uno storico locale di Ponza
11/08 1597151040 Proposta di legge a tutela dei piccoli comuni non convince proprio tutti
11/08 1597150560 Tensione a Mondo Migliore: arrivano anche le forze dell'ordine
11/08 1597149060 Castel Gandolfo contro i piromani: "Segnalate subito i focolai e gli inneschi"
11/08 1597147740 Bimbo di 3 anni venduto dal padre per sesso, la madre lo rapisce dall'ospedale
11/08 1597146720 Nube tossica Loas: ecco come era il sito appena scoppiato l'incendio di domenica
11/08 1597144860 Minacce e maltrattamenti alla moglie: allontanato da casa un pluripregiudicato
11/08 1597141500 Scuole: lavori in corso alla Falcone e alla San Nilo per il rientro in aula
11/08 1597140600 Sospeso il mercato settimanale di via Bardi ad Aprilia per questo sabato
11/08 1597139700 Cisterna rimanda il live di Facchinetti: "La salute dei cittadini viene prima"
11/08 1597138980 Aria irrespirabile dopo l'incendio ad Aprilia. Indaga la Procura di Latina
11/08 1597138800 Lasciano ombrelloni e lettini per prenotare il posto sulla spiaggia libera
11/08 1597137840 Incendio Loas e rischio per la salute pubblica: si accertino le responsabilità
11/08 1597136100 Incendio alla Loas: le misure di sicurezza che i cittadini devono seguire
11/08 1597133940 20 contagiati nel centro accoglienza Mondo Migliore: tra questi un operatore
10/08 1597081080 Accoltellano un connazionale alla Stazione di Lavinio, denunciati due indiani
10/08 1597081020 17enne su un motorino rubato non si ferma all’alt della Polizia: preso a Nettuno

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli