[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

I depositi potranno aumentare del 50%

Rifiuti, l’emergenza coronavirus costringe ad ammassarli nel Lazio FOTO

<
>
SERGIO COSTA - Ministro dell'Ambiente
SERGIO COSTA - Ministro dell'Ambiente
DANIELE LEODORI - Vice presidente della Regione Lazio
DANIELE LEODORI - Vice presidente della Regione Lazio

L’emergenza sanitaria causata dal coronavirus rischia di far riesplodere e con maggiore virulenza anche la crisi dei rifiuti del Lazio e in particolare di Roma. 
I centri di trattamento-rifiuti potranno aumentare la spazzatura ammassata nei depositi del 50% rispetto alla quantità massima annua, per un periodo di 12 mesi, salvo ulteriori proroghe. Cumuli di spazzatura extra potranno essere accumulati anche nei depositi temporanei di rifiuti (per intenderci quelli che si formano subito prima e subito dopo che la spazzatura venga trattata) per cui è previsto un aumento del 30% per una durata massima di 18 mesi, salvo proroghe. È quanto prevede la circolare del Ministero della Salute, guidato dal grillino Sergio Costa, n.22276 del 30 marzo, recepita dalla Regione Lazio con l’ordinanza a n. Z-00022 del 1° aprile, sottoscritta dal vicepresidente nonché braccio destro del governatore Nicola Zingaretti, Daniele Leodori.

IL COVID BLOCCA LA ‘TRANSUMANZA’ DEI RIFIUTI
Il ‘sistema’ dei rifiuti del Lazio è particolarmente precario dato l’esiguo numero di impianti, insufficienti a trattare tutti i rifiuti prodotti su base regionale. Per questo motivo, Regione e Comune di Roma si avvalgono dell’aiuto di discariche e inceneritori situati fuori regione, in alcuni casi anche all’estero. Tale pratica  (che viola il ‘principio di prossimità’: i rifiuti vanno smaltiti vicini al luogo in cui sono stati prodotti) è stata bloccata dal Covid-19 visto che vi sono “gravi difficoltà – così sostiene il Ministero della Salute nella circolare del 30 marzo - a portare i rifiuti in altre nazioni e regioni”, da qui la decisione di aumentare la capacità di stoccaggio dei depositi. La Capitale, in particolare, rischia di finire in ginocchio visto che all’interno del Gra vivono la metà dei residenti dell’intera regione, quasi 3 milioni di cittadini, e i rifiuti prodotti sono pari a quasi 2 milioni di tonnellate al giorno.

DISCARICHE, INCENERITORI TMB E... ISOLE ECOLOGICHE
La possibilità di accrescere i cumuli di rifiuti ammassati nei depositi, proprio le montagne di pattume che rischiano di andare in fiamme, riguarda tutti gli impianti/centri di trattamento e/o smaltimento, indipendentemente se a gestione pubblica o privata: discariche, inceneritori, impianti di TMB (Trattamento Meccanico Biologico, dentro cui i rifiuti indifferenziati in arrivo vengono suddivisi in frazioni merceologiche minori prima di essere sotterrati in discarica o bruciati negli inceneritori), centri di stoccaggio, centri di riciclaggio, depuratori, etc.

DEPOSITI RIFIUTI PIÙ GRANDI, E GLI ANTINCENDI?
Negli ultimi anni, la Regione Lazio e il Comune di Roma sono stati colpiti da numerosi incendi che hanno distrutto vari centri rifiuti, pubblici e privati. Il centro Ama Salario, poi quello di Rocca Cencia, poi ancora il centro ‘Eco X’ di Pomezia e la discarica di Albano, etc. Dal 2014 ad oggi gli incendi nella nostra regione sono triplicati rispetto al periodo precedente, con tutti i danni igienico-sanitari e ambientali che si possono immaginare. Le inchieste della magistratura si concludono quasi sempre con l’archiviazione, come accaduto nei casi Ama, o al massimo con il rinvio a giudizio della classica ‘testa di legno’ del boss, come accaduto per Pomezia. Eppure – così riporta il nuovo decreto regionale -  il “rispetto delle disposizioni in materia di prevenzione incendi (…) di elaborazioni dei Piani di emergenza (…) la garanzia degli spazi adeguati di stoccaggio in relazione all’aumento previsto dei volumi dei rifiuti in deposito per scongiurare anche pericoli di incendi (…) il rispetto delle norme tecniche di stoccaggio (…) l’esistenza di idonei sistemi di confinamento e contenimento atti a segregare il maggior quantitativo di rifiuti stoccati rispetto al quantitativo ordinario” è stato affidato nelle mani dei soliti monopolisti del settore, che potranno autocertificare la bontà e sicurezza dei propri depositi e dei relativi impianti antincendio con una relazione redatta da un tecnico abilitato di loro fiducia. Ci sarà da fidarsi? O presto qualche altro incendio colpirà la nostra regione e in particolare il Comune di Roma? 
Di sicuro la decisione del Ministero della Salute e della Regione Lazio rischia di trasformarsi nella classica bomba ad orologeria.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15:32 1593783120 Albero-scultura rimosso dal belvedere di Torvaianica: ecco dove sarà posizionato
14:47 1593780420 Cisterna, pronte le cedole per i libri delle primarie: l'elenco dei rivenditori
14:39 1593779940 Incidente tra trattore e scooter sulla Litoranea, grave un bambino
14:21 1593778860 Salvini a Terracina invita il centrodestra all'unità e a tenere lontano il Pd
14:09 1593778140 Oltre 20 chili di cocaina nascosta tra la frutta: blitz della Finanza, 6 arresti
13:58 1593777480 Evade dai domiciliari, ma viene rintracciato grazie al braccialetto elettronico
13:12 1593774720 A Colonna l'estate 2020 punta sul cinema “Drive-In”: la programmazione
12:32 1593772320 Inaugurato ad Aprilia il giardino dedicato all'ex sindaco Franco Calissoni
12:31 1593772260 Il 10 luglio sciopero di 24 ore per gli autisti Cotral: tutte le informazioni
11:32 1593768720 Set blindato del nuovo videoclip del cantante Luca Guadagnini
10:31 1593765060 Nuovo ospedale a Borgo Piave, Simeone: il Goretti potrebbe essere venduto
10:30 1593765000 Controlli di Polizia Locale e Guardiaparco sul lago di Castel Gandolfo
10:30 1593765000 Lessio: La mia verità. LBC in panne, ma destra si scordi di vincere facilmente
10:16 1593764160 Ariccia: ufficializzata la candidatura di Gianluca Staccoli per il centrodestra
09:43 1593762180 Al via i lavori per il Ponte di San Paolo della Croce a Ciampino
09:38 1593761880 Violento incendio in via Morosina a Ciampino: ore di lavoro per domare le fiamme
09:33 1593761580 Il musicista Simone Eleuteri in arte Fudasca esce con "Make You Mine REMIX"
09:28 1593761280 Velletri: il vice questore aggiunto De Bellis nuovo dirigente del commissariato
09:02 1593759720 Ufficializzata la presentazione di Matteo Orciuoli candidato sindaco di Albano
08:58 1593759480 Rinuncia ai fondi regionali, poi ci ripensa ma è tardi. Condannato ex sindaco
08:52 1593759120 Arriva il dirigente del commissariato, è il vice questore aggiunto De Bellis
08:23 1593757380 Giorgio Ialongo: da Forza Italia a Fratelli d'Italia pronto a ricandidarsi
08:11 1593756660 Nel Lazio ripartono gli sport da contatto: ordinanza di Zingaretti
02/07 1593703920 Delfino morto spiaggiato a Lido dei Pini, sul corpo segni di morsi di squalo
02/07 1593703380 Museo Città di Pomezia, intesa con l'Aeroporto militare nel segno della cultura

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli