[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Nettuno, parla il consigliere Taurelli

«Il sindaco Coppola ostaggio delle logiche di partito»

Antonio Taurelli - Patto per Nettuno
Antonio Taurelli - Patto per Nettuno

Nell’assise comunale di Nettuno spicca un dato inconfutabile, spesso riconosciuto anche da osservatori esterni e da alcuni rappresentanti del centrodestra: l’opposizione di centrosinistra e anche quella civica rappresentata da Daniele Mancini e Simona Sanetti ha acquisito un notevole spessore. Un mix di esperienza e di giovani preparati che spesso si distinguono per la qualità degli interventi in consiglio comunale e per la pregevole fattura delle interrogazioni presentate. A prescindere da qualsiasi posizione politica questo dato rappresenta senza ombra di dubbio un bene per la vita democratica di Nettuno, sicuramente un’opposizione compatta e che vigila sulle scelte dell’amministrazione rappresenta una garanzia per i cittadini. Tra gli esponenti messisi in luce di recente spicca la figura del giovane Antonio Taurelli, unico rappresentante del Patto per Nettuno, che ha incalzato spesso la giunta Coppola grazie anche alla sponda dei consiglieri democratici Marchiafava, Federici e Alicandri. Un asse di qualità che appare pronto in caso di crollo dell’attuale assise a prendere le redini della città. 

Consigliere Taurelli, come ha vissuto l’esperienza in consiglio comunale? Le pesa essere l’unico rappresentante del Patto per Nettuno? Quali sono infine i rapporti con il resto dell’opposizione? 
«L’esperienza finora è stata ampiamente positiva anche perché la politica rappresenta da sempre una mia passione. Come rappresentante unico faccio più fatica, anche se ho trovato da subito un ottimo legame con i consiglieri Marchiafava, Alicandri e Federici. Un lavoro di squadra che ha portato i suoi frutti e che si è esteso grazie alla condivisione sui temi con il duo Sanetti- Mancini, con i quali si è creata una buona sinergia, anche se spesso facciamo fatica soprattutto nelle commissioni perché manca una visione di insieme da parte dell’attuale maggioranza. In questo vuoto di programmazione dispiace non poter contare sulla collaborazione dei cinquestelle e in particolare del consigliere Rizzo, finora poco attivo nel ruolo di controllo». 

A proposito del consigliere cinquestelle Rizzo, di recente lei lo ha attaccato in modo diretto sul tema del palazzetto dello sport. Può spiegarci meglio quanto è accaduto? 
«Come rappresentante del Patto per Nettuno ho deciso di incalzare l’amministrazione sulla questione delle proroghe estese all’infinito in merito ai lavori della struttura sportiva. Volevo conoscere meglio le condizioni e vigilare, non a caso dopo la nostra interrogazione la maggioranza si è attivata per indire il bando di gara. Rizzo non ha mai vigilato su questo tema e mi domando perché sulla sua pagina facebook risulta tra i gestori dell’Asd pallavolo. Non ho attaccato il consigliere ma ho semplicemente chiesto spiegazioni sul suo ruolo senza ricevere risposte, anzi sono arrivati da parte sua i complimenti all’amministrazione. Per quali motivi?». 

Nel suo ruolo di presidente della commissione trasparenza può spiegare per quali motivi i cittadini non vengono informati a dovere su molte questioni vitali? 
«La trasparenza spaventa chi fa le commissioni tanto per farle. Noi come opposizione facciamo un discorso culturale, vorremmo che i cittadini scegliessero il politico da cui essere rappresentati con coscienza. La trasparenza è un tema fondamentale ma noi classe politica spesso non diamo gli strumenti necessari per integrare i cittadini nella vita pubblica. Nel mio piccolo ho provato a condurre la battaglia per valorizzare questo tema: ho chiesto in commissione se ci fosse la possibilità di pubblicare i verbali, mi è stato risposto che poteva essere pericoloso, stesso esito per le interrogazioni». 

Per quali motivi a suo avviso il cittadino nettunese è sempre più distante dalla sfera politica? 
«Bisogna fare una distinzione: esistono due città, una che partecipa alla politica solo nella fase calda delle tornate elettorali e un’altra completamente estranea alle vicende pubbliche. Non mi sento però di condannare questo disinteresse, perché la politica è responsabile in primis, non c’è alcuna visione progettuale della città e quindi è naturale che l’elettore si rivolga al politico solo per interesse personale nella speranza di ottenere qualche favore. Noi abbiamo provato a scardinare questa logica con alcune proposte mirate e di ampio respiro: quella del cimitero green ad esempi e del porto a secco, oppure quella dello spostamento del deposito Cotral per far nascere al suo posto un centro polifunzionale.  Il problema di fondo rimane sempre culturale, c’è un vuoto enorme da questo punto di vista e Nettuno ancora oggi non può contare su una biblioteca e su spazi di integrazione per i giovani».

Emergenza Coronavirus. Il consigliere Marchiafava ha richiesto con urgenza la convocazione della commissione sanità e ambiente per informare a dovere i cittadini. Lo reputa giusto o si può creare troppo allarmismo? Quale deve essere a suo avviso l’approccio ideale della classe politica su questo tema? 
«Registro con favore la proposta di Marchiafava, che anche in qualità di medico conosce l’iter ideale da avviare in questi casi. Quello che mi stupisce è che il presidente di questa commissione non si sia attivato con prontezza, anche perché ritengo doveroso informare i cittadini senza generare panico. A mio avviso serve anche una risposta pragmatica alla questione, quindi sarebbe opportuno costruire una rete di emergenza sanitaria a partire dai medici di base. Il nostro territorio è pronto per sviluppare un progetto simile?».

Che idea si è fatto dell’audizione pubblica in commissione antimafia del pm Prestipino, che ha confermato un quadro inquietante in merito alle ingerenze della malavita sul nostro litorale? 
«In merito alle vicende non posso esprimere giudizi specifici perché credo competa ai magistrati e alle forze dell’ordine, di sicuro da cittadino avverto sgomento nell’ascoltare alcune ricostruzioni e per alcuni nomi che aleggiano sulla città. Mi auguro che la magistratura faccia il suo corso, ma inevitabilmente devo ritornare al problema culturale di fondo. La politica deve risolvere alla radice il problema delle infiltrazioni mafiose, inserendo il cittadino nel contesto amministrativo. Potrebbe sembrare uno slogan ma in realtà l’infiltrazione si combatte con l’informazione, quando in un territorio manca l’attenzione alla sfera politica, inevitabilmente mancano anche gli anticorpi al dilagare della criminalità». 

Come vede il suo futuro politico e quello della giunta Coppola? 
«Intanto voglio completare gli studi di legge, la politica rimane una passione e in futuro mi piacerebbe continuare a fornire un contributo anche perché sono molto legato al territorio e la mia famiglia è sempre stata nettunese da secoli; vorrei rappresentare qualcosa e non qualcuno. In merito alla giunta Coppola cosa dire se non rimarcare la mancanza di un dibattito politico e la disgregazione del primo partito per questioni personali, una Lega che doveva rappresentare il partito della rinascita ed è stato gestito da Roma. Con queste persone non si va da nessuna parte, manca la progettualità e il sindaco, che doveva essere un esponente della Nettuno civica è di fatto ostaggio della destra nettunese e dei soliti Mauro, Dell’Uomo e altri ancora. Il sindaco non conta nulla, è la solita destra, quella più becera che muove i fili dell’amministrazione». 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
26/05 1590503940 Genzano, erbacce invadono via dell'Aspro e danneggiano le auto di passaggio
26/05 1590503100 Bonus affitto: a Pomezia 943 domande di contributo inoltrate alla Regione
26/05 1590499560 Cisterna, via alla riqualificazione e valorizzazione del borgo storico
26/05 1590499380 Blitz nel campo nomadi di Castel Romano: tre denunce e due auto sequestrate
26/05 1590498960 Due nuovi positivi in provincia di Latina. Deceduto paziente di Aprilia
26/05 1590498840 Riaprono gli uffici della Curia diocesana di Albano "Telefonate prima di venire"
26/05 1590498780 Riaprono al pubblico gli uffici della curia diocesana di Albano
26/05 1590498600 Coronavirus: due nuovi contagi nella Asl Roma 6. Decedute due donne 70enni
26/05 1590497400 Omizzolo: «Senza controlli a Latina i braccianti saranno ancora sfruttati»
26/05 1590491460 L'87esima edizione della Sagra delle fragoline di Nemi si farà... ma su internet
26/05 1590491220 L'ultima pediatra di Pavona va in pensione: "la frazione ha diritto al servizio"
26/05 1590488880 Ciampino: si dimette l’assessore Cappello, crisi nella maggioranza Ballico
26/05 1590487620 All'IC Menotti Garibaldi gli insegnanti diventano cantanti per i loro studenti
26/05 1590486240 Giustizia sospesa: gli avvocati di Latina scenderanno in piazza con un flash mob
26/05 1590485160 Barillari espulso dal M5S fonda R2020: «Una "rete delle reti" senza leader»
26/05 1590484680 Riaprono fraschette e osterie ad Ariccia: "buona la prima", anche se in sordina
26/05 1590484020 Arrivano 4000 euro dalla Regione: ad Ardea può nascere il Consiglio dei Giovani
26/05 1590483840 Cimitero, nuovi orari e regole: 100 euro di multa per i trasgressori
26/05 1590483660 Genzano: riparte il mercato del martedì, tutte le indicazioni per gli utenti
26/05 1590480360 Prova a rapinare tre coetanei sul treno regionale, poi scappa: preso un 15enne
26/05 1590478860 A Pomezia giardinetti ad hoc per il gioco sicuro dei bimbi da 0 a 3 anni
26/05 1590478800 Acqua di fogna invade l'Appia antica quando piove. Reportage di un lettore
26/05 1590478080 A Pomezia ripartono i cantieri: piste ciclabili, marciapiedi e nuovo asfalto
26/05 1590478080 Riapertura ambulatori pubblici del Lazio. Cisl Medici: «Ora risorse e chiarezza»
26/05 1590476580 Memorial Day senza pubblico a Nettuno, cerimonia per ricordare chi ha combattuto

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli