[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Forse la riapertura il 18 maggio

Quando e come si potrà andare in spiaggia? Ecco tutte le ipotesi FOTO

<
>
FABRIZIO LICORDARI - Presidente nazionale di Assobalneari
FABRIZIO LICORDARI - Presidente nazionale di Assobalneari
SEBASTIANO VENNERI - Responsabile del turismo per Legambiente
SEBASTIANO VENNERI - Responsabile del turismo per Legambiente

Il 1° maggio era la data di apertura della stagione balneare. Quando e soprattutto come potremo andare al mare o al lago? 
Non si sa, almeno mentre andiamo in stampa. Di sicuro ci sono già importanti proposte concrete degli addetti ai lavori e di realtà associative. I gestori degli stabilimenti balneari si dicono certi di saper gestire la situazione coronavirus in spiaggia e che al mare si potrà tornare, continuando a rispettare la distanza fisica tra persone. Altro nodo: si potrà andare solo negli stabilimenti balneari a pagamento o anche sulle spiagge libere? 

Distanza minima e prenotazioni via App. Basteranno tali misure?

L’IRA DEI BALNEARI:  «NOI SAPPIAMO COME FARE, MA IL GOVERNO TACE»
«Il premier Conte, i suoi Ministri e il loro staff tacciono. Dai primi di marzo, con largo anticipo, gli abbiamo chiesto di dirci come ci dobbiamo comportare, quali misure dobbiamo adottare – tuona il presidente naizonale di Assobalneari legata a Federturismo Confindustria, Fabrizio Licordari, che Il Caffè ha raggiunto telefonicamente -. Attenzione: il tema non è quando, ma come poter tornare a farci il bagno in sicurezza. Siamo ora all'inizio della stagione e non ci hanno risposto né detto nulla. Sappiamo come funziona uno stabilimento balneare e che potremmo lavorare coi tecnici del governo per trovare le misure più idonee». In pratica? «Abbiamo già in mente misure sicure e realizzabili – spiega il leader di Assobalneari -, molto semplici, non basate sulla fantascienza né le pagliacciate che si sono viste e sentite in giro tipo box in plexiglass, cupole di bambù o altre… che per noi non sono fattibili, ma che lasciamo decidere alle aziende».

«BASTANO LE PRECAUZIONI  GIÀ SPERIMENTATE FINORA»
«Proponiamo ie stesse misure già sperimentate di distanziamento sociale, in particolare un metro di distanza tra le persone. Se poi uno stabilimento balneare può dare ancora più spazio ben venga. Ma inventarci regole ancora più restrittive mi sembra insensato, tutto dev'essere commisurato al buonsenso. La cosa più importante ora è ragionare sulle situazioni che mano mano possono venirsi a creare al bar, al ristorante, nei camminamenti dei nostri lidi, non c'è nulla di eccezionale: se dal lettino devo andare al bagno mi metto la mascherina e rispetto la distanza dalle altre persone. Quella degli stabilimenti balneari sarà l'unica soluzione per poter vivere le spiagge in sicurezza. Come pensano di far vivere in sicurezza le spiagge libere? Stare al mare con certe limitazioni è complicato...».

NUMERO CHIUSO, PRENOTAZIONI VIA APP... E BATTIGIA VIETATA
Conferma la necessità del distanziamento Federbalneari, altra  associazione del settore, che ha elaborato un documento di valutazione dei rischi. Sulla base di esso, ha scritto un Piano d'azione ad hoc e lo ha inviato a tutti i Comuni marinari del Lazio. Le linee guida suggerite prevedono precauzioni sia per le spiagge affidate agli stabilimenti che per quelle libere: distanza minima di un metro tra le persone, prenotazione obbligatoria tramite App. Ma nessun obbligo di indossare guanti e mascherine. Escludendo anche che il distanziamento tra ombrelloni negli stabilimenti balneari. Questo perché – spiega l'associazione di categoria – l'afflusso dei bagnanti sarà regolamentato con l'App e quindi controllato. 
I gestori dei lidi «dovranno presentare il proprio specifico Piano di azione anti-covid19». In pratica, dovranno dire come igienizzeranno e sanificheranno locali e attrezzature, quando e con quali procedure.  
Inoltre, il Piano di Federbalneari prevede, in tutti i casi, di «sospendere il passaggio sulla battigia, in assenza di preventive verifiche, per evitare il verificarsi di assembramenti incontrollati». Prepariamoci dunque all'ingresso a numero chiuso come al cinema e al divieto di passeggiata in riva al mare, se manca lìok igienico-sanitario.


La ‘battaglia’ per le spiagge libere

Il nodo centrale è far rispettare le precauzioni. Posti limitati, App, parcheggi controllati e non solo...

Tra i balneari non c'è visione unanime sulle spiagge libere. Assobalneari, ad esempio, non vede come si possa consentirne l'apertura. Federbalneari, invece, dice sì ma con obbligo della distanza di almeno un metro tra le persone, suggerendo «apposita segnaletica indicante le postazioni libere occupabili dall'utenza». Posti contati, in pratica, in base alla superficie disponibile con un tot di persone massimo da definire. Punta soprattutto sulle spiagge gratuite Legambiente: «No a chiusure e gestioni ai privati», pur riconoscendo che è più complicato far rispettare le regole nei lidi non dati in concessione agli stabilimenti. E lancia una proposta forte a tutti i Comuni, anche sottolineando le gravi difficoltà della famiglie che meno di prima potranno permettersi ombrelloni e lettino a pagamento: «Si organizzino per tempo, definiscano le modalità di fruizione, si riapproprino di luoghi troppo spesso sati per scontati e abbandonati a una fruizione anarchica», afferma Sebastiano Venneri, responsabile turismo della storica associazione ambientalista, la quale si rende disponibile a dare una mano alla Amministrazioni comunali per un Piano di gestione delle spiagge libere come bene comune. Legambiente propone una strategia. Qui alcune delle misure che suggerisce ai Comuni. Per evitare affollamenti: spazi delimitati, accesso solo su prenotazione tramite App, task force con volontari, pro loco, protezione civile, ausiliari e altre figure che controllino il numero di bagnanti sugli arenili e chiami le forze dell’ordine per vietare l'ingresso di altre persone una volta superato il numero massimo previsto. Ma subito, definire la capacità di carico antropico (cioè impatto portato dalle persone) per ciascuna spiaggia, realizzare e quindi distribuire materiale informativo con le disposizioni da adottare (distanza fra ombrelloni o asciugamani, utilizzo dispositivi sanitari, eccetera ma anche info per il rispetto della natura). E ancora: predisporre luoghi di sanificazione in prossimità delle spiagge (serbatoi con acqua e disinfettante), aree di parcheggio controllate e a numero chiuso che filtrino e regolamentino il flusso di bagnanti alle spiagge, con particolare attenzione alla mobilità fossil free (ciclabili temporanee, stalli sorvegliati per bici…).

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:45 1606992300 Beatrice Scolletta di Nettuno è Miss 365, tra le 23 finaliste di Miss Italia
11:34 1606991640 Rocca di Papa: cane legato ad un albero nel bosco, salvato dai guardiaparco
11:31 1606991460 Super congelatori per i vaccini: la Regione assegna al Goretti 32mila euro
09:55 1606985700 Rocca di Papa: scadenze Tari posticipate a gennaio e marzo 2021
09:46 1606985160 Cinghiale attraversa i binari e viene tranciato in due dal treno
09:15 1606983300 Un Natale di luci e di eventi virtuali ad Aprilia, ma niente fondi dalla Regione
09:01 1606982460 Sermoneta, conti in regola nonostante l'emergenza. Altri 90mila € per le strade
08:19 1606979940 Bisarca con 7 auto distrutta da un incendio sulla A2: era diretta ad Aprilia
08:11 1606979460 Una sezione in quarantena, chiude per sanificazione il plesso Maria Immacolata
08:02 1606978920 Nuovo segretario per Lbc: al posto di Francesco Giri c'è Eletta Ortu La Barbera
02/12 1606935480 Tentavano di vendere le foto di Maradona ai passanti, multati (e mandati via)
02/12 1606935120 Decisa la data per i saldi invernali (e il periodo di vendite promozionali)
02/12 1606925220 230 nuovi positivi e 4 decessi in provincia di Latina: i casi divisi per città
02/12 1606923900 Il ministro conferma: «Avanti con la Roma-Latina». Intanto la Pontina è a pezzi
02/12 1606917960 Allerta meteo, il Comune di Anzio attiva Centro Operativo Comunale
02/12 1606917780 Anticipati i lavori del Centro Piscine di Anzio, si realizza la vasca a sfioro
02/12 1606917600 Usufruiscono per mesi di beni e servizi senza pagare: denunciati
02/12 1606910460 1.142 positivi ad Aprilia, la metà hanno meno di 50 anni. 11 decessi a novembre
02/12 1606909560 Ciampino: "Su antenna Telecom garantiremo il diritto alla salute dei cittadini"
02/12 1606909140 Raccolta del vetro a Marino: petizione per la modifica dell'orario
02/12 1606907100 Usi civici, Regione e Mibact verso un protocollo che ponga fine all'incertezza
02/12 1606906860 Bianchi passa a Fratelli d'Italia e il coordinatore comunale si dimette
02/12 1606900980 Addio a Filiberto Bianchi, ex consigliere di Genzano, scomparso a 80 anni
02/12 1606898160 Nel Comune di Nemi la situazione covid è sotto controllo: 20 i casi a domicilio
02/12 1606893120 Ripristino del passo marittimo a Rio Martino, progetto approvato

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli