[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Pagati già 11 milioni. La Finanza indaga

35,9 milioni di euro di mascherine: mai arrivate. Giallo in Regione Lazio FOTO

<
>
Alessio D'amato, assessore alla Sanità del Lazio, con il governatore Zingaretti
Alessio D'amato, assessore alla Sanità del Lazio, con il governatore Zingaretti
Carmelo Tulumello - Capo Protezione Civile Lazio
Carmelo Tulumello - Capo Protezione Civile Lazio

Doppio blitz della finanza in pochi giorni per il caso mascherine fantasma acquistate dalla Regione per 35,9 milioni di euro e ricevute solo in minima parte. Dopo avere prelevato documentazione dalla Pisana la scorsa settimana gli investigatori su delega del pm Elena Neri si sono presentati negli uffici della Protezione civile regionale in via Laurentina per acquisire copia di ordini, mail, contratti e ricevute di bonifico. Ricostruire i passaggi dell’affidamento diretto della commessa da 35,9 milioni di euro per la fornitura di 9,5 milioni di mascherine, di cui solo due milioni consegnate, a fronte di un anticipo di almeno 11 milioni di euro pagato alla EcoTech, società con sede a Frascati, si sta rivelando più complicato del previsto. Le Fiamme gialle hanno acquisito il dossier relativo al contratto, ma anche la documentazione relativa ad altre società, come la Exor alla quale la EcoTech avrebbe a sua volta pagato un anticipo milionario per ottenere una partita di mascherine. Al vaglio anche il carteggio con la Este Italia che in un esposto ha sostenuto di essere stata ignorata nella commessa dalla Regione Lazio nonostante avesse sottoposto alla Protezione civile del Lazio un’offerta più vantaggiosa.

Potrebbe essere proprio questo l'ultimo e delicato filone dell’inchiesta: accertare se le procedure seguite nella fase dell’affidamento siano state regolari e verificare se siano state scartate offerte che avrebbero permesso alla Pisana di risparmiare.

Le mascherine comunque non sono mai arrivate a destinazione e nei giorni scorsi la Regione ha rescisso il contratto con la EcoTech, anche se appare difficile che l'anticipo milionario versato alla ditta possa essere recuperato. I titolari dell’azienda, indagati per inadempimento in pubbliche forniture, sostengono di non avere tenuto per sé il denaro e di essere stati a loro volta raggirati. In base alla loro giustificazioni avrebbero speso più di 9 milioni per pagare due fornitori, una società inglese e una svizzera senza mai ricevere a loro volta i dispositivi medici rimasti bloccati all'estero, pare a Shangai.

A porre per prima la questione sul caos mascherine era stata il 7 aprile la consigliera regionale Chiara Colosimo (Fdi). L’11 aprile, però, nonostante i ritardi di consegna ritenuti collegati a uno stop doganale, alla Pisana erano stati rinnovati i contratti della Ecotech, prima della revoca definitiva arrivata solo nei giorni scorsi e in qualche modo preannunciata nell'ultima audizione di Bilancio dal vicepresidente della Regione Lazio Daniele Leodori: ''Abbiamo un problema con EcoTech. Forse abbiamo commesso degli errori, ma non in malafede. Siamo stati truffati? Se ce ne accorgiamo, andiamo in Procura insieme''.

L'inchiesta che per ora vede la Regione Lazio parte lesa potrebbe allargarsi. La Procura, infatti, avrebbe acquisito dalla Regione Lazio non solo i documenti della vicenda EcoTech, ma anche quelli relativi a tutti gli oltre 105 milioni di affidamenti assegnati dalla Protezione civile regionale a varie società, alcune delle quali alla prima esperienza sul fronte del reperimento di dispositivi medicali. 

Sulla vicenda delle mascherine laziali indaga anche la Corte dei conti. Nel frattempo continuano ad arrivare esposti in procura. L'ultimo è stato inoltrato tramite i carabinieri dall'avvocato Armando Fergola. 

Fallita la prima consegna da completare entro il 30 marzo, il 2 aprile il direttore dell’Agenzia regionale della Protezione civile Lazio, Carmelo Tulumello, avrebbe revocato alla Ecotech la commessa utilizzando, nel provvedimento, parole durissime come “totale inaffidabilità”. Il 10 aprile è così arrivata la novazione della commessa, in cui è spuntato anche il nome della Exor Sa, società svizzera che ha stipulato un contratto con Ecotech a sua volta per le mascherine. Ma i dispositivi di protezione, nonostante l’ulteriore scadenza del 17 aprile, non sono mai stati consegnati, a parte i 2 milioni di mascherine chirurgiche scaricate nei giorni di Pasqua. Da una nuova visura effettuata, emerge che la società di Frascati il 27 marzo – con decorrenza 10 aprile – aveva modificato il proprio statuto alla voce “attività prevalente”, passando da “commercio all’ingrosso di materiale elettrico con deposito” a “commercio all’ingrosso di articoli medicali ed ortopedici”. Dunque, dopo aver ricevuto le commesse dalla Regione Lazio.

Per il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ''se c'è stata una truffa noi chiederemo giustizia. Sarebbe davvero odioso se di fronte al dramma del coronavirus qualcuno se ne fosse approfittato"

Secondogli avvocati Cesare Gai e Giorgio Quadri, che assistono invece la EcoTech "il comportamento della società è stato costantemente improntato alla massima trasparenza e correttezza nei confronti della Pubblica Amministrazione. Con l'ente infatti sono in corso costanti interlocuzioni finalizzate a risolvere problematiche indipendenti dalla compagine sociale, che anzi è stata significativamente danneggiata da condotte altrui che saranno portate a valutazione davanti al pubblico ministero". La truffa, insomma, se c'è stata, secondo la EcoTech verrebbe da lontano: dai fornitori cinesi, ai quali peraltro, secondo i legali ''è andata gran parte delle somme ricevute in acconto dalla Regione Lazio nella certezza del puntuale rispetto degli accordi contrattuali''.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:03 1594310580 Porta a porta a Latina, Bellini: «Arrivato l'ok al mutuo di 12 milioni ad ABC»
17:42 1594309320 La Polstrada ferma in moto campione di boxe: tutto in regola e saluti cordiali
17:20 1594308000 Incendio sulla Pontina: a fuoco i campi circostanti. Traffico paralizzato
17:03 1594306980 Tre nuovi casi di Covid: due a Latina, uno a Pontinia. Anche una bimba di 9 anni
16:56 1594306560 Autostrada Roma - Latina: i No Corridoio protesteranno sotto al Ministero
16:52 1594306320 Prima gli insulti razziali, poi investono due volte uno straniero in bicicletta
16:38 1594305480 190mila euro dalla Regione per ristrutturare la scuola Sant'Antonio di Ardea
16:04 1594303440 Al via la formazione con Vaudi e Pezzolla per la Polizia locale di Nettuno
16:01 1594303260 Massimiliano Sollazzo di Anzio secondo a Mr Italia di bodybuilding negli over 45
15:58 1594303080 Spara un colpo in pizzeria ad Anzio per tentare la rapina, malvivente in fuga
15:06 1594299960 Il sindaco di Pomezia con Raggi al campo rom: «Nostro territorio il più esposto»
14:47 1594298820 Riparte il presidio medico comunale a Torvaianica: aperto tutti i pomeriggi
14:43 1594298580 Castel Romano, Campidoglio: «A settembre prima parte del superamento del campo»
14:03 1594296180 Pusher ai domiciliari sorpreso di nuovo a spacciare, arrestato
13:08 1594292880 La 18esima edizione di Cinemadamare riparte da Pomezia: domani il primo evento
13:05 1594292700 “Piccolo mondo di Sermoneta”: souvenir e prodotti tipici in festa nel weekend
12:59 1594292340 Circola in via del Lido su un motociclo senza patente e con documento falso
12:52 1594291920 Una nuova ambulanza per la Cri grazie alla donazione dei dipendenti Sigma-Tau
12:34 1594290840 Spiaggia dei Castellani ad Ardea invasa dai rifiuti, villeggianti furiosi
12:27 1594290420 Strada della Rosa chiusa da maggio: partono oggi i lavori di abbattimento pini
11:57 1594288620 "Togliere l'accreditamento al S. Raffaele non è la soluzione, si pensi ad altro"
11:51 1594288260 Ciampino: Ottenuto un importante finanziamento scolastico da 200mila euro
11:50 1594288200 Abitanti 0 - 17 anni: record nel Lazio. Bene Latina, Aprilia. Boom a Marino
11:18 1594286280 Grottaferrata: i MiniCrypters raccontano la loro quarantena con un video
11:11 1594285860 Frascati: al via il centro estivo comunale per bambini dai 3 mesi agli 8 anni

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli