[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La discarica non può e non deve riaprire

Montello, il Comune diffida Ecoambiente: deve bonificare e mettere in sicurezza

L'invaso S zero sul fiume Astura. Mai messo in sicurezza. Inquinamento delle falde in corso
L'invaso S zero sul fiume Astura. Mai messo in sicurezza. Inquinamento delle falde in corso

Non ha bonificato né tantomeno messo in sicurezza la discarica che ha inquinato le preziose falde idriche ma continua a chiedere di riaprire l'ecomostro, come condizione per fare quanto deve. E scatta la diffida da parte del Comune nei confronti di Ecoambiente Srl. È successo ieri nel corso del tavolo tecnico convocato dal Comune del capoluogo sulla bonifica di Borgo Montello.  

Dati sull’inquinamento della falda evidenziati nel 2005 tutt’oggi instabili, ancora concentrazioni di contaminati che superano le soglie di contaminazione (CSC) e di rischio (CSR) che nel progetto in questione coincidono, un certificato di collaudo prodotto dal gestore Ecoambiente lo scorso mese di ottobre e relativo agli interventi di bonifica finora effettuati che non risulta regolare (lo deve emettere la Provincia su relazione dell’ARPA), persistenza di una sostanza cancerogena (cloroformio) rilevata nelle analisi. E ancora: mancata realizzazione del “capping” definitivo cioè della copertura sigillata sull’invaso S zero, in conseguenza della quale risulta assente anche l’autorizzazione dello scarico delle acque meteoriche nell’adiacente fiume Astura. È quanto emerso giovedì 12 dicembre nella Conferenza dei Servizi per la bonifica della discarica chiusa di Borgo Montello, al confine con Nettuno. Il tavolo inter-istituzionale ha chiarito questo, per ora: gli impegni imposti al “Soggetto Obbligato” Ecoambiente Srl per mettere in sicurezza e bonificare il sito della discarica di Borgo Montello sono ben lontani dall’essere conclusi. Parliamo delle prescrizioni stabilite dal Comune di Latina con la determina dirigenziale del Servizio Ambiente n. 205, nel lontano 7 febbraio 2014. Quasi sei anni non sono bastati… E così quando piove succede quello che no dovrebbe assolutamente verificarsi: l'acqua penetra e diventa, prima o poi, pericoloso percolato che può contaminare il suolo e le falde acquifere là sotto. 

È risultato pertanto che gli accordi intervenuti a seguito della presentazione del progetto di bonifica da parte della Ecoambiente e approvato da tutti gli Enti interessati all’inizio del 2015 sono stati disattesi. Infatti, il loro completamento doveva avvenire entro 16 mesi dalla comunicazione di inizio delle attività. La società Ecoambiente con quel progetto si era impegnata ad eseguire: 1) la messa in sicurezza operativa dell’area e la bonifica della falda con immissione nelle acque sotterranee di agenti inertizzanti (percarbonato di sodio) in grado di reagire con le sostanze inquinanti presenti (sia organiche che inorganiche), abbattendone le concentrazioni attraverso un processo di demolizione chimica ossidativa; 2) la realizzazione di una copertura definitiva (cosiddetto “capping”) dell’invaso denominato S zero, al fine di minimizzare la quantità di percolato prodotto dall’infiltrazione delle acque piovane nel corpo dei rifiuti abbancati. In conseguenza della realizzazione del “capping” su S zero, la società avrebbe poi dovuto chiedere ed ottenere dalla Provincia di Latina l’autorizzazione/concessione ai fini idraulici per lo scarico delle medesime acque nel fiume Astura: ma non esistendo il capping definitivo, è risultato che non esiste ancora neanche la relativa autorizzazione/concessione allo scarico. Da tutto ciò è derivato quindi che «il progetto di bonifica non può considerarsi concluso». Così hanno spiegato i rappresentanti dell'Agenzia per la protezione ambientale, Arpa Lazio. I rappresentanti di Ecoambiente hanno ribadito ancora una volta che procederanno alla realizzazione del capping definitivo di S zero solo se il Comune di Latina si siederà intorno ad un tavolo per consentire l’ulteriore smaltimento di rifiuti sul sito. Richiesta pregiudiziale già dichiarata inammissibile e irricevibile con la citata determina dirigenziale n. 205/2014.

Per tutti questi motivi la Conferenza dei Servizi indetta dal Comune di Latina si è conclusa con una diffida alla Ecoambiente ad eseguire il “capping” definitivo entro i prossimi 6 mesi, mentre l’ARPA dovrà avviare entro due mesi i controlli definitivi sull’evoluzione dell’inquinamento della falda, che interesseranno anche la parte gestita dalla Indeco Srl trasmettendo tempestivamente al Comune i risultati. Nel frattempo la richiesta della stessa Ecoambiente per smaltire altri 38 metri cubi – inizialmente e poi chissà - di immondizia su quel disgraziato sito può tornare nel cassetto della scrivania dal quale è stato recentemente tirato fuori.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:21 1600676460 Nel buio si perdono sul monte Circeo: due giovani recuperati dai soccorritori
10:06 1600675560 Aprilia: si torna in scena a Spazio 47 con lo spettacolo L'appuntamento
09:46 1600674360 Covid: slitta al 28 settembre la riapertura della scuola di Roccagorga
08:35 1600670100 "Il Governo ha bloccato il progetto della Roma-Latina: riflessione in corso"
20/09 1600627980 Sparatoria a Torvaianica: il 38enne ferito rischia di rimanere paralizzato
20/09 1600627500 Dipendente comunale di Nemi positivo al Covid19: chiusi gli uffici del Comune
20/09 1600620540 7 casi positivi nelle ultime 24 h nella AslRm6: un caso di rientro dall'Umbria
20/09 1600615320 Castel Gandolfo: il lago si ritira sempre di più e riaffiorano altre bombe
20/09 1600614300 Primo caso Covid in una scuola di Ciampino: no allarmismi, serve solo prudenza
20/09 1600613820 Ardea: rifiuti di ogni genere dimenticati sulla spiaggia di Lido dei Pini
20/09 1600613220 Allerta meteo: in arrivo piogge e forti temporali su tutto il Lazio
20/09 1600609800 Covid a Latina e provincia: situazione sotto controllo, 7 nuovi casi positivi
20/09 1600608480 Referendum ed elezioni comunali: alle 23 l'affluenza città per città
20/09 1600607040 Castelli: tutti i candidati sindaci hanno votato, affluenza in aumento
20/09 1600599000 Aggrediscono giovani con spray al peperoncino e un casco per derubarli, presi
20/09 1600598760 In auto con 105 gr. di cocaina nascosta sotto il sedile, 36enne ai domiciliari
20/09 1600598280 Sparatoria in spiaggia a Torvaianica: in corso delicata operazione sul ferito
20/09 1600591620 Settembre Grottaferratese: Simona Marchini in scena al parco Patmos
20/09 1600591020 Sistemazione idrogeologica a Cori: richieste di contributi per 2,5 milioni di €
20/09 1600589940 Fanno esplodere il bancomat di una banca, ma qualcosa va storto: ladri in fuga
20/09 1600589460 Castelli Romani al voto: seggi presi d'assalto già dalle prime ore del mattino
20/09 1600588020 Non solo referendum: 34 Comuni del Lazio andranno al voto tra oggi e domani
20/09 1600587780 Oggi e domani il referendum dei parlamentari: le info per i cittadini di Latina
19/09 1600526580 Nuova torre d’arrivo al centro sportivo remiero della Marina militare a Sabaudia
19/09 1600526040 Case trasformate in bordelli, arrestati coniugi insospettabili: lei era una prof

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli