[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Vitek non compra i terreni

Stadio della Roma, Campidoglio in pressing sul Gruppo Parnasi

Maximo,
il centro commerciale nel quartiere Laurentino
Maximo, il centro commerciale nel quartiere Laurentino

La strada che porta alla costruzione del nuovo stadio della Roma si è trasformata in un vicolo cieco. Lo scorso 20 febbraio l’ufficio tecnico del comune di Roma ha inviato al Gruppo Parnasi una lettera (protocollo n.27553) di fuoco con cui, in sostanza, solleva due problemi tecnici in merito a Maximo, il grosso centro commerciale situato al Laurentino 38. Un colosso immobiliare ampio 60mila metri quadrati calpestabili ultimato dall’estate del 2019, ma ancora mai collaudato né avviato. Questa struttura immobiliare dal valore di circa 300 milioni di euro costituisce, insieme allo stadio e ai terreni di Tor  di Valle, uno degli immobili principali su cui si fonda l’intera trattativa imprenditoriale tra il Gruppo Parnasi – promotore della nuova arena calcistica - e Radovan Vitek, l’imprenditore edile della Repubblica Ceca presentato  dalla stampa sportiva ma non solo della Capitale come il futuro acquirente del progetto.

I DUE NUOVI PROBLEMI TECNICI DI MAXIMO

Il primo problema sollevato dal comune: il cemento armato con cui è stata costruita una parte di Maximo sarebbe priva del via libera del Genio Civile, l’Ente statale cui spetta il compito di sovrintendere la realizzazione di tutte le opere pubbliche e private. Queste parti della struttura immobiliare, quindi, non possono essere collaudate né di conseguenza dichiarate agibili. Secondo problema: i lavori per costruire metà della piazza pubblica che dovrà essere realizzata dal Gruppo Parnasi davanti l’ingresso del centro commerciale sarebbero stati eseguiti senza prima avviare un bando pubblico europeo e quindi sarebbero del tutto irregolari. Occorre fare una premessa tecnica: il privato, invece di versare al comune i contributi per gli oneri di urbanizzazione, si può impegnare a eseguire opere pubbliche che poi vengono cedute gratuitamente al comune. Si tratta del cosiddetto ‘scomputo’. In questi casi però sul privato grava l’obbligo di indire una gara per scegliere la società che sarà chiamata a realizzare le opere pubbliche. In caso contrario si incorre in una irregolarità non solo burocratica e amministrativa, ma anche penale. Il Gruppo Parnasi – almeno così sostiene il comune di Roma – non avrebbe indetto la gara pubblica europea.

LA PRIMA LETTERA A PARNASI DEL 3 FEBBRAIO

Già il 3 febbraio scorso, in una prima lettera di fuoco, il comune di Roma aveva chiesto al Gruppo Parnasi di ultimare e collaudare, prima di avviare Maximo, tutte le opere pubbliche previste nella convenzione urbanistica. Vale a dire una pubblica piazza situata proprio davanti l’ingresso di Maximo ampia 1,5 ettari, ossia 15mila metri quadrati: fino ad ora ne è stata realizzata solo la metà. La costruzione della restante parte della piazza è bloccata da un contenzioso che appare di difficile soluzione e che contrappone il Gruppo Parnasi ad Armellini, altro importante costruttore dell’Urbe. Proprio sotto la pubblica piazza, Parnasi dovrà realizzare due piani interrati di parcheggi interrati. Infine, il Gruppo Parnasi dovrà realizzare anche la nuova sede del IX Municipio dal costo di circa 9 milioni di euro.

VITEK RINUNCIA ALL’AFFARE

Questa lunga sequela di problemi tecnici avrebbero indotto l’immobiliarista ceco Radovan Vitek a rinunciare all’acquisto di Maximo, ma anche a comprare il progetto dello stadio della Roma e dei terreni di Tor di Valle, visto che su questi ultimi si è abbattuta l’onta della trascrizione pregiudizievole presso l’Agenzia delle Entrate, su richiesta dell’ex proprietario dell’area, l’imprenditore Gaetano Papalia, secondo cui il Gruppo Parnasi ha con lui un debito di circa 20 milioni di euro.

67 MILIONI DI EURO ENTRO IL 17 APRILE

Al costruttore romano Luca Parnasi restano due settimane di tempo, per la precisione fino al prossimo 17 aprile, per trovare un altro acquirente disposto dargli i 67 milioni di euro necessari per pagare alcuni dei suoi creditori, convincere il Tribunale Civile di Roma che in futuro si potrà pagare anche tutta la restante parte dei debiti, pari a circa 250 milioni di euro, e scongiurare il rischio di fallimento che incombe su un pezzo importante del suo Gruppo edile. In caso contrario, al Tribunale Civile di Roma non resterà da fare altro che dichiarare il fallimento di Parsitalia, storica società del Gruppo Parnasi.


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
13/06 1623591540 Casi Covid, oggi 9 a Latina e provincia. Sollievo per zero decessi e ricoveri
13/06 1623588480 Comprava online con la carta di credito di un altro: denunciato 20enne di Latina
13/06 1623580080 Infiorata di Genzano, nella notte i cinghiali danneggiano i quadri infiorati
13/06 1623577440 Sparatoria ad Ardea: morti anziano e bambini di 3 e 8 anni. L'uomo si è ucciso
13/06 1623574440 Stop Astrazeneca under60: ad Aprilia rimandato il punto vaccinale per lavoratori
13/06 1623572940 Alunno perde sul bus il tablet per la Dad. E gli autisti glielo ricomprano
13/06 1623571920 Ariccia, liquido infiammabile e un cappio nell'auto della consigliera comunale
13/06 1623570060 Terremoto tra Lanuvio e Genzano alle 6,24 di stamattina
12/06 1623519060 Albano, la sezione degli scout laici di Pavona festeggia i suoi 10 primi anni
12/06 1623516000 Gli amici ricordano Piepaolo Cuccillato “per sempre nei nostri ricordi”
12/06 1623511980 Albano, al liceo Foscolo grande Festa con la premiazione del premio Foscolo
12/06 1623511740 Liberati i due giovani falchi pellegrini sulla conca del lago di Nemi
12/06 1623510900 Tornano a salire i nuovi casi di coronavirus in provincia di Latina: sono 40
12/06 1623510480 Scritte antisemite sui muri di Genzano: è la seconda volta in una settimana
12/06 1623510180 Genzano, al Parco e Palazzo Cesarini la seconda puntata dell'Infiorata 2021
12/06 1623507180 Anzio festeggia Sant’Antonio, messa all'aperto trasmessa in diretta su Youngtv
12/06 1623506940 L’assessore Noce: Ai Servizi sociali di Nettuno massimo impegno e grande lavoro
12/06 1623506760 Adescava uomini e li ricattava con foto hard, donna arrestata ad Anzio
12/06 1623505140 Ecco quali sono i migliori oli extravergine d'oliva della provincia di Latina
12/06 1623491880 Vermicino 40 anni dopo la tragedia di Alfredo Rampi: ecco come è ora quel luogo
12/06 1623486420 Nonno spacciatore e cani a guardia degli affari illeciti: "Guadagno troppo poco"
12/06 1623485760 Sermoneta diventa Città, cerimonia col prefetto. Presentato il nuovo gonfalone
12/06 1623485640 23 tonnellate di lubrificante di contrabbando dalla Slovenia ad Aprilia
12/06 1623483780 Open day vaccino 12-16 anni. Attenzione: cambia la documentazione da presentare
12/06 1623480120 Albano, su riavvio discarica netta l'Amministrazione Borelli: “Abbiamo già dato”

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli