[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

12 giornalisti africani a Roma

Migranti, l’importanza dei giornalisti

<
>
La visita a Propaganda Live, negli studi di La7.
La visita a Propaganda Live, negli studi di La7.
Joshua Odeyemi.
Multimedia journalist del Daily Trust Newspaper, uno dei più importanti 
giornali nigeriani
Joshua Odeyemi. Multimedia journalist del Daily Trust Newspaper, uno dei più importanti giornali nigeriani
Piera Mastantuono.
Coordinamento Ass. Carta di Roma.
Piera Mastantuono. Coordinamento Ass. Carta di Roma.
Tersoo Zamber.
Giornalista di Radio Nigeria, l?equivalente nigeriano della nostra Radio Rai
Tersoo Zamber. Giornalista di Radio Nigeria, l?equivalente nigeriano della nostra Radio Rai

Discutere del tema globale delle migrazioni e del ruolo cruciale che i media hanno nel raccontarlo. Questo il senso e lo scopo della visita a Roma di una delegazione formata da 12 giornalisti africani, provenienti da Costa d’Avorio, Senegal, Nigeria e Tunisia, che dal 10 al 14 febbraio sono stati ospitati nelle redazioni di importanti testate giornalistiche nazionali nell’ambito del progetto Aware Migrants, campagna di sensibilizzazione promossa dall’Oim - Organizzazione Internazionale per le Migrazioni - in collaborazione con il  Ministero dell’Interno e l’associazione ‘Carta di Roma’, nata per attuare un protocollo deontologico professionale, appunto quello della Carta di Roma, sul tema media e migrazioni.

“USCIRE DA LUOGHI COMUNI E STEREOTIPI”

«Il progetto Aware Migrants - spiega a il Caffè di Roma Piera Mastantuono, giornalista e membro del coordinamento dell’associazione Carta di Roma - è stato promosso inizialmente dall’Oim, organismo internazionale collegato alle Nazioni Unite che si occupa di migrazioni, che lo ha avviato nel 2016. Noi, come Carta di Roma, siamo subentrati nel 2018. Ci siamo occupati in particolare della formazione professionale dei giornalisti. Abbiamo svolto varie iniziative formative in tutto il territorio italiano, portando testimoni diretti della diaspora e giornalisti africani, in modo che potessero essere loro stessi a testimoniare in prima persona ai colleghi italiani la realtà dei paesi d’origine e delle migrazioni.  Volevamo mettere i giornalisti italiani in contatto con persone reali, che potessero divenire fonti dirette della realtà complessa del fenomeno migratorio. Dopo questa prima fase, ci siamo recati direttamente nei paesi africani. Siamo andati in Nigeria, Senegal, Costa D’Avorio e in Tunisia,  per incontri formativi con i giornalisti di quei paesi. Paesi come il Senegal, o la Tunisia, dai quali arrivano in Italia molti migranti, sono raccontati pochissimo dai media italiani, e questo non aiuta a dare del fenomeno delle migrazioni una narrazione approfondita. L’esperienza di questa settimana ci ha insegnato una cosa importante: abbiamo visto che quando le persone, i romani con cui ci siamo trovati a interagire durante le giornate del workshop, dai giornalisti italiani al tassista o l’autista del bus, incontrano altre persone, come questi giornalisti africani, il contatto diretto crea sempre autentico scambio, e può incrinare quella barriera comunicativa che è il maggior ostacolo a scoprire le reciproche realtà, qualità e diversità. Per questo lavoriamo affinché la comunicazione sia approfondita e personificata, per uscire dall’anonimato dei luoghi comuni e degli stereotipi, e creare una narrazione che favorisca incontri tra persone reali».

IL RUOLO CRUCIALE DEI MEDIA

«Durante il workshop – racconta a il Caffè di Roma Tersoo Zamber, giornalista di Radio Nigeria, una delle maggiori emittenti radiofoniche del suo paese - abbiamo avuto la possibilità di scambiare idee, visioni e progetti con i giornalisti italiani qui in Roma. Siamo stati accolti nelle redazioni e abbiamo riflettuto insieme ai colleghi italiani sul tema globale delle migrazioni, e sul ruolo che i media hanno nel raccontarlo. L’umanità sta perdendo esseri umani. I giovani africani muoiono nel Mediterraneo, nel deserto, nei campi di prigionia in Libia, ed è nostro dovere come giornalisti fare la nostra parte, insieme, affinché questo non avvenga più. C’è bisogno di un racconto approfondito, rigoroso, basato su fatti che siano costantemente verificati, ed è necessaria una maggior cooperazione tra i giornalisti dei vari paesi, africani ed europei, in modo da fornire un racconto del fenomeno migratorio che non distorca la realtà, e, così facendo, contribuisca a migliorarla».

“SERVONO POLITICHE MIGRATORIE ADEGUATE”

Battere luoghi comuni e stereotipi: su questo punto insiste anche Joshua Odeyemi, multimedia journalist di uno dei giornali più importanti della Nigeria, il Daily Trust Newspaper. I suoi sono pezzi che arrivano dai territori del Nord Est della Nigeria, falcidiati da Boko Haram (un'organizzazione terroristica jihadista diffusa nel nord della Nigeria). Sono molte, da quell’area, le migrazioni sia verso altri paesi africani che verso l’Italia e altri paesi europei. «Incoraggio davvero - dice Odeyemi - sia i giornalisti che i cittadini italiani ad approfondire di più la complessa realtà dei paesi africani. Spesso ci si sofferma sul racconto dei viaggi in mare dei migranti, e tante volte si resta incastrati nella narrazione di stereotipi che non aiutano i cittadini ad entrare nella complessità di queste vicende. Siete italiani, avete una cultura millenaria ricchissima, meravigliosa, siete da sempre maestri nel coinvolgervi più in profondità nelle storie di chi è straniero. Incoraggio davvero i giornalisti ad appassionarsi, approfondire, capire e raccontare l’Africa, gli africani, per far scoprire agli italiani chi sono questi ragazzi che arrivano nel loro paese, da dove vengono, quali sono le reali ragioni che li hanno costretti ad emigrare, qual è la cultura dalla quale provengono, quali sono le loro radici, i loro talenti e doni, e quale contributo possono dare all’Italia. Penso che si debba passare dal racconto in negativo dei migranti come stranieri pericolosi, talvolta eccessivamente criminalizzati, alla narrazione in positivo di persone provenienti da realtà complesse e diverse, che però possono diventare nuove risorse per il paese in cui arrivano. Col fenomeno delle migrazioni abbiamo tutti un problema, ce lo ha l’Italia, ce lo ha la Nigeria, ce lo ha il mondo. Il mio paese, per esempio, che ha una popolazione di 200 milioni di persone di cui il 60% sono giovani, sta vedendo morire nei deserti e nel Mediterraneo tanti ragazzi di queste nuove generazioni. Giovani in gamba, capaci, qualificati, che semplicemente, il più delle volte, cercano un’opportunità che nel loro paese non trovano, ma, usando mezzi irregolari di immigrazione, rischiano e spesso perdono la vita. È urgente che paesi come quelli dell’Unione Europea, tra cui l’Italia, creino politiche su larga scala e accordi legali con paesi come la Nigeria, per strutturare percorsi comuni che trasformino il fenomeno migratorio sempre più in un’opportunità che giovi a entrambe le parti.  Più saranno solide queste politiche legali, e più sono convinto che il fenomeno delle migrazioni irregolari, che causa tanto male sia agli africani che agli italiani, sarà notevolmente ridotto e contenuto». 

Giacomo Meingati

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
28/03 1585422360 È ufficiale: la scuola non riprenderà il 6 aprile. L'annuncio del premier Conte
28/03 1585421520 Conte stanzia fondi per i Comuni: buoni spesa e cibo per chi è in difficoltà
28/03 1585421220 Ai Castelli continuano le donazioni per gli ospedali: ecco i primi materiali
28/03 1585418040 Donate 250 mascherine. La dedica: «Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi»
28/03 1585417800 Coronavirus, presto nella rete dei laboratori anche l'ospedale di Genzano
28/03 1585415700 Oltre mille controlli sulle strade di Anzio e Nettuno, sanzionati in 5
28/03 1585412520 Campagna per acquistare un ventilatore polmonare per l'ospedale dei Castelli
28/03 1585411200 600 euro a marzo anche per gli autonomi iscritti a Ordini e casse private
28/03 1585409040 1000 mascherine al Comune di Lanuvio: ecco come ha scelto di distribuirle
28/03 1585405740 Asl Roma 6: 23 nuovi casi positivi. Deceduto un frate trappista
28/03 1585403640 Il Comune di Nettuno attiva la spesa solidale per le famiglie in difficoltà
28/03 1585403640 «Nessuno si salva da solo»: l'immagine storica del Papa e la preghiera per tutti
28/03 1585403520 La Polizia locale di Anzio in azione su ogni strada, posti di blocco ovunque
28/03 1585401600 Mascherine e gel a prezzi folli? Due ipotesi. Come segnalare le speculazioni
28/03 1585401420 «Aiutateci a mantenere gli animali dello Zoo delle Star di Aprilia»
28/03 1585400700 Covid19: Sindaco, consiglieri 5Stelle e assessori di Pomezia donano le indennità
28/03 1585400400 Coronavirus, Coletta: quanto è difficile 'gioire' perché la città è vuota
28/03 1585398840 Altri 14 casi in provincia di Latina: i positivi al Covid-19 salgono a 264
28/03 1585387860 Farmacie di Aprilia in modalità notturna: dopo le 18.30 non si entra più
28/03 1585386240 "Le aziende non chiudono ma noi non siamo cavie". La paura di un operaio pontino
28/03 1585385820 Le campane suonano a Pomezia per ricordare le vittime di coronavirus
28/03 1585385160 Un bonus extra di 100 euro in busta paga per ringraziare tutti i dipendenti
28/03 1585384620 "Ho sconfitto il Covid. Non scherzate con questa cosa, state a casa"
27/03 1585338660 Tentata occupazione di una casa ad Anzio, interviene la Polizia locale
27/03 1585334160 Taurelli: “L’emergenza deve unire, colletta alimentare a Nettuno”

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli