[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

bisognerà vincere una gara d’appalto

Impianti sportivi comunali, il Tar dà ragione al Campidoglio

<
>
Daniele Frongia.
Assessore capitolino allo Sport
Daniele Frongia. Assessore capitolino allo Sport

Per poter continuare a gestire uno dei 163 impianti sportivi di proprietà del Comune di Roma sarà necessario vincere un bando pubblico e non saranno più ammesse proroghe ‘automatiche’ delle concessioni. La seconda sezione del Tar del Lazio ha rigettato il ricorso della società SSD Alma Nuoto che puntava a scardinare tale principio. Il gestore si era opposto al ‘no’ ad un’altra ed ennesima proroga, contenuto in una determina nel 2017 firmata dagli uffici comunali. Una linea, quella dell’amministrazione guidata da Virginia Raggi, messa poi nero su bianco anche nel nuovo regolamento per la concessione degli impianti sportivi comunali, votato dall’assemblea capitolina a marzo del 2018. La richiesta della società dilettantistica era quella di prolungare ulteriormente il periodo di gestione dell’impianto, di cui è concessionario, senza passare per il bando pubblico, ma per la scorciatoia del rinnovo automatico. Proroga che, secondo il Tar, sarebbe stata “in evidente contrasto – così si legge nella sentenza dei giudici amministrativi – con tutti i principi comunitari in materia di concessioni di beni pubblici”. Una decisione con conseguenze dirette sul futuro dei 75 impianti sportivi pubblici comunali con concessione scaduta o comunque in corso di scadenza, la gran parte dei quali gestiti transitoriamente dai vecchi concessionari, in attesa dei bandi in cui avranno comunque un diritto di prelazione. «Un altro traguardo per l’Amministrazione – ha sostenuto Daniele Frongia, assessore allo Sport della Giunta Raggi – che si traduce in una maggiore tutela a favore dei cittadini, dello sport e delle dinamiche fisiologiche del mercato». «È finita per sempre l’era dei prolungamenti infiniti delle concessioni», gli ha fatto eco Angelo Diario, consigliere capitolino nonché presidente della X commissione ‘Sport’.

IL PRIMO ‘CASO’ DELLA SS LAZIO NUOTO

Quello della società Alma Nuoto è un caso simbolo, visto che dal 1985 ha in gestione la piscina coperta di via dei Consoli (VII municipio), che tra l’altro gli era stata affidata senza gara. Esattamente come quello di un altro impianto sportivo situato in zona Garbatella e gestito per 35 anni dalla Ss Lazio Nuoto. Anche il ricorso al Tar della SS Lazio Nuoto si è risolto la scorsa estate sempre a favore dell’ente comunale, e la società sportiva sarà costretta a fare le valigie entro il prossimo giugno. Queste due società, in realtà, non hanno fatto altro che utilizzare una modifica del regolamento introdotta nel 2006 dall’ex sindaco Veltroni che gli permetteva di chiedere una proroga delle concessioni nel caso avessero messo in campo interventi di restauro, di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia o di nuova costruzione dell’impianto. Un modo per consentire ai privati di rientrare nell’investimento, questa era la ratio del provvedimento. Ed è proprio in virtù di lavori di manutenzione straordinaria eseguiti nel 2014 che la Alma Nuoto, già destinataria di una serie di proroghe di quindici anni con scadenza al 2030, chiedeva ulteriori otto anni di concessione (fino al 2038), richiesta appena bocciata dai giudici amministrativi.

TAR: NO AD ALTRA PROROGA

na richiesta a cui gli uffici comunali avevano già risposto picche. Anche perché la riforma sulle concessioni degli impianti sportivi, portata avanti dai 5stelle capitolini, mette un doppio paletto ben preciso: non solo l’importo del canone (da versare mensilmente al Comune), ma anche la durata della gestione deve essere determinata sulla base di un piano economico-finanziario presentato dagli stessi concessionari. Quindi sulla base degli investimenti effettivamente destinati alla struttura. Tant’è che il Tar ha ribadito proprio questo concetto.

OPPOSIZIONE ALL’ATTACCO

Di tutt’altro avviso l’opposizione. “Gare che non partono o che non vengono aggiudicate - attacca Marco Palumbo, consigliere capitolino ma soprattutto presidente della Commissione Controllo - costi di concessione troppo onerosi per gli storici gestori. Così, molti impianti sportivi della Capitale restano chiusi, inagibili, condannati all’abbandono e al degrado. Con il giusto proposito di regolamentare la gestione della piccola impiantistica sportiva romana, la Giunta ha generato più problemi che soluzioni. Alla luce delle drammatiche conseguenze, non sarebbe il caso di rivedere le condizioni imposte dal regolamento cercando di andare incontro alle esigenze dei piccoli gestori? La maggioranza rifletta e si apra al dialogo col territorio per capire dove il nuovo meccanismo si inceppa. È interesse di tutti garantire la legalità, ma anche salvare gli impianti sportivi dal degrado e dall’abbandono in cui versano”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:22 1627316520 Grande partecipazione all'iniziativa cultural-vinicola "Suoni divini" a Lanuvio
18:01 1627315260 Ariccia, 12 giovani atlete pluri-medagliate ai campionati italiani di danza
18:00 1627315200 Grottaferrata, il giovane Andrea Santelli di Marino vince "Je so pazzo"
17:37 1627313820 Discarica, il Coordinamento contro l'Inceneritore dei Castelli scende in strada
17:15 1627312500 560 giorni di lotta contro il Covid: premiati gli operatori della Asl Roma 6
17:08 1627312080 75 casi positivi nella Asl Roma 6. Continuano le tappe del camper vaccinale
16:59 1627311540 Ad Aprilia sospeso lo sharing dei monopattini elettrici: troppi atti vandalici
16:06 1627308360 Ariccia, successo per la Festa di Santa Apollonia patrona della Città
13:40 1627299600 Tenta di adescare e molestare due bambine in spiaggia: denunciato
13:34 1627299240 Discarica Albano, Moresco: Sindaco chieda a Asl e Arpa analisi recenti e urgenti
13:01 1627297260 Pomezia, acqua e fogne per Monachelle: entro agosto l'affidamento dell'appalto
11:18 1627291080 Ardea, altre 3 date per vaccinarsi con Johnson senza prenotazione: il calendario
11:03 1627290180 Ardea: lavori in corso sul lungomare per riasfaltare circa 5 km di strada
10:45 1627289100 Lavori al centro idrico Ponte Gregoriano, stop all'acqua per 6 ore a Marino
10:05 1627286700 Discarica Albano, anche senza camion Ama via al presidio spontaneo dei residenti
09:45 1627285500 Tiro a volo, Diana Bacosi di Pomezia vince l'argento alle Olimpiadi di Tokyo
08:43 1627281780 Marchio turistico della Provincia di Latina e un concorso per scegliere il nome
08:33 1627281180 Zuliani candidata Sindaco: cosa l'ha fatta scappare da Pd-Lbc
08:32 1627281120 Discarica Albano, in piazza il no di cittadini, senatori e consiglieri regionali
25/07 1627228980 Aggredita vigilessa ad Anzio, denunciato l’autista di un camion di mozzarelle
25/07 1627224600 84 casi Covid nella Asl pontina. Impennata di positivi a Latina e Sezze
25/07 1627224180 Covid, 86 casi nella Asl Rm6. Va avanti la campagna vaccinale itinerante
25/07 1627221300 Giuseppe Conte a pranzo ad Aprilia: l'ex premier in vacanza sul litorale laziale
25/07 1627220760 Voli Covid-tested, cosa sono e cosa si deve fare per salire a bordo
25/07 1627213920 Suoni Divini: una domenica di degustazioni, concerti e visite museali a Lanuvio

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli