[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Dopo le dichiarazioni di un pentito

Estorsione e violenza, 5 arresti a Latina: c'è anche una ex onorevole pontina

Gina Cetrone, ex Consigliere regionale del Lazio
Gina Cetrone, ex Consigliere regionale del Lazio

Estorsione, atti di illecita concorrenza e violenza privata, reati aggravati dal metodo mafioso. Con queste accuse a vario titolo la Squadra Mobile di Latina ha arrestato, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, l’ex consigliere regionale Pdl ora appartenente al partito "Cambiamo! con Toti" Gina Cetrone, 48 anni, Armando Di Silvio detto Lallà, classe 1966, Gianluca Di Silvio classe 1996, Samuele Di Silvio classe 1990, Umberto Pagliaroli classe 1970. Un nuovo terremoto politico-giudiziario che parte dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Renato Pugliese e Agostino Riccardo, da cui sono partite le indagini della Squadra Mobile, sotto la direzione ed il coordinamento della Direzione distrettuale Antimafia di Roma.

“Veniva ricostruito – spiega la Questura in una nota – che nell’aprile del 2016, Gina Cetrone e Umberto Pagliaroli, quali creditori nei confronti di un imprenditore di origini abruzzesi, in relazione a pregresse forniture di vetro effettuate dalla società Vetritalia, società a loro riconducibile, richiedevano l’intervento di Samuele Di Silvio, Gianluca Di Silvio e Agostino Riccardo per la riscossione del credito, previa autorizzazione di "Lallà", capo dell'associazione di stampo mafioso a lui riconducibile”.

Secondo i poliziotti pontini, Cetrone e Pagliaroli “dopo avere convocato l’imprenditore presso la loro abitazione, gli richiedevano il pagamento immediato della somma dovuta, impedendogli di andare via a bordo della sua macchina. In tale contesto, Cetrone e Pagliaroli lo costringevano ad attendere Agostino Riccardo, Samuele e Gianluca Di Silvio i quali, una volta giunti, lo minacciavano, prospettando implicitamente conseguenze e ritorsioni violente nei confronti della sua persona o dei suoi beni”.

Sempre secondo le accuse, i tre avrebbero costretto l’imprenditore a recarsi il giorno dopo in Banca, sotto la loro stretta sorveglianza, e “ad effettuare un bonifico di 15.000 euro a favore della società Vetritalia nonché a consegnare a loro "per il disturbo" la somma di 600 euro”.

È in quel contesto che sarebbero nati anche i presunti illeciti connessi all’attacchinaggio dei manifesti elettorali nella provincia di Latina. “Riccardo e Pugliese, proprio su determinazione di Cetrone e Pagliaroli – conclude la nota della Questura – costringevano addetti al servizio di affissione dei manifesti elettorali di altri candidati alle elezioni comunali di Terracina del giugno 2016, ad omettere la copertura dei manifesti della candidata Gina Cetrone, costringendoli ad affiggere i propri manifesti solo in spazi e luoghi determinati, in modo che i manifesti di quest’ultima fossero più visibili degli altri”.

 

CAMBIAMO: A GINA CETRONE NESSUN INCARICO NAZIONALE E REGIONALE
Il movimento politico "Cambiamo! con Toti" fa sapere che «Gina Cetrone non ha mai ricoperto incarichi nazionali e regionali all’interno di “Cambiamo” ma ha semplicemente fornito la propria disponibilità a collaborare sul territorio provinciale di Latina: cosa evidentemente non possibile dopo i fatti contestati alla Cetroni, accaduti nel 2016 e di cui “Cambiamo!” non era a conoscenza. In un clima di piena fiducia nell'operato della magistratura, auspichiamo che Gina Cetrone saprà dimostrare la propria estraneità ai fatti contestati».
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
28/03 1585422360 È ufficiale: la scuola non riprenderà il 6 aprile. L'annuncio del premier Conte
28/03 1585421520 Conte stanzia fondi per i Comuni: buoni spesa e cibo per chi è in difficoltà
28/03 1585421220 Ai Castelli continuano le donazioni per gli ospedali: ecco i primi materiali
28/03 1585418040 Donate 250 mascherine. La dedica: «Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi»
28/03 1585417800 Coronavirus, presto nella rete dei laboratori anche l'ospedale di Genzano
28/03 1585415700 Oltre mille controlli sulle strade di Anzio e Nettuno, sanzionati in 5
28/03 1585412520 Campagna per acquistare un ventilatore polmonare per l'ospedale dei Castelli
28/03 1585411200 600 euro a marzo anche per gli autonomi iscritti a Ordini e casse private
28/03 1585409040 1000 mascherine al Comune di Lanuvio: ecco come ha scelto di distribuirle
28/03 1585405740 Asl Roma 6: 23 nuovi casi positivi. Deceduto un frate trappista
28/03 1585403640 Il Comune di Nettuno attiva la spesa solidale per le famiglie in difficoltà
28/03 1585403640 «Nessuno si salva da solo»: l'immagine storica del Papa e la preghiera per tutti
28/03 1585403520 La Polizia locale di Anzio in azione su ogni strada, posti di blocco ovunque
28/03 1585401600 Mascherine e gel a prezzi folli? Due ipotesi. Come segnalare le speculazioni
28/03 1585401420 «Aiutateci a mantenere gli animali dello Zoo delle Star di Aprilia»
28/03 1585400700 Covid19: Sindaco, consiglieri 5Stelle e assessori di Pomezia donano le indennità
28/03 1585400400 Coronavirus, Coletta: quanto è difficile 'gioire' perché la città è vuota
28/03 1585398840 Altri 14 casi in provincia di Latina: i positivi al Covid-19 salgono a 264
28/03 1585387860 Farmacie di Aprilia in modalità notturna: dopo le 18.30 non si entra più
28/03 1585386240 "Le aziende non chiudono ma noi non siamo cavie". La paura di un operaio pontino
28/03 1585385820 Le campane suonano a Pomezia per ricordare le vittime di coronavirus
28/03 1585385160 Un bonus extra di 100 euro in busta paga per ringraziare tutti i dipendenti
28/03 1585384620 "Ho sconfitto il Covid. Non scherzate con questa cosa, state a casa"
27/03 1585338660 Tentata occupazione di una casa ad Anzio, interviene la Polizia locale
27/03 1585334160 Taurelli: “L’emergenza deve unire, colletta alimentare a Nettuno”

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli