[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ma Arpa ha già certificato che inquina

Discarica Montello. Strano rinvio della Regione: chiede al privato se inquina...

Rinviata al 5 febbraio l'attesa conferenza dei servizi sulla richiesta di riapertura la discarica di Borgo Montello. Lo ha comunicato ieri l'Area rifiuti della Regione Lazio ieri, mentre il Sindaco di Latina, Damiano Coletta, e l'Assessore all'ambiente, Roberto Lessio, stavano incontrando i cittadini a Borgo Bainsizza proprio per spiegare la strategia comunale per non far riaprire l'ecomostro. La sorpresa è arrivata tramite posta elettronica certificata alle 17,22 di ieri, a firma dell'ing. Flaminia Tosini, capo dell'Area rifiuti regionale. Secondo la dirigente regionale in quota PD, il rinvio sarebbe colpa del Comune il quale non avrebbe inviato tempestivamente il verbale dell'ultima seduta dell'altro tavolo tecnico indetto dall'Amministrazione comunale sulla bonifica e messa in sicurezza della discarica. Seduta tenutasi lo scorso 12 dicembre. In particolare, afferma la Tosini, “il verbale della Conferenza dei servizi presso il Comune di Latina è stato inviato solo recentemente e pervenuto in data 20/01/2020”.

“DOCUMENTAZIONE INVIATA, MANCAVA SOLO UN VERBALE”

Fonti comunali fanno sapere che questo è l'unico documento che per un mero errore del sistema di posta elettronica non era stato trasmesso alla Tosini insieme a tutti gli altri atti. Alla dirigente regionale il Comune aveva infatti inviato via e-mail tutti gli altri atti due volte: prima il 16 dicembre e poi il 16 gennaio. La seconda volta il Comune le ha inviato anche il citato verbale. L'ingegnere della Regione sottolinea inoltre che però la documentazione inviatale il 16 gennaio l'ha acquisita solo il 20 gennaio. Ma la vera sostanza non sembra che cambi: il dato cruciale stava e sta nel parere dell'Arpa Lazio ufficializzato già il 28 ottobre scorso, proprio nella precedente seduta della conferenza dei servizi in Regione sulla riapertura della discarica. In quella sede l'Agenzia regionale per la protezione ambientale ha comunicato il suo parere negativo alla riapertura perché “lo stato di contaminazione perdura” e non risulta completata la bonifica della discarica. Un “no” chiaro e forte firmato dai dirigenti Marco Rizzuto e Silvia Paci, del Dipartimento pressioni sull'ambiente – Servizio supporto tecnico ai processi autorizzatori. E l'ing. Tosini era presente.

ARPA DICE NO, MA LA TOSINI ROTTAMA IL PARERE

Ma la stessa ingegnera adesso rinvia la conferenza dei servizi che dovrà decidere se autorizzare Ecoambiente Srl a portare altri rifiuti a Montello anche in considerazione del fatto che “con nota n. 3847 del 21/01/2020 Arpa Lazio ha evidenziato che non sono stati rilevati ulteriori elementi utili agli atti del procedimento”. Infatti: Arpa non ha eseguito altri prelievi e analisi nella discarica. Ma non si sogna affatto di dire che il problema della contaminazione è superato. Non c'è la controprova che l'inquinamento si sia fermato e che tutto è tornato a posto. Ci vorrebbe un miracolo. Infatti i suoi ultimi campionamenti, eseguiti in contraddittorio alla presenza della Ecoambiente Srl, risalgono al 10 ottobre 2019. E la bonifica ancora non è stata ultimata e il sito non è in sicurezza. Quindi i tecnici dell'Arpa Lazio non hanno certamente nuovi elementi, ma questo vuol dire che non possono cambiare il loro parere negativo sull'ipotesi di nuovi sversamenti di rifiuti a Borgo Montello. “Arpa Lazio, allo stato attuale degli atti, non può che ribadire quanto già trasmesso con proprio parere”. Così scrivono i dottori Rizzuto e Paci alla Tosini, nella nota protocollata ieri, 21 gennaio.

SI PUNTA AL FAI DA TE DEL PRIVATO?

Ma perché la Regione, per mano dell'ingengera Tosini, non chiede all'Arpa di eseguire nuovi prelievi e nuove analisi per verificare se la contaminazione degli invasi Ecoambiente si sia magari interrotta e se la salute pubblica e l'ambiente a Montello sono fuori pericolo? Il capo dell'Area rifiuti regionale, l'ing. Tosini, ha invece chiesto aggiornamenti non al suo interlocutore istituzionale d'elezione, l'Arpa appunto. Ma ha chiesto “una relazione aggiornata” alla stessa Ecoambiente Srl. Già ad ottobre, dopo i prelievi dell'Arpa, la stessa Ecoambiente ha eseguito in proprio dei campionamenti con analisi che hanno detto che è tutto a posto. Ma, come ha ricordato la Provincia di Latina nel tavolo comunale sulla bonifica della discarica il 12 dicembre, il fai da te privato in questi casi non vale.

LA REGIONE NEUTRALIZZA L'ARPA?

Ad attestare che la contaminazione è scesa sotto i limiti di guardia dev'essere la Provincia stessa, sulla base di una relazione dell'Arpa Lazio e alla luce di prelievi e analisi eseguiti dai pubblici ufficiali di questo organismo e non da laboratori privati pagati dallo stesso gestore della discarica. A questo serve o servirebbero autorità come la Asl e l'Agenzia per la protezione ambientale. A questo servono le Istituzioni pubbliche. Il 5 febbraio dunque per decidere se la discarica appesta ancora il suolo e le falde acquifere e quindi se può essere riaperta oppure no, qualcuno ha deciso di fare riferimento alle affermazioni del gestore privato anziché degli organismi pubblici deputati alla tutela della salute pubblica e dell'ambiente. E secondo voi, cosa dirà la relazione di Ecoambiente? La Regione dovrà decidere se vale il fai da te del privato o l'obbligatoria certificazione e il parere dell'Arpa Lazio, suo braccio operativo e di supporto in materia di controlli ambientali.

SINDACO E CITTADINI UNITI: «STIAMO FACENDO QUADRATO»

Intanto a Latina si fa sempre più forte il fronte del “no” alla riapertura della discarica, condiviso tra Amministrazione comunale e cittadini. «Quello di ieri (21 gennaio, ndr) coi cittadini a Borgo Bainsizza è stato un confronto positivo e costruttivo – afferma il Sindaco, Damiano Coletta -. Ho sentito unità di intenti fattiva. Abbiamo ribadito la nostra volontà e l'obiettivo di chiudere definitivamente questa discarica. Ho argomentato il percorso che abbiamo fatto finora, attestato dagli atti ufficiali, e non credo debba esserci alcun dubbio su quanto certificato da Arpa, Asl Comune e Provincia. Poi c'è il livello politico che deve trovare una sua consapevolezza che questa discarica va chiusa e quel questo territorio ha già dato. Se si dovesse arrivare alla decisione che non vogliamo, cioè alla riapertura, ci sarà una sollevazione popolare. Questo ci siamo detti coi comitati, ai quali ho chiesto il sostegno e li ho sentiti al mio fianco, abbiamo serrato le fila, Amministrazione e cittadini stiamo facendo quadrato per scongiurare la riapertura».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:37 1594543020 Velletri, detenuto di Nettuno muore durante il sonno in carcere
10:12 1594541520 Gettone di presenza ai consiglieri solo se partecipano all'80% della seduta
10:08 1594541280 Aprilia, riapre la piscina comunale. Ingressi solo su prenotazioni
09:59 1594540740 Trovato con 12 involucri di cocaina durante un normale controllo: arrestato
09:56 1594540560 Albano, beccato dalla Polizia mentre vende hashish: arrestato
09:30 1594539000 Ciampino, sgomberato insediamento abusivo nella zona di Valle Copella
11/07 1594478520 Anzio, formalizzata la nomina di Gabriella Di Fraia alle politiche della scuola
11/07 1594478460 Basta inciviltà, i Sindaci di Anzio e Nettuno chiudono i locali alle 2 di notte
11/07 1594472580 In salvo cani abbandonati a loro stessi in una proprietà privata ad Aprilia
11/07 1594471740 19 nuovi casi positivi nel Lazio. 1 caso importato alla Asl Rm6, 4 a Latina
11/07 1594471440 Test sierologici ASL Roma 6 a tariffa concordata: indicazioni e numeri utili
11/07 1594464540 Al Parco San Marco di Latina inaugurata l'area fitness comunale
11/07 1594460340 Tragico frontale sull'Appia. Morto un 40enne, gravemente ferite altre 2 persone
11/07 1594458420 Un riconoscimento ai membri del Consiglio dei bambini e delle bambine di Latina
11/07 1594457280 29enne in carcere per scontare una condanna a 7 anni e 6 mesi per furti
11/07 1594454880 Esproprio mai pagato per il terreno trasformato in strada a Latina, la condanna
11/07 1594454340 Uccise il ladro che gli aveva appena svaligiato casa: le parti civili rinunciano
11/07 1594454280 Continuano i lavori di consolidamento di ponte Giovanni XXIII a Sabaudia
11/07 1594454100 L'incendio fa esplodere una bomba della seconda guerra mondiale
10/07 1594402440 Si ustiona mentre dà fuoco a un nido di calabroni: 70enne grave in ospedale
10/07 1594401840 Nonostante l'allontanamento continuava a vessare i genitori: 45enne in carcere
10/07 1594395900 A fuoco un garage in un palazzo a Pomezia: un ferito, edificio evacuato
10/07 1594391760 Ardea, sequestrati 9000 mq di terreni: sventate lottizzazioni abusive
10/07 1594388040 Violento incendio in via Roncigliano a Cecchina: strada chiusa al traffico
10/07 1594387680 TIM potenzia la banda ultralarga a Sermoneta: fibra anche nel centro storico

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli