[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Dall'amministrazione comunale

Frascati: proposte per salvaguardare il comparto nazionale dei vini

Il lockdown ha provocato un crollo delle vendite del vino nei canali horeca in Italia e lo stop totale delle esportazioni, generando un incremento delle giacenze, il crollo dei fatturati, i mancati incassi dei mesi precedenti la pandemia. La previsione è che nel breve termine il settore della ristorazione, quello alberghiero e quello dei bar e dei pub subirà ancora forti perdite, in quanto sarà l’ultimo a ripartire, a causa dalle norme di distanziamento sociale in vigore per contenere covid-19 e, soprattutto, non potrà contare sul turismo estero; mentre quello interno si prevede essere contenuto negli spostamenti e di breve durata. «Con queste premesse il comparto vitivinicolo ha bisogno al più presto di strumenti economici concreti per poter contenere le ingenti perdite subite finora e poter impostare la ripresa – spiega Felice Gasperini, presidente del Consorzio Vini Frascati -. Le proposte, tutte di buonsenso e fattibili, vanno nella direzione della vendemmia verde parziale e della distillazione volontaria; due strumenti per salvare l’annata 2020, che ci verrà richiesta dai mercati internazionali e soprattutto potrà aiutare le piccole aziende vitivinicole, quelle che salvaguardano i paesaggi storici e impediscono lo spopolamento dei territori e l’urbanizzazione. Attendiamo le risposte del Governo nazionale e regionale ma dobbiamo fare presto». L'amministrazione comunale è scesa in campo per sostenere questo importante comparto . «Le proposte che avanza il Consorzio del Frascati sono ragionevoli e fattibili tanto a livello nazionale che a quello regionale - aggiunge il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti -. Mi piace l’approccio di sistema che non guarda solo ai benefici di un’area vitata ma all’intera filiera nazionale, con alcune proposte che gioco forza devono essere declinate sui singoli territori, perché non tutti identici, per storia, tradizione e forza commerciale. Il vino Frascati ad esempio per alzare il prezzo medio delle bottiglie ci ha impiegato anni di lavoro e milioni in investimenti. Oggi la crisi da covid-19 rischia di far tornare il settore agli inizi degli anni 80 e di innescare guerre dei prezzi anche tra i produttori perché è in gioco la loro sopravvivenza. Mi auguro che queste proposte possano essere accolte quanto prima».

Le idee del Consorzio Tutela Denominazione Vini Frascati, uno dei primi a nascere in Italia, guardano all’intero comparto vitivinicolo nazionale, declinando alcune di queste in chiave regionale e ritagliandole sulle reali necessità dei produttori locali, e tengono conto delle iniziative avviate in campo nazionale dalle associazioni di filiera. Tali proposte appoggiate dal sindaco e dalla giunta Mastrosanti, come dicono dal Comune, sono state inviate nei giorni scorsi a Federdoc, per essere sottoposte al Governo, attraverso il coinvolgimento del Ministero delle Politiche Agricole. Il vero problema del blocco della ristorazione e dello stop dell’export è che ha provocato giacenze che non potranno essere riassorbite né nel breve, né nel lungo periodo, creando un crollo del valore di mercato dei vini e delle uve. Le conseguenze della contrazione dei prezzi, se non saranno adeguatamente contrastate, potrebbero essere catastrofiche per l’intero settore vitivinicolo con l’abbandono dei vigneti, la chiusura di molte cantine, anche storiche, soprattutto a filiera corta, giungendo a danneggiare perfino settori che fanno parte dell’indotto vino, come il vivaismo viticolo, l’industria delle macchine enologiche e da vigneto, le vetrerie, i sugherifici, i produttori di capsule e di cartoni, gli agronomi e gli enologi. Nel concreto, le proposte pensate per la Regione Lazio riguardano la riduzione generale della resa per ettaro, ad es. il 20% su tutto il territorio regionale, per i vini delle doc, delle docg, dell’igt e del vino da tavola. Un sostegno regionale aggiuntivo per la vendemmia verde sulle uve doc e docg. Infine, il sostegno regionale alla distillazione dei doc e docg con riferimento ai prezzi di mercato. Inoltre, sempre a livello regionale, sarebbe importante conservare il bonus di 3000 euro anche per chi estirpa e non reimpianta subito il vigneto. Sarebbe una misura di tutela dei territori e un incentivo ad investire se anche per due anni di seguito i vigneti non fossero messi a coltura. Infine, servirebbe anche aumentare i finanziamenti sul vino e sui vigneti, per finanziare le domande di impianto di nuovi insediamenti. A livello nazionale, invece, sarà fondamentale adottare una serie di misure che vanno nella direzione di proteggere i produttori e i coltivatori, come la cancellazione dell’Imu 2020 per i fabbricati legati alla filiera vitivinicola. La tutela dei crediti legati al canale horeca, con particolare attenzione ai crediti dei clienti che chiuderanno l’attività. La restituzione dei prestiti per liquidità a 20 anni, con almeno 2 anni di preammortamento. Altro fattore determinante per la ripresa saranno le agevolazioni sui contributi per le assunzioni di lavoratori stagionali per la raccolta delle uve (inclusa la vendemmia verde), meglio se anche per la gestione a verde. In alternativa il governo potrebbe reintrodure il sistema fiscale dei vaucher. Infine, sarebbe fondamentale la sospensione, per tre anni, dei pignoramenti sui fabbricati dei terreni agricoli, sulle macchine e le attrezzature strumentali che servono in villa e in cantina.

 

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:18 1642346280 31esimo anniversario della morte di Manzù: un evento online in sua memoria
16:01 1642345260 Addio a Barbitto, Sezze e tutta la provincia di Latina piangono il ristoratore
12:53 1642333980 L'ombra del Lazio in zona arancione: quando potrebbe succedere
10:53 1642326780 Open day vaccinale per bambini nelle Asl del Lazio: come funziona
10:28 1642325280 Massimiliano Carnevale lascia il ruolo di capogruppo della Lega
10:06 1642323960 Omicidio a Latina: chi sono la vittima e l'arrestato e le prime ricostruzioni
09:55 1642323300 Clienti di un bar sorpresi a consumare senza green pass: multati
09:32 1642321920 Analisi alla Asl di Latina: impossibile scaricare i referti online
15/01 1642277340 La Tekneko di Nettuno lavora in sicurezza: tamponi al personale ogni 15 giorni
15/01 1642277040 Atterraggio d’emergenza a Nettuno, salvi il pilota e il passeggero a bordo
15/01 1642276800 Uomo accoltellato in strada ad Anzio grave in ospedale, indagano i carabinieri
15/01 1642262040 Manifestazione anti discarica, incontro (senza risposte) con Città Metropolitana
15/01 1642258200 Coppia di Ardea tenta la truffa dello specchietto ma gli va male: due arresti
15/01 1642257900 Massacra di botte la suocera, fino a provocarne la morte. Arrestato un 44enne
15/01 1642243500 Nota i carabinieri, si disfa di un pacco con più di 1 kg di coca e si allontana
15/01 1642241640 Polizie locali in sciopero, manifestazione sotto la sede della Regione
15/01 1642239180 A Roma la manifestazione per chiedere la chiusura della discarica di Albano
15/01 1642238460 Identificato il corridore investito ieri sera sull'Appia Antica. È ancora grave
15/01 1642237800 Quasi 1 milione di euro di fondi europei per sistemare 26 case popolari a Latina
15/01 1642237620 Tolte le deleghe al vice sindaco arrestato. Nuova nomina nelle prossime ore
15/01 1642236960 Uomo ferito con un coltello durante una lite. Arrestate due persone
15/01 1642235460 Gasparri ad Anzio per far ripartire Forza Italia: “Faremo la differenza”
14/01 1642199880 Dani White in radio con "Chimera". «Un segno in chi cerca una distrazione»
14/01 1642185840 Albano, attivo nuovamente il reparto covid19 all'Ospedale Regina Apostolorum
14/01 1642185360 Investito da un'auto sulle strisce pedonali: runner gravemente ferito

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli