[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Il settore edile del Lazio nel caos

Edilizia, il Lazio straccia l’accordo col Ministero FOTO

<
>
Valeriani e Zingaretti
L'assessore all'Urbanistica del Lazio con il Governatore
Valeriani e Zingaretti L'assessore all'Urbanistica del Lazio con il Governatore
Dario Franceschini
Ministro ai Beni Culturali e Turismo
Dario Franceschini Ministro ai Beni Culturali e Turismo

“Voltafaccia”. Così, a microfoni spenti, il mondo dell’associazionismo romano definisce la volontà della Regione Lazio di non voler accettare le modifiche proposte dal Ministero dei Beni Culturali e al Piano Territoriale Paesistico del Lazio, più conosciuto anche come PTPR. Il documento che stabilisce dove, come e a quale condizioni è possibili costruire un nuovo immobile o ampliarne uno preesistente. Un Piano di straordinaria importanza visto che le disposizioni che contiene prevalgono sui Piani Regolatori Generali comunali (PRG) e sulla programmazione edilizia provinciale e delle aree metropolitane. Ma facciamo un passo indietro per capire insieme di cosa stiamo parlando. Dopo 12 anni di attesa, il 2 agosto 2019 il Consiglio del Lazio ha approvato il nuovo Piano edilizio regionale. Dopo 6 mesi, il 13 febbraio 2020 questo nuovo Piano edilizio è stato pubblicato sul Bollettino regionale. Un ritardo che, sin da subito, ha destato perplessità tra gli Enti pubblici comunali e provinciali, ma anche tra gli operatori edili che attendevano con ansia di conoscere le nuove disposizioni di legge, a maggior ragione visto che sull’intero settore incombe da più di 10 anni una pesante crisi economica. A metà aprile, quando ogni problema sembrava risolto, il nuovo stop: il Ministero ha annunciato di aver impugnato il nuovo Piano edilizio con un ricorso straordinario alla Corte Costituzionale. 

I 9 INCONTRI MIBACT-REGIONE
Nessun amministratore o politico ha avuto il coraggio di spiegare apertamente i motivi che hanno costretto la Regione a pubblicare il Piano edilizio regionale con 6 mesi di ritardo. Lo stesso assessore all’Urbanistica regionale, Massimiliano Valeriani, a fine ottobre 2019, a domanda diretta de il Caffè di Roma, ha risposto che tale ritardo era dovuto alla necessità, da parte degli uffici regionali, di “completare tutte le procedure amministrative richieste dal Consiglio”. A chiarire quanto davvero accaduto in quei fatidici 6 mesi ci ha pensato un comunicato stampa sottoscritto di recente da varie associazioni ambientaliste, tra le quali figurano: Italia Nostra, Verdi Ambiente e Società, Carte in Regola, Forum salviamo il paesaggio di Roma e del Lazio, etc. 

L’ACCORDO DIVENTA CARTA STRACCIA
I ‘famosi’ 6 mesi di buco tra l’approvazione del Piano edilizio del Lazio e la sua pubblicazione sono stati costellati da 9 incontri tra gli ‘ambasciatori’ di Dario Franceschini, Ministro dei Beni Culturali e del Turismo, e Massimiliano Valeriani, Assessore all’Urbanistica regionale. Lo scopo di questi ripetuti faccia a faccia è stato quello di cercare di raggiungere un accordo sulla gestione del territorio regionale, visto che il Piano approvato dal mini-parlamento del Lazio, che ricomprende anche la città di Roma, era giudicato dal Ministero troppo permissivo dal punto di vista edificatorio. Dopo 9 incontri, il Ministero dei Beni Culturali e la Regione Lazio hanno raggiunto un accordo che è stato addirittura scritto e sottoscritto dai entrambi gli Enti pubblici il 18 dicembre 2019. 

LA DELIBERA A SORPRESA
Accordo, infine, inserito dalla Giunta Zingaretti nella Delibera di Giunta n.50 del 13 febbraio 2020, votata dagli assessori, ma mai portata in Consiglio e quindi rimasta inattuata. Lo stesso giorno, il 13 febbraio, sul sito regionale, alla faccia degli accordi col Ministero, è comparso invece il Piano edilizio votato dal Consiglio il 2 agosto precedente e contenete le norme e le tavole bocciate appena poche settimane prima nell’accordo con Franceschini. La situazione quindi è paradossale: Regione contro Ministero, sarà la Corte Costituzionale a decidere chi ha ragione. E intanto gli operatori dell’edilizia non sanno quali sono le norme da rispettare.


“SOSPENDETE LA VALIDITÀ DEL PIANO”
“In attesa della conclusione del contenzioso alla Corte Costituzionale, la Regione – scrivono le associazioni in un agguerrito comunicato stampa – dovrebbe ragionevolmente applicare il principio di precauzione, provvedendo alla immediata sospensione dell’efficacia tanto della deliberazione di approvazione del Piano regionale incautamente pubblicato, quanto della successiva direttiva del 20 febbraio (…) invece a giudicare dall’intervento dell’Assessore all’Urbanistica Valeriani in Commissione del 12 maggio scorso, la Giunta sembra intenzionata a lasciare in vigore il Piano regionale approvato e pubblicato fino alla sentenza della Corte Costituzionale, permettendo così che nel presumibile lungo intervallo da ora alle decisioni della Consulta possa essere rilasciata una consistente mole di permessi di costruire”.


Vittorio Coccoletti

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
24/02 1614190260 Il 25 febbraio si riunisce il Consiglio comunale di Sermoneta in videoconferenza
24/02 1614189720 Record italiano nel 200 dorso per Daniele Del Signore (Rari Nantes Aprilia)
24/02 1614188760 Silvia Cavalli nuovo direttore generale della Asl di Latina
24/02 1614187560 “Chiamo dal Comune di Nettuno”: tentata truffa per cambiare Gestore elettrico
24/02 1614186660 Agente fuori servizio sorprende due baby topi d’appartamento e li fa arrestare
24/02 1614186180 Il consigliere di Aprilia Domenico Vulcano neo vice presidente della Provincia
24/02 1614185940 Torna il commissario prefettizio a Cisterna: è la seconda volta in tre settimane
24/02 1614185220 Ciampino, ok dall'Anas e prefettura al raddoppio dell'autovelox di via Appia
24/02 1614180000 Acea inizia i lavori a Lanuvio, via Gramsci chiusa a senso unico alternato
24/02 1614179760 Porta a porta a Latina, kit consegnati a oltre il 50% delle famiglie dei borghi
24/02 1614179220 125 nuovi casi e due vittime in provincia di Latina. La mappa dei contagi
24/02 1614175620 Muore di Coronavirus dipendente della Camassa, cordoglio del Sindaco di Anzio
24/02 1614175500 Risse al mare a Nettuno anche con martelli e spranghe, ragazzine scatenate
24/02 1614173580 Dopo il coprifuoco girano in auto con una mazza da baseball: scoperti
24/02 1614169860 Compostiere di comunità, si parte dal quartiere Querceto
24/02 1614166740 Ad Anzio 5 milioni di euro per i lavori sulle condotte tra Lavinio e Cincinnato
24/02 1614163500 Covid, morta un'altra pometina. I dati aggiornati dei contagi a Pomezia e Ardea
24/02 1614162960 Lavori in corso su viale Mazzini a Genzano: strada chiusa per due giorni
24/02 1614162600 Fiammante Ferrari rossa senza revisione: proprietario della fuoriserie multato
24/02 1614162240 Investito da auto pirata e lasciato in strada a morire: Velletri piange "Bocco"
24/02 1614161100 Rischio idrogeologico, ad Aprilia 5 milioni dal Ministero per opere pubbliche
24/02 1614160980 Ponti e ponticelli della provincia, verifica sullo stato manutentivo in corso
24/02 1614158640 Grosso incendio in un'azienda a Sabaudia: distrutti mezzi agricoli e un fienile
24/02 1614158400 Discarica di Albano, i cittadini: “Giudici, serve un nuovo processo Cerroni”
24/02 1614153780 La scomparsa dell'artista Anna Gana: Pomezia la ricorda

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli