[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Veni, vidi, feci

I padroni dei cani inondano i parchi della Capitale di sterco

VILLA CHIGI
Municipio: II
Quartiere: Trieste
Estensione: 5 ettari
Ingressi: via di Villa Chigi, 
via Valnerina, via Niccolò Piccinni
VILLA CHIGI Municipio: II Quartiere: Trieste Estensione: 5 ettari Ingressi: via di Villa Chigi, via Valnerina, via Niccolò Piccinni

Passeggiare per Roma è bellissimo. Monumenti, scorci indimenticabili, stili architettonici che si mescolano, persino le strade parlano. E a volte, ti fanno imprecare. Quando, banalmente, magari con lo sguardo rapito guardi in alto uno stucco raffinato, un fregio e senti il tuo piede scivolare su qualcosa di disgustoso. E capisci che questa città non cambierà mai perché non è vittima di chi la governa, dello Stato centrale che se ne occupa poco e male e neanche di tutti coloro che la sfruttano, economicamente e non solo, senza lasciarle nulla in cambio. No, mentre la tua scarpa si riempie delle feci di un cane, pensi che i primi carnefici della Capitale sono i romani, i suoi stessi cittadini che magari a parole si riempiono la bocca di cotanta bellezza, del suo passato straordinario, delle possibilità che una metropoli così avrebbe ancora di primeggiare ma poi non sanno, anzi non vogliono rispettarla. Tenendola pulita, impedendo che diventi, letteralmente, una fogna. Lo so, state leggendo e sorridete. Vi sentite come nel film Johnny Stecchino: Roberto Benigni, sosia inconsapevole di un boss, viene accompagnato per le strade di Palermo da Luigi Maria Burruano che gli espone tutti i problemi di quella splendida città. Benigni, con la sua mimica unica, ogni volta si aspetta che quell’uomo pronunci la parola mafia e ogni volta quest’ultimo tira fuori dal cilindro qualcos’altro, essendo lui un picciotto. All’apice della comicità di questo equivoco, Burruano sancisce che sopra ogni cosa il vero cancro della città siciliana “è il ciaffico”. Il traffico, sì. Voi sorriderete leggendo queste righe e chiedendovi perché, tra i tanti malanni di questa città devastata, chi scrive se la prenda proprio con la cacca dei cani. E se siete animalisti, forse, siete già pronti a scrivere una vibrante lettera di proteste all’editore. Me la prendo con i padroni, sappiatelo, non con i cani che non hanno alcuna colpa, ma parlo di questo apparentemente piccolo ostacolo al vivere civile perché è un sintomo. In tempi di Coronavirus sappiamo che le peggiori epidemie le puoi se non evitare, limitare stando attento ai dettagli, alle piccole cose, riconoscendo la malattia in tempo. E sì, Roma non morirà per le feci di un quadrupede, è vero. Ma la sua agonia è fotografata benissimo da quelle strade zozze. E ancora di più dalle nostre splendide ville che hanno sentieri interi coperti di sterco. Una città di merda, verrebbe da dire, con una facile battuta. Eppure se cammino per la bellissima Villa Chigi, non riesco a capire perché al posto dei cestini che sono stati tolti ci siano montagne di bustine con le feci, a puzzare e invadere la strada. Una protesta contro la mancanza dell’infrastruttura? Forse. Ma intanto guardo l’area cani che tange Via Valnerina: bella, spaziosa, dotata di recipienti capienti per la spazzatura e di tutto ciò che serve ai migliori amici dell’uomo per sfogare la loro irruenza, giocare, correre, e tenere pulito. Permettendo agli altri che non hanno la fortuna di avere la compagnia di questi adorabili animali di usufruire di uno dei tanti punti di verde della nostra città (pochi sanno che nessuna capitale, in Europa ne ha più di noi, per quantità, qualità ed ettari) senza aver paura che i nostri bambini vengano spaventati dal loro abbaiare, senza che un anziano si veda magari buttato a terra da un cane di grande taglia troppo entusiasta e chi magari fa jogging o si sta solo prendendo un momento di relax centri quei regali marroni che padroni incivili non hanno raccolto. Un’amministrazione illuminata, quella di Veltroni, riaprì e riqualificò tantissimi parchi, ville, giardini. Un amore che è dimostrato dalla Casa del Cinema collocata nella sua amata Villa Borghese, sede pure del suo bel giallo edito da Marsilio, Assassinio a Villa Borghese, appunto. Quegli spazi verdi negli anni ’80 e ’90 erano l’abitazione di squatters e il presidio di spacciatori di stupefacenti, furono riportati alla loro bellezza e soprattutto ai cittadini. Ricorderete Roma Natura che resistette ad attacchi politici e di potere e che solo fino al 2002 riuscì a varare 5 piani di assetto, ossia i piani regolatori delle riserve naturali, aperto 12 sentieri natura e 3 centri visita nei parchi e recuperato casali abbandonati e promosso iniziative per rendere più fruibile il verde pubblico sottraendolo a ogni tentativo speculativo. Un regalo, che noi evidentemente non meritiamo. Perché l’egoismo, la pigrizia, la semplice arroganza ci impediscono di osservare delle regole normali. Cosicché senza alcuna vergogna i padroni occupano i sentieri dedicati a tutti, lasciando deserte le aree cani per cui tanti attivisti hanno giustamente lottato. E sì, scrivo queste parole proprio da una panchina di Villa Chigi. Vedendo l’ennesimo buzzurro, ben vestito e con un cane di razza, che lascia testimonianza della sua idiozia a pochi centimetri da me. Kennedy diceva “non chiedetevi cosa può fare il paese per voi, ma cosa potete fare voi per il paese”. Basterebbe rispettarlo. Oppure daremo sempre ragione a chi dice che il problema non è Roma, ma i romani. Che non sanno amare il tesoro che hanno e che così dimostrano di non amare e rispettare in primis se stessi.

Boris Sollazzo


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/10 1603211940 Castel Gandolfo: stop alle lezioni in classe all'istituto di via Ugo La Malfa
20/10 1603210860 Genzano: controlli anticovid della polizia, chiuso un pub serale
20/10 1603208520 Acampora eletto presidente della Camera di Commercio di Latina e Frosinone
20/10 1603207320 Coronavirus: a Pomezia chiusi per sanificazione Anagrafe e Servizi sociali
20/10 1603207140 Il patriarca di Costantinopoli Bartolomeo Primo ha fatto visita ai Focolarini
20/10 1603206840 Asl Rm6: 113 nuovi casi Covid nelle ultime 24h, 31 dei quali con link familiare
20/10 1603206600 Covid: 27 nuovi casi positivi nella Asl di Latina. Nessun nuovo decesso
20/10 1603206420 Modificare i cartelli d'ingresso a Pomezia in "Città della ricerca". La proposta
20/10 1603206300 Dopo 6 mesi torna sul ring il campione Emanuele Tetti: combatterà a Cinecittà
20/10 1603206000 Latina, centrale nucleare: via l'armatura superiore dell'edificio boiler
20/10 1603201260 Inaugurata la prima area di sgambamento cani al parco San Marco
20/10 1603196160 Velletri accessibile a tutti: un'app per segnalare le barriere architettoniche
20/10 1603195020 Viaggiava in auto con un tirapugni di ferro: scoperto e denunciato
20/10 1603195020 Con l'auto contro un altro mezzo: si rifiuta di fare l'etilometro, denunciato
20/10 1603193760 Ospedale di Latina: arrivano i 33 posti in più al reparto Covid
20/10 1603192740 Premio speciale “Antica Pyrgos” allo scrittore setino Roberto Campagna
20/10 1603187640 Rapina con coltellata in gioielleria: arrestato anche il terzo autore
20/10 1603180500 Covid, test sierologici in Comune: due soggetti su 80 dovranno fare il tampone
20/10 1603178040 Tom Cruise all'aeroporto di Ciampino: torna in Usa dopo aver girato il suo film
20/10 1603177200 Albano: ancora positivo al Covid il Sindaco. Negativi tutti i suoi contatti
20/10 1603175700 I vincitori della 21ª edizione del Festival Internazionale del Circo d’Italia
20/10 1603175580 Controlli sul rispetto delle norme Covid a Velletri: 4 violazioni riscontrate
20/10 1603175280 Sindaco e 30 dipendenti comunali di Nettuno in isolamento
20/10 1603174920 Tornano su strada i bus da 7 metri in attesa di una rimodulazione del servizio
20/10 1603174740 Dodici firme per sfiduciare il presidente del Consiglio comunale di Cisterna

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli