[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Protocollo Governo - Vescovi italiani

Dal 18 maggio si può tornare a Messa. Ecco tutte le precauzioni previste

Dal 18 maggio i fedeli potranno tornare a Messa. È previsto dall'accordo firmato oggi, 7 maggio, dal cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, insieme al presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte e dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Un provvedimento molto atteso dai cristiani, per i quali la Messa non è solo un momento di preghiera né un rito ripetitivo dove “recitare” a memoria pigre formule. Ma è invece il momento di incontro personale e comunitario con Gesù in un modo speciale. Vale a dire attraverso l'Ostia, la quale per chi ci crede è il corpo e il sangue di Gesù che nutre l'anima e tutte le energie della persona che collabora con Lui. Preti e ministri straordinari del culto, dovranno dare l'eucarestia ai fedeli senza toccare le mani dei fedeli stessi, indossando i guanti e igienizzandosi prima le mani. Rinviate le Cresime (confermazione).

I sacerdoti responsabili delle chiese sono chiamati a stabilire il numero massimo di persone ammesse alle celebrazioni, in base alla capienza degli edifici. A vigilare sul rispetto delle distanze e delle altre precuazioni, ci saranno volontari e/o collaboratori. L'accesso potrà essere “individuale” ed è vietato il coro. Possibile la presenza del solo organista.

In particolare, il protocollo prevede:

1) Ingressi contingentati, si entrerà cioè a numero chiuso e senza assembrarsi, come ad esempio si è fatto e si continua a fare per farmacie e supermercati;

2) Obbligo di indossare la mascherina

3) Distanza minima di un metro tra ogni persona, non solo frontalmente ma anche di lato. Attenzione, però, nella fase di entrata e uscita la distanza di sicurezza sale a un metro e mezzo.

3) Vietato entrare a coloro che hanno una temperatura corporea dai 37,5 gradi centigradi in su o che sono stati in contato con persone positive al virus Sars-Cov2.

4) Aumentare il numero di Messe se quelle previste risultano insufficienti ad accogliere tutti i fedeli

5) Porte aperte anche durante la celebrazione (nessuno tocchi porte e maniglie)

Di seguito, il testo del documento divulgato dal quotidiano della CEI, “Avvenire”, che illustra ulteriori dettagli.

 

A Sua Em.za Rev.ma

 

Il sig. Cardinale Gualtiero Bassetti Presidente della C.E.I.

OGGETTO: Applicazione delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 previste dal D.P.C.M. 26 aprile 2020 – Protocollo riguardante la graduale ripresa delle celebrazioni liturgiche con il popolo.

Per i profili di competenza, si trasmette Punito protocollo, sottoscritto nella mattinata odierna dal Presidente del Consiglio dei Ministri, dal Presidente della Conferenza Episcopale Italiana e dal Ministro dell’Intemo, concernente le necessarie misure di sicurezza cui ottemperare, nel rispetto della normativa e delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID 19, per la ripresa delle celebrazioni liturgiche con il popolo.

 

Protocollo circa la ripresa delle celebrazioni con il popolo

Per la graduale ripresa delle celebrazioni liturgiche con il popolo, il presente Protocollo ha per oggetto le necessarie misure di sicurezza, cui ottemperare con cura, nel rispetto della normativa sanitaria e delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2.

1. ACCESSO AI LUOGHI DI CULTO IN OCCASIONE DI CELEBRAZIONI LITURGICHE

1.1. L’accesso individuale ai luoghi di culto si deve svolgere in modo da evitare ogni assembramento sia nell’edificio sia nei luoghi annessi, come per esempio le sacrestie e il sagrato.

1.2. Nel rispetto della normativa sul distanziamento tra le persone, il legale rappresentante dell’ente individua la capienza massima dell’edificio di culto, tenendo conto della distanza minima di sicurezza, che deve essere pari ad almeno un metro laterale e frontale.

1.3. L’accesso alla chiesa, in questa fase di transizione, resta contingentato e regolato da volontari e/o collaboratori che – indossando adeguati dispositivi di protezione individuale, guanti monouso e un evidente segno di riconoscimento – favoriscono l’accesso e l’uscita e vigilano sul numero massimo di presenze consentite. Laddove la partecipazione attesa dei fedeli superi significativamente il numero massimo di presenze consentite, si consideri l’ipotesi di incrementare il numero delle celebrazioni liturgiche.

1.4. Per favorire un accesso ordinato, durante il quale andrà rispettata la distanza di sicurezza pari almeno 1,5 metro, si utilizzino, ove presenti, più ingressi, eventualmente distinguendo quelli riservati all’entrata da quelli riservati all’uscita. Durante l’entrata e l’uscita dei fedeli le porte rimangano aperte per favorire un flusso più sicuro ed evitare che porte e maniglie siano toccate.

1.5. Coloro che accedono ai luoghi di culto per le celebrazioni liturgiche sono tenuti a indossare mascherine.

1.6. Venga ricordato ai fedeli che non è consentito accedere al luogo della celebrazione in caso di sintomi influenzali/respiratori o in presenza di temperatura corporea pari o superiore ai 37,5° C.

1.7. Venga altresì ricordato ai fedeli che non è consentito l’accesso al luogo della celebrazione a coloro che sono stati in contatto con persone positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti.

1.8. Si favorisca, per quanto possibile, l’accesso delle persone diversamente abili, prevedendo luoghi appositi per la loro partecipazione alle celebrazioni nel rispetto della normativa vigente.

1.9. Agli ingressi dei luoghi di culto siano resi disponibili liquidi igienizzanti.

2. IGIENIZZAZIONE DEI LUOGHI E DEGLI OGGETTI

2.1. I luoghi di culto, ivi comprese le sagrestie, siano igienizzati regolarmente al termine di ogni celebrazione, mediante pulizia delle superfici con idonei detergenti ad azione antisettica. Si abbia, inoltre, cura di favorire il ricambio dell'aria.

2.2. Al termine di ogni celebrazione, i vasi sacri, le ampolline e altri oggetti utilizzati, così come gli stessi microfoni, vengano accuratamente disinfettati.

2.3. Si continui a mantenere vuote le acquasantiere della chiesa.

3. ATTENZIONI DA OSSERVARE NELLE CELEBRAZIONI LITURGICHE

3.1. Per favorire il rispetto delle norme di distanziamento è necessario ridurre al minimo la presenza di concelebranti e ministri, che sono comunque tenuti al rispetto della distanza prevista anche in presbiterio.

3.2. Può essere prevista la presenza di un organista, ma in questa fase si ometta il coro.

3.3. Tra i riti preparatori alla Comunione si continui a omettere lo scambio del segno della pace.

3.4. La distribuzione della Comunione avvenga dopo che il celebrante e l’eventuale ministro straordinario avranno curato l’igiene delle loro mani e indossato guanti monouso; gli stessi – indossando la mascherina, avendo massima attenzione a coprirsi naso e bocca e mantenendo un’adeguata distanza di sicurezza – abbiano cura di offrire l’ostia senza venire a contatto con le mani dei fedeli.

3.5.1 fedeli assicurino il rispetto della distanza sanitaria.

3.6. Per ragioni igienico-sanitarie, non è opportuno che nei luoghi destinati ai fedeli siano presenti sussidi per i canti o di altro tipo.

3.7. Le eventuali offerte non siano raccolte durante la celebrazione, ma attraverso appositi contenitori, che possono essere collocati agli ingressi o in altro luogo ritenuto idoneo.

3.8. Il richiamo al pieno rispetto delle disposizioni sopraindicate, relative al distanziamento e all’uso di idonei dispositivi di protezione personale si applica anche nelle celebrazioni diverse da quella eucaristica o inserite in essa: Battesimo, Matrimonio, Unzione degli infermi ed Esequie.

3.9. Il sacramento della Penitenza sia amministrato in luoghi ampi e areati, che consentano a loro volta il pieno rispetto delle misure di distanziamento e la riservatezza richiesta dal sacramento stesso. Sacerdote e fedeli indossino sempre la mascherina.

Nelle unzioni previste nell’amministrazione dei sacramenti del Battesimo e dell’Unzione degli infermi, il ministro indossi, oltre alla mascherina, guanti monouso.

3.10. La celebrazione del sacramento della Confermazione è rinviata.

4. ADEGUATA COMUNICAZIONE

4.1. Sarà cura di ogni Ordinario rendere noto i contenuti del presente Protocollo attraverso le modalità che assicurino la migliore diffusione.

4.2. All’ingresso di ogni chiesa sarà affisso un manifesto con le indicazioni essenziali, tra le quali non dovranno mancare:

– il numero massimo di partecipanti consentito in relazione alla capienza dell’edificio;

– il divieto di ingresso per chi presenta sintomi influenzali/respiratori, temperatura corporea uguale o superiore ai 37,5° C o è stato in contatto con persone positive a SARS- CoV-2 nei giorni precedenti;

– l’obbligo di rispettare sempre nell’accedere alla chiesa il mantenimento della distanza di sicurezza, l’osservanza di regole di igiene delle mani, l’uso di idonei dispositivi di protezione personale, a partire da una mascherina che copra naso e bocca.

5. ALTRI SUGGERIMENTI

5.1. Ove il luogo di culto non è idoneo al rispetto delle indicazioni del presente Protocollo, l’Ordinario del luogo può valutare la possibilità di celebrazioni all’aperto, assicurandone la dignità e il rispetto della normativa sanitaria.

5.2. Si ricorda la dispensa dal precetto festivo per motivi di età e di salute.

5.3. Si favoriscano le trasmissioni delle celebrazioni in modalità streaming per la fruizione di chi non può partecipare alla celebrazione eucaristica.

Il Comitato Tecnico-Scientifico, nella seduta del 6 maggio 2020, ha esaminato e approvato il presente “Protocollo circa la ripresa delle celebrazioni con il popolo”, predisposto dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Il presente Protocollo entrerà in vigore a far data dal giorno lunedì 18 maggio 2020.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
08/07 1594227720 I carabinieri recuperano un rosario da 5mila euro rubato in chiesa a Terracina
08/07 1594227180 Ricercato per una rapina in villa a Pistoia, rintracciato e arrestato ad Ardea
08/07 1594222140 La Regione ordina al Campidoglio: campo rom Castel Romano sia presidiato h24
08/07 1594220460 La Polstrada potenzia i controlli su Pontina, Appia, Monti Lepini e Flacca
08/07 1594219080 Domato dopo quasi 24 ore l'incendio al fienile su via Ardeatina
08/07 1594218420 Contributo a fondo perduto: nel Lazio presentate 105mila richieste
08/07 1594218180 14 nuovi casi nella regione, 9 sono di importazione. Un positivo alla Asl Latina
08/07 1594217940 Possesso di documenti falsi e droga, la Polizia arresta una donna di Anzio
08/07 1594215960 Anzio, pronta la nomina ad assessore alla cultura per Gabriella Di Fraia
08/07 1594215900 Porto di Anzio, a breve i lavori di ripascimento e pennelli antierosione
08/07 1594215780 L’11 luglio parte la stagione a Torre Astura, ecco gli orari delle navette
08/07 1594214520 Pomezia, centri estivi: Sindaco e Assessore in visita alle strutture pubbliche
08/07 1594210740 Ordinanza per regolare l'uso di liquami e fertilizzanti organici in agricoltura
08/07 1594208940 È ai domiciliari, ma si prostituisce ricevendo i clienti a casa: arrestata
08/07 1594204620 Tenta di gettarsi dal ponte di Ariccia, salvato dalla polizia 21enne di Aprilia
08/07 1594201620 Senza patente, causa incidente con danni e fugge: multa da 5mila euro
08/07 1594201320 Quarto furto in biblioteca a Pavona in pochi giorni: allertata la Polizia
08/07 1594200660 Parte la messa in sicurezza del campo rom di Castel Romano: 70 agenti sul posto
08/07 1594200480 Deve andare in carcere, ma sparisce: rintracciato al bar sul lungomare di Ardea
08/07 1594200480 Colpo notturno alla gioielleria di Corso Matteotti ad Albano, danni ingenti
08/07 1594200300 Via libera alla sanatoria per chi ha occupato abusivamente una casa dell'Ater
08/07 1594198980 Doppio incidente a Velletri: camion incastrato in strada e ciclista investita
08/07 1594196700 Spiagge libere di Ardea, approvate 7 richieste: potranno aprire stabilimenti
08/07 1594195800 Parte il centro estivo comunale gratuito a Castel Gandolfo dai 6 ai 14 anni
08/07 1594194540 L'autostrada Roma-Latina nell'elenco delle opere approvate dal Governo Conte

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli