[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

bisognerà vincere una gara d’appalto

Impianti sportivi comunali, il Tar dà ragione al Campidoglio

<
>
Daniele Frongia.
Assessore capitolino allo Sport
Daniele Frongia. Assessore capitolino allo Sport

Per poter continuare a gestire uno dei 163 impianti sportivi di proprietà del Comune di Roma sarà necessario vincere un bando pubblico e non saranno più ammesse proroghe ‘automatiche’ delle concessioni. La seconda sezione del Tar del Lazio ha rigettato il ricorso della società SSD Alma Nuoto che puntava a scardinare tale principio. Il gestore si era opposto al ‘no’ ad un’altra ed ennesima proroga, contenuto in una determina nel 2017 firmata dagli uffici comunali. Una linea, quella dell’amministrazione guidata da Virginia Raggi, messa poi nero su bianco anche nel nuovo regolamento per la concessione degli impianti sportivi comunali, votato dall’assemblea capitolina a marzo del 2018. La richiesta della società dilettantistica era quella di prolungare ulteriormente il periodo di gestione dell’impianto, di cui è concessionario, senza passare per il bando pubblico, ma per la scorciatoia del rinnovo automatico. Proroga che, secondo il Tar, sarebbe stata “in evidente contrasto – così si legge nella sentenza dei giudici amministrativi – con tutti i principi comunitari in materia di concessioni di beni pubblici”. Una decisione con conseguenze dirette sul futuro dei 75 impianti sportivi pubblici comunali con concessione scaduta o comunque in corso di scadenza, la gran parte dei quali gestiti transitoriamente dai vecchi concessionari, in attesa dei bandi in cui avranno comunque un diritto di prelazione. «Un altro traguardo per l’Amministrazione – ha sostenuto Daniele Frongia, assessore allo Sport della Giunta Raggi – che si traduce in una maggiore tutela a favore dei cittadini, dello sport e delle dinamiche fisiologiche del mercato». «È finita per sempre l’era dei prolungamenti infiniti delle concessioni», gli ha fatto eco Angelo Diario, consigliere capitolino nonché presidente della X commissione ‘Sport’.

IL PRIMO ‘CASO’ DELLA SS LAZIO NUOTO

Quello della società Alma Nuoto è un caso simbolo, visto che dal 1985 ha in gestione la piscina coperta di via dei Consoli (VII municipio), che tra l’altro gli era stata affidata senza gara. Esattamente come quello di un altro impianto sportivo situato in zona Garbatella e gestito per 35 anni dalla Ss Lazio Nuoto. Anche il ricorso al Tar della SS Lazio Nuoto si è risolto la scorsa estate sempre a favore dell’ente comunale, e la società sportiva sarà costretta a fare le valigie entro il prossimo giugno. Queste due società, in realtà, non hanno fatto altro che utilizzare una modifica del regolamento introdotta nel 2006 dall’ex sindaco Veltroni che gli permetteva di chiedere una proroga delle concessioni nel caso avessero messo in campo interventi di restauro, di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia o di nuova costruzione dell’impianto. Un modo per consentire ai privati di rientrare nell’investimento, questa era la ratio del provvedimento. Ed è proprio in virtù di lavori di manutenzione straordinaria eseguiti nel 2014 che la Alma Nuoto, già destinataria di una serie di proroghe di quindici anni con scadenza al 2030, chiedeva ulteriori otto anni di concessione (fino al 2038), richiesta appena bocciata dai giudici amministrativi.

TAR: NO AD ALTRA PROROGA

na richiesta a cui gli uffici comunali avevano già risposto picche. Anche perché la riforma sulle concessioni degli impianti sportivi, portata avanti dai 5stelle capitolini, mette un doppio paletto ben preciso: non solo l’importo del canone (da versare mensilmente al Comune), ma anche la durata della gestione deve essere determinata sulla base di un piano economico-finanziario presentato dagli stessi concessionari. Quindi sulla base degli investimenti effettivamente destinati alla struttura. Tant’è che il Tar ha ribadito proprio questo concetto.

OPPOSIZIONE ALL’ATTACCO

Di tutt’altro avviso l’opposizione. “Gare che non partono o che non vengono aggiudicate - attacca Marco Palumbo, consigliere capitolino ma soprattutto presidente della Commissione Controllo - costi di concessione troppo onerosi per gli storici gestori. Così, molti impianti sportivi della Capitale restano chiusi, inagibili, condannati all’abbandono e al degrado. Con il giusto proposito di regolamentare la gestione della piccola impiantistica sportiva romana, la Giunta ha generato più problemi che soluzioni. Alla luce delle drammatiche conseguenze, non sarebbe il caso di rivedere le condizioni imposte dal regolamento cercando di andare incontro alle esigenze dei piccoli gestori? La maggioranza rifletta e si apra al dialogo col territorio per capire dove il nuovo meccanismo si inceppa. È interesse di tutti garantire la legalità, ma anche salvare gli impianti sportivi dal degrado e dall’abbandono in cui versano”.


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15/04 1618503300 Reti di Giustizia: “Sentenza Appia, ecco le motivazioni della condanna”
15/04 1618503180 All’ex comando dei Vigili sorgerà il nuovissimo Museo dello Sbarco di Anzio
15/04 1618502940 1000 firme per chiedere al Comune di Anzio di occuparsi delle strade vicinali
15/04 1618499280 Da carrozzeria a fabbrica di ogive per proiettili: la scoperta ai Castelli
15/04 1618497360 Covid, Latina e provincia: altri 161 casi, due decessi. I dati di tutte le città
15/04 1618496940 Coronavirus, nella Asl Roma 6 altri 184 contagi. Quattro persone decedute
15/04 1618493520 «La città non può subire un'altra stagione di incampacità amministrativa»
15/04 1618490700 Vaccino Astrazeneca sospeso nel Lazio? È una fake news
15/04 1618489680 La Virtus Pomezia Basket vuol tornare a stupire
15/04 1618489500 Elezioni a Latina, il giallo delle due liste con lo stesso nome
15/04 1618487160 Più dosi Astrazeneca negli hub vaccinali della provincia di Latina
15/04 1618475700 Anzio, il consigliere Gatti: “Onorato di rappresentare i Consiglieri di FdI”
15/04 1618475580 Alicandri, Pd Nettuno: “Basta discriminazioni, subito si alla legge Zan”
15/04 1618474500 La Polizia Locale revoca 35 autorizzazioni per posto disabili irregolari
15/04 1618474140 1.300 mascherine anti-Covid irregolari sequestrate dai banchi del mercato
15/04 1618473780 3kg di droga spediti per posta: pacco intercettato all’aeroporto di Ciampino
15/04 1618473420 Fermata auto sportiva con documenti irregolari: a bordo c'era anche uno scooter
15/04 1618471020 Genzano, auto prende fuoco in strada. Donna di Aprilia salvata dai Carabinieri
15/04 1618470180 Allieva pilota "discriminata e umiliata": il caso all'attenzione del parlamento
15/04 1618470180 Castel Gandolfo: “Giunta rinunci a ricorso contro le tutele paesaggistiche”
15/04 1618468980 Arrestato il ladro intenditore di cibo: rubava salmone e formaggi costosi
15/04 1618468680 Latina, sfratto dalla casa del combattente: anche Medici si mobilita
15/04 1618468680 I cittadini di Aprilia potranno chiedere i certificati anagrafici in tabaccheria
15/04 1618468140 Il 'nudino' torna a Latina: il dipinto fu rubato dopo l'armistizio del 1943
15/04 1618467180 Non fu un incidente ma un tentato omicidio: chiesta la condanna a 10 anni

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli