[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Chiedono tamponi e mascherine idonee

"Così diventiamo noi gli untori". Sos sindacati sanità Lazio. Allarme ambulanze

<
>
Mascherina "fazzoletto", foto inviata dal Sicel Latina
Mascherina "fazzoletto", foto inviata dal Sicel Latina

Sos e appelli lanciati dai sindacati dei lavoratori della salute. Preoccupati per la situazione in cui si vedono costretti a lavorare questi professionisti, “senza neanche avere la possibilità di svolgere i propri bisogni fisiologici, perché impossibilitati a togliersi le tute” e “rischiano la loro salute ogni qual volta fanno un soccorso dedicato a questa terribile pandemia”. Non solo. La terribile beffa che può portare danni è che “alcuni operatori si sono contagiati e si trovano in quarantena, ma prima hanno continuato a lavorare in varie postazioni, moltiplicando le possibilità di trasmissione del virus”. Lo affermano in una nota congiunta Cgil, Cisl e Uil raccontano situazioni “particolari” sulle ambulanze. I mezzi di soccorso potrebbero diventare “incubatori” e spargitori del coronavirus Covid19 proprio tra gli stessi operatori sanitari. Che a loro volta contaggerebbero i pazienti. Un folle corto circuito.

“Quotidianamente, per l’Azienda regionale ARES 118, deputata nella regione Lazio al soccorso e all’emergenza e in questo caso del Coronavirus anche alle maxi-emergenze, in troppi Ospedali, vedi ad esempio Policlinico Umberto I, Sant’Andrea, Policlinico Gemelli, i mezzi di soccorso che trasportano pazienti con possibile contagio da COVID-19, devono sostare ore e ore prima che lo stesso paziente venga preso in carico dalla struttura ospedaliera. Le ambulanze diventano una sorta di camera d’isolamento dove lo stesso viene in qualche caso addirittura numerato e, successivamente, visitato sullo stesso mezzo di soccorso. E i lavoratori, vestiti con tuta, mascherine, occhiali di protezione, devono aspettare così fino a quando il paziente viene ricoverato, sempre che si liberi un posto letto… e alle volte succede che devono essere sostituiti, laddove ci sia il mezzo, dai colleghi del turno successivo”. Così raccontano i tre sindacati, per bocca dei rispettivi segretari territoriali funzione pubblica, Sergio Bussone, Giovanni Ronchi e Mauro De Santis. “Tutto questo senza neanche avere la possibilità di svolgere i propri bisogni fisiologici, perché impossibilitati a togliersi le tute, incerottate per limitare al massimo l’esposizione. Ci domandiamo se questo può essere un modo di lavorare, per questi colleghi che rischiano la loro salute ogni qual volta fanno un soccorso dedicato a questa terribile pandemia, considerato inoltre che i cittadini che chiedono soccorso, spesso sono asintomatici e solo successivamente si è scopre la loro positività al virus”.

Unanime l'appello alla Regione Lazio.

“L’assessore D’Amato deve attivarsi urgentemente, con i vertici di tutte le amministrazioni, che devono in qualunque modo dare una risposta funzionale a pazienti in grande situazione di sofferenza, costretti a rimanere dentro un’ ambulanza e, allo stesso tempo, permettere ai lavoratori del servizio d’emergenza di poter svolgere tempestivamente e nelle migliori condizioni il proprio lavoro. Quindi auspichiamo che l’Amministrazione dell’ARES 118 quanto prima richiami, come fatto per la Centrale Operativa di Roma, tutti i lavoratori a rischio e, unitamente con gli organismi sanitari preposti, si sottoponga a tampone tutto il personale coinvolto. Troppo spesso verifichiamo che tutti gli sforzi per affrontare e limitare questo terribile nemico, vengono vanificati da una organizzazione non sempre efficiente ed efficace”, proseguono Cgil, Cisl e Uil che chiedono
“più prevenzione oltre a tutti i DPI (dispositivi di protezione individuale, ad es. mascherine a norma, ndr) necessari e fondamentali per la sicurezza dei nostri colleghi. I lavoratori della Sanità, che salvano vite, non possono diventare, per colpe non proprie, gli “untori” del XXI secolo”
Anche il sindacato Sicel di Latina e provincia mette in guardia sul paradosso che chi dovrebbe evitare le malattia, possa trasformarsi in portatore di contagi: “Il personale sanitario in questo momento rischia il contagio da COVID-19 poiché privi di tutela e di protezioni durante l'esercizio della professione. Perché non eseguire tamponi su tutti coloro che per la nostra salute corrono il rischio di contrarre il virus sul luogo di lavoro? Inoltre va detto che la mancanza di controllo potrebbe trasformare gli stessi operatori sanitari in veicolo del virus. Le forniture dei DPI (i dispositivi di protezione personale, ndr) risultano insufficienti ed in alcuni casi inadeguate”. Come esempio, anche il Sicel cita le ambulanze. In particolare, “alcune società private alle quali la Regione Lazio ha appaltato il servizio ambulanze 118 regionale le quali, pur avendo ricevuto tempestiva comunicazione della rimanenza dei presidi e blocco delle forniture, hanno ricevuto 4 kit a macchina contenenti una mascherina ffp3, una tuta idrorepellente, un occhiale, specifici per il COVID-19 ed utilizzabili su sospetto caso di contagio.Va evidenziata, a tal proposito la mancanza di fornitura delle mascherine chirurgiche per i pazienti e per il personale nello specifico sono arrivate mascherine di carta non idonee alla protezione individuale del soggetto”. Cristian Rapone, segretario provinciale del Sicel Latina, a tal proposito ha inviato anche foto di una di queste mascherine, recentemente mostrate anche in Tv nel corso di una nota trasmissione su Canal5: una striscetta di carta con due spacchetti ai lati, per infilarle nelle orecchie. Inoltre, il Sicel Latina - avviene anche nelle strutture ospedaliere pubbliche e private. Particolare attenzione va prestata all'inesistente esecuzione dei tamponi su tutto il personale sanitario, medico ed ausiliario, che è a stretto contatto con soggetti potenzialmente affetti dal COVID-19. L'aumento del carico di lavoro e lo stress psico-fisico vissuto durante questo stato di emergenza collettivo potrebbe causare loro la sindrome di Burn-out (il laoratore si “brucia”, si esaurisce, ndr). Veniamo a chiedere quindi l'intervento dell'Assessore alla sanità e integrazione socio-sanitaria Regione Lazio dott. D'Amato e degli organi competenti ad istituire una task-force deputata al controllo del rispetto delle procedure di salvaguardia della tutela della salute e del benessere psico-fisica del personale sanitario, medico e ausiliario”.

 

 

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
29/03 1585501380 Il Pd di Anzio: “Assurde ironie del Sindaco De Angelis su Governo e Regione”
29/03 1585501260 Arrivano i fondi per gli indigenti, 200mila euro sia ad Anzio che Nettuno
29/03 1585501140 Controlli anticoronavirus a Nettuno, la Polizia locale sanziona 7 cittadini
29/03 1585498620 Coronavirus: 20 milioni di euro per fare la spesa alle famiglie in difficoltà
29/03 1585497720 Covid19, 16 nuovi casi positivi nella Asl Rm6. 5 i pazienti guariti ad oggi
29/03 1585496160 10mila guanti monouso e 200 mascherine per i medici e infermieri del Goretti
29/03 1585494660 Attenzionate le case di riposo e i centri di riabilitazione per evitare contagi
29/03 1585493940 Coronavirus: 112 nuovi casi positivi registrati a Roma e provincia
29/03 1585489740 Coronavirus: 9 nuovi casi positivi in provincia di Latina. Registrati 2 decessi
29/03 1585487700 Due morti a Lariano per il Coronavirus, erano ricoverati da giorni in ospedale
29/03 1585486560 Ciampino, stele dell'aeronautica illuminata per i 97 anni della forza militare
29/03 1585477740 Anzio, il Sindaco lamenta "Mancia imbarazzante per i cittadini, non sufficiente"
29/03 1585472400 Il cordoglio dell'Amministrazione per la scomparsa di Ferdinando Di Lorenzo
29/03 1585472040 Pomezia, violenza sulle donne. "Uscire per chiedere aiuto si può!"
29/03 1585471260 Tragedia sul Monte Giove: muore Jonathan Tarquinio a causa di una caduta fatale
29/03 1585465080 Ardea, una app per dare informazioni ai cittadini sull'emergenza coronavirus
29/03 1585464900 Sabaudia, si cercano cittadini che affianchino la Protezione Civile
28/03 1585422360 È ufficiale: la scuola non riprenderà il 6 aprile. L'annuncio del premier Conte
28/03 1585421520 Conte stanzia fondi per i Comuni: buoni spesa e cibo per chi è in difficoltà
28/03 1585421220 Ai Castelli continuano le donazioni per gli ospedali: ecco i primi materiali
28/03 1585418040 Donate 250 mascherine. La dedica: «Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi»
28/03 1585417800 Coronavirus, presto nella rete dei laboratori anche l'ospedale di Genzano
28/03 1585415700 Oltre mille controlli sulle strade di Anzio e Nettuno, sanzionati in 5
28/03 1585412520 Campagna per acquistare un ventilatore polmonare per l'ospedale dei Castelli
28/03 1585411200 600 euro a marzo anche per gli autonomi iscritti a Ordini e casse private

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli