[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Troppo lunghi i tempi del tampone

«Test a tappeto: così isoliamo il coronavirus» FOTO

<
>
On. Giuseppe Simeone (FI)
Presidente della commissione Sanità della Regione Lazio
On. Giuseppe Simeone (FI) Presidente della commissione Sanità della Regione Lazio
Commissione e assessorato in tandem - L'assessore regionale alla sanità Alessio D'Amato e il presidente della commissione Sanità Giuseppe Simeone
Commissione e assessorato in tandem - L'assessore regionale alla sanità Alessio D'Amato e il presidente della commissione Sanità Giuseppe Simeone
Il Forlanini abbandonato - Ma per riaprirlo ci vogliono soldi e tempo a disposizione
Il Forlanini abbandonato - Ma per riaprirlo ci vogliono soldi e tempo a disposizione
«sulle mascherine la regione ha preso qualche fregatura» - L'on. Simeone risponde alle polemiche sulle mascherine di dubbia qualità donate ai Comuni da parte della Regione Lazio
«sulle mascherine la regione ha preso qualche fregatura» - L'on. Simeone risponde alle polemiche sulle mascherine di dubbia qualità donate ai Comuni da parte della Regione Lazio

«Siamo in tempo di guerra e la politica deve collaborare». L’onorevole Giuseppe Simeone è presidente della commissione Sanità della Regione Lazio e, nonostante sia capogruppo di Forza Italia, partito che sta all’opposizione, sta lavorando in sinergia con l’assessore regionale Alessio D’Amato per fronteggiare la più grave emergenza sanitaria dal dopoguerra. «Abbiamo abbassato quelle che sono le convenzioni maggioranza e opposizioni. Abbiamo un unico nemico, poi la politica la riprenderemo. Ora dobbiamo dare risposte ai cittadini». 

Quali sono gli strumenti messi in campo dalla commissione Sanità per fronteggiare l’emergenza sanitaria?
«Le iniziative messe in campo sono in sinergia con quelle dell’assessorato regionale, che raccoglie le istanze proprio della commissione. Stiamo combattendo contro un nemico invisibile e che non conosciamo, l’elemento per annientarlo è il vaccino, ma ci vorranno ancora diversi mesi. Dobbiamo convivere con questo nemico sperando di riuscire a mettere in campo le precauzioni per evitare i contagi. Oltre all’emergenza sanitaria si sta aprendo l’emergenza economica. Stiamo lavorando su una serie di ammortizzatori sociali: abbiamo cercato di mettere liquidità nelle tasche delle famiglie con un intervento da 21 milioni di euro per fare la spesa o acquistare medicine, soldi dati ai Comuni del Lazio. Stiamo ristudiando il bilancio 2020, approvato a dicembre, insieme alla conferenza dei capigruppo, perché va rivisto da capo: ci troviamo come in tempo di guerra e dobbiamo liberare più somme possibili per chi è in difficoltà. Dobbiamo fronteggiare anche l’emergenza del pagamento degli affitti: si stanno approntando due misure da 25 milioni per dare protezione a famiglie e imprese. Si tratta naturalmente di misure non esaustive e se ne aggiungeranno altre».

I cittadini chiedono di aumentare la protezione e la sorveglianza sanitaria degli operatori sanitari e della popolazione, anche con una programmazione più ampia del numero di tamponi. È una misura fattibile?
«Questo è un punto a cui come commissione teniamo tantissimo. Stiamo facendo pressing per accelerare la burocrazia. Non possiamo fare i tamponi classici a tutta la popolazione: a parte il costo, è il tempo di lavorazione che rallenta. Servono sette, otto ore per dare il responso. Facendo i tamponi a tutti si finirebbe a novembre e non ce lo possiamo permettere. Ci sono però in commercio test rapidi che misurano le immunoglobuline, test sierologici attualmente in validazione, ma dobbiamo essere certi che non identifichino falsi negativi. Il Gemelli e lo Spallanzani stanno facendo i test, poi partiremo con lo screening su tutto il territorio regionale, si dovrà capire dove c’è il contagio e isolarlo, e dove non c’è il contagio iniziare a pensare a una riduzione delle misure restrittive».

Quanto ha inciso il taglio dei posti letto avvenuto negli ultimi dieci anni nella gestione di questa emergenza?
«Ha inciso: la nostra offerta sanitaria a causa del commissariamento è stata sufficiente, ma non è stata un’ottima offerta, era deficitaria ad esempio nelle province, i distretti erano sguarniti di professionalità non essendo stato assicurato il ricambio generazionale. C’è da dire che in Lombardia e in Veneto, indicati come modello di sanità, è saltato tutto, anche a causa dell’alto numero di contagi. Nel Lazio questi numeri sono più contenuti e fortunatamente la struttura sanitaria sta reagendo bene. I posti letto della terapia intensiva e sub intensiva stanno tenendo».
Anche aver dedicato strutture ospedaliere dedicate al Coivid è stata una scelta giusta. Dovevamo verticalizzare verso la nostra eccellenza, lo Spallanzani, che è stato il nostro filo conduttore. Poi abbiamo avuto modo di calare sul territorio altri posti letto dedicati a terapia intensiva e sub intensiva». 

La proposta di destra e Movimento 5 Stelle di riaprire l’ospedale Forlanini come la giudica?
«Sul Forlanini dobbiamo ragionare in assenza di covid-19. Tutte le azioni che vanno fatte per fronteggiare l’emergenza devono essere attuate in breve tempo, per il Forlanini c’è bisogno di un tempo che non abbiamo. Quando si riprenderà la gestione ordinaria, si inizierà a ragionare su quella struttura su 25 ettari di terreno. Non esiste che il Forlanini venga venduto o peggio ancora svenduto».

La Regione ha fornito ai Comuni e agli operatori sanitari mascherine dalla qualità dubbia...
«Quella dei dispositivi di protezione individuale è stata una pagina non buona per la nostra Regione. Siamo stati presi alla sprovvista e ci siamo trovati con l’emergenza nell’emergenza. Abbiamo notato che non c’erano fabbriche che producevano mascherine a sufficienza in Italia, ci siamo dovuti confrontare con l’estero. Abbiamo preso anche noi delle fregature. Questo purtroppo capita quando si fanno le cose con la fretta, ma non avevamo il tempo di visionare la merce. Abbiamo dovuto comprare al buio, qualche fregatura l’abbiamo presa».

In provincia di Latina è stata chiusa la città di Fondi. Basterà o prevedete ulteriori restrizioni per la provincia di Latina, dove i casi di contagio sono in aumento?
«Abbiamo visto che l’isolamento delle persone funziona per contenere i contagi. Questo è il primo criterio per fronteggiare il Covid. Ringrazio i cittadini di Fondi che hanno compreso questa scelta, hanno capito che quella era una misura a protezione della loro vita. Vedo ancora persone che escono senza motivo e che si incontrano: così mettono a repentaglio la vita loro e quella dei loro cari. Solo restando isolati potremo superare questa emergenza». 

Cosa sta insegnando alla classe politica questa emergenza sanitaria? 
«Queste sono cose che segnano. Leggere ogni giorno quel bollettino di guerra fa comprendere come bisogna mettere in campo un serio ragionamento di pianificazione, che sia sanitaria o scolastica, che possa fronteggiare una eventuale futura crisi. Le guerre moderne sono queste: i virus. Anche la nostra attività politica prosegue in videoconferenza, commissioni e conferenze dei capigruppo peraltro sono più lunghe rispetto a quelle che facevamo faccia a faccia. Abbiamo messo da parte l’ordinarietà, ora la priorità è sconfiggere il covid-19».

Che messaggio vuole lanciare ai cittadini del Lazio?
«Accettate i consigli che vi vengono dati, non fate assembramenti, limitate le uscite necessarie. Restiamo più a casa, tutti noi lo stiamo facendo, grazie alle tecnologie riusciamo anche a lavorare da remoto, cerchiamo anche di mantenere contatti attivi attraverso social e telefoni, ma evitiamo di stare insieme».

Questa esperienza, una volta superata la fase, porterà a una ridefinizione degli equilibri politici in Regione?
«No, credo di no. I tempi di guerra sono diversi dai tempi di pace. In tempo di guerra c’è un governo condiviso che mette in campo decisioni nell’interesse della popolazione. Dopo ci sarà una maggioranza che governa la Regione e una opposizione che contrasterà legittimamente la maggioranza e dirà la sua».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15:32 1593783120 Albero-scultura rimosso dal belvedere di Torvaianica: ecco dove sarà posizionato
14:47 1593780420 Cisterna, pronte le cedole per i libri delle primarie: l'elenco dei rivenditori
14:39 1593779940 Incidente tra trattore e scooter sulla Litoranea, grave un bambino
14:21 1593778860 Salvini a Terracina invita il centrodestra all'unità e a tenere lontano il Pd
14:09 1593778140 Oltre 20 chili di cocaina nascosta tra la frutta: blitz della Finanza, 6 arresti
13:58 1593777480 Evade dai domiciliari, ma viene rintracciato grazie al braccialetto elettronico
13:12 1593774720 A Colonna l'estate 2020 punta sul cinema “Drive-In”: la programmazione
12:32 1593772320 Inaugurato ad Aprilia il giardino dedicato all'ex sindaco Franco Calissoni
12:31 1593772260 Il 10 luglio sciopero di 24 ore per gli autisti Cotral: tutte le informazioni
11:32 1593768720 Set blindato del nuovo videoclip del cantante Luca Guadagnini
10:31 1593765060 Nuovo ospedale a Borgo Piave, Simeone: il Goretti potrebbe essere venduto
10:30 1593765000 Controlli di Polizia Locale e Guardiaparco sul lago di Castel Gandolfo
10:30 1593765000 Lessio: La mia verità. LBC in panne, ma destra si scordi di vincere facilmente
10:16 1593764160 Ariccia: ufficializzata la candidatura di Gianluca Staccoli per il centrodestra
09:43 1593762180 Al via i lavori per il Ponte di San Paolo della Croce a Ciampino
09:38 1593761880 Violento incendio in via Morosina a Ciampino: ore di lavoro per domare le fiamme
09:33 1593761580 Il musicista Simone Eleuteri in arte Fudasca esce con "Make You Mine REMIX"
09:28 1593761280 Velletri: il vice questore aggiunto De Bellis nuovo dirigente del commissariato
09:02 1593759720 Ufficializzata la presentazione di Matteo Orciuoli candidato sindaco di Albano
08:58 1593759480 Rinuncia ai fondi regionali, poi ci ripensa ma è tardi. Condannato ex sindaco
08:52 1593759120 Arriva il dirigente del commissariato, è il vice questore aggiunto De Bellis
08:23 1593757380 Giorgio Ialongo: da Forza Italia a Fratelli d'Italia pronto a ricandidarsi
08:11 1593756660 Nel Lazio ripartono gli sport da contatto: ordinanza di Zingaretti
02/07 1593703920 Delfino morto spiaggiato a Lido dei Pini, sul corpo segni di morsi di squalo
02/07 1593703380 Museo Città di Pomezia, intesa con l'Aeroporto militare nel segno della cultura

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli