[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Quattro gli interventi costruttivi

Ecco la Latina dei centri commerciali: quattro gli interventi in programma FOTO

<
>
VIA PIAVE - Sorgerà una maxi store di abbigliamento da 12.000 metri cubi
VIA PIAVE - Sorgerà una maxi store di abbigliamento da 12.000 metri cubi
VIA DEL LIDO - Qui dovrebbero sorgere tre strutture commerciali con una volumetria complessiva di 23mila metri cubi
VIA DEL LIDO - Qui dovrebbero sorgere tre strutture commerciali con una volumetria complessiva di 23mila metri cubi
VIA EZIO - Centro commerciale al posto dell'ex stabilimento Elletre
VIA EZIO - Centro commerciale al posto dell'ex stabilimento Elletre
VIA TASSO - Via libera a dicembre per un fabbricato commerciale e uno residenziale
VIA TASSO - Via libera a dicembre per un fabbricato commerciale e uno residenziale

Via del Lido, via Ezio, via Piave, via Tasso. Sono le zone in cui, nei tre anni e mezzo di amministrazione Coletta, il Comune ha mostrato il semaforo verde per la costruzione di quattro nuovi centri commerciali. O meglio – e non è propriamente un dettaglio – di “grandi strutture di vendita”. Dietro il placet ai nuovi progetti, non solo i diritti edificatori acquisiti dai privati secondo le previsioni urbanistiche vigenti (il piano regolatore del 1972) con alla base una stima di crescita da quasi 200mila abitanti. Ma anche contributi di costruzione ed oneri di urbanizzazione, pagati dalle ditte edilizie, che da decenni mettono una pezza ai bilanci dei Comuni. O che, in alternativa, fanno capitalizzare qualche opera pubblica che, senza soldi privati, difficilmente sarebbe stata messa in cantiere. E Latina, in questo senso, non fa eccezione. Nel frattempo l’amministrazione comunale, oltre a riequilibrare i volumi urbanistici tramite la revisione dei piani particolareggiati annullati, si prepara ad aggiornare il cosiddetto Piano del commercio, documento che indica dove e quali strutture commerciali possono aprire i battenti in città.

VIA TASSO
Il centro commerciale di via Tasso è l’ultimo in ordine di tempo per cui è arrivato il via libera della conferenza dei servizi in Regione, il cui esito positivo è stato pubblicato il 23 dicembre. Il Comune, a questo punto, sarà costretto a rilasciare il permesso a costruire dopo anni di battaglie legali, arrivate sino al Consiglio di Stato. Il nodo del contendere era la destinazione urbanistica di una porzione dell’area: “standard”, in particolare scuole e viabilità, secondo l’ente di Pazza del Popolo; “servizi generali”, e quindi anche edifici commerciali, secondo i costruttori, proprietari di quel fazzoletto di terra a fianco alla scuola tra via Tasso, via Ariosto e via Cesare Augusto. Terreno comprato dalle suore Francescane Alcantarine, che a loro volta negli anni ’60 lo avevano acquistato a prezzo simbolico dal Comune per realizzarvici un asilo, mai messo in cantiere. Ora invece, stando alla richiesta avanzata nel 2012, oltre appunto ad un fabbricato commerciale e anche uno ad uso residenziale,  ‘in cambio’ i privati costruiranno degli alloggi che verranno affittati o venduti a canone calmierato a famiglie con fasce di reddito che non superano una certa soglia. Il tutto su 2800 mq di superficie libera edificabile, e ai sensi di quel che fu il cosiddetto Piano Casa regionale.

VIA EZIO 
Sempre di Piano Casa, ancora in vigore al momento della presentazione delle pratiche, si parla per l’area tra via Ezio e via Enea, in cui l’ex stabilimento Elletre, dismesso dal ’97 e in stato di abbandono, verrà demolito per far posto ad uno centro commerciale. Questo grazie ad un cambio di destinazione di una superficie, di ben 7890 mq, da artigianale ad uso commerciale. In questo caso, la ‘moneta di scambio’ è la rigenerazione di uno spazio degradato. Anche se, però, il Piano del commercio del Comune di Latina, redatto nel 2013 e ancora in vigore in attesa dell’aggiornamento, non prevedrebbe strutture commerciali con una superficie sopra i 2500 mq nel quartiere F2-Epitaffio, se non lungo l’asse viario di via Epitaffio fino all’intersezione con via Pantanaccio. Il Nipaf, infatti, pochi giorni dopo il rilascio del permesso a costruire da parte del Comune, ossia nel marzo 2019, ha acquisito gli atti. 

VIA DEL LIDO
Proprio come è stato fatto per il progetto di via del Lido, da cui è invece scaturita un’indagine ancora senza esito da parte della Procura, in riferimento all’iter che, alla fine del 2018, ha portato all’approvazione della variante da parte della Giunta comunale. Atto che, almeno a livello urbanistico, legittima la costruzione di tre strutture commerciali con una volumetria complessiva di 23mila metri cubi, su una superficie di oltre 5mila mq adiacente all’Hotel Garden, all’incrocio con via Ferrazza. Per il quartiere Q3 il Piano del commercio permette fabbricati con una superficie oltre i 2500 mq solo lungo via del Lido nel tratto tra il canale Mastropietro e la Pontina: ergo, siamo al limite. Non sono proprio ammissibili, invece, altri centri commerciali, definiti come “strutture da oltre 2501 mq”, ma con “una struttura fisica-organizzata unitariamente, con accesso unitario”, si legge all’art.5 del Piano dell’ente comunale. La palla passa così allo Sportello unico delle attività produttive (Suap) del Comune, responsabile dell’istruttoria per il rilascio del permesso a costruire. 

VIA PIAVE
Sul lotto di terreno proprio all’angolo tra via Piave e via Reno, su un’area di 2000 mq, verrà invece edificato un maxi-store di marche d’abbigliamento da 12mila metri cubi.

È arrivato l’ok da parte della commissione Urbanistica che, proprio lo scorso mese, ha fugato alcuni dubbi su una postilla contenuta nelle norme tecniche del piano regolatore, ma senza alcun valore urbanistico, che parlava di un liceo musicale su quell’area, che però nelle tavole urbanistiche è di fatto adibita a “servizi generali”. E così l’iter per l’approvazione del progetto e per l’esame della richiesta del permesso a costruire potrà partire. Come compensazioni, nella prima bozza del progetto sono presenti anche un parco ed aree verdi attrezzate.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:59 1581962340 Pronta la terza pensilina-opera d'arte ad Aprilia
18:56 1581962160 Installate le telecamere di videosorveglianza davanti a tre scuole di Aprilia
17:45 1581957900 Femminile. Nuovo Latina Lady, “remuntada” in Coppa Italia
17:33 1581957180 Pallanuoto, Under 20 Nazionale. L’Antares Latina balza in vetta alla classifica
16:35 1581953700 Genzano, furgone del Comune trovato senza assicurazione dalla polizia
16:34 1581953640 Nemi, coppia di fidanzati si perde nei sentieri del lago, recuperati in serata
16:30 1581953400 Attività della Polizia di Stato presso le stazioni del Lazio: 6036 identificati
16:21 1581952860 Area metropolitana pota i pini sull’Acciarella, ma solo nel tratto di Latina
16:20 1581952800 Potature degli alberi in zona Zucchetti a Nettuno, strada chiusa il 19 febbraio
16:18 1581952680 Lavori urgenti sul tetto, il Nido di Nettuno chiuso dal 21 al 24 febbraio
16:11 1581952260 Serie C, Girone B. Pizzamore Onda, si interrompe la striscia positiva
15:59 1581951540 Serie C2, Girone C. Lele Nettuno, tutto facile con la Buenaonda
15:25 1581949500 Pomezia, rinominare le vie intitolate a razzisti? Ecco cosa ne pensa il sindaco
15:14 1581948840 Karate, Gran Prix d’Abruzzo, brilla la New Line Pomezia
14:56 1581947760 Rocca di Papa, consegnate le attrezzature sportive alla scuola Montanari
14:47 1581947220 Dalla Serie D ai giovani, il “modello” vincente Nuova Florida
12:08 1581937680 A Genzano presentato ‘Rinascere da vecchi’ di Gianfranco Lauretano
11:26 1581935160 Genzano, grande successo del Carnevale Genzanese senza carri
11:12 1581934320 Cinghiale spiaggiato a Sabaudia: da giorni è sulla riva
10:53 1581933180 Segnalazione di un suicidio dal ponte di Ariccia... ma era un falso allarme
10:49 1581932940 Vendevano alcolici ai minori. Controlli a tappeto nei locali di intrattenimento
10:16 1581930960 Assaltano le slot di un bar, ma i clienti di un altro locale li mettono in fuga
09:53 1581929580 Carnevale, torna la sfilata dei carri a Latina: appuntamento martedì grasso
09:47 1581929220 Ariccia, donna investita mentre attraversa la strada in via Rufelli
08:41 1581925260 Sesso con una studentessa, bidello condannato a pagare 53mila euro alla scuola

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli