[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Le lezioni si fanno in videoconferenza

La scuola online ai tempi del Coronavirus: "La scuola li salva dalla noia"

La scuola come l’abbiamo sempre vissuta, tra i banchi, a stretto contatto con i compagni, in preda all’ansia per l’interrogazione, non è più la stessa a causa dell’emergenza Coronavirus. Da sempre luogo di condivisione e socializzazione per i giovani, la scuola adesso si è trasferita sui social network e sulle app: proprio grazie a internet la didattica può proseguire, con le lezioni a distanza che mettono in contatto alunni e professori, in totale sicurezza. Ogni istituto si è organizzato per consentire agli studenti di proseguire e concludere al meglio l’anno scolastico, ma ci sono ancora molti punti interrogativi sulla maturità e la promozione finale.

APPROVATO IL DECRETO SCUOLA
Nei giorni scorsi è stato approvato a Palazzo Chigi il decreto Scuola, al cui interno vi sono le misure per la conclusione dell’anno scolastico in corso. Qualora si dovesse tornare in classe entro il 18 maggio, l’esame di maturità prevedrà una commissione tutta interna con il presidente esterno, con la prova nazionale di italiano e la seconda prova preparata dalla commissione interna. Se invece non si dovesse rientrare a scuola a causa del Coronavirus, gli esami finali consisteranno in un'unica prova orale mentre per gli studenti degli altri anni saranno previsti corsi di recupero dal 1° settembre. Per quanto riguarda l’esame di terza media, con le scuole chiuse gli studenti dovranno presentare un elaborato scritto valido per lo scrutinio finale.  Intanto la scuola non si è mai fermata grazie alla didattica a distanza. Così il Caffè ha raccolto le testimonianze di alcuni professori che stanno portando avanti il loro programma scolastico, facendo lezione da casa propria e valutando gli studenti con interrogazioni in videoconferenza.


“La scuola li salva dalla noia”
Irene Russo, giovane docente di italiano presso l’istituto paritario Sant’Orsola di Roma, sta tenendo lezioni a distanza per i suoi studenti del II e IV liceo Classico e Artistico. “Finora l’esperienza è più che positiva. Ho notato che le lezioni sono più snelle ed efficaci, perché il tempo a disposizione è poco e si va dritti al punto. Preparo lezioni e le integro con mappe concettuali, schemi e dispense a disposizione dei ragazzi. Loro sono partecipi: li interrogo e chiedo elaborati per poterli valutare di volta in volta. Inoltre ogni settimana noi docenti ci riuniamo in collegio per confrontarci sui metodi di insegnamento e valutazione. La scuola indubbiamente sta “salvando” gli studenti dalla noia, dall’apatia latente. Sono focalizzati sul loro futuro come fossero in classe”. 


“Studenti e familiari sempre collaborativi”
Roberto Ventimiglia è un insegnante di sostegno presso l’istituto comprensivo Giovanni Pascoli di Aprilia. In questi giorni di emergenza ha proseguito a fornire il suo supporto agli studenti sia sul piano didattico che emotivo. “La lezione online si tiene alla presenza di due professori: c’è il professore della materia che spiega e io seguo i ragazzi tramite chat, per qualsiasi chiarimento in merito alla lezione. Stiamo usando l’App di Gmail G Suite per le videoconferenze. La didattica a distanza è sicuramente un modo eccezionale per continuare a lavorare sul programma. I ragazzi seguono le lezioni e studiano a casa, mantenendo il ritmo. Per quanto mi riguarda ho notato un livellamento in positivo: studenti e genitori sono tutti collaborativi, facciamo gruppo anche tra insegnanti. Una scuola 3.0 che sta affrontando al meglio questa emergenza”. 


“Così manteniamo il rapporto con gli studenti”
Valeria Biacioni è docente di italiano presso un istituto superiore privato di Roma, per i ragazzi dal II al IV anno dei licei ad indirizzo Scientifico e Scienze umane. “Siamo partiti con l’insegnamento online dopo qualche giorno dall’avvio delle limitazioni governative. La classe si riunisce via Skype rispettando l’orario scolastico, con qualche flessibilità. Uso molto di più mappe concettuali e videodispense rispetto al solito. Ogni volta una parte della lezione la dedico al confronto con i miei studenti, chiedo loro come stanno, cosa provano in questi giorni di isolamento. Qualcuno fuma o segue la lezione con il suo cane in braccio, altri si distraggono perché la mamma passa con il cesto dei panni o il fratello gioca con la consolle, ma il più delle volte sono partecipi e collaborativi. Indubbiamente la tecnologia ci sta aiutando a tenere alto il morale e l’interesse dei ragazzi, ma soprattutto a mantenere il rapporto personale con loro”.


“Non tutti possono seguire le lezioni online”
Angela Maria Iacopino, insegnante di italiano e latino presso il liceo artistico-linguistico Pablo Picasso di Pomezia, segnala un aumento considerevole del lavoro per gli insegnanti, alle prese ogni giorno con le lezioni online e la preparazione di dispense integrative. “Ci siamo attivati subito con la didattica a distanza, utilizzando piattaforme come Skype e Zoom. I ragazzi sono spesso su internet, eppure non sempre sanno farne un uso intelligente, acquisendo le informazioni giuste per lo studio. Infatti, anche a distanza, non mancano i voti negativi sul registro. Con i ragazzi di quinto abbiamo avviato un club del libro online: ogni sera, per un’ora, leggo un romanzo. Abbiamo appena finito Cecità di Saramago, una storia distopica adeguata ai tempi che stiamo vivendo. Stiamo navigando a vista, non c’è nulla di definito e perfettamente funzionante. I disagi ci sono, difatti non tutti hanno la possibilità di seguire le lezioni online da casa propria. Fortunatamente il Picasso ha messo a disposizione degli studenti pc e tablet della scuola. La didattica a distanza è oggi l’unico strumento che ci consente di portare avanti il programma, ma non può paragonarsi alla didattica dal vivo. Per i giovani la socialità e lo scambio interpersonale sono fondamentali: non saranno lasciati  soli!”


Laura Alteri

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20:08 1611256080 Castello Pratica di Mare: Latium Vetus chiede al Catasto di fare una "rettifica"
17:36 1611246960 Covid 19, Asl Roma 6: altri 138 casi nelle ultime 24 ore. Deceduti tre anziani
16:38 1611243480 Coronavirus, Latina e provincia altri 167 contagi e 5 morti. I dati delle città
15:23 1611238980 Abbandoni abusivi di rifiuti: trovati elementi per risalire all'autore del reato
14:59 1611237540 Asfaltate le strade di Viceré. I cittadini mettono i soldi per la parte privata
14:34 1611236040 Si cappotta con l’auto a Cretarossa a Nettuno, ferito un operaio di 65 anni
14:23 1611235380 Aprilia, Anzio, Nettuno e Lanuvio celebrano i 77 anni dello Sbarco degli Alleati
14:16 1611234960 Cori proclama lutto cittadino per la morte di Don Ottaviano Maurizi
13:19 1611231540 Rocca di Papa: conclusi i lavori di messa in sicurezza della scuola centrale
12:57 1611230220 Pazienti dell’emodialisi di Anzio al freddo, la segnalazione di una cittadina
12:54 1611230040 Impianto di riscaldamento rotto, la scuola di via Cavour chiusa oggi e domani
12:52 1611229920 Stradale denuncia 26enne di Anzio: coca e sconfinamento in cerca di prostitute
12:34 1611228840 Continua la protesta davanti alle scuole, in pochi sono rientrati in classe
12:08 1611227280 Col fucile in auto beccato a perlustrare ville: inseguito sulla 148 e arrestato
11:05 1611223500 Albano, affittuari della discarica: "Condivisibile preoccupazione sulla salute"
10:47 1611222420 Laboratorio di 'ingegneria fiscale' a servizio di evasori: 47 mln di Iva evasa
09:50 1611219000 Nella lista delle opere da commissariare c'è anche la Cisterna-Valmontone
09:37 1611218220 Incendio in un edificio a Velletri: intervento notturno dei vigili del fuoco
09:15 1611216900 Al Tar per avere la cartella clinica della mamma morta in ospedale: la Asl perde
08:50 1611215400 Ritardi Pfizer, la vaccinazione agli over 80 dal 1° febbraio rischia di saltare
08:39 1611214740 Il Tar annulla la gara per i servizi cimiteriali. Ma l'appalto è già concluso
08:25 1611213900 Latina, indagine di gradimento sul cibo servito a mensa nelle scuole
08:12 1611213120 Nuova discarica tra Latina e Sabaudia, un'altra a Fondi: i sindaci hanno scelto
01:02 1611187320 E-distribuzione: avviso di interruzione energia elettrica il giorno 26 gennaio
20/01 1611157620 Zaccheo: «Un uomo ferito gravemente e non ucciso, ha voglia di riscatto»

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli