[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Il peso del lockdown sulle donne

Violenza contro le donne: appello di Geraldine Pagano, esperta dell'antiviolenza

Scuole chiuse, meno lavoro per loro e aumento delle segnalazioni di maltrattamenti. Geraldine Pagano - mamma di quattro figli, avvocata e tra le legali dell'associazione antiviolenza Diferenza Donna - lancia un allarme in difesa delle donne e un appello al ministro dell’istruzione, Lucia Azzolina e alla sindaca di Roma, Virginia Raggi: ''Se le scuole resteranno chiuse fino a settembre o magari anche oltre il peso del lockdown verrà definitivamente scaricato sulle donne. Lavoriamo per aiutarle, aiutarci''.

Una regressione?

Una violazione dei diritti fondamentali. Trovo inaccettabile che si sia scaricato e si continui a scaricare su di noi e sui minori, e più che negli altri Paesi, il peso di una pandemia senza cercare soluzioni alternative.

Perché ne è così certa...

Con la sospensione della didattica a scuola e i figli a casa, le donne stanno pagando di più la reclusione domestica anche post lockdown. Visto che sono meno garantite e pagate rispetto ai mariti nella maggior parte delle famiglie è toccato a loro restare relegate in casa per fare le casalinghe e le docenti a tempo pieno. Soprattutto se mamme di bambini tra i cinque e i dieci anni. Come non bastasse sono più che raddoppiate le segnalazioni di maltrattamenti ai loro danni. Anche se, forse per la paura delle “distanze” troppo ravvicinate coi partner, le denunce sono diminuite.

Colpa di chi?

Del welfare sociale. Un esempio: in Francia le scuole sono state riaperte da una settimana circa iniziando dai più piccoli. Noi viviamo ancora nell'incertezza, non sappiamo nemmeno cosa succederà a settembre. Una riapertura più celere avrebbe dato sollievo alle famiglie, e appunto, in particolare alle donne. Il bonus baby sitter, tra l'altro più fruibile per chi poteva permettersi di anticipare stipendi, ha solo parzialmente tamponato. Anche perché per le famiglie non è facile trovare baby sitter che abbiano anche la preparazione per i compiti. E la didattica a distanza, soprattutto per i più piccoli ha funzionato a macchia di leopardo.

Centinaia di “donne e uomini della società civile” stanno firmando una petizione per chiedere di cominciare subito a organizzare non solo la riapertura delle scuole con interventi immediati sull’edilizia scolastica, ma anche una gestione formativa durante l’estate che consenta a entrambi i genitori di lavorare, concorda?

Su tutti i punti. Si tratta di una petizione indirizzata alle ministre Lucia Azzolina ed Elena Bonetti, rispettivamente all'Istruzione e alle Pari Opportunità, e riporta il senso di angoscia e di spavento da parte delle madri, che da febbraio gestiscono una situazione che se non trova a breve una soluzione adeguata determinerà una fuoriuscita definitiva dal mondo del lavoro di molte donne e produrrà gravissimi effetti sui minori.

I papà agevolati?

Hanno mantenuto, anche se non tutti, più facilmente il loro già più solido legame con l’attività lavorativa. Non a caso le mamme tedesche hanno chiesto 8mila al Governo per il lavoro domestico in lockdown.

Qual è la ricetta per uscirne...

Bisognava approfittare della chiusura delle scuole per effettuare interventi immediati sull’edilizia scolastica o comunque pensare ad un piano che consenta il rispetto del distanziamento sociale senza stravolgere le strutture, pensando diversamente l’orario di lavoro, riducendo gli effettivi nelle scuole, aumentando il numero di docenti se necessario. E fornire, da subito, più mezzi di sostegno alle famiglie durante la pandemia. Più tablet, più pc. In assenza è già cresciuto il dislivello culturale. Le famiglie più sfavorite economicamente e culturalmente hanno avuto meno opportunità con la didattica a distanza. E poi occorre programmare la fase estiva per il periodo in cui i genitori dovranno tornare a lavoro.

Ci sono sempre i nonni.

E' questo il punto più debole. L'Italia è un paese che si regge sui nonni. Sono sempre stati il perno dell'economia delle famiglie. Ma l'emergenza Covid ha sconsigliato contatti con i nonni, proprio per non esporli a rischi. E l'equilibrio si è spezzato. In compenso gli aiuti – dai bonus alle casse integrazioni etc… – stanno accumulando troppo ritardo. E le donne restano a casa, neanche tanto in sicurezza.

Più maltrattamenti?

Le chiamate ai centri antiviolenza sono aumentate del 73 per cento, confrontando lo stesso periodo con quello del 2019. E il Lazio e Roma sono stati in linea. Il tasso di incidenza delle chiamate anche da noi è passato dal 6,8 al 12,4 per 100.000 abitanti. Più segnalazioni per violenze su donne, ma anche sui minori. Ma sono diminuite le denunce, perché è più difficile denunciare col violento in casa. La coabitazione forzata spegne il coraggio. A Roma abbiamo avuto casi di donne che avevano allontanato il partner che hanno hannodovuto riaprire le porte di casa ai mariti violenti perché non sapevano a chi lasciare i figli quando costrette a lavorare. Senza contare che la presenza costante a casa dei figli ha aumentato esponenzialmente i casi dei minori vittime di violenze assistite.

Qual è la soluzione?

Lancio un appello non solo al Governo ma anche alla Raggi, sindaca della capitale e mamma affinché si mettano in sicurezza le scuole comunali e si lavori sin d’ora per una riapertura imminente. Il riavvio del lavoro andava calibrato con la riapertura delle scuole. E così non èstato. Ora non facciamoci trovare impreparati, almeno per settembre. Bisogna adeguare e mettere in sicurezza gli istituti scolatici. Riapertura delle scuole significa anche centri estivi e supporto alle famiglie.


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
24/02 1614190260 Il 25 febbraio si riunisce il Consiglio comunale di Sermoneta in videoconferenza
24/02 1614189720 Record italiano nel 200 dorso per Daniele Del Signore (Rari Nantes Aprilia)
24/02 1614188760 Silvia Cavalli nuovo direttore generale della Asl di Latina
24/02 1614187560 “Chiamo dal Comune di Nettuno”: tentata truffa per cambiare Gestore elettrico
24/02 1614186660 Agente fuori servizio sorprende due baby topi d’appartamento e li fa arrestare
24/02 1614186180 Il consigliere di Aprilia Domenico Vulcano neo vice presidente della Provincia
24/02 1614185940 Torna il commissario prefettizio a Cisterna: è la seconda volta in tre settimane
24/02 1614185220 Ciampino, ok dall'Anas e prefettura al raddoppio dell'autovelox di via Appia
24/02 1614180000 Acea inizia i lavori a Lanuvio, via Gramsci chiusa a senso unico alternato
24/02 1614179760 Porta a porta a Latina, kit consegnati a oltre il 50% delle famiglie dei borghi
24/02 1614179220 125 nuovi casi e due vittime in provincia di Latina. La mappa dei contagi
24/02 1614175620 Muore di Coronavirus dipendente della Camassa, cordoglio del Sindaco di Anzio
24/02 1614175500 Risse al mare a Nettuno anche con martelli e spranghe, ragazzine scatenate
24/02 1614173580 Dopo il coprifuoco girano in auto con una mazza da baseball: scoperti
24/02 1614169860 Compostiere di comunità, si parte dal quartiere Querceto
24/02 1614166740 Ad Anzio 5 milioni di euro per i lavori sulle condotte tra Lavinio e Cincinnato
24/02 1614163500 Covid, morta un'altra pometina. I dati aggiornati dei contagi a Pomezia e Ardea
24/02 1614162960 Lavori in corso su viale Mazzini a Genzano: strada chiusa per due giorni
24/02 1614162600 Fiammante Ferrari rossa senza revisione: proprietario della fuoriserie multato
24/02 1614162240 Investito da auto pirata e lasciato in strada a morire: Velletri piange "Bocco"
24/02 1614161100 Rischio idrogeologico, ad Aprilia 5 milioni dal Ministero per opere pubbliche
24/02 1614160980 Ponti e ponticelli della provincia, verifica sullo stato manutentivo in corso
24/02 1614158640 Grosso incendio in un'azienda a Sabaudia: distrutti mezzi agricoli e un fienile
24/02 1614158400 Discarica di Albano, i cittadini: “Giudici, serve un nuovo processo Cerroni”
24/02 1614153780 La scomparsa dell'artista Anna Gana: Pomezia la ricorda

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli