[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Sulla banchina del porto di Terracina

Pescatori, viaggio nella tradizione dei soprannomi tramandati da padre in figlio FOTO

<
>
ZEPPA - Per utilizzare un supporto di 10 cm circa sotto la scarpa destra
ZEPPA - Per utilizzare un supporto di 10 cm circa sotto la scarpa destra
IL PAPA - Il nome per aver perso anulare e mignolo della mano destra
IL PAPA - Il nome per aver perso anulare e mignolo della mano destra
LORENZONE E RICCIOTTO
- Per la corporatura fisica e per i capelli
LORENZONE E RICCIOTTO - Per la corporatura fisica e per i capelli
IL PRETE - Perché aveva intenzione di
prendere i voti sacerdotali prima di fare il pescatore
IL PRETE - Perché aveva intenzione di prendere i voti sacerdotali prima di fare il pescatore
CAPO BOMBA E PORDENONE - Per la testa molto pronunciata  e per aver svolto per un periodo di tempo il mestiere di imbianchino a Pordenone
CAPO BOMBA E PORDENONE - Per la testa molto pronunciata e per aver svolto per un periodo di tempo il mestiere di imbianchino a Pordenone
BRINCHIOLE E FAZZOLETTO - Per la passione per il pallone e perché il nonno in barca usava un fazzoletto sulla testa per ripararsi dal sole
BRINCHIOLE E FAZZOLETTO - Per la passione per il pallone e perché il nonno in barca usava un fazzoletto sulla testa per ripararsi dal sole
FAZZOLETTINO - È il figlio di Fazzoletto
FAZZOLETTINO - È il figlio di Fazzoletto

I pescatori a Terracina vantano una storia lunga 300 anni. Una professione tramandata da padre in figlio, insieme ai soprannomi che con cui si identificano lungo la banchina del porto. Vicino al ponte pedonale c’è Villaggio Cestrone: qualche sedia e un ombrellone per quattro chiacchere tra pescatori non più giovanissimi. «Io sono pizz stuort, perché mio padre portava sempre il cappello girato su un lato», dice Mario Di Sauro; «il mio soprannome è Murdone perché da giovane avevo un foruncolo pronunciato sulla fronte, racconta Gaetano Marzullo. Seduti lungo il Linea anche Antonio Perroni, detto mattone, per la testa dura ed i suoi scarsi risultati scolastici; Claudio Perroni, il biondo, per il colore dei capelli; Elio Marzullo detto podere per essere nato in un podere durante lo sfollamento della guerra. 

IL PAPA, ZEPPA, FAZZOLETTO E FAZZOLETTINO
Sulle barche attraccate si incontrano Pordenone e Capo bomba, (Mario e Carlo Cozzolino) rispettivamente zio e nipote. «Rammenda la rete da quando è piccolo - rivela Mario -. È stata una delle prime cose che il papà gli ha insegnato. Deve il suo soprannome Capo bomba alla forma della testa molto grande. Io invece sono Pordenone perché ho fatto l’imbianchino per qualche tempo lassù». Poi c’è Lallero (Claudio Di Lello), che da giovane jeva semp a ballà e Roberto (Masci) Zeppa, costretto a portare una scarpa con un supporto di circa 10 centimetri perché all’età di circa due anni fu investito da un mezzo militare americano rimanendo offeso alla gamba destra. Anche Antonio Marigliani, il Papa, deve il suo nomignolo ad un difetto fisico: da bambino perse due dita nell’officina dello zio, l’anulare ed il mignolo della mano destra. Ora che lui è andato in pensione come pescatore, per tutti il Papa è il figlio Raffaele. Fazzoletto è il soprannome di Cesare Di Cristoforo, ereditato dal nonno che per proteggersi dal sole metteva sulla testa un fazzoletto, affianco alla sua barca quella del figlio Alberto: fazzolettino.

I SOPRANNOMI SUPERANO LE GENERAZIONI
«Quando nel 1700 Pio VI fece un bando per favorire il popolamento di pescatori della Terracina bassa, in tanti dalla Campania e dalla Calabria arrivarono qui – raccontano Razzo storto Gianni Percoco (soprannome preso dal padre che aveva una cicatrice sulla fronte) e Sergio Cerilli, 92 anni e per tutti Pasta nera, per via della pelle sempre abbronzata –. Marigliani, Marzullo, Di Sauro, Cerilli, Percoco, Esposito sono solo alcune della famiglie arrivate dalla costa campana. Alla, Bonavita e Cicerani sono invece originari della Calabria. Anche per identificare le diverse ramificazioni generazionali si usavano i soprannomi. I Percoco, per esempio, giocando con il dialetto terracinese (percoca, albicocca n.d.r.), si distinguevano in “Percoco con la mandorla dolce e con la mandorla amara”, per far riferimento al carattere della persona. Sono Percoco baccalà (Guido), con un animo buono ma litigioso, i fratelli terremoto (Elio ed Eramo) nati a solo un anno di distanza all’inizio degli anni ’20 ed entrambi terribili; Maciste (Giuseppe) piccolo e forzuto, morto nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Alcuni dei Cerilli invece erano Pucitt, come per esempio miei due zii che erano piccoli, ma camparono fino a 96 anni», dice Pastanera. Con l’arrivo dei pescatori, nacque così il quartiere marinaro delle case popolari Borgo Pio e nel 1925 fu costituita la prima cooperativa di pescatori “La Sirena”, il cui primo presidente fu Alessandro Cerilli (Poce, da Pucitt), nonno di pasta nera. 

AMMAZZA AMMAZZA, SO TUTTI NA RAZZA
Ci sono poi soprannomi che affondando nel folklore e la cui fama non conosce tempo. Come per alcuni protagonisti di eventi bellici: Smith (Luciano Masci), che nel suo racconto di salvataggio di un pilota americano precipitato in mare ricordava come il sopravvissuto ripetesse sempre “Smith Smith”, o Zeccone (Vittorio Di Fazio) di rientro dal fronte quale reduce della battaglia navale del Matapan in Grecia del 1941. Ricorrono pagine di storia popolare tutta terracinese nel soprannome paparozza dedicato ai Di Sauro, campioni di cattura delle papere, uno dei giochi organizzati in occasione della festa della Madonna del Carmine; diventava vavera cotta per appellare poi un "mangia papere".  Tra gli amici di tutti i giorni ci sono poi  Bubulicchie e Magagà (Augusto Perroni e Antonio Cicci), così detti per i problemi di balbuzie; pallone (Vincenzo Di Sauro), noto per gonfiare i suoi racconti; il prete (Ferdinando Martinelli), che da giovane faceva il chierichetto in prospettiva di prendere i voti (che poi non prese più). E così via, all’infinito. «Nel dopoguerra era la solidarietà a fare la padrona nel settore della marineria. Qui era tutta una famiglia e, come è inevitabile che accadesse, le varie razze si sono imparentate. Da qui il detto: A Terracina ammazza ammazza, so tutti na razza», sorride Razzo storto.

UN SETTORE IN CRISI
Oggi i pescatori a Terracina sono meno di cento. «La causa principale della crisi è l’impoverimento ittico del mare. A questo si aggiungono i vincoli normativi in vigore e derivanti dal contesto europeo che equipara le navi oceaniche ai pescherecci locali – spiega Gianni Percoco assessore alle attività produttive –. Altro elemento di criticità è il ricambio generazionale che però è una conseguenza». Fondamentale diventa il ruolo delle cooperative che a Terracina sono due. «Attraverso le cooperative i pescatori trovano un supporto per i contributi assistenziali, il carburante, le cassette del pescato. Inoltre costituiscono il punto d’incontro tra pescatori e commercianti con l’asta. Nonostante le difficoltà non si può permettere che la pesca scompaia, a Terracina come altrove. È importante che le istituzioni statali e regionali prevedano sussidi di valorizzazione per la salvaguardia dei settori economici tradizionali che rappresentano la storia delle realtà locali».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:47 1594914420 Bomba d'acqua si abbatte sui Castelli: strade allagate e automobili in panne
17:14 1594912440 Riapre il Museo delle Navi Romane di Nemi: accessibile da martedì a domenica
16:43 1594910580 Da domani via libera alla riapertura dei parchi pubblici di Grottaferrata
16:32 1594909920 Da Ariccia a Caprarola, gli Sfaccendati a Palazzo Farnese con “Suoni Farnesiani”
16:28 1594909680 Un evento di moda e make up nel centro storico di Castel Gandolfo
15:37 1594906620 Recuperata dai Guardiaparco dei Castelli una poiana. Adottata dalla Lipu
15:25 1594905900 140mila euro per l’estate ad Anzio, Pollastrini: “Bando preconfezionato”
15:25 1594905900 Disagi per pagare il ticket, bisogna riaprire gli sportelli del Cup del Goretti
15:23 1594905780 Domani al Teatro Spazio Vitale a Nettuno Il medico dei sani… ecco tutte le date
15:22 1594905720 Tornano i Taxi 109 sabato 18 luglio esce “A Porto d’Anzio c’è il Sole”
15:09 1594904940 Genzano, Luca Guadagnini & Band esce con il singolo “Sara e i suoi simili”
15:08 1594904880 Marino, fermato e denunciato pusher incensurato. Spacciava al parco giochi
15:06 1594904760 Brignano a Terracina: spot per sensibilizzare a non buttare le mascherine
15:00 1594904400 Sovraffollamento in carcere: 1.183 detenuti in più rispetto alla capienza
14:53 1594903980 Auto prende fuoco nel giardino di una villa: arrivano due mezzi dei pompieri
14:47 1594903620 Castel Romano, la Polizia Locale sequestra il campo rom sulla Pontina
14:35 1594902900 Nelle carceri del Lazio aprono nuovi sportelli per i diritti dei detenuti
14:20 1594902000 Latina, Abc denuncia i tre autori del blitz notturno nell'azienda
13:47 1594900020 Controlli in provincia: 108 senza cintura e 73 al telefono senza auricolare
12:57 1594897020 Autostrada: il viceministro M5S incontra il Comitato No Corridoio Roma-Latina
12:24 1594895040 Mercato km 0 a Terracina per tutta l'estate: banchi aperti il venerdì sera
12:07 1594894020 Cassa integrazione Covid fino a dicembre, ma stavolta non per tutte le aziende
11:14 1594890840 Credi che dipendenza sia solo droga e alcol?
10:57 1594889820 Lungomare intasato nel weekend, le proposte per la criticità del traffico
10:53 1594889580 Sabaudia, 72 anni del Comaca: ecco le attività in cui sono impegnati i militari

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli