[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Tante società rischiano di sparire

Lo sport chiama il Governo: le richieste di 11 federazioni in vista della Fase 2

Tramite un comunicato interfederale, la FIPE si è fatta portavoce delle istanze di diverse federazioni sportive, che al momento nutrono i giusti timori derivati dalla crisi nata con la pandemia. Di seguito il testo del comunicato. Prevedere un intervento finanziario rivolto alle associazioni sportive dilettantistiche sin dal decreto “Cura Italia” in discussione in Aula in questi giorni, sbloccare i fondi già stanziati e vincolati per il progetto Sport Di Tutti ed assicurare la certezza della contribuzione statale per il prossimo anno. E’ questo quanto richiesto da alcuni rappresentanti del mondo dello sport, chiamati a fronteggiare, così come l’intero Paese, il momento più difficile della storia recente. Le prime bozze del decreto “Cura Italia” non sembrano tenere in considerazione un movimento, quale quello dello sport italiano che influisce, considerandone anche l’indotto, per il 3,8 % del PIL .Chiediamo al Presidente del Consiglio, al Ministro competente ed all’interno Governo di riconoscere, allo sport di base, che si fonda sul quotidiano impegno di milioni di praticanti, quel ruolo importante non solo sul piano economico ma anche e soprattutto su quello sociale. La pandemia sta mettendo a serio rischio la sopravvivenza delle società sportive che rappresentano sia il terreno fertile da cui germogliano i campioni di domani e sia il veicolo di trasmissione più immediato ed efficace dei valori del vivere civile e della convivenza sociale. I primi interventi predisposti dal Governo hanno rappresentato per lo sport azzurro una boccata d’ossigeno che però rischiano di essere insufficienti. E’ necessario adesso intervenire in maniera tempestiva e strutturale. E’ per questa ragione che chiediamo di prevedere, all’interno dei 25miliardi che rappresentano il plafond del decreto “Cura Italia”, lo stanziamento di somme che possano rappresentare un’immissione di liquidità che, attraverso le Federazioni sportive, possono giungere immediatamente alle società di base che rappresentano la colonna vertebrale dello sport azzurro. Inoltre, chiediamo di svincolare i fondi già stanziati per il progetto “Sport di Tutti” e che rischiano di rimanere dormienti nei nostri bilanci federali in quanto non potranno essere messe in atto quelle iniziative alle quali erano destinati. Si tratta di somme importanti e che potrebbero essere utili quale ulteriore sostegno alle nostre realtà sportive. Ma, come ogni sportivo sa, i risultati di domani si costruiscono con una corretta programmazione. A tal fine, chiediamo al Governo una dichiarazione che possa garantire la continuità degli stanziamenti destinati allo sport anche per il prossimo anno che ci vedrà porci l’obiettivo di onorare il Paese ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo. In questo percorso, sin da subito, esprimiamo l’esigenza di avvertire la vicinanza del Governo al mondo dello sport con azioni concrete che passino dallo stanziamento di fondi fondamentali per la sopravvivenza dell’intero movimento ed anche da una auspicata concertazione ed attività di ascolto di tutte le componenti dello sport italiano, attraverso il CONI ed il Comitato Italiano Paralimpico.

Federazione Italiana Canoa Kayak, Federazione Italiana Canottaggio, Federazione Italiana Cronometristi, Federazione Ginnastica d’Italia, Federazione Italiana Hockey, Federazione Italiana Pesistica, Federazione Italiana Scherma, Federazione Italiana Sport Invernali, Federazione Italiana Tiro con l’Arco, Federazione Italiana Vela, Federazione Italiana Biliardo Sportivo


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
07/03 1615134360 Covid, a Latina e provincia altri 151 contagi. Due morti, tra cui un 31enne
07/03 1615131780 Lanuvio, alunno positivo al Covid: sospeso scuolabus del centro urbano
07/03 1615126260 Covid 19, nella Asl Roma 6 altri 122 contagi. Il bollettino di oggi
07/03 1615124580 8 marzo, le iniziative del Comune di Lanuvio per la festa della donna
07/03 1615124340 Vaccino anti Covid: nel Lazio stop alle prenotazioni per i nati nel 1956-1957
07/03 1615112940 Genzano, il percorso dell'imbrattamento: cittadina deturpata dalla volgarità
07/03 1615112040 L’attore di Baby Riccardo Mandolini a spasso per Anzio, le foto con i fans
07/03 1615111920 Raccolti rifiuti di ogni genere a Lido dei Pini, assurda inciviltà delle persone
07/03 1615109700 Covid, nel Lazio da metà marzo il certificato per i cittadini vaccinati
06/03 1615056900 Genzano, inaugurata stamattina nuova sede del centro servizi e caf della Confael
06/03 1615049880 Coronavirus, anche oggi 148 nuovi casi e due decessi in provincia di Latina
06/03 1615048920 Castelli-Litorale: via ai vaccini in studi medici di base, tante le difficoltà
06/03 1615047240 Nuove rassicurazioni sul sottopasso di Casello 45: «Manca poco all'apertura»
06/03 1615044900 Bibite e caffè servite al banco dopo le 18, carabinieri chiudono bar di Ariccia
06/03 1615030140 Tamponamento sulla Pontina all'altezza di Pomezia, traffico verso la Capitale
06/03 1615027680 Andrea Agresti delle Iene a Corso Italia per aiutare le famiglie sfrattate
06/03 1615027560 Al via i lavori al parcheggione di Nettuno, variante da un milione di euro
06/03 1615027440 Edoardo Leo gira un film ad Anzio e Nettuno, riprese anche di notte dal 9 marzo
06/03 1615023120 Sanremo, doppio premio per Wrongonyou: l'artista ringrazia la sua Grottaferrata
06/03 1615021020 Coronavirus: Aprilia sorvegliata speciale, ma per ora i parchi restano aperti
06/03 1615019460 Carabinieri, 11° corso triennale Allievi Marescialli: domande entro il 15 marzo
06/03 1615019160 Il teatro Europa di Aprilia per ora non riapre: «Non ci sono le condizioni»
06/03 1615018800 Il carcere non piega il clan Di Silvio: in un pizzino i progetti criminali
05/03 1614969960 Il Lazio resta in zona gialla. Ecco le regole da sapere
05/03 1614968220 A fuoco il tetto di una abitazione alla periferia di Aprilia: pesanti danni

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli