[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

bisognerà vincere una gara d’appalto

Impianti sportivi comunali, il Tar dà ragione al Campidoglio

<
>
Daniele Frongia.
Assessore capitolino allo Sport
Daniele Frongia. Assessore capitolino allo Sport

Per poter continuare a gestire uno dei 163 impianti sportivi di proprietà del Comune di Roma sarà necessario vincere un bando pubblico e non saranno più ammesse proroghe ‘automatiche’ delle concessioni. La seconda sezione del Tar del Lazio ha rigettato il ricorso della società SSD Alma Nuoto che puntava a scardinare tale principio. Il gestore si era opposto al ‘no’ ad un’altra ed ennesima proroga, contenuto in una determina nel 2017 firmata dagli uffici comunali. Una linea, quella dell’amministrazione guidata da Virginia Raggi, messa poi nero su bianco anche nel nuovo regolamento per la concessione degli impianti sportivi comunali, votato dall’assemblea capitolina a marzo del 2018. La richiesta della società dilettantistica era quella di prolungare ulteriormente il periodo di gestione dell’impianto, di cui è concessionario, senza passare per il bando pubblico, ma per la scorciatoia del rinnovo automatico. Proroga che, secondo il Tar, sarebbe stata “in evidente contrasto – così si legge nella sentenza dei giudici amministrativi – con tutti i principi comunitari in materia di concessioni di beni pubblici”. Una decisione con conseguenze dirette sul futuro dei 75 impianti sportivi pubblici comunali con concessione scaduta o comunque in corso di scadenza, la gran parte dei quali gestiti transitoriamente dai vecchi concessionari, in attesa dei bandi in cui avranno comunque un diritto di prelazione. «Un altro traguardo per l’Amministrazione – ha sostenuto Daniele Frongia, assessore allo Sport della Giunta Raggi – che si traduce in una maggiore tutela a favore dei cittadini, dello sport e delle dinamiche fisiologiche del mercato». «È finita per sempre l’era dei prolungamenti infiniti delle concessioni», gli ha fatto eco Angelo Diario, consigliere capitolino nonché presidente della X commissione ‘Sport’.

IL PRIMO ‘CASO’ DELLA SS LAZIO NUOTO

Quello della società Alma Nuoto è un caso simbolo, visto che dal 1985 ha in gestione la piscina coperta di via dei Consoli (VII municipio), che tra l’altro gli era stata affidata senza gara. Esattamente come quello di un altro impianto sportivo situato in zona Garbatella e gestito per 35 anni dalla Ss Lazio Nuoto. Anche il ricorso al Tar della SS Lazio Nuoto si è risolto la scorsa estate sempre a favore dell’ente comunale, e la società sportiva sarà costretta a fare le valigie entro il prossimo giugno. Queste due società, in realtà, non hanno fatto altro che utilizzare una modifica del regolamento introdotta nel 2006 dall’ex sindaco Veltroni che gli permetteva di chiedere una proroga delle concessioni nel caso avessero messo in campo interventi di restauro, di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia o di nuova costruzione dell’impianto. Un modo per consentire ai privati di rientrare nell’investimento, questa era la ratio del provvedimento. Ed è proprio in virtù di lavori di manutenzione straordinaria eseguiti nel 2014 che la Alma Nuoto, già destinataria di una serie di proroghe di quindici anni con scadenza al 2030, chiedeva ulteriori otto anni di concessione (fino al 2038), richiesta appena bocciata dai giudici amministrativi.

TAR: NO AD ALTRA PROROGA

na richiesta a cui gli uffici comunali avevano già risposto picche. Anche perché la riforma sulle concessioni degli impianti sportivi, portata avanti dai 5stelle capitolini, mette un doppio paletto ben preciso: non solo l’importo del canone (da versare mensilmente al Comune), ma anche la durata della gestione deve essere determinata sulla base di un piano economico-finanziario presentato dagli stessi concessionari. Quindi sulla base degli investimenti effettivamente destinati alla struttura. Tant’è che il Tar ha ribadito proprio questo concetto.

OPPOSIZIONE ALL’ATTACCO

Di tutt’altro avviso l’opposizione. “Gare che non partono o che non vengono aggiudicate - attacca Marco Palumbo, consigliere capitolino ma soprattutto presidente della Commissione Controllo - costi di concessione troppo onerosi per gli storici gestori. Così, molti impianti sportivi della Capitale restano chiusi, inagibili, condannati all’abbandono e al degrado. Con il giusto proposito di regolamentare la gestione della piccola impiantistica sportiva romana, la Giunta ha generato più problemi che soluzioni. Alla luce delle drammatiche conseguenze, non sarebbe il caso di rivedere le condizioni imposte dal regolamento cercando di andare incontro alle esigenze dei piccoli gestori? La maggioranza rifletta e si apra al dialogo col territorio per capire dove il nuovo meccanismo si inceppa. È interesse di tutti garantire la legalità, ma anche salvare gli impianti sportivi dal degrado e dall’abbandono in cui versano”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:42 1594478520 Anzio, formalizzata la nomina di Gabriella Di Fraia alle politiche della scuola
16:41 1594478460 Basta inciviltà, i Sindaci di Anzio e Nettuno chiudono i locali alle 2 di notte
15:03 1594472580 In salvo cani abbandonati a loro stessi in una proprietà privata ad Aprilia
14:49 1594471740 19 nuovi casi positivi nel Lazio. 1 caso importato alla Asl Rm6, 4 a Latina
14:44 1594471440 Test sierologici ASL Roma 6 a tariffa concordata: indicazioni e numeri utili
12:49 1594464540 Al Parco San Marco di Latina inaugurata l'area fitness comunale
11:39 1594460340 Tragico frontale sull'Appia. Morto un 40enne, gravemente ferite altre 2 persone
11:07 1594458420 Un riconoscimento ai membri del Consiglio dei bambini e delle bambine di Latina
10:48 1594457280 29enne in carcere per scontare una condanna a 7 anni e 6 mesi per furti
10:08 1594454880 Esproprio mai pagato per il terreno trasformato in strada a Latina, la condanna
09:59 1594454340 Uccise il ladro che gli aveva appena svaligiato casa: le parti civili rinunciano
09:58 1594454280 Continuano i lavori di consolidamento di ponte Giovanni XXIII a Sabaudia
09:55 1594454100 L'incendio fa esplodere una bomba della seconda guerra mondiale
10/07 1594402440 Si ustiona mentre dà fuoco a un nido di calabroni: 70enne grave in ospedale
10/07 1594401840 Nonostante l'allontanamento continuava a vessare i genitori: 45enne in carcere
10/07 1594395900 A fuoco un garage in un palazzo a Pomezia: un ferito, edificio evacuato
10/07 1594391760 Ardea, sequestrati 9000 mq di terreni: sventate lottizzazioni abusive
10/07 1594388040 Violento incendio in via Roncigliano a Cecchina: strada chiusa al traffico
10/07 1594387680 TIM potenzia la banda ultralarga a Sermoneta: fibra anche nel centro storico
10/07 1594387560 Per le scuole di Ardea 160mila euro dal Miur per adeguarle alle norme anti-Covid
10/07 1594387260 Nettuno, attivo fino al 6 settembre il posto mobile della stradale
10/07 1594386420 Piazza Sturzo si colora: i cittadini riverniciano le panchine e i tavoli
10/07 1594385820 Documento falso e munizioni a casa, torna in libertà la donna arrestata ad Anzio
10/07 1594385700 Impallara di Nettuno ai domiciliari, l’avvocato chiede il ritorno in libertà
10/07 1594385580 Pollastrini: “Parcheggi per Ponza: situazioni ambigue e poca trasparenza”

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli