[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

la crisi del settore commercio

Lorenzo Tagliavanti: “Roma ha un’economia vitale”

<
>
Lorenzo Tagliavanti
Presidente Camera di Commercio di Roma
Lorenzo Tagliavanti Presidente Camera di Commercio di Roma

Roma, come il resto d’Italia, è attraversata da una grave crisi economica che perdura da più di un decennio. Ma che non è così pesante e così irreversibile come si potrebbe credere. In sostanza, risorgere si può. Lo conferma a il Caffè di Roma Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma, che abbiamo intervistato.

Presidente Tagliavanti, la crisi è finita? Che anno è stato?

“Possiamo dire che questo 2019 è stato condizionato dalla caduta del commercio internazionale. Rispetto al 2007, siamo ancora molto lontani dalla ripresa, se pensiamo che il Pil dell’Italia è del 4,3 % in meno. Meglio il dato regionale (-3,6%) e ancor meglio quello romano (-2%). Però stiamo parlando sempre di valori negativi; c’è tenue ottimismo, ma la crisi non è stata ancora riassorbita”.

Che anno ci aspetta e quale può essere il ruolo della Capitale per il 2020?

“Roma e Milano rappresentano di fatto il fulcro produttivo e occupazionale d’Italia. Due dati ci fanno per capire cosa è successo nella capitale, al di là delle narrazioni che spesso apprendiamo dai media: nel 2008 Milano segnava 1,7 milioni di occupati e Roma 1,6 milioni circa. Oggi Milano ne ha poco meno di 1,5 milioni mentre Roma registra più di 1,8 milioni di occupati. Possiamo dire che la risposta dei romani alla crisi è stata quella di fare impresa, nonostante tutto. Solo nel 2018 il tasso di crescita delle imprese nella nostra città e nella provincia è stato del + 1,81% e possiamo dire, con un dato aggiornato a giugno di quest’anno, che a Roma ci sono 501mila imprese, l’8% del totale del Paese: il numero più alto in Italia”.

Chi sono questi nuovi imprenditori che hanno avuto il coraggio di iniziare in piena crisi?

“È un dato che fa riflettere, ma le categorie più vitali sono quelle più deboli: 40 mila imprese messe in piedi dai giovani, più del doppio, 103mila, dalle donne e ben 69 mila imprese portate avanti da stranieri che da sole contribuiscono al 9,5% della ricchezza della città”.

Quindi la ricchezza di Roma non viene solo da Palazzi e Ministeri…

“Assolutamente no. Il tessuto imprenditoriale cittadino è vivo, in continua evoluzione e in grado di creare lavoro. Mi piace sottolineare come arrivino finalmente anche tante start-up, ce ne sono mille (il 10% del totale italiano), di cui 400 nella periferia. E poi Roma è anche la città dell’istruzione e della ricerca: ci sono 240mila studenti iscritti nelle 40 università cittadine, praticamente più degli abitanti del Molise, con tanti centri specializzati come il CNR e l’ENEA. La spesa in ricerca e sviluppo nella Regione Lazio supera i 3 miliardi ed è pari al 15% dell’intera nazione”.

Da questi dati Presidente sembrerebbe che la crisi, almeno per quanto riguarda la capitale, sia acqua passata.

“Purtroppo non è così. Prima di tutto perché ancora si fa fatica a trasferire questa tecnologia e manca una spinta che acceleri i processi di contaminazione tra imprese, università e centri di ricerca. La crisi a Roma, al contrario di Milano, non è superata, ed è paradossale, perché oltre alla crescita delle imprese e dell’occupazione, la capitale ha visto crescere anche l’export in questo decennio, ma senza che tutto questo abbia coinciso con un aumento di ricchezza. Possiamo dire con certezza che c’è stata la creazione di un basso valore aggiunto con una polarizzazione del lavoro: da una parte i lavoretti e dall’altra gli impieghi ad alta specializzazione”.

Qual è la ricetta per lasciarsi la crisi alle spalle?

“Serve un salto di qualità per superare questa forbice, che significa qualità del lavoro, qualità della formazione e qualità dello stesso tessuto urbano. E poi c’è necessità di fare ancora più rete tra il mondo delle piccole e medie imprese (che sono la maggioranza), per ottenere economie di scala e generare risorse finanziarie per fare investimenti in innovazione e poi per fare massa critica e affrontare con successo i mercati globali. Il Lazio, insieme al Friuli Venezia Giulia, è l’area geografica con la maggiore propensione a fare rete rispetto alla densità imprenditoriale del territorio, dobbiamo mantenere e accrescere questo trend per avere più innovazione e più internazionalizzazione: piccolo è bello se non si è da soli”.

A proposito di internazionalizzazione e innovazione, l’e-commerce sta sbaragliando la concorrenza.

“Partiamo dal fatto che il commercio è stato uno dei tre pilastri, insieme al settore edile e alla spesa pubblica, della ricchezza di Roma nello scorso decennio. Oggi è chiaro che ci troviamo di fronte ad enormi cambiamenti: da un lato il fiorire di centri commerciali e dall’altro il cambio di abitudini di spesa dei consumatori che sempre più si rivolgono all’online. Secondo gli ultimi dati del Politecnico di Milano, il giro d’affari del commercio online è di quasi 32 miliardi (+15% sul 2018, quando già si era registrato un aumento del 16%) e il 65% dei nuovi consumi passa per il canale online a discapito della distribuzione tradizionale. Le nostre imprese sono fortemente penalizzate anche perché hanno un basso livello di digitalizzazione: secondo l’Istat solo il 20% delle imprese italiani può dirsi digitalizzata, il 14% vende online. Nel commercio il dato è ancora più preoccupante, visto che solo il 21,5% fa vendite sul web. Roma rispetta il quadro nazionale e si è dimostrata totalmente impreparata alla rivoluzione digitale che ha causato la concentrazione del valore creato da tutta la filiera del commercio in pochi player. Vedere tanti negozi, anche storici, della capitale è davvero triste, perché oltre ad impoverirsi il tessuto produttivo si perde anche un presidio sul territorio”.

Come si resiste ai colossi del web?

"Il digitale deve diventare una grandissima opportunità per le imprese italiane, però bisogna avere la capacità e il coraggio di  superare i limiti dimensionali e di trasformarsi in aziende globali, pur mantenendo un carattere tradizionale. Non è un’opzione purtroppo ma una scelta obbligata: solo se l’impresa è innovativa, sopravvive. È chiaro che accanto all’iniziativa privata c’è anche la necessità però di accompagnare le piccole imprese nel loro percorso di trasformazione digitale con strumenti adeguati”.

È fondamentale, perché ciò avvenga, la collaborazione con le istituzioni.

“Noi chiediamo alle imprese di fare rete ma le istituzioni, per prime, devono farlo. La leale collaborazione tra gli enti pubblici è un imperativo per massimizzare le potenzialità di un territorio oltre che un obbligo sancito dalla Costituzione. La Camera di Commercio di Roma non si è tirata indietro, cito solo due degli ultimi accordi siglati. Il primo del settembre 2018 stipulato con la Regione Lazio è un quadro comune di interventi per lo sviluppo economico e la competitività del sistema produttivo della Regione che punta su facilitazioni per l’accesso al credito, innovazione tecnologica e semplificazione, percorsi di formazione, promozione dell’attrattività del territorio, internazionalizzazione e programmazione europea. Il secondo protocollo è stato firmato nel mese di maggio con la sindaca Virginia Raggi e punta su ambiti di intervento cruciali per lo sviluppo del sistema imprenditoriale: attrazione di investimenti e marketing territoriale, semplificazione amministrativa, cultura, turismo e grandi eventi; scuola-lavoro. La collaborazione con il comune ha già solide fondamenta nella gestione congiunta di importanti società e infrastrutture e poi nella presenza della CCIAA nelle più importanti fondazioni culturali della capitale”.

Luca Rossi

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:12 1582733520 I consiglieri 5 stelle Anzio: “Assurda la commissione Ambiente sul coronavirus”
17:08 1582733280 La Asl non dispone cautele per gli studenti in gita, sollievo delle famiglie
17:06 1582733160 Volontari di Care The Oceans puliscono la spiaggia a Lido delle Sirene ad Anzio
17:05 1582733100 L’allegria del Carnevale invade la Scuola Primaria e dell’Infanzia Miglioramento
16:04 1582729440 Scontro sulla Pontina verso Latina, traffico deviato
14:34 1582724040 Gazzella dei Carabinieri si scontra con un'auto: ferite tre persone
13:55 1582721700 Rifacimento di piazza Caetani in meno di 60 giorni: riapre nel weekend
13:29 1582720140 Morde Carabiniere perché non vuole lasciare il centro di accoglienza: arrestata
13:26 1582719960 Con attrezzi da scasso vicino a un supermercato: denunciato dai Carabinieri
12:31 1582716660 Truffa del falso oro, attenzione alle offerte in strada. Denunciato un rom
12:09 1582715340 Borgo di Pratica di Mare, il Comune ordina ai Borghese: «Rimuovere il cancello»
10:56 1582710960 Usura ed estorsione, per ottenere i soldi vantavano legami con il clan Gallace
09:06 1582704360 Discarica a fuoco in via della Falcognana, paura per il fumo sprigionato
08:50 1582703400 Tiero capo di gabinetto della Provincia: insorge il Movimento Cinque Stelle
08:40 1582702800 Calcio, politica e affari: slitta la decisione del giudice sul processo Olimpia
08:29 1582702140 L'Armata Brancaleone vince il palio del carnevale 2020 ad Aprilia
08:29 1582702140 Due ore di ritardo sui treni per Roma a causa di un inconveniente tecnico
08:24 1582701840 Comune e associazioni: firmato patto per informare i cittadini
25/02 1582653240 Il giardino di Ninfa apre in anticipo le prenotazioni on line
25/02 1582652280 Centinaia di bambini in strada a Latina per la tradizionale sfilata dei carri
25/02 1582652040 Beccato a rubare in un minimarket non fa in tempo a fuggire in bici: preso
25/02 1582651860 Allerta meteo per mercoledì 26 febbraio: previste forti raffiche di vento
25/02 1582651740 Carnevale 2020, a Pomezia il falò di Re Carnevale chiude i festeggiamenti
25/02 1582649760 Muore all’improvviso l’imprenditore Andrea Flamini, disposta l’autopsia
25/02 1582649580 Anzio e Nettuno, stop al viaggio della memoria, studenti a casa per 15 giorni

Sport
< <

Eventi

Il governo cambia le tasse

Piano cartelloni, tutto da rifare

Il governo cambia le tasse

Lo stop definitivo alle affissioni selvagge, grazie al nuovo ‘Piano cartelloni’, sembrava finalmente realtà. Ma la cosiddetta ‘riforma...


Inchieste
[+] Mostra altri articoli