[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La denuncia del presidente Vinciguerra

Tar Latina: organico al minimo storico e troppi ricorsi arretrati FOTO

<
>
La cerimonia - Si s svolta presso la sede del Tar di Latina
La cerimonia - Si s svolta presso la sede del Tar di Latina
Massimiliano Colazingari - Alla cerimonia era presente in rappresentanza del Comune di Latina
Massimiliano Colazingari - Alla cerimonia era presente in rappresentanza del Comune di Latina

Presso la sede del Tar di Latina, si è svolta la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario 2020 alla presenza di autorità civili, militari e religiose delle province di Latina e Frosinone. 
La lunga relazione del presidente Antonio Vinciguerra ha messo in risalto i numeri della Sezione di Latina per l’anno appena concluso, evidenziando sia i buoni risultati raggiunti, sia le forti criticità che interessano la sezione pontina del Tar. 

BOOM DI CONTROVERSIE IN AMBITO URBANISTICO
L’anno giudiziario 2019 si è chiuso con 610 sentenze di cui 201 in forma abbreviata, 266 decreti decisori, 270 ordinanze cautelari e 84 decreti cautelari monocratici, 115 tra ordinanze collegiali e decreti ingiuntivi, 39 decreti collegiali, e 16 tra ordinanze monocratiche e altri decreti presidenziali.
In questo quadro giuridico, il bilancio dello scorso anno ha registrato un aumento del 5,7% dei contenziosi amministrativi rispetto all’anno precedente, con 780 nuovi ricorsi presentati. Nello specifico, l’incremento delle controversie ha interessato quelle in materia di edilizia e urbanistica (+49%), di immigrazione (+14%), di istruzione (+13%) e di commercio e artigianato (+10%). Queste le parole del presidente in riferimento ai due ambiti in cui si è registrato il maggior aumento di contenziosi: «I dati riguardanti l’aumento del contenzioso mettono in luce per le province di Frosinone e Latina un assetto economico nel quale l’attività edilizia costituisce la parte dominante, e una vocazione di sviluppo nel commercio e nei servizi. Attività che appaiono in ripresa dopo un periodo di regresso. L’aumento, sia pur limitato, del contenzioso in tema di permessi di soggiorno e misure di accoglienza per cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione Europea segnala un importante rilievo del fenomeno migratorio, particolarmente per la provincia di Latina».

CARENZE DI ORGANICO E TROPPI RICORSI ARRETRATI
Due note positive sottolineate nella relazione, sono invece da un lato la diminuzione delle controversie per l’esecuzione delle pronunce giudiziali (che si traduce in una maggiore tendenza ad adempiere alle decisioni dei giudici da parte delle amministrazioni), dall’altro il buon funzionamento del processo amministrativo telematico introdotto nel 2018 e che dopo una fase di assorbimento e rodaggio, ha consentito uno snellimento di tempi e procedure. La nota dolente tuttavia riguarda ancora una volta le gravi carenze nell’organico di magistratura e del personale di Segreteria. Sono anni che la sezione del Tar di Latina, con il presidente Vinciguerra in prima persona, lamenta questo endemico problema che da troppo tempo affligge l’apparato giudiziario. Non è un caso infatti, che nonostante l’adesione nello scorso anno di tutti i magistrati della Sezione Staccata di Latina al programma per lo smaltimento delle controversie pendenti, i risultati raggiunti non possono ritenersi sufficienti: troppi i ricorsi arretrati e non abbastanza i giudici per occuparsene. 

MAGISTRATI AL MINIMO STORICO: 3 GIUDICI PER 3533 RICORSI
Per utilizzare le parole del presidente Vinciguerra, l’organico di magistratura per la Sezione Staccata di Latina «è ormai al minimo storico e al minimo indispensabile per la costituzione di un collegio giudicante. Per tutto il 2019 la Sezione ha operato con quattro magistrati sui sette previsti dall’organico di diritto, con una carenza di organico pari a circa il 45%». Questo quadro peraltro si aggraverà a partire dal 1° di aprile, quando Antonio Massimo Marra, attualmente in carica presso la Sezione Staccata di Latina, assumerà le funzioni di Consigliere di Stato: a partire da quella data, ci saranno solo tre magistrati a doversi occupare di 2.753 ricorsi pendenti e 780 nuovi ricorsi. Non stupisce che il presidente denunci che «le prospettive non sono rosee». 

DIMINUISCONO I RICORSI PENDENTI
Tutto ciò peraltro avviene in una Sezione che “vanta” il numero di pendenze più elevate del Paese tra quelle riscontrabili presso gli organi di giustizia amministrativa di primo grado a sezione unica. Alla criticità legata al numero dei magistrati poi, si aggiunga quella inerente al personale amministrativo assolutamente non sufficiente su cui si regge la Segreteria. Per tutti questi motivi, il presidente Vinciguerra auspica quanto prima la messa in atto di misure straordinarie, anche temporanee, per tamponare il problema.  In questo quadro di grandi difficoltà tuttavia, nell’ultimo quinquennio è possibile riscontrare un dato positivo proprio sul numero dei ricorsi pendenti, a testimonianza del grande lavoro svolto dalla magistratura pur operante con organico ridotto all’osso. Se nel 2015 il numero dei ricorsi arretrati ammontava a 3.110, oggi si sono ridotti a “soli” 2.753.
Al termine della relazione del presidente Vinciguerra si sono succeduti gli interventi del giudice Francesco Elefante, del dottor Massimiliano Colazingari in rappresentanza del sindaco di Latina Damiano Coletta, del sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, dell’avvocato Ettore Figliolia in rappresentanza dell’Avvocatura Generale dello Stato, dell’avvocato Cristiana Loreti per il Consiglio dell’Ordine di Frosinone, dell’avvocato Giovanni Malinconico per l’organismo congressuale forense, e dell’avvocato Alfredo Zaza D’Aulisio per il libero foro.

 

Gianluca Pietrosanti

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
26/05 1590503940 Genzano, erbacce invadono via dell'Aspro e danneggiano le auto di passaggio
26/05 1590503100 Bonus affitto: a Pomezia 943 domande di contributo inoltrate alla Regione
26/05 1590499560 Cisterna, via alla riqualificazione e valorizzazione del borgo storico
26/05 1590499380 Blitz nel campo nomadi di Castel Romano: tre denunce e due auto sequestrate
26/05 1590498960 Due nuovi positivi in provincia di Latina. Deceduto paziente di Aprilia
26/05 1590498840 Riaprono gli uffici della Curia diocesana di Albano "Telefonate prima di venire"
26/05 1590498780 Riaprono al pubblico gli uffici della curia diocesana di Albano
26/05 1590498600 Coronavirus: due nuovi contagi nella Asl Roma 6. Decedute due donne 70enni
26/05 1590497400 Omizzolo: «Senza controlli a Latina i braccianti saranno ancora sfruttati»
26/05 1590491460 L'87esima edizione della Sagra delle fragoline di Nemi si farà... ma su internet
26/05 1590491220 L'ultima pediatra di Pavona va in pensione: "la frazione ha diritto al servizio"
26/05 1590488880 Ciampino: si dimette l’assessore Cappello, crisi nella maggioranza Ballico
26/05 1590487620 All'IC Menotti Garibaldi gli insegnanti diventano cantanti per i loro studenti
26/05 1590486240 Giustizia sospesa: gli avvocati di Latina scenderanno in piazza con un flash mob
26/05 1590485160 Barillari espulso dal M5S fonda R2020: «Una "rete delle reti" senza leader»
26/05 1590484680 Riaprono fraschette e osterie ad Ariccia: "buona la prima", anche se in sordina
26/05 1590484020 Arrivano 4000 euro dalla Regione: ad Ardea può nascere il Consiglio dei Giovani
26/05 1590483840 Cimitero, nuovi orari e regole: 100 euro di multa per i trasgressori
26/05 1590483660 Genzano: riparte il mercato del martedì, tutte le indicazioni per gli utenti
26/05 1590480360 Prova a rapinare tre coetanei sul treno regionale, poi scappa: preso un 15enne
26/05 1590478860 A Pomezia giardinetti ad hoc per il gioco sicuro dei bimbi da 0 a 3 anni
26/05 1590478800 Acqua di fogna invade l'Appia antica quando piove. Reportage di un lettore
26/05 1590478080 A Pomezia ripartono i cantieri: piste ciclabili, marciapiedi e nuovo asfalto
26/05 1590478080 Riapertura ambulatori pubblici del Lazio. Cisl Medici: «Ora risorse e chiarezza»
26/05 1590476580 Memorial Day senza pubblico a Nettuno, cerimonia per ricordare chi ha combattuto

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli